Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro sesto/32. Coltura dell'etá dei comuni in generale

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
32. Coltura dell’etá dei comuni in generale

../31. Gian Galeazzo Sforza, sesto duca di Milano ../33· Coltura dei due primi periodi di quest’etá, da Gregorio VII a Carlo d’Angió IncludiIntestazione 21 aprile 2018 75% Da definire

Libro sesto - 31. Gian Galeazzo Sforza, sesto duca di Milano Libro sesto - 33· Coltura dei due primi periodi di quest’etá, da Gregorio VII a Carlo d’Angió

[p. 278 modifica]32. Coltura dell’etá dei comuni in generale. — Noi abbiamo ritratto in colori piú oscuri forse che non si suole la politica della nostra etá dei comuni. Se ci siamo ingannati, sia perdonato all’intimo nostro convincimento di questo principio: che prima delle felicitá, primo dei doveri nazionali, primo dei doveri della libertá stessa, è il procacciare quell’indipendenza che i comuni non seppero compiere in quattro secoli di libertá. Ad ogni modo, sorge quindi nella nostra storia una contraddizione apparente giá accennata: che quella libertá de’ nostri comuni, cosí poco apprezzata od anche disprezzata da noi, fu pure incontrastabilmente capace di generare la piú splendida, la piú varia e la piú nazionale coltura che sia stata mai. Per quattro secoli questa crebbe in Italia sola, in mezzo all’Europa tutta oscura; la stessa coltura greca non ebbe tanti secoli di tale splendore esclusivo. Per trovare esempi di simili esclusivitá bisognerebbe andar all’Indie o alla Cina; ma le colture ivi cercate sarebbero (mi perdonino indianisti e sinologi) incomparabilmente minori. Come ciò? Come quest’apparente contraddizione di una libertá cosí incapace d’indipendenza, cosí capace di coltura? Ma, quanto all’incapacitá d’indipendenza noi ne svolgemmo via via giá la causa evidentissima; quella preoccupazione dell’imperio romano che fu in tutti i comuni, in tutte le parti, nella stessa guelfa o nazionale. E quanto poi alla capacitá di coltura, noi l’accennammo pure; la libertá anche cattiva, anche barbara, disordinata, eccessiva, cadente in licenza, è tuttavia culla piú favorevole alla coltura che non possa essere il principato assoluto o feodale. Il duplice fatto non è dubbio; e la prova della virtú che è nella libertá di generare la coltura, ne risulta tanto piú evidente, quanto piú cattiva ed incompiuta fu questa libertá, quanto politicamente parlando le altre nazioni furono meglio costituite, e prepararono migliori, invidiabili costituzioni di nazionalitá. Se fosse conveniente qui una digressione, io crederei poter dimostrar facilmente: che in tutti i tempi, in tutti i luoghi le grandi colture [p. 279 modifica]furono figlie o d’una libertá legittima, legale, stabilita, o d’una reale quantunque non riconosciuta, o almeno d’una incipiente quantunque non progredita; che in particolare quella magnifica coltura francese, la quale prende nome da Ludovico XIV, fu tutta esercitata da uomini nati e cresciuti fra le contese di libertá, che, cattivissime del resto, sorsero durante la minoritá di lui e furon dette della Fronda; che insomma e dai fatti e colle ragioni si prova sempre, le colture aver bisogno di libertá, e quasi sempre la libertá aver bisogno di coltura. Ma non avendo noi luogo a distrarci, ci basti accennare la fratellanza, o il parallelismo speciale della nostra libertá e della nostra coltura da Gregorio VII fino all’epoca a cui siam giunti. — La libertá ecclesiastica, propugnata, ottenuta da Gregorio VII e da’ suoi predecessori e contemporanei, ebbe bisogno di grandi teologi; e cosí li fece sorgere, e con essi parecchi di que’ filosofi scolastici, i quali mal si distinguono da’ teologi, e de’ quali è gloria di alcuni filosofi contemporanei nostri aver saputo riconoscere i meriti finalmente. E la libertá ecclesiastica facendo sorgere ogni zelo ecclesiastico, fece moltiplicar que’ templi, quelle chiese di che giá accennammo le due prime di Venezia e Pisa, e che tutte furono poi veri musei d’antichitá e scuole a tutte