Discussione:De le lettere nuωvamente aggiunte ne la lingua Italiana

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Informazioni sulla fonte del testo
De le lettere nuωvamente aggiunte ne la lingua Italiana
Edizione 
Epistola premessa a "La Sophonisba del Trissino"
Stampata in Roma per Lodovico de gli Arrighi Vicentino
Scrittore nel MDXXIIII di Settembre
Fonte 
Trascrizione da OPAL Libri Antichi
Primo contributo di  Snark
SAL 
SAL 100% 100%.png (30 maggio 2009)
  • Fonte: fonte indicata e attendibile
  • Completezza: testo completo
  • Formattazione: testo formattato correttamente
  • Riletture: testo riletto usando la versione cartacea digitalizzata
  • Blocco della pagina: testo bloccato
Note Poichè il testo descrive le nuove lettere introdotte dal Trissino,
non si sono tenute in conto le normali convenzioni di trascrizione.
Progetto di riferimento 
letteratura



Il titolo del file Indice[modifica]

Per mantenere la "regola" dell'identità di nome fra file Indice e file djvu, e per non violare le regole di Commons sui nomi dei file (viene raccomandato di non utlizzare caratteri speciali), carico il file djvu con il nome di File:De le lettere.djvu e Indice diventerà Indice:De le lettere.djvu. --Alex brollo (disc.) 21:47, 29 mag 2009 (CEST)

Ho avuto difficoltà a rendere via transclusione l'effetto grafico realizzato da Snark nell'ultimo paragrafo della Epistola (diciamo l'antica "centratura a calare"). Ho ripiegato su "nessun effetto". Se qualcuno di voi ci riesce lavorando sulla pagina 16 senza causare un a capo parassita fra pagina 14 e 15... tanto meglio... In ogni caso non ho cancellato il testo originale, ma l'ho solo mascherato dentro un commento html. --Alex brollo (disc.) 23:55, 29 mag 2009 (CEST)
Ci sto provando: ho zeppato di noinclude l'ultima pagina per forzare centrature e caporiga che non compaiano nella versione transclusa.
Una nota per chi trascrivesse altri testi con le lettere trissiniane. Confrontando con la Sophonisba pubblicata nella raccolta dei "Ricciardi" (in breve, in una fonte molto autorevole), ho notato che il segno per la zeta dolce minuscola è "ç" e non "ς" come trascritto da Snark. Per quanto la tentazione di leggere altre lettere greche sia innegabile, mi fido pienamente delle scelte tipografiche di Giovanni Mardersteig il cui curriculum è fuori discussione.
Una seconda nota: mentre in questa lettera la ω contrassegna la "o aperta", nella Sωphωnisba e in altre poesie del Trissino è utilizzata per contrassegnare la "o chiusa"... mah: avra cambiato idea? - εΔω 00:00, 31 mag 2009 (CEST)

I charactέri[modifica]

Come dice OrbiliusMagister, il charactέre "ς" ὲ un errore, ε hω corrεtto una istanza in pagina 4.

Fra parentesi, hω creato un elεnco di frequεnze de i charactέri chε potrεbbero εssere di qualche utilità:

ʃ 	521
ε	331
ω	185
ὲ	30
ὼ	20
ç	10+1 (corrεtto da ς)
Ӡ	8 (cambiato da ζ) 
έ	8
ς	1-1  (corrεtto a ç)

Le majuʃcule ε ε ω appajono come minuʃcule quando sono copiate tramite appunti. Pertanto, vorrei suggerire di utiliççare lεttere separate per trascrivere questi. Alternative:

Infine, credo che ζ non è una buona scelta per [dz], perché sembra molto diverso dal charactέre che scrive il Trissino. Che ne dite ʃe invece usiamo una delle ʃeguεnte:

? SebastianHelm (disc.) 00:24, 22 mar 2015 (CET)

Ho cambiato tuttle le "ζ" nel Ӡ abkaza. SebastianHelm (disc.) 00:31, 17 dic 2015 (CET)