Dizionario - Vocabolario del dialetto triestino/S

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
S

../R ../T IncludiIntestazione 17 novembre 2012 25% Da definire

R T

[p. 367 modifica]
S
Sabadilia
Sabion
Sabioso
Sabo
Sabota
Sabolada
Saca(far)
Sacazo
Sachegiada
Sachegiador
Sachegiar [p. 368 modifica]
Sacheto
Saco
Sacola
Sacramentar
Sacranon
Sacratoner
Sacrificar
Sacrifizio
Sacristia
Sacro
Sacrosanto
Saeta
Sagiar
Sagoma
Sagomada
Sagomador
Sagomar
Sai [p. 369 modifica]
Sai
Sala
Salada
Salabraco
Saladizo
Salado
Saladura
Salame
Salamelechi
Salamora
Salar
Salariar
Salario
Salasada
Saiasar
Salata
Salataza
Salatiera
Salatina
Saldada
Saldador
Saldadura
Saldar
Salep
Saleta
Salice
Saliera
Saliner
Salisar
Salivar
Salivazion
Saliso [p. 370 modifica]
Salizar
Salmistrar
Salmo
Salomon
Salnitrio
Salon
Salpa
Sal&a
Salsaparilia
Salso
Saltada
Saltador
Saltar
Saltarin
Saltazo
Saltisin
Salto
Saltuzar
Saludada
Saludar
Saludo
Salutar
Salute [p. 371 modifica]
Salvadigamente
Salvada
Salvadigazo
Salvadigheto
Salvadigheza
Salvadigo
Salvadigon
Salvadigume
Salvador
Salvaomini
Salvar
Salvavita
Sambucher
Sampagna
Sampagnar
Sampagnin
San
Sanar
Sandolo
Sandro
Sanguazo
Sangue [p. 372 modifica]
Sangueta
Sangueter
Sanguificazion
Sanguinar
Sanguinela
Sanguinoso
Saniozo
Sampagnin
Sanpiero
Sanson
Santa
Santamaria
Santificar
Santificazion
Santo
Santoceria
Santocio
Santola
Santolo
Santonico
Santuzo
Sanzion
Sàpolo
Saponaria
Sarce
Sarciame
Sardela [p. 373 modifica]
Sardon
Saresin
Sargente
Sargo
Sanandola
Sariesa
Sarieser
Sarisin
Sarsegna
Sarta
Sarte
Sartorela
Sartuzo
Sassada
Sassazo
Sasseto
Sassinada
Sassinar
Sasso
Sasson
Satirizar
Satrapo
Saver [p. 374 modifica]
Savori
Savonada
Savonar
Savonaria
Savoner
Savor
Savorazo
Saziada
Saziar
Sazio
Sbacheteda
Sbachetar
Sbadiliada
Sbadiliar
Sbadiliarola
Sbagazada
Sbagazar [p. 375 modifica]
Sbagazon
Sbaizara
Sbalà
Sbaiar
Sballar
Sbalinada
Sbalinar
Sbalio
Sbalon
Sbalonzolar
Sbalordida
Sbalordir
Sbalzar
Sbancada
Sbancar
Sbandada
Sbandar
Sbarada
Sbarairar
Sbarazar
Sbarazin
Sbarbate)
Sbarbotar
Sbaretada
Sbaretar
Sbarcada
Sbarcar
Sbarlumada
Sbarlumar
Sbaro
Sbassada
Sbasir
Sbasuzamenti
Sbater [p. 376 modifica]
Sbatidura
Sbattavi
Sbatizarse
Sbatociada
Sbatociar
Sbatola
Sbatuda
Sbavadura
Sbavar
Sbavazar
Sbavisar
Sbaviso
Sbefada
Sbefar
Sbegazar
Sbeletada
Sbeletadura
Sbeletar
Sbeleto
Sbendada
Sbendar
Sberla
Sberlotar
Sberloto
Sbessola
Sbevazada
Sbevazar
Sbevazon
Sbevuzar
Sbiadir
Sbiaca
Sbianchizada
Sbianchizar
Sbicia
Sbiego
Sbigolit
Sbigotir
Sbilanzada
Sbilanzar
Sbilanzio
Sbilfo [p. 377 modifica]
Sbiro
Sbisigada
Sbisigar
Sbisighin
Sbocador
Sbocadura
Sbocar
Sbocazà
Sbocia
Sbociada
Sbociador
Sbociar
Sborgna
Sborsada
Sborsar
Sborsariol
Sbraiada
Sbraiar
Sbraion
Sbranada
Sbranar
Sbrancada
Sbrancar
Sbravazada
Sbravazar
Sbravazon
Sbregabalon
Sbregada
Sbregagola
Sbregamandati
Sbregar
Sbrego [p. 378 modifica]
SBR
Sbregon
Sbrenar
Sbrigada
Sbrigar
Sbrigliarsela
Sbrindolo
Sbrindoloso
Sbris
Sbriso
Sbrissada
Sbrissante
Sbrissar
Sbrisson
Sbrissosó
Sbroco
Sbrodaciado
Sbrodaciar
Sbrodigada
Sbrodigar
Sbrodighezo
Sbrodolon
Sbrovada
Sbrovadina
Sbrovar
Sbrovente
Sbrufada [p. 379 modifica]
Sbrufador
Sbrufar
Sbudelada
Sbudelar
Sbufada
Sbufadina
Sbufar
Sbufonada
Sbufonar
Sbugiardada
Sbugiardar
Sburtada
Sburtar
Sburtoli
Sburton
Sbusada
Sbusadina
Sbusar
Sbusazar
Sbuso
Scabel
Scacada
Scachegiado
Scacchiera
Scaco
Scadenada
Scadenar
Scader
Scaduda
Scafa
Scafai
Scafo
Scagazada
Scagazar
Scagazon
Scagnel
Scagneto
Scagno
Scaia
Scaiada
Scaiar [p. 380 modifica]
Scaieta
Scaio
Scaioso
Scala
Scalaza
Scaldabanche
scaldacareghe
Scaidada
Scaldadina
Scaldado
Scaldaleto
Scaldaman
Scaldar
Scalditi
Scalembro
Scaletier
Scalfidura
Scalfir
Scalfo
Scaliti [p. 381 modifica]
Scalinada
Scalmana
Scalmanada
Scalmanarse
Scalogna
Scalon
Scaluza
Scalzacan
Scalzada
Scalzar
Scalzinadura
Scalzinar
Scambiada
Scambiar
Scampada
Scampagnada
Scampanada
Scampanar
Scampanelada
Scampanelar
Scampanizada
Scampanizar
Scampar [p. 382 modifica]
Scampo
Scanadura
Scanalatura
Scanalar
Scanar
Scandaiada
Scandaiar
Scandalo
Scandalizada
Scandalizador
Scandolizar
Scandolo
Scanelà
Scaneladura
Scanelar
Scansada
Scasar
Scantinada
Scantinar
Scantonada
Scantonar
Scanzeladura
Scanzelar
Scanzìa
Scapelada
Scapelar
Scapestrado
Scapitar
Scapola
Scapolar
Scapoler [p. 383 modifica]
Scapolo
Scapriziar
Scapuzar
Scapuzon
Scarabatola
Scarabizar
Scarabizo
Scarabociada
Scarabociar
Scaramuciar
Scaranciferi
Scaraventar
Scarcaval
Scardobola
Scaregar
Scariga
Scarigador
Scarigadura
Scarigada
Scarigar
Scarigo
Scarmolin
Scarnevalar
Scarnido
Scarnificar
Scarnificazion
Scarnir
Scarozada
Scarozar
Scarpa
Scarpada
Scarpaza
Scarpài [p. 384 modifica]
Scarpelada
Scarpeladura
Scarpelar
Scarpeleto
Scarpelin
Scarpelon
Scarpena
Scarper
Scarpeta
Scarpìa
Scarpinada
Scarpinar
Scarpion
Scarpionzin
Scarpon
Scarsegiar
Scarsela
Scarselada
Scarselar
Scarselin
Scarselon
Scarseza
Scarsizar
Scarso
Scartabelada
Scartabejar
Scartacaval
Scartada
Scartafazo
Scartar
Scartazada
Scartazar [p. 385 modifica]
Scartazata
Scartazeta
Scartin
Scarto
Scartozeto
Scartozo
Scarzeramento
Scarzerar
Scassacodolo
Scassada
Scassamento
Scassar
Scassinar
Scasson
Scatarada
Scatarar
Scatola
Scatolaza
Scatolon
Scatoier
Scavada
Scavador
Scavadura
Scavar
Scavalcar
Scazada
Scazadina
Scazar [p. 386 modifica]
Scavezada
Scavezar
Scavezo
Scenza
Scenziada
Scenzar
Scenzeta
Scenzona
Scenzoso
Scotamente
Sceteza
Sceto
Scheletro
Schena
Schena
Schena)
Schenaza
Schermo
Scherzada
Scherzar
Scherzeto
Scherzo [p. 387 modifica]
Schifar
Schifosità
Schifo
Schifoso
Schila
Schincada
Schincapene
Schincar
Schinela
Schiribizada
Schiribizar
Schiribizo
Schivada
Schivar
Schiza
Schizada
Schizadina
Schizado
Schizetada
Schizetar [p. 388 modifica]
Schizeto
Schizignoso
Schizo
Sciabatolo
Sciafa
Sciafizada
Sciafizador
Sciafizar
Sciama
Sciamada
Sciamar
Sciamazada
Sciamoso
Sciamazar
Sciamazp
Scianta
Sciantada
Sciantar
Sciao
Sciapa
Sciapinada
Sciarida
Sciarificado
Sciarimento
Sciarir
Sciassar
Sciatar
Sciatica
Sciatina
Sciavaria
Sciavina
Sciavitù
Sciavo
Sciavon [p. 389 modifica]
Sciavuncolo
Scincador
Scincar
Scinca
Sciocada
Sciocar
Sciochetar
Sciopabile
Sciopada
Sciopado
Sciopadureta
Sciopadura
Sciopar
Sclopetada
Sciopeter
Sciopeto
Sciopo [p. 390 modifica]
Sciopon
Scipulada
Scipular
Scoconada
Scoconàr
Sclepia
Scodela
Scodeleta
Scodelon
Scodeloto
Scoder
Scodidor
Scòduda
Scoiada
Scoiazo
Scoiera
Scoieto
Scoio
Scoion
Scoioso
Scola
Scolà
Scolabrodo
Scoiada
Scoladura
Scolamento
Scólapiati
Scolar
Scolareto
Scolaro
Scolo
Scolorida
Scolorido
Scolorir
Scolpar
Scolpido
Scolpir
Scottar [p. 391 modifica]
Slcoltrin
Scombater
Scombro
Scombussolada
Scombussolar
Scometer
ScomiatO
Scominziada
Scominziar
Scomodar
Scompagnada
Scompagnar
Scomparir
Scompiaser
Scompiazente
Scompiliada
Scompiliar
ScompiNo
Scompletar
Scomponer
Scomposizion
Scomunica
Scomunicado
Scomunicar
Sconder
Scondon(de
Sconfiger
Sconfortar
Scongiurada
Scongiurar
Sconquassada
Sconquassar
Sconsacrado [p. 392 modifica]
Scosiderateza
Sconsiliar
Scontar
Scontentar
Sconto
Scontrada
Scontradura
Scontrar
Scontrin
Scontro
Sconvignir
Sconvolger
Sconzertada
Sconzertar
Scopelotar
Scopeloto
Scopola
Scoprir
Scopritor
Scoragiada
Scoragiar
Scordar
Scorer
Scoreza
Scorezar
Scorezon
Scoridor
Scorlada
Scorladina
Scortar
Scorion [p. 393 modifica]
Scornada
Scornado
Scornar
Scornisada
Scornisar
Scorno
Scorporar
Scortar
Scortigacristiani
Scortigador
Scortigadura
Scortigar
Scorza
Scorzadura
Scorzar
Scorzarla
Scorzata
Scorzèr
Scòrzer
Scorzeria
Scorzo
Scossar
Scosson
Scostar
Scota
Scotada
Scotadeo(a)
Scotadina
Scotante
Scotar [p. 394 modifica]
Scova
Scovada
Scovadina
Scovador
Scovadure
Scovamagazen
Scovamar
Scovar
Scovasachi
Scovastrade
Scovaze
Scovazera
Scovazon
Scoverta
Scoverto
Scoverzer
Scoveta
Scovetar
Scoveto
Scovolin
Scovolo [p. 395 modifica]
Screanzado
Screditar
Scribacin
Scricada
Scricar
Scrico
Scricolada
Scrita
Scrito
Scritor
Scritorio
Scritura
Scritural
Scriturar
Scrituraza
Scriturazion
Scrivan
Scrivanel
Scriver
Scriz
Scrocada
Scrocar
Scroco
Scrocon
Scrodigada
Scrodigar
Scrofola
Scrolada
Scrolar
Scrostadura
Scrostar [p. 396 modifica]
Scrupolegiar
Scrupolo
Scrutinar
Scudaria
Scudela
Scudier
Scufia
Scufioto
Sculazada
Sculazadina
Sculazar
Sculazon
Scultor
Scultrinscuntrin
Scultura
Scunir
Scureta
Scureto
Scureza
Scuria
Scuriada
Scuriar
Scuribanda
Scurida
Scuriosar
Scurir
Scurità
Scuro [p. 397 modifica]
Scuroto
Scurtabile
Scurtada
Scurtar
Scurtariola
Scusa
Scusado
Scusar
Sdamar
Sdebitar
Sdentado
Sdentar
Sdoganar
Sdotorar
Sdraiada
Sdraiar
Sdrondonar
Se
Sében
Seca
Secabisi
Secada
Secador
Secante
Secar [p. 398 modifica]
Secatrize
Seceto
Secheza
Secia
Secion
Seco
Secodindio
Secolar
Secolin
Seconda
Secondar
Secondin
Secondina
Secondo
Secreto
Secura
Seda
Sede
Sedise
Sedizesimo
Sedur
Sedutor
Seduzente
Seduzibile
Seduzion
Sega
Segada
Segador
Segadura
Segàla
Segar
Segazo
Selier
Seita
Segnador
Segnai
Segnalado [p. 399 modifica]
Segnalar
Segnalibri
Segnar
Segnavento
Segnazo
Segneto
Segno
Segon
Segrégar
Segreto
Seguir
Sela
Selar
Selaza
Selèr
Seleratamente
Selerateza
Selerato
Seteria
Sèlier
Selino
Selta
Selvadìgo
Semada [p. 400 modifica]
Semar
Semefrede
Semelza
Semenada
Semenador
Semenar
Semenza
Semenzata
Semenzina
Semestral
Semicupo
Seminar
Semiton
Semiza
Semo
Semola
Semolin
Sempiada
Sempio
Sempioldo [p. 401 modifica]
Semplificar
Semplificazion
Semplize
Semplizeto
Semplizemente
Sempre
Sempreverde
Semprevivi
Semula
Sen
Sena
Senape
Senario
Senato
Senaza
Senegiamento
Senegiar
Senico
Seno(da)
Senografia
Senografo
Sensa
Sensal [p. 402 modifica]
Sensalazo
Sensaria
Sensazion
Sensibilità
Senso
Sensual
Senta
Sentada
Sentar
Sentenzeta
Sentenziar
Sentida
Sentimental
Sentimentin
Sentimento
Sentir [p. 403 modifica]
Senton
Sentor
Senza
Sepa
Separar
Separazion
Sepelido
Sepelida
Sepelir
Sepolcral
Sepolina
Sepoltura
Sequestrada
Sequestrar
Sequestro
Sera
Serada
Seradura
Seradureta
Seralio
Seramento
Serar
Seren
Serenada
Serenar [p. 404 modifica]
Sermon
Seron
Serpegiar
Serpentazo
Serpente
Serpentin
Serva
Servaza
Serveta
Servir
Servitor
Servitorame
Servitorazo
Servitoreto
Servizieto
Servizio
Servizion
Servola
Session
Sessola
Sessolota
Sestin
Sesto
Setar
Sete [p. 405 modifica]
Setembrina
Setentrional
Setico
Setimanal
Setimin
Setizismo
Setro
Severo
Sevo
Sezion
Sezionar
Sfachinada
Sfachinar
Sfadigada
Sfadigar
Sfadigon
Sfalza
Sfamada
Sfamar
Sfarinada
Sfarinar
Sfaso
Sfavorir
Sfazadazo
Sfazado
Sfazatagine
Sfazendado
Sfera
Stesa
Sfeseta
Sfiadada
Sfiadar
Sfiancada
Sfibrada
Sfibrar
Sfidada
Sfidar
Sfido
Sfiduzia
Sfigurar
Sfiladon [p. 406 modifica]
Sfilar
Sfilazada
Sfilazar
Sfilazo
Sfiloso
Sfilza
Sfilzada
Sfilzar
Sfilzeta
Sfinir
Sfiocada
Sfiocar
Sfiorar
Sfiorida
Sfiorir
Sfiórizada
Sfiorizar
Sfodrar
Sfodrada
Sfogada
Sfogador
Sfogar
Sfogiar
Sfogo
Sfogonà
Sfogonada
Sfogonar
Sfoia
Sfoiada
Sfoiadina
Sfoiadura
Sfoiar
Sfoieta
Sfoieto
Sfoio
Sfolgorar
Sfondada
Sfondado
Sfondar
Sfondolado
Sfondrada
Sfondrar [p. 407 modifica]
Sfondro
Sformada
Sformado
Sformar
Sfornida
Sfortunado
Sfornir
Sforzada
Sforzana
Sforzanon
Sforzar
Sfracasada
Sfracasar
Sfracason
Sfrantumada
Sfrantumar
Sfrantumi
Sfranzadura
Sfranzar
Sfrasel
Sfratar
Sfrato
Sfredida
Sfredido
Sfredir
Sfredoloso
Sfregada
Sfregadina
Sfregar
Sfregolada
Sfregoladura
Sfregolamento
Sfregolar
Sfregoloso
Sfrenada [p. 408 modifica]
Sfrenado
Sfrenar
Sfrenateza
Sfrisada
Sfrisar
Sfriseto
Sfriso
Sfrisolo
Sfrisoto
Sfrizer
Sfrizigada
Sfrontado
Sfrontateza
Sfugir
Sfumada
Sfumadura
Sfumar
Sfuriada
Sfrutada
Sfrutar
Sgabazada
Sgabazar
Sgabazon
Sgaìo
Sgambeta(far)
Sgambetada
Sgambetar
Sganasada
Sganasar
Sgarada
Sgarar
Sgarbelà
Sgarbeiada
Sgarbelar
Sgardufar
Sgargarizada
Sgargarizar
Sgargarizo
Sghignazada
Sghignazar [p. 409 modifica]
Sghiribizada
Sghiribizar
Sgionfada
Sgionfeto
Sgiorifar
Sgionfeza
Sgionfimento
Sgionfir
Sgionfo
Sgionfon
Sgnacada
Sgnacar
Sgnape
Sgnaulada
Sgnaular
Sgnocolada
Sgnocolar
Sgoba
Sgobada
Sgobar
Sgobador
Sgolarse
Sgombrada
Sgombrar
Sgomentar
Sgosada
Sgosarse
Sgozada
Sgozar
Sgradevole
Sgradir
Sgrafada
Sgrafadura
Sgrafamerda
Sgrafar [p. 410 modifica]
Sgrafignada
Sgrafignar
Sgrafo
Sgramaticada
Sgramaticar
Sgranada
Pgranàr
Sgranelada
Sgraneladura
Sgranelar
Sgranfada
Sgranfar
Sgranfignar
Sgravada
Sgravar
Sgrezada
Sgrezar
Sgrif
Sgrinfa
Sgrisolo
Sgrossili
Sguaiado
Sguainada
Sguainar
Sguaita
Sguarnir
Sguatara
Sguazada
Sguazador
Sguazar
Sguazo
Sgubia
Sgubieta
Si
Sia
Siada
Siagura
Siaguratamente
Sial
Sialaquada
Sialaquar
Sialaquador
Sialupa
Siarada
Siarpa
Siben [p. 411 modifica]
Sicurar
Sicurazion
Sicuro
Sicutera
Sie
Sielta
Sielzer
Sientificamenie
Sientifico
Sienza
Sienziato
Sifon
Sifonzin
Sigil
Sigilada
Sigiladura
Sigilar
Signor
Signorazo
Signoregiar
[[#signori]|Signori]]]
Signorin
Silabazion
Simbolegiar
Simia
Simile
Simiotada
Simiotar
Simioto
Simon [p. 412 modifica]
Simpatico
Simular
Simulator
Simulazion
Simunito
Sin
Sincero
Sindacar
Singoiar
Sinilia
Siniozar
Siniozo
Sinistramento
Sinistrar
Sinque
Sintilada
Sintila
Sintilante
Sintiiar
Sintir
Sinzier
Sinzierità
Sinzieron
Siocagine
Sioco
Siola
Sioladura
Siolar
Siolier
Siolimento
Siolteza
Siolto
Sion
Sionera
Siopero
Sior
Siorazo
Siordidio
Sipario
Siringada
Siringar
Sirocal
Siropar
Siropo
Sisola [p. 413 modifica]
Sisoler
Sistemar
Sistemazion
Situar
Situazion
