Della congiura di Catilina/XLIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../XLVIII

../L IncludiIntestazione 19 luglio 2010 100% Saggi

XLVIII L

[p. 30 modifica]È certissimo però, che Quinto Catulo e Gneo Pisone in quel tempo adoprarono e credito e preghi e promesse per indur Cicerone a far dagli Allobrogi, o da altro delatore, falsamente accusar Cajo Cesare; ma il tutto fu invano. Odiavanlo sommamente entrambi: Pisone, perchè era stato da lui convinto di concussione, nella condanna di un Transpadano iniquamente giustiziato; Catulo, perchè e per lunga età e per massimi onori maggiore di Cesare, aveva pure a concorrenza perduto il pontificato rapitogli da quel giovinetto. Opportuna parea l’occasione di calunniarlo, essendo Cesare per le private liberalità e per le pubbliche magnificenze oppresso dai debiti. Ma nulla potendo essi per via del Console, ad uno ad uno i Senatori aggiravano; e combinando ed accrescendo le cose da Volturcio e dagli Allobrogi palesate, o supposte, tant’odio contro a Cesare suscitarono, che alcuni Cavalieri Romani posti armati alla guardia del tempio della Concordia, spinti o dal grave pericolo o da altezza d’animo ad ostentare il loro amor per la patria, colle spade minacciarono Cesare all’uscir dal Senato.