Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro secondo/3. Un secolo di guerre ed estensioni circonvicine

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
3. Un secolo di guerre ed estensioni circonvicine

../2. Mezzi; costituzione e mutazioni ../4. Guerra di Pirro IncludiIntestazione 20 dicembre 2017 75% Da definire

Libro secondo - 2. Mezzi; costituzione e mutazioni Libro secondo - 4. Guerra di Pirro

[p. 41 modifica]3. Un secolo di guerre ed estensioni circonvicine [390-290]. — Le quali furono proseguite meravigliosamente dalla rinnovata Roma fin dal primo secolo. Coi galli ella non s’alleò mai contro ad altri popoli nazionali come facevan questi tra lor gare domestiche. Poche paci od anzi tregue, guerre quasi continue. — Con gli etrusci all’incontro, ora guerre, ma ora alleanze; e per mezzo dell’une e dell’altre, sempre estensioni in quell’Etruria oramai decadente a precipizio. Cosí con gli altri popoli via via incontrati nell’estendersi, umbri, campani, sanniti, lucani, apuli. I sanniti furon l’osso piú duro a frangere; con essi durò la guerra oltre a cinquant’anni [343-290]. Una volta [321] parve perduta; quando [p. 42 modifica]un esercito romano sconfitto alle Forche caudine passò sotto il giogo. Ma perdurando, Roma vinse finalmente; e il Sannio vinto, lasciò tutta la penisola meridionale (salvi i greci), l’Italia d’allora, soggetta, o piuttosto aggiunta a Roma per l’imprese ulteriori. Perciocché il dominio romano in quest’Italia non fu da signore a servi, ma poco piú che da capo a membri di confederazione. Nella quale poi erano gradi diversi d’unione, procedenti per certo da diversi gradi di parentela della gente romana colle circonvicine: alcune furono fatte partecipi di tutti i diritti romani, salvo quello di voto in fòro; e furono perciò dette «municipia». Le antiche latine s’eran date a patti simili all’incirca, e il lor complesso fu quello detto «ius Latii». E il ius italicum piú lato in territorio, piú ristretto in privilegi che non il ius latinum, prova che la gente italica comprendeva fra l’altre le latine, le quali comprendevano fra l’altre Roma; e questa è tutta la spiegazione dell’antica Italia. Le une e le altre eran socii; poche furono ridotte a condizione di sudditi (dedititii). A queste sole si mandavano magistrati romani (praefecti), e toglievasi parte delle terre; donate poi alcune a cittadini romani rimanenti in Roma (che vedremo occasioni di gran dissensioni), e alcune ad altri mandativi ad abitare con nome di coloni, sfogo alla popolazione soverchia di Roma, e posti avanzati a tenere i sudditi, ed anche gli alleati.