Sizilian
Sizità
Slambrada
Slambrar
Slambricio
Slanzada
Sianzar
Slaparo
Slargada
Slargadina
Slargadura
Slargar
Slatar
Slavazado
Siavazar
Slavazon
Slechslech
Slechignar
Slechignon
Slegerir
Slep
Slepa [p. 414 modifica]
Slichignada
Slimigar
Stinga
Slofada
Slofarse
Slofona
Slogada
Slogar
Slogiar
Slondron(a)
Slondronar
Slongada
Slongar
Slontanada
Slontanar
Smacada
Smacar
Smafarada
Smafarar
Smafaro
Smagnà
Smagnada
Smagnar
Smagnazada
Smagnazar
Smagnazon
Smagrida
Smagrir
Smaltada
Smaltadura
Smaltar
Smaltir
Smania
Smaniar
Smanigar
Smara
Smargiasada
Smargiasar [p. 415 modifica]
Smargiason
Smarida
Smarir
Smarzir
Smascherada
Smascherar
Smaselar
Smedoiar
Smeiaza
Smemorado
Smentida
Smentir
Smerciar
Smerdada
Smerdar
Smerdon
Smergo
Smeriliar
Smerilio
Smeter
Smezada
Smezar
Smilza
Sminuzada
Sminuzar
Smisurado
Smiz
Smobiliar
Smocolada
Smocoladura
Smocolar
Smocolon
Smoiada
Smoiar
Smoio
Smola
Smolaciado
Smolaciar
Smolta
Smolzer
Smonarse
Smontada
Smontar
Smorfia [p. 416 modifica]
Smorfiezi
smorfiosezi
Smorzada
Smorzador
Smorzar
Smover
Smovidura
Smù
Smufarada
Smufarar
Smusada
Smusar
Snervado
Snervar
Snidar
Snodada
Snodar
Snombolada
Snombolar
Sobilada
Sobilador
Sobilar
Socomber
Socorer
Socorso
Sodisfado
Sodisfar
Sodisfazente
Sodisfazentemente
Sodisfazion
Sofà
Sofigada
Sofigamento
Sofigar
Sofigazo
Sofigon
Sofisticar
Sofisticarla
Sofistico
Sofita
Sofitar
Sofrida
Sofrir
Sogetazo
Sogetar
Sogiogada [p. 417 modifica]
Sogiogar
Sogiornar
Sogiunger
Sogno
Sol
Solada
Soldà
Soldatazo
Soldo
Solenizar [p. 418 modifica]
Solevada
Solevado
Solevar
Solezitamente
Solezitar
Solezitazion
Solezito
Solezitudine
Solfa
Solfarada
Solfarar
Solfegiar
Solfere
Solforadura
Solitamente
Solito
Solitario
Solo
Solupro
Soluzion
Soma
Somaco
Somada
Somar
Somear
Somiliante
Somilianza
Soministrator
Soministrar
Soministrazion
Somision [p. 419 modifica]
Son
Sonadina
Sonado
Sonador
Sonaliera
Sonalio
Sonar
Sonetazo
Sonato
Sonetuzo
Sono [p. 420 modifica]
Sonolenza
Sopa
Soperir
Soportar
Soprafazion
Soprafin
Sopragiunger
Sopresa
Sopresada
Sopresadora
Sopresar
Sora
Sorabondante
Sorabondantemente
Soracalza
Soracamisa
Soracarigar
Soracarigo
Soracassa
Soracogo
Soracotola
Soradente
Soracoverta
Soraleto
Soraintendente
Soraintendenza
Soralogo
Soraman
Soramaniga
Soramanigo
Sorameter
Soramisura
Soramodo [p. 421 modifica]
Soranatural
Soranominar
Soraosso
Sorapiù
Sorapunto
Sorasalto
Sorascarpa
Soraschena
Sorastalìa
Sorastante
Sorataco
Soratera
Soratuto
Sorauman
Soravento
Soraveste
Sorbada
Sorbar
Sorbetier
Sorbeto
Sorbida
Sorbir
Sorboler
Sorbolo
Sordazo
Sordità
Sordo
Sorela
Sorelastra
Sorgheto
Sorian
Sorider
Sormontar
Sorpasar
Sorprender
Sorsada [p. 422 modifica]
Sorso
Sorte
Sortir
Sortita
Sorvelianza
Sorveliar
Sorzeto
Sorzo
Sospender
Sospension
Sospetar
Sospetin
Sospeto
Sospirada
Sospirar
Sospiron
Sostignir
Sostignudo
Sostituir
Sostituzion
Sotaereo
Soterada
Soterar
Soto [p. 423 modifica]
Sotocanzelier
Sofocoda
Sotocogo
Sotogola
Sotointender
Sotolinear
Sotomanvia
Sotometer
Sotomission
Sotopanza
Sotopor
Sotoscagno
Sotoscritor
Sotoscriver
Sotoscrizion
Sotosora
Sotostar
Sotovose
Sotra
Sotrar
Sotrativo
Sotrator
Sotrazion
Sovenzion
Sovignir
Sovrastar
Soziabilmente
Sozialismo
Sozialista
Sozialmente
Sòzida
Sozietà
Sozievole [p. 424 modifica]
Sozievoleza
Sozievolmente
Sozio
Spacada
Spacadura
Spacamonti
Spacar
Spacazochi
Spacio
Spacon
Spada
Spadada
Spadin
Spadòn
Spaduza
Spagheto
Spagnol
Spagnolèto
Spago
Spaiàda
Spaiar
Spala [p. 425 modifica]
Spalada
Spalaza
Spalancada
Spalancar
Spalegiar
Spaleta
Spalin
Spalmada
Spalmadura
Spalmar
Spampanada
Spampanar
Spanacolona
Spander
Spanzada
Spapolada
Spapolar
Sparagnada
Sparagnar
Sparagneto
Sparagnin
Sparagno
Sparagnon
Sparavier
Spareciada
Spareciar
Spareto
Sparida
Sparir
Sparisera
Spariso [p. 426 modifica]
Sparizipn
Sparlar
Sparlazada
Sparmazeto
Sparnizada
Sparnizar
Sparo
Sparpagnar
Sparpaiar
Spartida
Spartidor
Spartir
Spartizion
Sparvier
Spassada
Spassar
Spasseggiada
Spassegiar
Spassegio
Spasseti(andara)
Spasso
Spauracio
Spaurida
Spaurir
Spauroso
Spavento
Spaventoso
Spazabiie
Spazacamin
Spazada [p. 427 modifica]
Spazador
Spazadura
Spazar
Spazeta
Spaziatura
Spaziar
Spazo
Speceto
Speciada
Speciar
Speciera
Specio
Speculante
Specular
Speculazion
Spedir
Speditor
Spedizioner
Spedo
Spedociada
Spedociar
Spelabarbe
Spelaciado
Spelaciar
Spelada
Spelado
Speladura
Spelar [p. 428 modifica]
Spelonca
Spellicili
Spenazada
Spenazar
Spendaciar
Spendacion
Spender
Spensierado
Spenta
Spenton
Speranza
Sperar
Spergiurar
Sperimentà
Sperimentar
Spesa [p. 429 modifica]
Spesona
Spessegiar
Spesso
Speta(andarala)
Spetacolo
Spetacoloso
Spetacùlo
Spetanza
Spetar
Spetator
Spetorada
Spetorante
Spetorar
Spezaria
Speziai
Spezialità
Spezialmente
Spezificamente
Spezificamento
Spezie
Spezier
Spezifica
Spezificada
Spezificamento
Spezificar
Spezificatamente
Spezion
Spia [p. 430 modifica]
Spiada
Spiana
Spianada
Spianadina
Spianador
Spianadura
Spianar
Spiantada
Spiantado
Spiantadon
Spiantaduzo
Spiar
Spiatelar
Spiaza
Spicada
Spicar
Spiciada
Spiciar
Spìco
Spiculante
Spicular
Spiculator
Spiculazion
Spidociar
Spiegada
Spiegador
Spiegar
Spiegazar
Spiegazion
Spienza
Spiferada
Spiferar
Spiga
Spigheta
Spigo
Spigoladà
Spigolar
Spigolo
Spiliatamente
Spiliateza [p. 431 modifica]
Spillato
Spilorzaria
Spilorzo
Spilucar
Spin
Spina
Spinaze
Spinazo
Spinelada
Spinelar
Spiner
Spineta
Spineto
Spiombar
Spion
Spionar
Spionazo
Spiraieto
Spiralo
Spirai
Spirar
Spiritada
Spiritado
Spiritar
Spiritazo
Spiritin
Spirito
Spiritosità
Spiritoso
Spiritual
Spiro
Spiron [p. 432 modifica]
Spironada
Spironar
Spironela
Spironera
Spisima
Spiuma
Spiumada
Spiumadora
Spiumar
Spiumariola
Spiumin
Spiumoso
Spiz(averel)
Spiza
Spizada
Spizar
Spizicomagnifico(a)
Spizo
Spizolada
Spizolar
Splender
Splendor
Spoiada
Spoiado
Spoiador
Spoiar
Spoiatoio
Spoio
Spolmonar
Spolpada
Spolpar [p. 433 modifica]
Spolverata
Spolveradina
Spolverar
Spolverin
Spolverina
Spolverizada
Spolverizar
Spolvero
Spolveroso
Sponda
Spondariola
Sponga
Spongada
Spongheta
Spongosità
Spongoso
Sponta
Spontado
Spontada
Spontadura
E.Kosovitz.— Dizionarioecc.Spontaneamente
Spontier
Sponzariola
Sponzer
Spopolado
Spopolar
Sporcacion
Sporcar
Sporcarla
Sporcatele
Sporchezo
Sporchisia [p. 434 modifica]
Sporco
Sporgenza
Sporger
Sportela
Sportisina
Sporzela
Sposada
Sposalizio
Sposar
Spossar
Spostadura
Spostar
Sprarigada
Sprangar
Sprecada
Sprecar
Sprecator
Spregiado
Spregiar
Spregiudicado
Spremer
Spremidura
Spretado
Spretar
Sprezador
Sprezar
Sprofondada
Sprolungada
Sprolungar
Spron
Spronar
Spropalada
Spropalar
Spróporzion [p. 435 modifica]
Sproporzionado
Sproporzionar
Spropositado
Spropositar
Spropositazo
Sproposito
Spropositon
Sproposituzo
Spropriar
Sproveder
Spruzada
Spruzar
Spudacerà
Spudaceta
Spudacia
Spudaciada
Spudaciar
Spudacih
Spudado
Spudar
Spudariola
Spudasentenze
Spudorado
Spulezar
Spuntada
Spuntado
Spuntar
Spuntelar
Spurgada
Spurgar
Spurgo
Spuza [p. 436 modifica]
Spuzafadiga
Spuzar
Spuzetà
Spuzolente
Squadrada
Squadradura
Squadrar
Squadron
Squaena
Squaiada
Squaiar
Squaquarar
Squaquaron
Squara
Squarar
Squartala
Squartado
Squartar
Squasi
Squero
Squilibraci
Squilibrar
Squilibrio
Squinternada
Squinternar
Squinzia
Sradicata
Sradicar
Sragionar
Sregolar
Sregolado
Sridaciar
Stabilir [p. 437 modifica]
Stabiiida
Stacar
Stafa
Stafier
Stafil
Stafilada
Stagion
Stagionada
Stagionadina
Stagionar
Stagionaza
Stagnacada
Stagnaco
Stagnada
Stagnadela
Stagnadina
Stagnadura
Stagnar
Stagnaro
Stagno
Stala
Stalagio
Stalaza
Staleta
Staifa
Stalla
Stalier
Stalon
Stampa
Stampada
Stampado [p. 438 modifica]
Stampador
Stampadoruzo
Stampanado
Stampanar
Stampar
Stamparla
Stampaza
Stampela
Stampelon
Stampo
Stanar
Stancada
Stancar
Stanga
Stangada
Stangar
Stangheta
Stangon
Stante
Stanzia
Stapar
Star
Staragolo
Stari
Stato [p. 439 modifica]
Statua
Statuaza
Staza
Stazion
Steca
Stecadenti
Stecato
Steco
Stela
Stelar
Steleta
Stema
Stemperada
Stemperar
Stendardo
Stenografar
Stentar
Stenterei
Ster
Stereotipar
Stereto
Sferica
Sterminata
Sterminado
Sterminar
Sterminator [p. 440 modifica]
Sterminio
Stesser
Stesso
Stil
Stilazo
Stiletada
Stiietar
Stimada
Stimador
Stimar
Stimolar
Stiora
Stiorin
Stipendiado
Stipendiar
Stipular
Stipulazion
Stiraciabile
Stiraciada
Stiraciadura
Stiraciar
Stirada
Stirar
Stirpe
Stitico
Stiva
Stivada
Stivador
Stivai
Stivalada
Stivalazo
Stivalon [p. 441 modifica]
Stivar
Stiza
Stizada
Stizado
Stizar
Stizeto
Stizoso
Sto
Stocada
Stocadina
Stocar
Stoco
Stomacai
Stomigada
Stomigar
Stomigaria
Stomigheto
Stomighin
Stomigo [p. 442 modifica]
Stomigon
Stomigoso
Stonada
Stonado
Stonador
Stonadura
Stonar
Stopa
Stopada
Stopar
Stoposo
Storagolo
Stordecio
Stordida
Stordir
Storia
Storiaza
Storion [p. 443 modifica]
Stornar
Stornei
Stornimento
Stornir
Stórno
Storta
Stortisina
Storto
Storzer
Storziménto
Strabastar
Straben
Strabenedir
Strabever
Strabiliar
Strabon
Stracada
Stracaganase
Stracanton
Stracapir
Strachebel.
Stracheboier
Stracheciapar
Stracheciaro
Strachecoto
Strachedegno
Stracheesaltar
StraOheflorido
Strachefondo
Stracheglorioso
Strachelodar
Strachenobile
Stracheperfeto
Stracheprezioso [p. 444 modifica]
Stra che radopiar
Stra che ragionar
Stra che salar
Stra che santo
Stra che savio
Stra che sazio
Stra che spender
Stra che spiumar
Stra che tornar
Stra che vilan
Stra che onorà
Stra che zigar
Stracar
Stracarigo
Stracaro
Stracheto
Straco
Stracolada
Stracolar
Stracolo
Stracomprar
Straconsiliar
Stracontentar
Straconvinzer
Straculo [p. 445 modifica]
Stradaza
Stradela
Stradon
Straduza
Strafalì
Strafalzar
Strafanici
Strafar
Strafin
Strage
Stragiurar
Stragno
Stragoder
Stragolo
Stragrando
Stragrasso
Stragrato
Straia
Straintender
Stralasar
Stralio
Stralocio [p. 446 modifica]
Stralongo
Stralunado
Stralunar
Stralusente
Stramagfnar
Stramato
Stramaturo
Stramazada
Stramazar
Stramazer
Stramazeto
Stramazo
Strambalado
Strambarla
Strambaleria
Stramberà
Strambezo
Strambo
Stramboto
Stramezar
Strampalàdo
Stramortir
Strampalada
Stranfada
Stranfar
Stranfon
Stranga
Strangolada
Strangolapreti
Strangolar
Strangulin
Stranio
Stranudada
Stranudar
Stranudela [p. 447 modifica]
Stranudo
Straobligar
Straocupar
Strapada
Strapagar
Strapar
Straparlar
Strapasar
Strapaza
Strapazada
Strapazado
Strapazador
Strapazar
Strapazo
Strapazon
Strapiantar
Strapiover
Strapiaser
Straponto
Strapon
Straponzer
Straponzidura
Straportar
Straporto
Strapregar
Strarichir
Straripar
Strasaver
Strasentir
Straservir
Strasgionfir
Strasinada
Strasinamento
Strasinar
Strasino
Strasordinar
Strasportar
Strataiar
Stratempo
Strato
Stravacada
Stravacar
Stravagante [p. 448 modifica]
Stravanzar
Stravedo
Straveder
Stravestì
Straviada
Straviar
Stravinzer
Straviziar
Stravoler
Straza
Strazabile
Strazacavei
Strazacuor
Strazada
Strazado
Strazar
Strazaria
Strazariol [p. 449 modifica]
Strazata
Strazeta
Straziar
Strazo
Strazon
Stremida
Stremir
Strenta
Strentina
Strento
Strenzer
Strenzidor
Strenzidura
Strenzimento
Strenziteleri
Strepitada
Strepitar
Streta
Stretada
Stretar
Streteza
Streto
Stretolin
Strica [p. 450 modifica]
Strico
Striga
Strigamento
Strigar
Strigaria
Strigaza
Strighezo
Strigon
Strilada
Strilar
Strilia
Striliada
Striliador
Striliadura
Striliar
Strimpelada
Strimpelador
Strimpelar
Strozada
Strozador
Strozar
Strozin
Strozo
Strucada
Strucalimoni
Strucar
Struco
Strucolada
Strucolar [p. 451 modifica]
Strucolo
Strucon
Strufal
Strumento
Strupiadura
Strupiar
Strupiazo
Strupio
Strusiar
Strusie
Struzeta
Stua
Stubie
Stucadin
Stucador
Stucar
Stuco
Studiada
Studiar
Studieto
Studio
Stufada
Stufadizo
Stufar [p. 452 modifica]
Stufo
Stupidazo
Stupideza
Stupido
Stupidón
Stupin
Stupir
Stupor
Stura
Sturar
Stuzigadenti
Stuzigador
Stuzigamento
Stuzigar
Stuzighin
Stuzigon
Su [p. 453 modifica]
Suasa
Suatara
Suazada
Suazar
Suazeto
Subafitar
Subafito
Subafitual
Subentrar
Subia
Subiada
Subiar
Subio
Subioto
Subir
Subisada
Subisar
Subisso
Subito
Subodorar
Subordinar
Subordinazion
Subuir
Subuiio
Sucursal
Sudada
Sudado
Sudar [p. 454 modifica]
SUGrcare
Sudizion
Sudor
Suesa
Sufiar
Sufio
Sufion
Sufisticar
Sufita
Sufitado
Sufitar
Sufito
Sufragar
Suga
Sugada
Sugaman
Sugar
Sugatoio
Sugerida
Sugeridor
Sugerimenfo
Sugerir
Sugezion [p. 455 modifica]
Sugo
Sugoso
Suizidio
Sul
Suo
Supela
Superada
Superar
Superbazo
Superbia
Superbir
Superbo
Superfizial
Superfizialmente
Superfizie
Superior
Superstizion
Suplicar
Suplir
Supor
Suposizion
Supurazion
Suro
Surogada
Surogar
Susetibile
Susetibilità
Susidiar
Susin [p. 456 modifica]
Susiner
Susister
Susitar
Susta
Suso
Susultar
Susurante
Susurar
Susuro
Susuron
Sutamente
Sutil
Sutileto
Sutileza
Sutilmente
Suto
Suzeder
Suzesion
Suzesivamente
Suzesivo
Suzeso
Suzintamente
Suzinto
Svagar
Svagada
Svalisada
Svalisar [p. 457 modifica]
Svampida
Svampir
Svampido
Svanimento
Svanir
Svaporada
Svaporar
Svariado
Svatara
Svazar
Svazeto
Sveada
Sveado
Svear
Svearin
Svelar
Svelteza
Svelto
Svenada
Svenar
Svenir
Sventado
Sventar
Sventolada
Sventoladina
Sventolar
Sventolin
Sventrada
Sventrar
Svergognada
Svergognar
Svesa
Svestir
Sviada
Sviar
Svignada
Svignar
Svilupada
Svilupar
Svilupator
Svincolada
Svincolar
Sviserado
Sviserar
Sviseratamente
Sviserateza
Svizerò
Sviziar [p. 458 modifica]
Svodada
Svodadura
Svodar
Svodc
Svoiada
Svoiado
Svoiar
Svoiateza
Svoiada
Svolar
Svolatico
Svolazada
Svolazar
Svolger
Svolo
Svoltada
Svoltador
Svoltar
Svolzer

