Dei delitti e delle pene (1780)/Capitolo XXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XXVI. Delitti di lesa maestà.

../Capitolo XXV ../Capitolo XXVII IncludiIntestazione 23 aprile 2016 100% Da definire

Capitolo XXVI. Delitti di lesa maestà.
Capitolo XXV Capitolo XXVII

[p. 122 modifica]



§. X X V I.


Delitti di lesa maestà.


I primi, che sono i massimi delitti, perchè più dannosi, sono quelli che chiamansi di lesa maestà. La sola tirannìa e l’ignoranza, che confondono i vocaboli e le idee più chiare, possono dar questo nome, e per conseguenza la massima pena, a’ delitti di natura differente, e render così gli uomini, come in mille altre occasioni, vittime di una parola. Ogni delitto, benché privato, offende la società; ma ogni delitto non ne tenta la immediata distruzione. Le [p. 123 modifica]azioni morali, come le fisiche, hanno la loro sfera limitata di attività, e sono diversamente circoscritte, come tutt’i movimenti di natura, dal tempo e dallo spazio; e però la sola cavillosa interpetrazione, che è per l’ordinario la filosofia della schiavitù, può confondere ciò che dall’eterna verità fu con immutabili rapporti distinto.