l’arti italiane. Poi la libertá comunale, dico la primissima, informe, de’ consoli del 1100, non poté essere né un anno o un dí senza aver bisogno, in ogni cittá o terra italiana, di oratori, uomini di Stato, capi di nobili, capi popolo, capi parte, piccolissimi terricciolai quanto si voglia, ma pur oratori ed uomini politici, i quali ebber bisogno di parlare e persuadere in qualunque lingua parlassero, latino, volgar lombardo, volgar toscano, o romanesco, o napoletano, o siciliano, o piemontese; e cosí nacque di necessitá un’arte, non artifiziata ma naturale, oratoria. Quindi dal mescolarsi quegli interessi e quegli uomini in tutta la penisola nasceva fin d’allora, fin dal principio del secolo decimosecondo senza dubbio, il bisogno d’una lingua comune o italiana; e cosí nasceva quella di che trattò Dante centocinquanta o duecento anni appresso come di lingua giá antica, quella che crebbe di necessitá in que’ mostri di assemblee, che dicemmo [p. 280 modifica]simili alle moderne d’Irlanda. Quindi cresciute le ambizioni, le emulazioni di cittá, crebbero in ciascuna i bisogni di forti mura; e cosí nacque quell’architettura militare, che è piú antica forse tra noi che non si suol dire anche da’ piú esagerati esaltatori dei nostri primati. E quindi l’altre emulazioni, il volere ogni cittá piú bei templi che le vicine, ed ogni nobile un piú bel palazzo che i concittadini, e i nobili popolani piú che gli antichi, e via via. E poi la libertá del dire, il non esservi né il fatto né nemmeno l’idea delle censure moderne, fece scrivere nella nuova lingua di ogni cosa che si sapesse scrivere; e perciò primamente d’amore, che è forse il piú facile, ed è certo il piú piacevole degli argomenti a chi scrive o legge; e poi di storia patria, che è il piú necessario in ogni paese libero; e poi di ogni cosa, in quel modo enciclopedico che da Esiodo a Varrone, a Brunetto Latini e a Montaigne od anche a Bacone e Leibnizio, suol essere de’ primi saggi che si facciano in qualunque letteratura incipiente, quasi a rassegna di ciò che si sa per indi progredire. E sorte tutte queste colture, sorse il commercio che n’è fratello or maggiore or minore; e sorsero le industrie, le scienze che ne son pur sorelle, tutta famiglia della libertá; in cui entraron l’arti belle, quelle arti che son forse un po’ meretricie, un po’ prodighe di lor favori, senza gran discernimento tra tirannia e libertá, ma che li concedon pur sempre piú compiuti insieme e piú eleganti alla libertá. Del resto, quanto al commercio in particolare, duolmi piú che mai non potermi fermare ad accennare quali fossero le condizioni di esso ne’ nostri comuni, quali le libertá concedutegli. Forse ne risulterebbe un fatto tutto opposto a quello creduto volgarmente; il fatto, che esistettero ne’ nostri rozzi comuni molte di quelle libertá commerciali, le quali furono spente dalla cattiva pratica, dalla scienza incipiente de’ secoli successivi; le quali la scienza progredita domanda da un ottanta anni in qua, e la pratica incominciò a concedere mentre appunto io veniva scrivendo queste linee per la prima volta. Quando, deh quando si fará una storia dei commerci, dell’economia politica de’ nostri comuni? — Ad ogni modo, di fiore in fiore, di fecondazione in fecondazione, d’operositá in operositá, cosí si venne al [p. 281 modifica]fine di quel secolo decimoquinto, in cui vedremo nascere quasi tutti i grandi e splendidi uomini del decimosesto; quel secolo decimoquinto che ebbe cosí col secolo ultimo della libertá latina la sorte comune di tramandar tutte educate le grandezze ai due secoli nomati da Augusto e da Leon X. Gli uomini furono quasi sempre tardivi in lor gratitudini; le concedettero sovente ai successori di coloro che le meritarono. Ma non cadder forse mai in tale ingiustizia cosí scandalosamente come a quell’epoca, in che dieder nome di Leon X al secolo inaugurato da Lorenzo il magnifico, nome d’America al mondo di Colombo. — Or veggiamo di corsa alcuni particolari, alcuni uomini di questa nostra grande etá di coltura.