[p. 367 modifica]

S



S diciottesima lettera dell’alfabeto. Pronunciasi esse, e può usarsi tanto al maschile quanto al femminile; S nel linguaggio geografico vale Sud, e così E. S. EstSud, e S. E. SudEst. S. vale anche santo, e raddoppiato S S. Santi, o Santissimo. — S. P. E. M. s’ è visto nel M; P. S. e p. s. nel P.

Sabadilia, sf. bot. sabadiglia — veratrum sabadilia.

Sabion, sm. arena, rena, sabbia; rena grossa: sabbione; rena minutissima: litta; rena de’ deserti: renischio.

Sabioso, agg. arenario, arenoso, renoso, siliceo; sabbioniccio, sabbionoso, sabbioso.

Sabo, sm. sabato, sabbato; no xe sabo senza sol, no xe dona senza amor, v. amor; Dio no paga ’l sabo, v. Dio.

Sabota, sf. gladio, sciabola, spada, squarcina, e in ischerzo: affettapolpe (Baldovini), cinquadea, draghinassa, salacca, durindana — dalla spada di Orlando, e durlindana, che è una storpiatura di durindana; poet. acciaro, brando, ferro; che xe fato come una spada, eusiforme; spada de turchi, scimitarra; spada senza taio, per bater scherma, spada di marra; taio de la spada, filo tagliente della spada; schena de la spada, filo falso, o costola della spada; elsa vale tanto per impugnatura della spada, quanto per quella parte di essa che è per guardia e difesa della mano; dar colpi co la sabola, sciabolare.

Sabolada, sf. sciabolata. .

Saca(far), chir. far saccaia, o far sacco.

Sacazo, sm. saccaccio.

Sachegiada, sf. saccheggiamento, sacco.

Sachegiador, sm. saccheggiatore.

Sachegiar, va. saccheggiare, — andare a sacco, — dare, o fare il sacco, — far preda, — mettere, o porre a sacco. [p. 368 modifica] Sacheto, sm. saccarello, sacchetto, saccolo, e come vilifìcativo: sacchettuzzo; zi. sciarrano sacchetto — centropristis hepatus.

Saco, sm. saccata: — „Saran circa tre saccate di fagiuoli;“ sacco — pi. i sacchi e le sacca; met. buzzo, pancia, stomaco, ventre; rece del saco, pellicini; ciapar, o dar el saco, met. avere, o dare il tabacco del nonno, — avere, o dar l’ambio, o l’erba cassia, o le pere; svodar el saco, met. cantare d’Aiolfo, — pigliare, o scuotere il sacco pe’ pellicini, — scior la bocca al sacco, — sciorre, scuotere, o vuotare il sacco, — sfilar la corona, — sgocciolare il barletto; aver, o esser pien el saco, met. aver colmo il sacco, o lo staio; viver co la testa in saco, met. mangiare col capo nel sacco; esser un saco de ossi, met. essere un sacco d’ossa; saco svodo, o corpo de quel saco svodo, specie d’onesta imprecazione, o anche di semplice esclamazione: sacco rotto, cospettonaccio, perdincibacco — e simili; corsa nei sachi, palio nel sacco; tignir el saco, met. reggere, o tenere il sacco, — tener di mano, o tener mano; co le pive in saco, met. colle trombe nel sacco, come un pulcin bagnato, — mogio mogio; quanti sachi ? quanto sacca: — „ Amelia, vieni da me, di’, quante sacca di bene mi vuo’ tu ?“ a sachi, m. avv. a sacca, a cestoni, a panieri; no dir taco fin che no ’l ,xe nel saco, pvov. non vendere la pelle dell’orso prima che l’orso sia preso, — non dir quattro se tu non l’hai nel sacco, — alle volte si crede di trovare il sole d’agosto e si trova la luna di marzo; saco svodo no sta in pie, prov. sacco vuoto non può stare in piedi, — sacco vuoto non sta ritto; ai sachi ghe se liga la boca e no a la gente, v. boca; xe più fazile farghe la guardia a un saco de pulisi che a una dona inamorada, v. dona; dove che xe andada la farina che vadi anca ’£ saco, v. farina; o de paia o de fien basta che ’l saco sia pien, v. fien; al mulin se va con do sachi, v. mulin.


Sacola, sf. art. e mest. femminella.

Sacramentar, va. bestemmiare, imprecare, — attaccarla al ciel del forno, — tirar moccoli, o tirar sagrati.

Sacranon, v. usata per adonestare altra voce imprecativa; e detto di donna tremenda: dragonessa: — „Chi ne può con quella dragonessa ? pover’a chi le contradice.“

Sacratoner, lo stesso che sacranon, nel primo significato.

Sacrificar, va. sacrificare, sagrificare, — offerire in sacrifìcio.

Sacrifizio, sm. sacrifìcio, sacrifizio, sagrificio, sagrifizio.

Sacristia, sf. sacrestia, sagrestia; inter. cospetto, cospettonaccio, perdincibacco, potenzinterra — e simili.

Sacro, agg. sacro, sagro; met. certo, indubitato.

Sacrosanto, lo stesso che sacro nel secondo significato.

Saeta, sf. benedetta, folgore, fulgetro — pi. le fulgetra, fulmine, saetta; met, dragonessa: — „Non è una donna colei, è una dragonessa;“ caminar come le saete, met. balenare a spina pesce: — „Qual tortuoso camminare è ubbriaco, balena a spina pesce;“ che te vegni una saeta, m, imprecativo: che ti pigli o che ti venga una saetta, — possa tu accidentare.

Sagiar, va. assaggiare, gustare, libare, saggiare.

Sagoma, sf. staza; met. forma, modello; esser una bela sagoma de omo, de dona, met. essere una bella tacca d’uomo, ecc.

Sagomada, sf. stazatura; dar una sagomada, stazare, e met. alzare il fianco, o alzare il gomito: — „Han alzato il gomito che non sapevan più dove si fossero;“ scandagliare: — „Vi interessa saperlo ? lasciate che lo scandagli io e vedrete se non levo la lepre dal bosco.“

Sagomador, sm. stazatore; met, beone, bevitore, cioncatore.

Sagomar, va. stazare; met. cioncare, trincare.

