Dei delitti e delle pene (1780)/Capitolo XXXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Capitolo XXXIV. Dell'ozio pubblico.

../Capitolo XXXIII ../Capitolo XXXV IncludiIntestazione 23 aprile 2016 100% Da definire

Capitolo XXXIII Capitolo XXXV

[p. 147 modifica]



§. X X X I V.


Dell'ozio politico.


I saggi governi non soffrono nel seno del travaglio e dell'industria l’ozio politico. Io chiamo ozio politico quello, che non contribuisce alla società né col travaglio, né colla ricchezza; che acquista, senza giammai perdere; che, venerato dal volgo con stupida ammirazione, è risguardato dal saggio con isdegnosa compassione per gli esseri che ne sono la vittima; che essendo privo di quello stimolo della vita attiva, che è la [p. 148 modifica]necessità di custodire o di aumentare i commodi della vita, lascia alle passioni di opinione, che non sono le meno forti, tutta la loro energìa.

Quest’ozio è stato confuso dagli austeri declamatori coll’ozio delle ricchezze accumulate dall’industria; e però non l’austera e limitata virtù di alcuni censori, ma le leggi debbono definire qual sia l’ozio da punirsi. Non è ozioso politicamente chi gode dei frutti de’ vizj o delle virtù dei proprj antenati, e vende per attuali piaceri il pane e l’esistenza alla industriosa povertà, che esercita in pace la tacita guerra d’industria colla opulenza, in vece dell’incerta e sanguinosa colla forza. Quest’ozio è necessario ed utile a misura che la società si dilata, e l’amministrazione si ristringe.