Diasi a le fiamme il mio ritratto vero

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Giovan Battista Marino

XVII secolo Indice:Marino Poesie varie (1913).djvu Letteratura XXV. Lodovico Castelvetro Intestazione 30 giugno 2023 100% Da definire

Del drapello d'Ignazio al bel governo Contro l'invitto duce
Questo testo fa parte della raccolta Poesie varie (Marino)/Le pitture e le sculture/I ritratti


[p. 261 modifica]

xxv

     Diasi a le fiamme il mio ritratto vero;
fiera calunnia, iniqua invidia, godi.
Non farete però che ’n mille modi
pur non rimanga in mille carte intero.
     Degli altrui scritti giudice severo,
non mi nomina alcun che non mi lodi;
fûr le censure mie saette e chiodi,
onde trafissi altrui, critico arciero.
     Quando il tutto compose e ’l tutto ordío,
autore inemendabile e perfetto,
non mi vòlse presente il sommo Dio.
     Forse securo allor d’esser corretto
stato non fôra, e che non trovass’io
nel poema del mondo alcun difetto!