Sai, agg. assai, molto; so sai mi — formola spicciativa: so assai, o so assai io. [p. 369 modifica] Sai, sm. sale, — cloruro di sodio; met. acume, sottigliezza d’ingegno; clae contiene sale: salifero: — ^Miniera salifera.“ — „ Acque salifere;“ clie ha del sale: salino: — „Concime salino.“ — „Combinazioni saline;“ luogo destinato a esservi venduto il sale: salaia; chi vende sale: salamoio; sai de mar, sale comune, sale di cucina, sale di mare, sale marino, salmarino; — fin, o in toco, o de monte, sale di monte, sale minerale, salgemma; sai amaro, sale amaro, — solfato di magnesia; sai amognaco, sale ammoniaco, — idroclorato d’ammoniaca; sai che xe qualche volta sui muri umidi, afronitro; casseta del sai, cassetta del sale; spirito de sai, acido idroclorioo; cavar el sai, dissalare: — „Se non dissalate quelle aringhe, non si potranno mangiarle;“ no aver sai in testa', e con enfasi maggiore: no aver nanca un fià de sai tn testa, met. esser dolce di sale, — mancar a uno più d’un venerdì, o qualche venerdì, — non avere tutti i suoi venerdì; aver sai in testa, met. aver sale in dogana; meter in sai, met. salare, o poter salare; poderse andar meter in sai, met. essere un limone spremuto.

Sala, sf. sala; andar in sala, andare a’ pubblici balli, e propriamena quelli che si danno ne’ teatri.

Salada, sf. insalatura.

Salabraco, agg. citrullo, stolido, zuccone; sciamannato.

Saladizo, agg. salebroso, salmastro, salso.

Salado, agg. salato; tropo salado, — di cibo: amaro di sale; poco salado — c. s.: dolce di sale; costar salado, met. costare un occhio, o costare un occhio del capo, o costare il cuore e gli occhi.

Saladura, sf. insalatura.

Salame, sm. salame; met. babbuasso, citrullo, imbecille, minchione, semplicione, stolidaccio.

Salamelechi, smp. salamalecche, salamelecche.

Salamora, sf. mùria, salamoia.

Salar, va. insalare, salare; salar poco, salegggiare; — tropo, soprassalare.


Salariar, vn. salariare, — dar salario, stipendiare.

Salario, sm. emolumento, mercede, paga, salario, soldo, stipendio; salario de le baie, baliatico.

Salasada, sf. cacciata, o emissione di sangue.

Saiasar, va. salassare.

Salata, sf. insalata; met. carpiccio, rabbuffo, rifrusto, riprensione; passata; salata riza, lattuga crespa; — romana, ascarola; — salata italiana, met. insalata sudicia: — ^Lu’ forchettate d’insalata sudicia e mezzo pollo arrosto dar una salata, met, fare una ripassata; magnar in. salata, met. mangiare in insalata; salata ben salata, poco asedo e ben oiata — lo dicono i buongustai: insalata ben salata, ben lavata, poco aceto, bene oliata, quattro bocconi alla disperata.

Salataza, sf. insalatacela.

Salatiera, sf. insalatiera.

Salatina, sf. insalatina, insalatacela, insalatuzza.

Saldada, sf. saldamente.

Saldador, sm. art. e mest. saldatoio.

Saldadura, sf. insaldatura, saldatura.

Saldar, va. fermare; saldare.

Salep, sm. orchide maggiore, satirione — orchis morio.

Saleta, sf. corridoio; e quale diminutivo di sala: saletta, salettina.

Salice, sm. bot. salce, salcio, salice; salice pianzente, salcio di Babilonia, o piangente, o davidico.

Saliera, sf. salaiuola, saliera

Saliner, sm. salinarolo, salinatare.

Salisar, va. ammattonare — se con mattoni; lastricare, o selciare — se con lastre di pietra; acciottolare — se con ciottoli. Saliva, sf. scialiva, saliva; biascia.

Salivar, va. salivare.

Salivazion, sf. salivazione; t. med. plialismo.

Saliso, salizo, sm. marciapiedi; [p. 370 modifica] saliso de fiera viva, lastricato, selciato; i — de cogoli, acciottolato; — de fiera , cota, ammattonato; — del forno, focolare del forno.

Salizar, e derivati, lo stesso che salisar, e derivati.

Salmistrar, va misaltare.

Salmo, sm. salmo; ogni salmo finissi in gloria, v. gloria.

Salomon, nome proprio di persona: Salomone.

Salnitrio, sm. nitro, salnitro, — nitrato di potassa.

Salon, sm. salone.

Salpa, sf. zi. boga salpa — box salpa. Salpar, va. mar. salpare.

Sal&a, sf. salsa; salsa de caperi, o de selini, pinzimonio; — de anciughe, acciugata; met. lavata, riprensione; bastonatura, carpiccio, rifrusto; dar una bona salsa, met. risciacquare un bucato ad uno; ritrovare, o spionare le costure a chi si sia.

Salsaparilia, sf. bot. salsapariglia — smilax salsaparilia.

Salso, agg. e sm. salsedine, salsezza, salso.

Saltada, sf. saltamento; sanazione.

Saltador, sm. saltatore.

Saltar, va. omettere; saltare; vn. balzare; saltare a piè pari: — ,, Glossista miseruocio che salta di piè pari tutti i passi difficili;“ saltar — quale frequentativo: salterellare, salticchiare; t. de’ cacciatori: balzare: — „Lepre balzata male; * brillare: — „ Nettare che brilla nelle tazze;“ salteggiare: — „ Siamo invitati in casa X e si salteggierà alcune ore con delle belle fanciulle far saltar, met. dilapidare, fondere, scialacquare, spargere, sperperare: — „Ha sperperato in pochi anni tutta la facoltà;“ balzeggiare: — „ Gastone è nel giardino che baìzeggia la sua palla;“ saltar indrio, rischizzare: — , All’udire la proposta rischizzò come un forsennato;“ saltar el grilo, o saltar el grizolo, met, saltare il grillo, o la mosca, o il moscherino; saltar i zinque, met, girare il boccino, — pigliare la scesa di testa: saltar qualcossa per la testa, met. frullare per la testa che che sia, — saltar una cosa in capo; saltar fora del aqua, dei pessi, sguizzare: — „Ve’ come sguizzan quelle sardelle devon essere inseguite dal delfino;“ se la me salta, met. secondo come mi gira; saltar fora, o saltar su — così al proprio come al figurativo: saltar fuori, saltar su: — „Appena si seppe dell’eredità saltaron fuori tutti i creditori “


Saltarin, sm, ballatoio, posatoio, saltatoio.

Saltazo, sm. saltaccio.

Saltisin, sm. saltellino, saltetto.

Salto, sm. balzo, salto; met. capata, scappata scappatella: — ,, Fo una scappatella dal libraio;“ met. volata: — „E ella una volata che ha fatto il sor Maso? da diurnista è diventato direttore;“ salto mortai, salto mortale; far un salto, o fetar un salto, spiccare un salto, e met. passare da casa di: — „Fa un salto del dotor. = Passa“ da casa del medico;“ quatro salti, met. un ballonzolo: — „Dopo cena s’ è fatto un ballonzolo;“ e mi farò i salti — modo di rispondere evasivamente a chi minaccia di fare i passi giudiziari.

Saltuzar, va. salterellare.

Saludada, sf. saluto.

Saludar, va. salutare; salutare movendo le dita mentre si tien fermo il rimanente della mano: far servo; te saludo, met. lo stesso che te saludo Menigo, v. Menigo; saludar xe cortesia risfonder xe dover, v. dover.

Saludo, sm. saluto; levar el saludo, levare, o togliere il saluto; risposta al saludo de un bastimento, contrassaluto

Salutar, agg. salutare, salutevole, salutifero.

Salute, sf. salute; magnar la salute, met. martoriare, tormentare; perder la salute, met. logorare la salute; esser in fochi co la salute, star sulle cinghie, — portare, o seminare i frasconi; aver salute de vender, esser sano come una lasca; farer el ritrato de la salute, v. ritrato. [p. 371 modifica] Salvadigamente, avv. salvaticamente.

Salvada, sf. salvamento, salvazione.

Salvadigazo, agg. e sm. salvatioaccio, salvaticonaccio.

Salvadigheto, agg. e sm. salvaticliello salvatichetto.

Salvadigheza, sf. salvatichezza, salvati oume, selvatichezza.

Salvadigo, agg. selvatico — pi salvatici, e salvatichi; selvaggio, selvatico, selvereccio, silvestre, silvano, agreste, aspro; intrattabile, rozzo, ruvido, rustico, fiero, immansueto; sm. selvaggina, selvaggiume; selvaggio; viver come un salvadigo, met. far vita da cenobita, o da certosino

Salvadigon, agg. e sm. salvaticaccio, salvaticone.

Salvadigume, sm. lo stesso che salvadigheza; bot. . bastardume; rimessi- -ticcio.

Salvador, sm. salvatore.

Salvaomini, sm. mar. scafandro.

Salvar, va. salvare, serbare; che se poi salvar, serbabile serbevole: — „Pere serbabili.“ — „Mele serbevoli;“ salvar el capoto — - modo de’ giuocatori di carte: scappottare: — „Sarebbe gala se giungessi a scappottare;“ san e salvo, sano e salvo — vivo e verde: — .Lo fecero passare per morto, ed oggi te lo vedo vivo e verde “

Salvavita, sm. buongiorno.

Sambucher, sm. bot. sambuco — sambucus nigra.

Sampagna, sf. sciampagna.

Sampagnar, vn. spumare, spumeggiare.

Sampagnin, sm. disutilaccio, panperduto, perdigiorni, scioperone.

San, agg. sano; sanato; salutifero; esser san come un pesse, v. pesse.

Sanar, vn. guarire, risanare, sanare, — far sano, render sanità.

Sandolo, sm. guscio, sandalino, sandolino.

Sandro, nome proprio di persona: Alessandro.

Sanguazo, sm. sanguaccio.

Sangue, sm, sangue; poet, cruore, e cruore è pure il sangue che esce

da una piaga; met. progenie, schiatta, stirpe; discendente; figliuolo; sangue nero, coagolato, che chi patisce d’emorroidi perde spesso dall’ano: atrabile; senza sangue: esangue; quantità di sangue maggiore del bisogno, sicché le funzioni naturali se ne risentono: plètora; quantità di sangue minore del bisogno, c. s. anemia; chi sputa sangue: emottoico; sputo di sangue: emottisi; accompagnato da spargimento di sangue: cruento: — „ Cruenti omaggi offerti agli dei;“ ove non vien sparso sangue: incruento: — - „ Sacrifizio incruento della Santa Messa.“ — „ Scaramucci e incruenti di giornalisti;“ sangue cativo, sangue corrotto; sangue de naso, emorrinia, epistassi; sangue de drago, met. vino coperto; sangue de Gesù Cristo, met. piscio d’angeli: — „Ma questo non è vino, è piscio d’angeli;“ de sangue caldo, met. accensibile; andar a sangue, met. andare ad animo, o a fagiuolo, o a genio; cavar sangue, cavare, o trar sangue, scemar sangue; boir el sangue, o boir el sangue ne le vene, met, accendersi, o bollire il sangue, — bollire il sangue nelle vene; stagnar el sangue, met. chiudere- la lingua, — rintuzzare la baldanza, o l’orgoglio, — tarpare le ali; iazarse el sangue, met. gelarsi il sangue; ciapar a sangue fredo, met, cogliere all’impensata; stringere fra l’uscio e il muro; esser el sangue, met. esser lana delle pecore: — „El marcia in caroza ma col sangue dei creditori. — Sfoggia in carrozza, ma colla lana delle pecore de’ creditori;“ no restar una ioza de sangue ne le vene, met. non rimanere sangue addosso, — rimanere senza sangue; aver nel sangue, met. essere carnato, o essere ingenito: — „L’amore alla nostra lingua è ingenito ne’ nostri petti;“ al idtimo sangue, m. avv. all’ultimo sangue — a tutt’oltranza; de qua se cava sangue — si dice del mettere una mano in sulla snodatura dell’altro braccio piegandolo all’insù, che è atto plebeo di sdegno e d’ingiuria verso chi che sia“, fare un manichette, o un manichino; sangue, no xe aqua, v. aqua; gratar tropo vien san [p. 372 modifica] gue, v. gratar; no se poi cavar sangue del ir,uro,.v. muro; el rider fa bon sangue, v. rider.

Sangueta, sf. zi. anellide di due specie: la mignatta, o sanguisorba medicinale, o sanguisuga — sanguisuga medicinalis, e la: mignatta officinale — sanguisuga officinalis; sangueta de mar, sanguisuga marina — sanguisuga muricata’, meter le sanguete,. applicare le mignatte; essere come una sangueta met. appiccarsi o attaccarsi come la gramigna, — appiccarsi come le mignatte.

Sangueter, sm. mignattaio

Sanguificazion, sf. ematòsi.

Sanguinar, va. sanguinare, — gemere, o stillar sangue.

Sanguinela, sf. bot; sanguinaria, sanguine, sanguinella — digitarla sanguinalìs.

Sanguinoso, agg. sanguinolento, sanguinoso, cruento; non sanguinoso: .incruento.

Saniozo, sm. singhiozzo.

Sampagnin,s/w. disutilaccio, scannapagnotte.

Sanpiero, sm. zi. pesce S. Pietro — - zeus fàber.

Sanson (esser un), met. essere un Ercole, — essere un Sansone.

Santa, sf. santa; far la.santa, met. fare la monachina; acqua santa, v. aqua.

Santamaria, sm. zi. specie di coleottero.

Santificar, va. santificare; canó-nezzare, canonizzare,

Santificazion, sf. santificazione.

Santo, sm. saùto; i santi, la festa d’ognissanti; Santi de Viena, m. gioc. carta monetata austriaca; no. saver a qual santo votarse, met, non sapere dove . dar del capo, o non sapere che pesci pigliare; stufar i santi, o stufar i santi del paradiso, met. allentare lo straccale all’asino; aver i santi per tresso, met. avere il buco a rovescio, — aver le paturne: .— „Lasciatelo in pace, ha il. buco a rovescio oggi;“ aver una pazienza de santi, avere una santa pazienza: — ,.Docente che ha una santa pazienza,“ guardar i santi per tresso, met-, aver la vista,per mattonella; parer un santo, met. parere un santerello, — parere un santificetur; aver qualche santo, met. avere accosti, 0 aver buoni accosti: — „Chi non ha accosti il sapere non gli serve;“ tirar zo tuti i santi, met. attaccarla al ciel del forno, — tirar moccoli, o tirar sagrati; tuto’l santo giorno, met. tutta la santa giornata: — „Fu occupatissimo tutta la santa giornata;“ ai santi veci no se ghe impiza candele, prov. acqua .passata non macina più; andar zo tufi 1 santi aiuta, v. andar; santo in cesa diavolo in casa, v. casa; quando Dio. no voi i santi no poi, v. Dio; scherza> coi fanti e lasa star i santi, v. fante; pasada la festa gabato lo santo, v. festa.


Santoceria, Santociaria, sf. bacchettoneria, bacchettonismo, ipocrisia, santocchieria.

Santocio, agg. e sm. bacchettone baciapile, pinzocchero, santone, santocchio, schiodacristi, sputainferni.

Santola, sf; madre spirituale, madrina, santola; tu santola, e con efficacia maggiore: tu santola grega, specie d’interiezione, e talora d’imprecazione: cospettonaccio perdinci bacco; malan ti colga, possa tu assaettare — e simili, che Dio ci difenda.

Santolo, sm. padrino, santolo, santulo; aver santoli, met. avere’qualche santo dalla sua, o avere qualche santo in paradiso; chi ga santoli ga buzolai, m. prov. chi ha il santo ha anche il miracolo.

Santonico, sm. hot. santonina — specie d’artemisia, l’artemisia santonico de’botanici.

Santuzo, sm. santerello, santuccio.

Sanzion, sf. sanzione.

Sàpolo, sm. mar. imbono.

Saponaria, sf. Hot aro, condisi, saponella — saponaria officinalis.

Sarce, spf. t. mar. sarchie, sarte, sartie.

Sarciame, sf. sartiame

Sardela, sf. zi. sardina comune .-— clupea “ sardina; sardela su le man, spalmata; met. acciuga, allampanato, esile, mingherlino: — ,,Quelle signorine sono davvero tante acciughe;<; esser come le sardele, o esser come sardele in [p. 373 modifica] baril, met. stare come le sardelle, stare ammontati come le sardelle, — esser fìtti come le acciughe, — esser in soppressa.

Sardon, sm. zi. alice, alio — engraulìs encrasicholus.

