Dialoghi dei morti/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
25. Nireo, Tersite e Menippo

../24 ../26 IncludiIntestazione 19 settembre 2008 75% letteratura

Luciano di Samosata - Dialoghi dei morti (Antichità)
Traduzione dal greco di Luigi Settembrini (1862)
25. Nireo, Tersite e Menippo
24 26
Nireo.
Ecco qui, Menippo deciderà chi di noi due è più ben fatto. Di’, o Menippo, non ti paio più bello io?
Menippo.
Chi siete voi? Pensomi che prima debbo saperlo.
Nireo.
Nireo, e Tersite.
Menippo.
Ma chi è Nireo, e chi è Tersite? chè io non vi distinguo.
Tersite.
Questo solo mi basta, ch’io sono simile a te, e non ci è tra noi quella gran differenza che dice quel cieco di Omero, il quale ti lodò come il più bello fra tutti; ed io col capo aguzzo e pelato non son paruto differente da te al giudice. Rimiraci ora, o Menippo, e di’ chi tra noi due è più bello.
Nireo.
Io sono; io figliuol d’Aglaia e di Caropo,
Ero il più bel che venne sotto Troia.
Menippo.
Ma non venisti il più bello sotto terra, pensomi. L’ossame l’avete simile, e d’una cosa il cranio tuo si distingue da quel di Tersite, che il tuo è molle e fragile, e non punto di uomo.
Nireo.
Dimanda Omero, e saprai chi ero io allora che combattevo fra i Greci.
Menippo.
Mi conti sogni: io vedo quel che sei ora: quel d’allora lo sanno quelli.
Nireo.
Ed io ora non sono il più bello, o Menippo?
Menippo.
Nè tu, nè altri è bello: l’Orco agguaglia tutti, fa tutti simili.
Tersite.
A me questo mi basta.