Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni/Libro terzo/4. Tiberio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
4. Tiberio

../3. Continua ../5. I tre ultimi della famiglia di Cesare IncludiIntestazione 21 aprile 2018 75% Da definire

Libro terzo - 3. Continua Libro terzo - 5. I tre ultimi della famiglia di Cesare

[p. 68 modifica]4. Tiberio [14-37]. — Quindi la serie degli imperadori romani fu la pessima che s’abbia di niun principato. Cosí lunga ed immane tirannia, cosí prostrata servitú non sembrano essere state possibili in una civiltá, con una coltura cosí progredite come le romane; e il fatto dimostra la superioritá della civiltá e della coltura cristiane, in mezzo a cui elle furono fin qui, e sono piú che mai impossibili veramente. — La serie s’apre con uno dei peggiori, Tiberio. Era stato uomo capace, forse virtuoso in gioventú; erasi pervertito tra le ambagi, gli artifizi, gli ozi, i vizi dell’aspettazione; era falso, sospettoso, crudele e perduto in voluttá, quando imperiò a cinquantasei anni. Die’ subito grande effetto alle leggi di maestá; accrebbelo coll’incoraggiare, istituzione nuova, i delatori. Peggio che mai, quando invecchiato lasciò il governo a Seiano, e andò a marcire nei [p. 69 modifica]segreti di Capri, dove finí. Guerreggiò in Germania ed Asia; non egli, dopo che fu imperatore, ma pe’ suoi capitani, fra cui principale, e perciò odiato, Germanico figlio di suo fratello. Sotto lui furono ridotte a provincia Cappadocia e Comagene.