Saresin, sm. bot. fagopiro, fraina, grano nero, o grano saraceno — polygonum fagopirum.

Sargente, sm. sergente.

Sargo, sm. zi. sargo del Salviani — sargus vulgaris.

Sanandola, sf. zi. lacerta, lacertola, lucerta, lucertola grigia — lacerta agilis; sariandola verde, ramarro — lacerta viridis; met. scarabocchio.

Sariesa, sf. ciliegia.

Sarieser, sm. bot. ciliegio, ciriegio — prunus cerasus.

Sarisin, sm, bot. lo stesso che saresin.

Sarsegna, sf. zi. cercedula maggiore — anas creca.

Sarta, sf. sarta, sartoressa; sarta che va lavorar per le familie a giornada, giornante.

Sarte, Sarto, sm. sarto, sartore.

Sartorela, sf sartina.

Sartuzo, sm. sartuccio.

Sassada, sf. sassata; far le scissade, far a’ sassi.

Sassazo, sm. gassacelo.

Sasseto, sm. sasserello, sasseito, sassicello, sassino, sassolino, sàssuolo.

Sassinada, sf. assassinamento, assassinio: met. dilapidamento, scialacquo, sciupìo, sperperamento.

Sassinar, va. assassinare; met. guastare, sciupare.

Sasso, sm. sasso, pietra, scoglio; di sasso, convertito in sasso, simili al sasso: sàsseo; sasso“ messo dove l’acqua non è profonda per passarla a piede asciutto: passatoio; sasso grandissimo, radicato in terra: masso; scorpena de sasso, zi. cerniola — polyprion cernium; tirar sassi contro de qualchedun, assassare quel tale; restar de sasso, met. rimanere di sasso, o restar pergola; tirar el sasso .e sconder el brazo, v. brazo; roba de far pianzer i sassi, v. pianzer.


Sasson, sm. masso, sassone; balza, dirupo.

Satirizar, va. satireggiare, satirizzare, — far satire.

Satrapo, agg. angoloso, foràstico, misantropo.

Saver, sm. arredo cognizioni, doti dell’animo, dottrina, sapere, scienza; vn. sapere. — essere a giorno, essere consapevole, esser conscio; conoscere: — „Conosce il francese e lo spagnuolo;“ aver sapore; aver odore; sapere del tal sapore o del tal odore; che sa, conscio, consapevole, partecipe; che no sa, insciente, inscio; che sa tuto, onnisciente — ed è un attributo divino; saver de, sapere di:’ —,. Quell’arrosto sa di abbruciaticelo; ’ no saver gnente, met, non sapere biracchio; saver assai — detto antifrasticamente: saper molto, o saper di molto, o sapere per molto:. — „.Ti disi chel vegnarà ?- — So sai mi-\ = Dici che verrà ? — So per molto o: so di molto !“ aver de saver, aver da sapere: — ,,Abbia da sapere che in casa mia sono il padrone io, m’accomoda così e basta;“ no volergliene saver, o no voler saver ne poco ne tropo, met. non voler saperne, o non voler saper nulla, — non .voler udire trattato di chicchesia, — non voler sapere d’una data persona, o cosa, una buccicata; no saver cossa dir, o no saver cossa far, non sapere ohe si dire, non sapere che si fare,. — essere irresoluto; no saver più in là, non saper più là; — ,,L’ho veduto co’ miei occhi, e non ne so più. là; „saver proprio per sicuro, sapere che si sia di buon luogo; saver viver, saper vivere, — aver prudenza; saver, o no saver de bon, sapere buono, o sapere cattivo checchesia: — ,.Sono frittelle che non mi san buono,“ no saver de gnente, o no saver ne de ti ne de mi, non sapere nè di me nè di te, — non sapere di nulla: — „Dice delle sciocchezze che non san proprio di nulla;“ no saver più. cossa far, met. non saper che acqua si bere, — non sapere dove dar del capo, — non saper che pesci pigliare; vignir saver, risapere: — uLo son vignò saver proprio per combinazion. .= L’ho risaputo proprio per combinazione;“ vignir .saver [p. 374 modifica] senza nanca voler, sapere per istraforo: — „Ho saputo per istraforo che la pingue dote vantata si risolve a un po’ di grillaia mal coltivata;“ senza saver ne perchè ne per cos^, sa, senza sapere nè perchè nè per come, o senza sapere nè che nè come, — senza dire nè ai nè bai; studiar e saver sempre meno, aver imparato il bue a mente, — far come le uova che più che bollono e più assodano, — essere come l’ancora, che sta sempre nel mare e non impara mai a nuotare; saver el fato suo, conoscere il fagiuolo dal cece, — conoscere l’acquerei dal mosto, o il mosto dall’acquerello; saver far i fati sui, sapere di barca menare; saver misciarse, sapere maneggiarsi; saver avanti, met. antivedere; saver a menadeo, sapere- a menadito, — conoscere come l’abbici, o come l’Avemmaria; saver una roba cani e porchi, met. sapere che si sia insino i pesciolini, — essere scritta quella cosa in su’ boccali di Montelupo: — „Ea la spia ? gran novità l’ è scritta in su’ boccali di Montelupo;- no ver de saver, met. non interessare: — „Se a mi no me ga costà gnente, questo no ga de saver lu. = Se a me non ha costato nulla questo non ha da interessargli; „saver una roba proprio com,e che la sta, o come che la xe, sapere una cosa per appello e per appunto; la sa, o ti sa come la xe ? inter. spicciativa: sa, o sai che è? — sa, o sai come è? — la sa, o la sai la nuova?: — „E sai come è ? i’ non ci veng’altro, dicano che vogliono;“ se sa, si sa; se sa che, si sa che; so ben mi quel che digo, so quel che io dico quando dico torta; saver de brusà, sapere di bruciaticcio; — de brustoìin, sapere di leppo; — de lispio, sapore di mucido; —defreschin, allezzare, sapere di lezzo; — de scaldà, sapere di ribollito; —• de mufa, sapere di tanfo; — un poco de brusà, de brustoìin, ecc. accennare l’abbruciaticelo, il leppo, ecc.: — intingolo che accenna l’abbruciaticelo.“ — „Non voglio questa carne; ha un accenno di mucido.“ Savio, agg. e sm. saggio, sapiente, savio; i savi bisogna che gabi giudizio per i mati, prov. chi ha più senno e più ne adoperi, — i matti mordono, e i savi se ne accorgono, — un matto getta una pietra nel pozzo, che poi ci vogliono cento savi a cavarla fuori; sa più un mato in casa sua che un savio in casa dei altri, v. casa.


Savori, sm. sapone; che partecipa della qualità del sapone: saponaceo: — „Erbe saponacee.“ — «Mistura saponacea;“ lavarghe la testa al mus.se perdi la fadiga e el savon, v. fadiga.

Savonada, sf. ranno, saponata.

Savonar, va. insaponare.

Savonaria, sf. saponeria.

Savoner, sm, saponaio.

Savor, sm. gusto, sapore, savore.

Savorazo, sm. saporaccio.

Saziada, sf. mangiatacela, satollezzà, scorpacciata.

Saziar, va. satollare, saziare; met. sodisfare.

Sazio, agg. satollo, sazio; met. appagato, soddisfatto; no esser mai sazio, èssere un botro: — „Bimbi che sono tanti botri;“ massa, sazio, m. prov. a gusto guasto non è buon alcun pasto, — allo svogliato il mele pare amaro, — a molti puzza l’ambra, — colombo pasciuto ciliegia amara, — gusto guasto è come vin da fiasco.

Sbacheteda, sf bacchettata; batacchiata.

Sbachetar, va. bacchettare.

Sbadiliada, sf. sbadigliamento, sbadiglio, sbaviglio.

Sbadiliar, va. sbadigliare; sbadiliar per aver visto sbadiliar, risbadigliare; no far altro che sbadiliar, oscitare, sbadigliacchiare: — „Ha. sbadigliacchiato durante tutto il concerto, lo sfacciato !“

Sbadiliarola, sf. svergheggiamento.

Sbagazada, sf. cancellatura, cancellazione.

Sbagazar, va. cancellare, impiastrare, sbagazzare; scarabocchiare. [p. 375 modifica] Sbagazon, sin. sgorbio, scarabocchio.

Sbaizara, agg. e sf. sciamannata.

Sbalà, agg. sbalestrato, spallato, — ridotto al verde. Sbalada, sf. sballatura, sballonata.

Sbaiar, va. millantare, sballare.

Sballar, va. errare, sbagliare, — scambiare. Sbalieio, sm. sbaglietto, sbagliuceio.

Sbalinada, sf. impallinatura.

Sbalinar, va, impallinare: — „ Tirò una fucilata tanto destramente che in luogo di uccidere la lepre impallinò uno della brigata.“

Sbalio, sm. errore, sbaglio; strafalcione.

Sbalon, agg. e sm.. ammazzasette, millantatore, spaccone, tagliacantoni.

Sbalonzolar, va. ballonzare, — fare alla palla.

Sbalordida, sf. intronamento; sbalordimento

Sbalordir, va, e vn. sbalordire; intronare, stordire.

Sbalzar, va. balzare.

Sbancada, sf. sbancamento.

Sbancar, va. sbancare.

Sbandada, sf. sbandamento, sbandata.

Sbandar, va. e vn. sbandare.

Sbarada, sbaramento, sf. sm. sparamento. Sbaraliadà, sf. sbaragliamento.

Sbarairar, va. disperdere, dissipare, fugare, sbaragliare, sbarattare, — volgere in rotta. Sbarar, va. sparare: — „Sparano in segno d’esultanza calcitrare, — sprangar calci, — giuocare alla mora: — „ Cavallo - che calcitra ? alla larga !“ sbarrare: — „I poliziotti sbarravano tutte le uscite.“

Sbarazar, va sbarazzare; francare, liberare.

Sbarazin, sm. monellaccio, monello, sbarazzino.

Sbarbate), agg. imberbe; sm. sbarbatello; met. lattonzolo: — . Lattonzoli che ne voglion sapere più de’ dottori.“


Sbarbotar, va. brontolare, cianciugliare, vociare, barbottare, borbottare, rimbrottare, sborbottare.

Sbaretada, sf. sberrettata

Sbaretar, va. sberrettare.

Sbarcada, sf. sbarco.

Sbarcar, va, sbarcare, e per catacresi: scendere di carrozza — e simili.

Sbarlumada, sf. abbagliamento, abbaglio, e abbarbagliamento, che è un offuscamento un po’ più forte dell’abbagliamento,

Sbarlumar, va. abbagliare, abbarbagliare.

Sbaro, sm. detonazione; sparo, tiro. Sbarufarse, vnp. abbaruffarsi, abbirrucciarsi, azzuffarsi; contendere, leticare.

Sbassada, sf. abbassamento, sbassamene, ’ Sbasar, va. abbassare, chinare; sbassar la testa, met. darsi per vinto, piegarsi, umiliarsi; sbassar ì oci, chinare gli occhi; sbassar la testa per schivar un colpo che ne vien rifilò, far cecca: — „Se non avesse fatto cecca“ gli portava via mezzo la pera.“

Sbasir, vn. sbiadire.

Sbasuzamenti, smp. baciucchìo, sbaciucchio: — „ Sempre con sti sbasuzamenti = Tuttodì con questo baciucchìo !“ Sbasuzar, va. baciuccare, baciucchiare, sbaciucchiare; sm. baciucchìo, sbaciucchìo.

Sbater, va. abbattere; buffottare, sbacchiare, sbattacchiare, sbattere; scuotere; sm. sbatacchio: — ,.Che cos’ è cotesto “ sbatacchio casca ’1 mondo ?“ sbater i piumini, sprimacciare le coltrici; — le ale — del volatile: starnazzare; — le nose zo dei alberi, abbacchiare le noci; — i ovi, diguazzare le uova; — dei liquidi in rezipienti che no xe pieni, sciaguattare: — „Da’ il pieno a quel caratello, non senti come sciaguatta;“ — con fracasso — p. e. delle imposte sbattute dal vento: battacchiare, sbacchiare; sbater la porta sul muso, met. fare un’usciata, sbacchiar l’uscio sul [p. 376 modifica] muso: — „Sudiciona increante o non m’ha fatto un’usciata? “sbater la finestra sul muso, met. fare una finestrata; sbater la polvere, v. polvere.

Sbatidura, sf. sbattitura.

Sbattavi, sm. frusta — „La chiarata la si fa in un bacchio baleno colla frusta.“

Sbatizarse, vnp. met. sbattezzarsi: — «Per certe cose che si vedon i’ mi sbattezzerei!“

Sbatociada, sf. sbatacchiamento, sbattitura.

Sbatociar, va. sbattagliare, sbattacchiare, sbattere; diguazzare; sciaguattare.

Sbatola, sf. picchierella: — „Ho una picchierella che mangerei sassi;“ loquacità, parlantina, scurrilità: — ..Tutte le donne cinguettano, ma colei ha una parlantina che dà sui nervi“

Sbatuda, sf. agitazione, sbattimento sbattuta.

Sbavadura, sf. sbavatura, sbavazzatura.

Sbavar, va. sbavare.

Sbavazar, va. sbavazzare.

Sbavisar, va, t. de’ tipografi; doppieggiare.

Sbaviso, sm. c. s. doppieggiatura.

Sbefada, sf. beffeggiamento, sbeffeggiamento.

Sbefar, va, beffare, beffeggiare, deridere, dileggiare, minchionare, sbeffare, sbeffeggiare, sbertare.

Sbegazar, e derivati, lo stesso che sbagazar e derivati.

Sbeletada, sf. imbellettamento.

Sbeletadura, sf. imbellettatura.

Sbeletar, va. imbellettare, sbellettare; vnp. azziniarsi, imbellettarsi, — darsi il belletto, o il bianchetto.

Sbeleto, sm. belletto, bianchetto; arte di preparare e adoperare i belletti: commotica.

Sbendada, sf. sbendatura.

Sbendar, va. sbendare

Sberla, sf. ceffata, ceffone, manrovescio; una mata sberla, un ceffone co’ fiocchi: — „E vero che me l’ha ritornato, ma ciò non ostante ha ricevuto un ceffone co’ fiocchi.“


Sberlotar, va. schiaffeggiare, — dar ceffoni.

Sberloto, sm. ceffata, manrovescio, marrovescio.

Sbessola, sf. bazza, bietta, mento in fuori, o mento innanzi; bazzone.

Sbevazada, sf. sbeucchiamento, sbevazzamelo.“

Sbevazar, va. cioncare, sbevazzare, tracannare, — azzuffarsi col vino, — caricar l’orza col fianco; sm. vinolenza: — nEl xe morto colpa ’l sbevazar. = È morto causa la vinolenza

Sbevazon, sm. beone, bevitore, sgocciola boccali, trincatore, ubbriaccone.

Sbevuzar, va. sbeucchiare, sbevacchiare, sbevucchiare.

Sbiadir, vn. sbiadire.

Sbiaca, sf. lo stesso che biaca nel secondo significato.

Sbianchizada, sf. imbiancatura, imbianchimento.

Sbianchizar, va. biancare, imbiancare, scialbare

Sbicia, sf. acqua pazza, broscia,, brodaia, sbroscia-: — „Ci da a bere una brodaia impossibile.“

Sbiego (in), m. avv. a bieco, a sbieco, a schisa, a schiso, di schiso, in bieco, per ischiso, traversalmente; in ischisa, in sbieco, in sbiescio, in tralice, obbliquamente, obbliquo, per ischisa; guardar de, o in sbiego, met. guardare a sbieco; ciapar in sbiego, schiancire: — „Lo ha schiancito, per“ fortuna; se lo coglieva in pieno lo lasciava stecchito.“

Sbigolit, sm. lo stesso che pipiu.

Sbigotir, va. atterrire, sbigottire, turbare.

Sbilanzada, sf. sbilanciamento; squilibrio; sconcerto.

Sbilanzar, va. sbilanciare; met. sconvolgere, sconcertare.

Sbilanzio, sm. sbilancio.

