Della congiura di Catilina/XXIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../XXIII

../XXV IncludiIntestazione 19 luglio 2010 100% Saggi

XXIII XXV

[p. 18 modifica]Perciò nei comizj eleggevansi Consoli Marco Tullio e Cajo Antonio; il che da prima i fautori della congiura turbò. Ma non s’allentava in Catilina il furore; anzi ogni giorno più macchinando, i luoghi d’Italia a ciò opportuni d’armi riempiva; danari, su la propria o su l’altrui fede accattati, in Fiesole radunava presso ad un Manlio, che a cominciar poi la guerra fu primo. Dicesi, che allora uomini assai d’ogni specie traesse egli a se; e alcune donne altresì, le quali da prima col trafficar di se stesse reggendo allo smoderato lor lusso, per età poi rimaste del guadagno deluse, e non de’ vizi spogliate, si erano seppellite nei debiti. Per mezzo di esse credea Catilina potersi gli urbani servi guadagnare, Roma incendiare, i loro mariti acquistarsi, ovver trucidarli.