Dialoghetti sulle materie correnti nell'anno 1831/Il viaggio di Pulcinella/Scena terza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Il viaggio di Pulcinella

Scena terza

../Scena seconda ../Scena quarta IncludiIntestazione 12 settembre 2010 100% Da definire

Il viaggio di Pulcinella - Scena seconda Il viaggio di Pulcinella - Scena quarta


[p. 55 modifica]

SCENA TERZA.
Il Dottore, Pulcinella, e la Finanza.


La Finanza
Alto là, fermatevi.
Il Dottore
Non ci moviamo.
Pulcinella
Siamo fermi come due pilastri.
La Finanza
Io sono la Finanza, e devo visitare tutto ciò che entra nel regno. Abbasso i vostri fagotti. Che cos’è questo involto?
Il Dottore
È un poco di tabacco del mio paese.
La Finanza
Il tabacco estero è contrabbando, e voi lo avete perduto. E quest’altro involto cosa contiene?

[p. 56 modifica]

Pulcinella
Ci è un pezzo di cascio cavallo che ho portato per fare il memento di Napoli.
La Finanza
Pagate dieci soldi per il dazio d’introduzione.
Pulcinella
Ma io son un pover’uomo e non tengo denari.
La Finanza
Dunque anche questo è perduto.
Il Dottore
Nel regno della libertà non si è liberi di pigliare il tabacco a suo modo?
Pulcinella
Il popolo sovrano non è padrone di portare un pezzetto di cascio dove gli pare?
La Finanza
Se volete introdurre il formaggio pagate il dazio d’introduzione, e se volete prendere il tabacco andate a comprarlo alla privativa nazionale.
Pulcinella
Anche qua si trovano queste porcherie delle gabelle, e delle privative?
La Finanza
Credete forse che il governo di un paese libero possa mantenersi senza denaro?
Il Dottore
S’intende bene che ogni governo ha bisogno di avere una rendita, ma credevamo che nei paesi della libertà, gli aggravii del popolo fossero appena sensibili.
La Finanza
Quanto a questo, vivete in grande inganno, perchè gli aggravii sono più forti adesso di prima.
Il Dottore
Più forti adesso che al tempo di Carlo X?
La Finanza
Indubitatamente; al tempo di Carlo X il popolo era un povero suddito, e pagava da suddito, adesso è sovrano, e paga da sovrano.
Pulcinella
Dunque nel tesoro ci sarà una montagna di Luigi Filippi?
La Finanza
Tutto al contrario; il tesoro è pulito come il rovescio della scodella.
Il Dottore
Come può accadere questa faccenda?
La Finanza
Io non so dirvi il perchè, ma questo è il miracolo di tutte le rivoluzioni. Appena un paese si rivolta, gli aggravii crescono, i privati cadono in miseria, e la cassa della nazione è sempre vuota.
Pulcinella
Si è detto sempre che l’oro è il ministro di tutte le iniquità. Per questo quel birbante si accorda con li re assoluti, e non può vedere li popoli liberi.
Il Dottore
In Inghilterra peraltro non accade cosi. Quello è il paese della libertà e dell’oro. [p. 57 modifica]
La Finanza
Finora la libertà dall’Inghilterra non è stata di quella buona, e il re ne lasciava il fantoccio al popolo per trastullarlo, conte si danno i giuocarini ai ragazzi. Se però quel regno diventerà libero alla francese, anche Londra, come speriamo, farà le sue gloriose giornate; siate sicuri che l’oro fuggirà dall’Inghilterra come è fuggito dalla gran nazione, e la superba Albione restata in guarnello verrà a ballare un padedù con la Francia.
Pulcinella
Frattanto se la gran nazione si trova senza denaro, bisognerà che faccia debito per campare.
La Finanza
Neppur questo può farsi perchè non trova credito.
Il Dottore
Oh diavolo! questo è un torto manifesto, e il popolo sovrano se lo avrà a male.
La Finanza
Tant’è; dei re assoluti si fidano tutti, e dei popoli sovrani, non si vuol fidare nessuno.
Il Dottore
Da cosa nasce questa diffidenza?
La Finanza
Il mondo è vecchio, e sapete che i vecchi sono sospettosi e ostinati, e non vogliono lasciare i loro pregiudizii. Questo vecchio matto sostiene che da sessanta secoli in qua i re hanno comandato sempre, e che per quanto si è fatto, le cose senza i re non sono andate mai bene; dice che la libertà, la costituzione, e la sovranità del popolo sono ragazzate e cose da matti; e assicura che presto o tardi tutti se ne accorgeranno, e che i re torneranno a comandare liberamente, perchè la natura ha fatto gli uomini in certo modo che non possono vivere insieme senza essere comandati e governati dai re.
Pulcinella
Queste cose che dice il mondo son ben dette?
La Finanza
Oibò, dice malissimo. Le cose senza i re vanno a maraviglia, e basta vederlo in Francia e in tutti i paesi dove si fanno le gloriose giornate; la costituzione e la sovranità del popolo sono necessarie come il pane, e tutte le nazioni che hanno vissuto fin quà senza queste ricette ognuno sa come sono andate; e in fine i re non torneranno mai più, perchè la natura vuole lo scompiglio, non vuole l’ordine, ed è chiaro come la luce che devono comandare i piedi e non la testa. [p. 58 modifica]
Il Dottore
E con tutto ciò..... ?
La Finanza
Con tutto ciò la parola di un vecchiaccio di sessanta secoli viene creduta, e appena una nazione discaccia il re e acquista la sua libertà, non trova più credito neppure fra gli Ebrei.
Il Dottore
Almeno i liberali......
La Finanza
I liberali sono larghi a parole, ma quando veniamo ai fatti pensano a provedere se stessi, e si mostrano liberali per prendere, ma non per dare. In sostanza quanto interesse, in Francia un Carlino vale più di un Filippo.
Il Dottore
Se la Francia paga più adesso di prima e con tuttociò si trova screditata e spiantata; cosa ha guadagnato con fare la rivoluzione?
Pulcinella
Se il popolo sotto la costipazione è più miserabile che sotto il governo assoluto dei re, cosa conclude la sovranità del popolo?
La Finanza
Di queste cose non me ne intendo, so che la rivoluzione mi fa venire la lupa, e divoro tutto quello che trovo.
Pulcinella
Così il popolo sovrano resterà in camicia.
La Finanza
E allora sarà veramente un popolo libero. Addio.
Pulcinella
Signor Dottore!
Il Dottore
Signor Pulcinella!
Pulcinella
Le cose nostre hanno incominciato male e prosieguono peggio.
Il Dottore
Forse sarà così a prima vista, ma dopo prenderanno migliore aspetto. Questi poveri Francesi bisogna compatirli, e già si sa che per sfasciare una casa ci vuole qualche spesa.
Pulcinella
Non si poteva fare a meno di questa sfasciatura?
Il Dottore
Oibò, la rivoluzione era necessaria.
Pulcinella
Capisco bene. Se il mondo dopo sessanta secoli non si fosse voltato un poco, si sarebbe tutto indolito.
Il Dottore
Zitto, si avvicinano certe altre persone.
Pulcinella
La fisonomia non è troppo gustosa.