Sbilfo, agg. e sm. astutaccio, — corbacchione di campanile, — formi- cone di sorbò, — individuo che ha cotto il cui ne’ ceci rossi, o che ha pisciato su più d’una neve, — bambino da Ravenna. [p. 377 modifica] Sbiro, sm. azzuffino, birro, berroviere, ciaffero, sbirro; met, allegro, demonietto, frugolino, naccherino: — „È un naccherino quel bimbo che tiene in motto tutta la famiglia zi. cetonia dorata (maschio.

Sbisigada, sf. frugacchiamento, frugata; rovistata.

Sbisigar, va. frugacchiare, frugare, rovistare: — „Ha frugacchiato ogni canti®, ma non gli fu fatto di rintracciare gl’indizi;“ arrabattare: — „El sbisiga come che ’l poi. = S’arrabatta come meglio e’ può;“ sbisigar per tuto, ri frustare ogni canto, — por naso a ogni ’cesso; sbisigar con .un spizo, con un fero — e simili — in qualche buso, sfruconare; se sbisiga, si lavoracchia.

Sbisighin, agg. e sm. affannone, buon procaccino, buscatore, faccendiere, faccendone, sollecito — e giocosamente e iperbolicamente: individuo che sa ricucire le tasche alle telline; frugolino, frugolo: — , frugoli malcreati che non lasciano nulla in pace.“

Sbocador, sm. art. e mest. accecatoio.

Sbocadura, sf. c. s. cieca

Sbocar, va, c s. sboccare.

Sbocazà, sbocazado, sbocazon, agg. sboccacciato; sboccato; esser sbocazado, essere libero nel parlare, — essere largo di bocca.

Sbocia, sf. boccia zocchetto: — „Una partitina a’ zocchetti, ai venti uno. “

Sbociada, sf. truccata.

Sbociador, sf. truccatore: — „Truccatore famoso che colpisce colpo colpo “

Sbociar, va. truccare, trucchiare, tirare il rapezzo; sbociar soto man, truccare a man rovescio, o a rovescioni; e dar di romana, o tirar di romana — dicesi quando arrovesciato il polso si slancia la palla in linea retta.

Sborgna, sf. sbornia; ciapar la sborgna, sborniarsi: — „Dovea sborniarsi col bere così a quel modo.“

Sborsada, sf. sborso.


Sborsar, va. esborsare, sbordare; snocciolare.

Sborsariol, sm. asciugaberrette, borsaiuolo, tagliaborse.

Sbraiada, sf. grido, strido, urlo; urlata.

Sbraiar, va. sbraitare, urlare, — gridare a squarciagola.

Sbraion, sm.. chiassoso, gridatore, sbraitone, urlatore, urlone.

Sbranada, sf. sbranamento; sbrano.

Sbranar, va. sbranare.

Sbrancada, sf. sbrancamene».

Sbrancar, va. sbrancare.

Sbravazada, sf. millanteria, sbravata, sbravazzata, smargiassata.

Sbravazar, va. braveggiare, sbravazzare, — far il bravo — o il gradasso, — fare lo smargiasso.

Sbravazon, sm. cospettone, bravaccio, millantatore, sbravazzone, tagliacantoni.

Sbregabalon (a), m. avv. a centinaia, a cestoni, a carra; allegramente; a briglia sciolta; a tutto potere — insomma è il superlativo assoluto di qualsiasi azione a cui si aggiunga a sbregabalon.

Sbregada, sf. laceramento, squarciata, sbranamento.

Sbregagola (a), m, avv. a squarciagola, — con quanto uno ne ha in gola — ed è aggiunto di gridare, o urlare.

Sbregamandati, sm. cospettone, tagliacantoni.

Sbregar, va. lacerare: — „Ha lacerato tutt’il foglio;“ sbranare: — „Bel gusto a farsi sbranare dalla tigre;“ squarciare: — „Camminava ancora col petto squarciato; ’ stracciare: — „Stracciaste la veste?’peggio per voi, mandate vela dalla cucitrice;a strappare: — „Il marito le strappò la lettera di mano;“ stracciare; t. de’ legnaiuoli: tribbiare: — „ Questa sega inveze de segar la sbrega. = Questa sega in luogo di segare, tribbia;“ sbregar coi denti una carta bagnada, v. carta.

Sbrego, sm. sdrucio, squarcio, strappo; met. detta, fortuna; aver sbre [p. 378 modifica] SBR, go, met. esser iti detta, — aver tre pani per coppia.

Sbregon, sm. lo stesso che sbrego nel senso proprio.

Sbrenar, va. sbrigliare, sfrenare.

Sbrigada, sf. sbrigamento, spicciata.

Sbrigar, va. sbrigare, spicciare, definire.

Sbrigliarsela, vnp. battersela, sbiettare, spulezzare, svignarsela, — darla pe’ chiassi.

Sbrindolo, sm. brincello, pezzuolo, scaccolo: — , E’ assai se può mettere ogni giorno un brincello di carne al fuoco;“ brindello, rimbrenciolo, sbrendolo (Giusti): — „Ha la veste tutt’a brindelli.“

Sbrindoloso, agg. sbrendolone, sciamannato; sciatto.

Sbris, v. usata ne’modi avverbiali: ciapar de sbris, pigliare a scancio, pigliar scarso, schiancire: — ,,Gli tirò un fendente che lo pigliò a scansio;“ e veder de sbris, vedere per ispiechio, vedere alla sfuggita, o veder fuggiascamente: — ,.Credo d’averlo ravvisato, ma non posso asserirlo avendolo veduto fuggiascamente.“

Sbriso, agg, miseruccio, sbricio, strucio ,tritino: — „ Veste tritino tritino che fa pietà a vederlo così a quel modo.“

Sbrissada, sf. scivolata, sdrucciolata, sdrucciolone: — “Con uno sdrucciolone solo giunse in. fondo la via;“ mei.scappatella: — „Ho fatto una scappatella al caffè per vedere se mai ci fosse.“

Sbrissante, agg. sdrucciolevole, sdruccioloso.

Sbrissar, va. e vn. scivolare, sdrucciolare; sbucchiare: — ,,Tutte queste tazze i’ non le posso portare: ho paura che me ne sbuccili qualcuna;“ sbrissar sul iazo, fare allo sdrucciolo, — fare gli sdruccioloni; pattinare; sbrissar fora de man, cadere, o scivolare di mano; sbrissar fora de - man dei pessi co se li ciapa, sguizzare; el sbrissa ma no ’l casca, v. cascar.

Sbrisson, sm. lo stesso che sbrissada nel primo significato.

Sbrissosó, agg. lo stesso che sbrissante.


Sbroco, sm. sbocco, scoppio; sbroco de sangue, chir. ribocco, o sbocco, o trabocco di sangue, — emottisi.

Sbrodaciado, aqg. imbrattato, imbrodolato, lordo, sudicio

Sbrodaciar, va. imbrodolare, insozzare, insudiciare. —Sbrodacion, agg. e sm. brodolone, lercio, sudicione. “ jgSbrodaus, sbrcdicio, sm. acqua pazza, brodaia, brodicchio, broscia, sbroscia; confusione; cosa da nulla.

Sbrodigada, sf. abborracciamento, acciabattamento, acciarpamento: ^diguazzamento. ’

Sbrodigar, va. abborracciare, acciabattare, acciarpare, lavoracchiare; diguazzare; errare, fallare, sciupare; imbrodolare.

Sbrodighezo, sm. acciarpamento, sporcheria, strafalcione; intruglio: ---,. Mangia certi intrugli che neanche i cani;“ nel senso di ricucitura mal fatta: raffrigno. Sbrodigon, agg. e sm. abborraccione, acpiabattatore, acciarpatore; affatturatore.

Sbrodolon, agg. e sm. lo stesso che sbrodacion. ,

Sbrovada, sf. abbruciatura, bruciatura, scottata, scottatura.

Sbrovadina, sf. scottaturina. Sbrovada, agg. bruciato, scottato; met. abbacchiato, mogio, mogio mogio, mortificato umiliato; danneggiato; restar sbrovado, met. cader l’acqua bollita addosso ad alcuno, — aver avuto l’acqua bollita addosso, — rimaner brutto, — rimaner piccino piccino, — rimanere un zugo.

Sbrovar, va. e vn. bruciare, scottare; bislessare, fermare, rifare; sbrovar i porchi per spelarli, bruciare i maiali

Sbrovente, agg. bollente, brucente,^ cocente.

Sbrufada, sbrufo, sbrufon, sf. sm. sbruffata, sbruffo, spruzzata; aspersione, spruzzo; sbrufon del cavai, sbuffo; — de vento, buffata, buffo, folata; — de rider, scroscio di riso; [p. 379 modifica]che da qualche volta la bota che se glie mola ’l cocon, o la botìlia co se ghe mola ’l topo, zaffata.

Sbrufador, sm. annaffiatoio, innaffiatoio.

Sbrufar, va. sbruffare, spruffare, spruzzare, spruzzolare.

Sbudelada, sbudelamento, sf. sbudellamento, sventramento.

Sbudelar, va. sbudellare; sventrare; met. gccoppare, ammazzare, uccidere, — far la buccia; farse sbudelar per qualchedun, met. farsi sparare per quel tale.

Sbufada, sf. sbuffamento; fremito, soffiamento.

Sbufadina, sf. sbruffetto.

Sbufar, va. sbuffare.

Sbufonada, sf. corbellatura; sbeffeggiamento; risata.

Sbufonar, va. corbellare, cuculiare; deridere; ridere.

Sbugiardada, sf. smentita:“ — A quella smentita diventò di bragia.“

Sbugiardar, va, sbugiardare, smentire.

Sburtada, sf. pinta, sospinta, pintata, spinta, spintone, urto, urtone; met. impulso.

Sburtar, va spignere, spingere; nel senso di esortare uno a far una cosa: ammonire; sburtar indrio, rispingere. Sburto, sm. sporgenza, sporto.

Sburtoli, smp. v.. scherz. fagioli, fagiuoli.

Sburton, sm. lo stesso che sburtada.

Sbusada, sbusadura, sf. bucatura.

Sbusadina, sf. bucaturina.

Sbusar, va. bucare, bucherellare, forare, trafiggere, traforare; sbusar fazendo buseti assai fissi, foracchiare; sbusar uno fora per fora, sfondolare ad uno la pancia; andar sbusa, m. avv. andar fallita.

Sbusazar, va. bucacchiare.

Sbuso, agg. bucato, forato; andar sbusa, m. avv. andar a marmo, andar fallita, — fare come i pifferi di montagna, — rimaner delusi, scornati; — uscire in ciancia; aver le man sbuse, v. man.


Scabel, sm. comodino: — “Sul comodino ci tengo la notte una rivoltella “

Scacada, sf. scaccata.

Scachegiado, agg. scaccato, scaccheggiato, — fatto a scacchi.

Scacchiera, sf. scacchiere, scacchiero.

Scaco, sm. scupo; casa: — „Lo scacchiere è formato di sessantaquattro case;“ scaco perpetuo — modo de’ giuocatori di scacchi: tavola: — gessate il giuoco, è tavola;“ veder el sol a scachi, met. vedere il sole a scacchi; ciapar scaco mato, avere, o ricevere scacco matto — e usasi così al proprio come al figurato.

Scadenada, sf. scatenata; scatenamento.

Scadenar, va. scatenare; sm. scatenìo.

Scader, vn. scadere, decadere, declinare.

Scaduda, sf. scadimento

Scafa, sf. acquaio, pila; mei. bocca svivagnata; far la scafa, met. far la bocca brincia.

Scafai, sm. scaffale.

Scafo, sm. v. met. caramogio, mostriciuolo, orrore, scarabocchio: — „Anco quell’orrore ha trovato marito!;“ meretrice, mondana-, prostituta; concubina.

Scagazada, sf. scacazzamento, scacazzìo.

Scagazar, va. scacazzare.

Scagazon, agg. e sm. merdellone, smerdone; met. vesciaio, vescione; arrogantuccio, saccentuzzo.

Scagnel, sm. scannello; ponticello; scagnel del naso, dorso, o spina del naso.

Scagneto, sm. predella; scagneto de le caroze, sederino.

Scagno, sm. scagno, scanno, scranna, sgabello; la merda co la monta in scagno o la spuza o la fa dano, v. merda.

Scaia, sf. scaglia, scheggia.

Scaiada, sf. scagliamento, scagliata; scheggiamento.

Scaiar, va. avventare, lanciare, scagliare; scheggiare; scaiarse adosso [p. 380 modifica] de qualchedun, scagliarsi addosso ad alcuno, — avventarsegli, o gettategli addosso.

Scaieta, sf. scaglietta, scagliettina, scagliola.

Scaio, sm. ascella, ditello.

Scaioso, agg. scaglioso.

Scala, sf. scala; scala doppia a mano, o scala di legno manevole e di poclii scalini, che si regge da sè sulla propria base: scalèo; due scale l’una di fronte all’altra, con un ripiano nel mèzzo — come quelle p. e. che si vedono davanti la porta laterale della chiesa dei gesuiti: scalèra — si usa generalmente al plurale: — „Le scalere dei Gesuiti sono state picchiettate di fresco;“ scala, nel senso di una parte di scala divisa in due e più: branca: — «Per giungere al primo piano ci voglion tre branche;“ scala de corda, scala di corda; scala a bovolo, o a cagoia, scala a chioc— ciola; scala de zontar, scala da annestare; scala in pie, scala erta, o scala ripida; su le scale, sulla scala; sul pianerottolo; andar su co le scale, scalare: — „I vigili scalarono attraverso le fiamme e giunsero a salvare i pericolanti;“ cascar: zo de le scale, misurare, o ruzzolare la scala; no volerghe le scale de seda, met. dimesticarsi senza mandorle, — non si far stracciare la cappa, o non si far stacciare i panni.

Scalaza, sf. scalaccia

Scaldabanche e scaldacareghe, smf. v. met. scaldapanche, scaldaseggiole; frustamattoni panperduto, perdigiorni, scioperato, scioperone.

Scaidada, sf. scaldata, riscaldamento.

Scaldadina, sf. caldo: — „Vengo subito, tanto“ ch’i’pigli un caldo.“

Scaldado, agg. infervorato; scaldato; sobillato; aver, o saver de scaldò, sapere di ribollito: — Questo caffè mi sa di ribolito, non lo posso mandar giù.“

Scaldaleto, sm. pignatella, scaldaletto: — „Mettete delle brage nella pignatella e correte nella mia stanza;“ met. martinaccio: — „Martinaccio del nonno, che segna le dodici all’alba.“


Scaldaman, sm. scaldamane, scaldamani, scaldamano.

Scaldar, va. e vn. accaldare, accolorare, scaldare, scaldeggiare, infervorare: — „S’infervora troppo, e causa ciò perde talora il filo del ragionamento;“ sobillare: — „Lo han sobillato tanto che ha finito col percuotere la moglie;“ scaldar, o scaldarse un poco, scalducci are: — „ Scalduccia un po’ il vestitino della bambina.“ — „S’è scalducciato in una casa di contadini;“ scaldar le careyhe, acculattare le sedie; — el figà, o el sangue, met. alzare i mazzi, — ribollire il sangue; — i feri, mef. accendere le brace, — soffiar nel fuoco, — scaldeggiare, — fomentar l’ira; — el cui, met sculacciare; ccaldarse nel parlar, infervorarsi nel dire; scaldarse al zogo, avere il pugniticcio; — le man, batendose i brazi, in erose, o soto i scai, battere la birbantina; quando la casa ardi tuti se scalda, m, prov. quando l’albero è caduto tutti corrono a far legna.

Scalditi, sm. braciere, caldano, coppino, pretina, scaldino; scaldin per scaldar i pii, scaldapiedi.

Scalembro (in), m. avv. obbliquamente, obbliquo:;— „Poni obbliquamente quel corrente.“ — „Ma non vedete che quella biffa è obbliqua * Scaletaria, scaleteria, sf. offellèria, pasticceria.

Scaletier, sm. ciambellaio, offelliere, pasticcerò.

