Della imitazione di Cristo (Cesari)/Libro III/CAPO LI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
LI. Che noi dobbiamo adoperarci nelle opere minime, quando manchiamo nelle maggiori.

../CAPO L ../CAPO LII IncludiIntestazione 21 ottobre 2016 75% Da definire

Tommaso da Kempis - Della imitazione di Cristo (1815)
Traduzione dal latino di Antonio Cesari (1815)
LI. Che noi dobbiamo adoperarci nelle opere minime, quando manchiamo nelle maggiori.
Libro III - CAPO L Libro III - CAPO LII
[p. 246 modifica]

CAPO LI.


Che noi dobbiamo adoperarci nelle opere minime,

quando manchiamo nelle maggiori.


1. Figliuolo, non t’è possibile di mantenerti sempre in uno ardente studio delle virtù, nè sempre durare nel maggior grado della contemplazione: ma ti fa alcuna volta mestieri, per la originale fiacchezza, di scendere al basso; e con tua pena, e contro voglia portare il peso della corruttibile vita. Infinattanto che porti questo corpo mortale, sentirai noja, ed angustia di cuore. Conciossia dunque che tu sii nella carne t’è forza dolerti spesso del carico della carne; non potendo agli esercizi spirituali, ed alla divina contemplazione intender continuo.

2. Allora ti torna bene di por la mano ad opere umili e materiali, e in sante occupazioni prender conforto; aspettar con ferma fidanza la mia venuta, e la superna visitazione; e comportar il tuo esilio, e l’aridità della mente in pazienza, finchè di [p. 247 modifica]nuovo tu sia visitato da me, e da ogni ansietà liberato. Imperciocchè io ti farò dimenticar i travagli, e godere d’interna, pace. io ti aprirò davanti i prati delle Scritture; acciocchè, allargato il tuo cuore, ti metta a correre nella via de’ miei comandamenti. E dirai allora: Non sono i patimenti di questo secolo condegni di quella gloria, che in noi debb’essere manifestata.