Scalfidura, sf. scalfitto, scalfittura: — „ Quello scalfitto, volere o volare, fu causa della sua morte:“

Scalfir, va. sealficcare, scalfiggere, scalfire.

Scalfo, sm. boccale, mezzina; sciamannato, sciatto; cialtrona, scanfarda: — „Ci vuole un buono stomaco per sposare quella scanfarda.“

Scaliti, sm. gradino, scalino; scalino dello scalèo: pirolo, piuolo, staggio; scalin che fa i barbieri su la testa, a quei che i ghe taia i cavei. scala: — „Ve’ quante scale gli ha fat [p. 381 modifica] to oggi il barbiere;“ andar, o cascar zo de un scalin, met. scendere un gradino: — . Dacché ha avuto un maschio le bimbe son scese di un gradino.“

Scalinada, sf. gradinata, scalerata, scalere; scalinata; scalinata davanti a chiese, a teatri, ecc.: scalèa

Scalmana, scalmanado, agg accaldato, accerito, scalmanato, scalmato, scarmanato.

Scalmanada, sf. accensione, scalmana.

Scalmanarse, vnp. accendersi, infiammarsi, scarmanarsi.

Scalogna, sf. bot scalogno — allium ascalonicum’, met, iattura, iettatura; portar la scalogna, met. portare la disdetta: — „ Vinceva, è venuto a sedersi press’a me e m’ha portato la disdetta disutilaccio;“ esser la scalogna in persona, met. essere un sacco di disdetta: — „I’ non lo vo’ avere più per compagno è un sacco di disdetta colui; • aver la sperpetua addosso: — „E inutile che mi ci metta; già non ci riesco: ho la sperpetua addoss’io.“ Scalogner, scalognoso, agg. disdiciate, infelice, sfortunato, — la panca delle tenebre; posto scalognoso — giocosa superstizione de’ giuocatori di carte: posto della disdetta: — ,,Vorreste ch’io mi sedessi ogni giorno nel posto della disdetta? no cari, piuttosto non giuoco oggi.“

Scalon, sm. ridolo, stangone: — „Carro a stangoni;“ scalona: — „Una vera scalona da titani, o da ciclopi.“

Scaluza, sf. scaletta, scalina, scaluccia.

Scalzacan, sm. farabutto, guidone, mariuolo, mascalzone, panperduto, pelapiedi, perdigiorni, scalzacane, scalzacani, scalzagatto, scalzagatti, scioperato.

Scalzada, sf. scalzamento, scalzatura: — „Ho veduto con dispetto lo scalzamento di quel pero;“ coppia di calci, calcio: — Con una coppia di calci uccise uno e ne ferì due;* colpo di calcio: — „Ebbe fracassata la testa a colpi di calcio.“


Scalzar, va. scalzare: — „Ha fatto scalzare que’ roveri magnifici;“ scalciare, scalcheggiare, — tirar calci, sparare: — „Alla larga da quel cavallo e’ spara;* no se scalza un alboro con un colpo solo, prov. al primo colpo non cade l’albero, — a penna a penna si pela l’oca, — a uno a uno si fanno le fusa, — a soldo a soldo si fa il fiorino.

Scalzinadura, sf. scalcinatura.

Scalzinar, va. e vn. scalcinare.

Scambiada, sf. cambio, scambiamento, scambio.

Scambiar, va. scambiare, — scambiare da una cosa a un’altra; e quale frequentativo: scambiettare.

Scampada, sf. evasione, fuga, fuggita, scampamento, scappata, scappatura, schifamento, sfuggimento.

Scampagnada, sf. scampagnata. A Roma, perchè van a passare la giornata nelle vigne prossime alla città, le dicono vignale.

Scampanada, sf. scampanata, scampanìo: — -Ci volea questo scampanìo per la morte di quell’usuraio.“

Scampanar, va. scampanare tempellare; sm. scampanìo.

Scampanelada, sf. scampanellata.

Scampanelar, va, scampanellare; sm. scampanellìo.

Scampanizada, sf. lo stesso che scampanada.

Scampanizar, va, lo stesso che scampanar.

Scampar, rn. fuggire, scappare; sfuggire: — Alcuni de’ corrispondenti mi -son pur troppo sfuggiti traboccare: — ^Presto che il latte trabocca;“ evadere: — „Sono evasi dalle carceri criminali cinque detenuti;“ scappare a dire, o scappare a fare che che sia: — ,. M’ è scappato a dirla maledissimamente.“ — „Anche non volendo scappa a farlo;“ che.scampa. fugace, fuggevole, fuggitivo: — „Eugaci giovanili ebbrezze;* scampar come i mati, o scampar de tuta fuga, abbandonarsi alla fuga — affibbiarsi le scarpette, — fuggire a precipizio: — ,, Quando videro la forza ar- [p. 382 modifica] mata s’affibbiarono le scarpette — con furbana, schippire; — in scondon, darla pe’ chiassi; ghe xe, o me xe scampò, si è, o mi sono scompisciato,, o sconcacato; averla scampada bela, met. aver succhiellato una bella carta: — „Venir assolto dopo tante bricconate può-dir d’aver succhiellato una bella carta;“ no se ghe ne scampa, m, prov. da questo fiasco si ha da bere-; serar la stala co xe scampadi ì manzi, v. manzo.

Scampo, sm. salute, scampo, salvezza; zi. cancro norvegio, o nefrope norvegico -— cancer, o nephrops norvegigus-, no esserghe scampo, non esserci scampo, — non esserci via d’uscita, — aver dato in un ronco. Scampon, sm, momento; fuggita, scappata, scappatella scorsa; dar un..scampon, dare una capata, o dare una capatina.

Scanadura, sf. scannatura.

Scanalatura, sf. scanalatura.

Scanalar, va. scanalare.

Scanar, va. scannare, scuoiare; met. angariare, malmenare, vessare: — „Col continuo angariare stancano anco gli agnelli;“ -fendere,- scialacquare: — Eredità scialacquata miseramente.

Scandaiada, sf scandagliamento.

Scandaiar, va, scandagliare; met. scandagliare, — far lo scandaglio, — tentare il guado

Scandalo, sm. scandaglio.

Scandalizada, sf. scandalezzamento

Scandalizador, sm. scandalezzatore; scandalizzatore, scandolezzatore.

Scandolizar,,va. scandaleggiare, scandalezzare, scandalizzare, scandolezzare.

Scandolo, sm. scandalfezzo, scandalo, scandolo; mal esempio; piera del scandolo, v. piera.

Scanelà, scanelado, agg. scannellato; striato.

Scaneladura, sf. scannellatura; stria: — „Vedete queste scannellature per lo lungo di questa colonna? d’ora in avanti le chiamerete col loro vero nome, strie.

Scanelar, va. accanalare, scanalare; scannellare; stiare.


Scansada, sf. scansamento, schifamento, sfuggimento.

Scasar, va. evitare, cansare, scansare, sfuggire.

Scantinada, scantinamelo, sf. sm. scuotimento, traballamento, vacillamento.

Scantinar, va. e vn. barcollare, ondeggiare, tentennare, traballare; esser indeciso, stare in forse, ondeggiare, pencolare: — „ Pencolava, pencolava, poi l’ha voluto lui;“ scantinar i denti, ballare i denti.

Scantonada, sf. scantonamento.

Scantonar, va. scantonare.

Scanzeladura, sf, cancellatura, concellazione, scancellamento, scancellatura, scancellazione; met. scancellati cciò: — „Chi do min può tr ovarsi fuori in questo scancellaticelo.“

Scanzelar, va.. cancellare, scancellare; radiare: — „Lo han radiato dalla lista degli elettori.“ “

Scanzìa, sf. scaffale, scansìa: — Dichiara .d’aver gli scaffali pieni zeppi di libri;“ scanzìa dei piati, ranceria, rastrello, scanceria.

Scapelada, sf. scappellata, scappellatura.

Scapelar, va. scappellare, — fare di -berretto, o fare di -cappello, — scoprirsi il capo.

Scapestrado, agg. dissoluto, licenzioso, scapestrato, sfrenato; de scapestrado, dissolutamente, licenziosamente, scapestratamente, sfrenatamente; viver de scapestrado, vivere scapestratamente, — scapestrare, scapestrare: — „Scapestra allegramente “Sra che ha ereditato quattro zolle.“ . Scapitada, sf. scapitamelo.

Scapitar, vn. scapitare.

Scapola (far), m. avo. far forca, — bucare, o salar la lezione,l’ufficio ecc.

Scapolar, vn. scapolare, — andare, od essere esente, — far esente; scapolarla, met. cavarne le ossa; scapolarla per él buso de la ciave, met. uscirne pel rotto della cuffia.

Scapoler, sm. chi fa forca, o chi sala la lezione, ecc. [p. 383 modifica] Scapolo, sm. celibe, libero, scapolo.

Scapriziar, va. scapricciare, scapriccire. • Scapuzada, sf . scapuccio — tanto nel senso proprio quanto nel metaforico: — „Degli scappucci chi più chi meno ne abbiam fatto tutti.“ -„Forse che lo scapuccio del cavallo non è- la causa della disgrazia ?“

Scapuzar, va. inciampare, intoppare, scappucciare, scappuzzare: — „ Azzoppò per essere inciampato;“ derogare, tralignare, transigere: — „E’ tale un galantuomo che nessuna promessa potrà farlo transigere;“ scappucciare: — «Dinanzi a quelle fattezze incantevoli ha scappucciato anche lui, il misògino.“

Scapuzon, sm. lo stesso che scapuzada.

Scarabatola, sf. abituro, catapecchia, stamberga, topaia; attrazzo, ciscranna, sferra; pi. carabattole, masseriziuole.

Scarabizar, va. scarabocchiare, schiccherare, scombiccherare, — fare degli scarabocchi.

Scarabizo, sm. cancellaticelo, scarabocchio, sfregacciolo, sgorbio.

Scarabociada, sf. scarabocchiatura, scarabocchio.

Scarabociar, va. lo stesso scarabizar. - Scaramucia, sf. avvisaglia, scaramuccia, scaramuccio, scaramuglio, Scaramuzza.

Scaramuciar, va. scaramucciare.

Scaranciferi, scarangiferi, smp. denaro, pecunia.

Scaraventar, va. lanciare, scaTaventare.

Scarcaval, agg. e sm. frugolo, vivace, sventato.

Scardobola, sf. zi. Pietro l’eremita — gebia litoralis.

Scaregar, va. paleggiare; scaricare, e poet. scarcare; scaricare parte del carico d’un bastimento, per iscagliarlo: alibare.

Scariga, sf. scarica; -scarica di molte armi da fuoco ad un tempo per segno d’onore — e simili: salva.

Scarigador, sm. scaricatore.

Scarigadura, sf. scaricatura: — ,,Pagategli la scaricatura.“


Scarigada, sm. scaricamento, scaricazione.

Scarigar, va. lo stesso che scaregar.

Scarigo, sm. scaricamento; scarico; sgravio; per scarigo de cossienza, per isgravio di coscienza.

Scarmolin, agg. esile, scarmolino, scarzo.

Scarnevalar, vn. carnascialare, scarnascialare, scarnovalare.

Scarnido, agg. affilato, emaciato, magro, scarnato, scarno, secco, smunto.

Scarnificar, va. scarnificare.

Scarnificazion, sf. catacasmo, scarnamento, scarnificazione.

Scarnir, vn. consumare, dimagrare, scarnare.

Scarozada, sf. carrozzata, scarrozzata; scalessata

Scarozar, va. scarrozzare; scalessare: — n^hi va attorno col calesse scalessa o scarrozza?“

Scarpa, sf. scarpa; scarpa messa a zavata, cianta;.....— rimontada, scarpa riscappinata; — de le caroze, martinica, scarpa; de le strade, banchina; ripa; scarpe che se ghe baia drento, met. scarpe in cui ci si sbigoncia; no poderghe star a le scarpe de uno, met. non legare le scarpe, o non essere degno di legare le scarpe a quel tale; aver i dedi fora de’ le scarpe, met. essere povero in canna, non aver scarpe in piedi: — .,Non ha scarpe in piedi e pretende di fare il signore;“ andar scarpa e tornar stivai, m. prov. andar giovenco e tornar bue; una bela scarpa diventa una bela zavata, prov. scarpa ben fatta bella ciabatta, — quando si è belli, si è sempre quelli; la scarpa grossa paga tuto, m. prov. i cenci volan sempre all’aria; xe meio frugar le scarpe che i linzioi, v. linziol; do pie no poi star in una scarpa, -morir co le scarpe in pie e no aver scarpe in pie, v. pie; andar co le scarpe de piombo, ^/piombo.

Scarpada, sf. scarpata.

Scarpaza, sf. scarpaccia.

Scarpài, sm. scalpello, scarpello, [p. 384 modifica] scalpro;.scalpello da calettare: badile.

Scarpelada, sf. scalpellata, scarpellata, scalpellatura.

Scarpeladura, sf. scalpellatura.

Scarpelar, va. scalpellare, scalpellinare, scarpellare, scalpore, scarpellinare.

Scarpeleto, sm. scalpelletto, scalpellino, scarpellino.

Scarpelin, sm. scalpellino, scarpellatore, scarpellino, tagliapietra.

Scarpelon, sm. scarpellone.

Scarpena, sf. zi. scorpena nera — scorpaena por cu s; scorpena rossa — scorpaena scrofa; scarpena (le sasso, cerniola — poiyprion cernium,

Scarper, sm. scarpaio, scarparo.

Scarpeta, sf. scarpetta, scarpettina, scarpettino: — , Du’ paia di scarpettini pe’bimbi;u scarpino: — „Alla serata della signora Y la signorina calzava scarpini di raso bianco.“

Scarpìa, sf. ragnatelo, tela di ragno; met. camorro, scarabocchio.

Scarpinada, sf. rescappinatura, riscappinatura.

Scarpinar, va. rimpedulare, riscappinare, scappinare.

Scarpion, sm, zi. scorpione europeo — scorpio europa eus; met. camorro, caramogio, deforme, orrido, orrore, scarabocchio.

Scarpionzin, sm. scarpioncello, scorpioncino.

Scarpon, sm. scarpone: — ,,Un par di scarponi per la caccia “

Scarsegiar, vn. difettare, penuriare, scarseggiare.

Scarsela, sf. pera, saccoccia, tasca; tascata: — “Valeva portar via una tascata di semi; aver iti scarsela, met. aver in tasca; calcolare quanto il due di briscola, o quanto il fante di picche; avere in pugno: — ^Pretendeva d’aver il denaro in pugno e l’aspetta ancora;“ meter la man in scarsela, met. frugarsi tasca, — mettere la mano a tasca: — «Chi ha famiglia si sa, deve tutto dì frugarsi tasca;“ meter in scarsela, met. mandare a cena; ripapparsi rivendere: — „Quanto a filologia e’ vi manda a cena quanti siete;“ sugar la scarsela, met. rasciugare le saccoccie; esser sicura una roba come averla in scarsela, essere sicuro come sull’altare; una pena de dindio sta sempre ben in scarsela, prov. sta sempre bene avere a lato due soldi di minchione; le done ga le lagrime in scarsela, v. dona; aver sempre le man in scarsela, v. man.


Scarselada, sf. tascata.

Scarselar, va. intascare; mettere in corbona; t. de’ giuocatori: dar beccare alla putta; magnate ma no scarselate,,v. magnar.

Scarselin, sm. taschino.

Scarselon, sm. tascone.

Scarseza, sf. penuria, scarsità; scarseza de viveri, stretta di vettovaglie.

Scarsizar, vn. penuriare, scarseggiare.

Scarso, agg. scarso; far scarso, diminuire, far scarso, menomare, scarsare; ciapar scarso, schiancire: — , Lo schiancì soltanto, pover’a lui se lo coglieva in pieno;“ misura, o peso scarso, misura, o peso che non torna; scarso de bezi, abbruciato di danari.

Scartabelada, sf. rovistata, scartabellata

Scartabejar, va. rovistare, scartabellare. v

Scartacaval, sm. pirot. salterello.

Scartada, sf. scartamento, scartata scarto.

Scartafazo, sm. scartafaccio, zibaldone.

Scartar, va. scartare, escludere, espellere, ricusare, rigettare: — “Espulso dal consorzio degli onesti perchè fa la spia;“ t. di giuoco: scartare: — „Perchè scarti le fiori?’

Scartaza, sf. setola, spazzola; chi che fa, o che vendi scartaze, setolinaio; scartaza per i denti, setolino; — per i cavai, brusca; met. delatore, marachella, spia; pi. met, favorti, fedine; far la scartaza, met. campare sugli orecchi, — soffiare nel pan bollito, — giuocar a soffino.

Scartazada, sf. setolinata, spazzolata.

Scartazar, va. setolare spazzola- [p. 385 modifica] re; abbruscare: — , M’avete spazzolato la sopravveste, ma vi siete dimenticata di abbruscarmi il cappello;“ met. escludere; dar le pere, o dare il tabacco del nonno.

Scartazata, sf. setolaccia.

Scartazeta, sf. setoletta, setoline, spazzolino.

Scartin, sm. f. de’ giuocatori di carte: cartaccia, cartiglia, cartina, carta scarta, cartuccia, scarto.

Scarto, sm. rifiuto; scarto; scegliticcio, sceliume: — ,,Agli ultimi tocca il scegliticcio, è sempre così;“ t. di giuoco: faglio, o scarto: — ,. Sta attento al faglio.’1 — „Mi mostra il faglio a coppe e ci ha il venticinque.’ •

Scartozeto, sm. cartoccetto cartoccino: — «Portava un cartoccino di fragole;“ met. adone, assettatuzzo, bellimbusto, damerino, imbusto, zerbino: — ,.Fa l’adone anche colle mondane.“

Scartozo, sm. cartoccio; cartocciata: —- .,Gettavano i confetti a cartocciate;“ scartozo de pevere mal incarta, met. attillattuzzo, assettatuzzo, cicisbeo, farfanicchio.

Scarzeramento, sm. scarcerazione.

Scarzerar, va. -scarcerare.

Scassacodolo, sm, zi. coditre--mola, codizonzola, cutretta, cutrettola — quella che sta a preferenza intorno l’acqua; ballerina — quella che sta a preferenza attorno gli animali, ne’ prati.

Scassada, sf. scossa, scotimento, crollata scrollata, scrollo, scrollatura.

Scassamento, sm. scotìo: — „La carrozza ha cattive molle e bisogna aspettarsi uno scotìo maledetto.’1

Scassar, va. e vn. anninnare, cullare, ninnare; agitare, scuotere, squassare, scossare (Poliziano); sciabordare: — ,,Sciaborda un po’ quella medicina; non vedi che tutto l’olio vi galleggia;“ tentennare, vacillare, e concussare, ma dicessi per lo più de’ tremuoti.

Scassinar, va. guastare, rompere, scassinare, sconquassare.


Scasson, sm. scossa, scossone; scasson de piova, acquata, acquazzone, scossa, scossone, scroscio, stroscio di acqua.

Scatarada, sf. scaracchio, scatarrata, scracchio.

Scatarar, va. scaracchiare, scatarrare, scracchiare.

Scatola, sf. scatola; met. esile, piccolo, e vale per naviglio, o barca, a uguali condizioni, e anche per vettura; abituro, casupola, catapecchia, stamberga; romper le scatole, met. rompere il chitarrino, — rompere i corbelli, — rompere gli stivali, — rompere a uno quello che non gli si ha fatto, e nel senso di chi ciarla stucchevolmente: fare come la putta al lavatoio; parer cavò fora de una scatola, met. parere uscito da uno scatolino: — „Non pende un pelo a questo abbigliamento: ella par uscita da uno scatolino; “ scatola de Pavia che co no se la dopra più se la buta via, scherzo popolare usato da chi annasa tabacco, per significare che lo tiene nella carta nella quale lo compera senza far uso della rispettiva scatola.

Scatolaza, sf. scatolaccia.

Scatolon, sm. scatolona, scatolone.

Scatoier, sm, scatolaio, scatoliere.

Scavada, sf. scavamento, scavazione.

Scavador, sm. scavatore.

Scavadura, sf. scavamento, scavatura, scavazione.

Scavar,, va. scavare.

Scavalcar, va. scavalcare, scavallare: — „Lo fecero scavalcare e gli rubarono quanto aveva di buono addosso.“ — „Messosi di buzzo buono ha scavalcato tutti i suoi condiscepoli;“ scalare: — ^Scalate le mura il nemico mise la città a ferro ed a fuoco. “

Scazada, sf. cacciamento, cacciata, scacciaggione, scacciamento, scacciata.

Scazadina, sf. scacciatella.

Scazar, va. discacciare, cacciare, scacciare, scaciare. E. Kosovitz. — Dizionario ecc. 25 [p. 386 modifica] Scavezada, sf. schiantatura, schianto, stiantatura.

Scavezar, va, rompere, scapezzare, scavezzare, spezzare; schiantare, stiantare: — „Il fulmine stiantò la vetta del nostro superbo cipresso;“ scavezado in colomba, met, sbilenco.

Scavezo, sm.. acquerello, giunta, vinello.

Scenza, sf. (scenza) scheggia; schiappa, stiappa; sverza; scenze inter. cospettaccio, cospetto, perdinci, potenziterra — e simili.

Scenziada, sf. scheggiatura; rinverzatura.

Scenzar, va. (seenzar) scheggiare; scìenzar un. pavimento, rinverzarlo.

Scenzeta, sf. (scenzeta) schegginola, scheggiuzza.

Scenzona, sf. (scenzona) scheggione.

Scenzoso, agg. (scenzoso) scheggioso

Scotamente, ’avv. (scetamente) schiettamente,. — con ischiettezza; candidamente, lealmente..

Sceteza, sf. (sceteza) schiettezza.

Sceto, agg. (sceto) modesto; pulito; puro; schietto; sceto o col late? v. late.

Scheletro, sm. scheletro; met. carcame: — „Trovarono il carcame del capriuolo ferito questa primavera;“ catriosso: — „Quel catriosso sembra la morìa;“ ridotto come uno scheletro: scheletrito: — „L’ abuso de’ liquori lo ha inebetito e scheletrito;“ esser, o parer un scheletro, met. essere .secco e sparuto, — essere, o parere uno scheletro, — essere magro arrabbiato, o arrovellato, o strinato.

Schena, sf. dorso, dosso, schiena; schena. de la man, dorso della mano; — de carega, appoggiatoio, spalliera; — de un libro, costola, o dorso; — de cortei, sabola, e simili: costola; — de porco, arista; butar, o srnacar drio schena, stramazzare supino; voltarghe la schena a un, met. voltare le reni a quel tale; a schena de cavai, m. avv. a schiena d’asino; co la schena, drio schena, o su la schena', riverso, rovescione, rovescioni: — „El xe cascò drio schena e el se ga roto la testa. = È caduto riverso, o rovescione, o rovescioni, e s’è rotta la testa;“ su la schena, supino: — „ Suole dormir supino;“ lavor de schena, lavoro di schiena; fil de la schena, v. fil; meter la schena al muro, v. muro.


Schena, agg. impettito; andar, o caminar, o portarse schenà, andare pettoruto, impecorirsi.

Schena), sm, schienale; appoggiatoio, spalliera.

Schenaza, sf. schienaccia.

Schermo, sm. mar. scarmo; fra stropi e schermi, met. fra ugioli e barugioli: — „Fra ugioli e barugioli ha ricavato il suo.“

Scherzada, sf. celia, scherzamento, scherzo.

Scherzar, va. burlare, celiare, minchionare, motteggiare, ruzzare, scherzare, scherzeggiare.; chi che- scherza, scherzatore; no scherzar, met. non mondar nespole: — „Io lavoro.ma anch’ egli non monda nespole;“ no esser de scherzar, met. non essere di prendersi a gabbo: — „Le minaccio di colui non son daprendersi, a gabbo;“ e no esser de scherzar — con chi facilmente s’adira: averne — quel tale — pochi degli spiccioli e meno da spicciolare; no bisogna scherzar, m. prov. non ischerzar coli’ orso, se non vuoi esser morso; scherza coi fanti e lassa star i santi,, v. fante.

Scherzeto, sm. scherzetto, e come vilifìcativo: scherzucciaccio, scherzuccio; quel scherzeto, o quel bel scherzeto, mei. quel giuoco:— «Voi ridete, voi; ma a:me quel giuoco eosta caro.“

Scherzo, sm. baia, billera, burla, celia, motteggio, scherzo; bruto scherzo, met. mal giuoco; scherzo cativo, bischenca; scherzo ofensivo, biscazzo; no esser, un scherzo, o no esser miga un scherzo — s’usa per indicare cose che son di momento, o cose che non sieno da disprezzarsi: non essere roccia: — „Non son già roccia tutti que’ codici!“ — „Anco alcune migliaia di fiorini non sarebber roc- [p. 387 modifica] eia;“ lei la poi, o ti te poi scherzar, met. lei può, o tu può’ canzonare: — „Ella può canzonare co’ suoi cinque mila fiorini di rendita;“ dir, o far per scherzo, dire, o fare da scherzo, o in ischerzo; cior in scherzo, pigliare a gabbo; scherzo de man scherzo de vilan, v. man.

Schifar, vn. schifare, — avere a schifo, o a stomaco.

Schifosità, sf. bruttura, laidezza, oscenità, schifezza, sporcizia.

Schifo, sm. schifezza, schifiltà, schifo, stomacaggine; far schifo, avere, o venire a noia, — avere, o venire a schifo.

Schifoso, agg. abbietto, lurido, schifóso; met. abominoso, sordido.

Schila, agg. pocolino, micolino, miccicchino minuzzolo, nonnulla, scamuzzolo, zinzino; una schila, met. un minimo che, — un tritolo; sf. zi. squilla — crangon vulgaris.

Schincada, sf. scalfitura, spuntatura; stincata, stincatura; t. de’ giuocatori di bigliardo: papino.

Schincapene, sm. imbrattacarte, impiastrafogli, schiccheracarte.

Schincar, va. scalfire, stincare; t. de’ giuocatori di bigliardo: fare steccacoia, o fare un papino. Schinco, sm. stinco;. met. allampanato, mingherlino.

Schinela, sf. acciacco, affanno, cànchero, dolore, frizzone, malore, mascalcia, piaga, scarezzo, schinella

Schiribizada, sf. scarabocchiatura, “ schiccheramento, schiccheratura, scombiccheramento, sgorbio.

Schiribizar, va. scarabocchiare, schiccherare, schicchirillare, scombiccherare, sgorbiare.

Schiribizo, sm. ghirigoro, scancellaticelo.

Schivada, sf. schifamento, sehifanza; cansamento.

Schivar, va. cansare, scansare, schermire, schivare, sfuggire; allontanare, rimuovere; schivar una persona, scantonare quella tal persona.

Schiza, sf: goccia; s chiza de fango mi vestiti, pillacchera, zacchera; met. schizzo: — „M’ ha dato uno schizzo di pane che appena si vede;“ t. mar. mezzaruola; h^ schiza, met. la., morte secca, o la secca farghela a la schiza, met. fare una cilecca alla morte: — „Era sfidato dal medico e lo dicevano beli’ e spacciato; ma, lui ha fatto una cilecca alla morte, ed ora sta benone.“


Schizada, sf. schizzata, schizzettata; schizada de odo, ammicco, strizzata d’occhio; ’met. acquerella, acquicella.

Schizadina, sf. schizzatina; schizzettatina.

Schizado, agg. compresso, schiacciato; scofacciato; zaccheroso; schizzettato. Schizar, va. aspergere: — „La signorina s’ è messa. ad aspergere il bucato;“ iniettare: — „Deve iniettarsi per ordine medico;“ schiacciare: — Ve’ qui un verme schiacciato;“ scofacciare: — „Gli scofacciò la tuba con un lattone;“ impillaccherare, inzaccherare: — „Dovea correre pel fango e impillaccherarsi a quel modo;“ picchiolare: — „ Acciocché non si veggan le macchie faremo picchiolare di nero quell’abbassamento;“ schizzare: — „Il vino schizzava attraverso il turacciolo foracchiato;“ schizzettare: — „Se avess’io lo schizzetto in luogo di schizzettarti, te lo getterei addosso;“ brillare: — „ Brilla ’1 vin .nelle capaci tazze;“ schizar prima de scovar, perchè che no se levi là polvere, spenger la polvere; schizar de la. piova, piovigginare, pioviscolare; — de odo, chiudere, o strizzar l’occhio, — ammiccare: — „Se non avessi ammiccato al sensale forse ti crederei;“ — co la boca, spruzzare; schisargliela a qualchedun con parole, dare una fardata a quel tale; — coi fati, accoccargliela, o affidargliela ad uno; schizar velen. met. fremere di sdegno, — schizzare fuoco, o schizzare veleno; schizar el grasso fora dei oci, met. essere grasso bracato, essere una palla di lardo,, schizzare dal grasso.

Schizetada, sf. schizzettata, schizzettatura, spruzzata; chir. iniezione.

Schizetar, va. schizzettare. [p. 388 modifica] Schizeto, sm. schizzatoiata: — „ Portami una schizzatoiata di quel miscuglio;“ schizzatolo, schizzetto: — ^Schizzatolo di stagno o d’ottone ?;“ met. schizzetto: — „Va alla caccia con uno schizzetto da trar a’ «orci.“

Schizignoso, agg. repugnante, ritroso, schifiltoso, schifo, schizzignoso, -schizzinoso.

Schizo, agg. camuso, simo: — „Un cosettuccio con un certo nasino camuso;“ sm. schizzo: — „Fa continuamente degli schizzi, ma non conduce nulla a termine.“

Sciabatolo, sm. (sciabatolo) ritrosa, scaricatola, trabocchetto; met, abituro, catapecchia, topaia, tugurio.

Sciafa, sciafo, sf. sm. (sciafa) ceffata, guanciata, schiaffo, stiaffo; met: ingiuria, insulto, schiaffo; sciafo dado su la boca, boccata; esser un sciafo, met. essere uno schiaffo.

Sciafizada, sf. (sciafizada) schiaffeggiamento, stiaffeggiamento.

Sciafizador, sm. (sciafizador) schiaffeggiatore.

Sciafizar, va. (sciafizar) schiaffare, schiaffeggiare.

Sciama, sm. (sciama) lisca, squama, scaglia.

Sciamada, sf. (sciamada) squamata: — „Da un po’ una squamata a que’ ghiozzi.“

Sciamar, va. (sciamar) diliscare, squamare.

Sciamazada, sf. (sciamazada) chiasso, clamore, diavolìo, fracasso, schiamazzo, stiamazzo.

Sciamoso, agg. (sciamoso) scaglioso, squamoso:

Sciamazar, va. (sciamazar) schiamazzare, strepitare.

Sciamazp, sm. (sciamazo) lo stesso che sciamazada.

Scianta, sf. (scianta) micolino, minuzzolo, nonnulla, pocolino, scamuzzolo, tritolo, zinzino; nanca una scianta, neanche biracchio, o neanche straccio, — nemmeno un tritolo, — niente affatto.

Sciantada, sf. (sciantada) crepata, morte, trapasso.

Sciantar, vn. (sciantar) v. bassa: morire.


Sciao, (scìaó) specie di avverbio, eh’ è modo di salutare altrui: addio, salve.

Sciapa, sciapin, agg. sf. sm. (sciapa) acciabattatore, acciarpatore, buono a nulla, cempenna, cerna, da poco, disutilaccio, inesperto; poponella, scagnozzo; sbercia; — de dotor, dottoruzzo; — de maestro, maestronzolo; — de prete, pretuncolo; — de sonador, strimpellatore — e così via.

Sciapinada, sf. (sciapìnada) balorderia, gofferia, imbecillità, insulsaggine, pecoraggine.

Sciarida, sf. (sciarida) dichiarazione, dilucidazione.

Sciarificado, agg. (sciarificado) chiarificato, schiarito.

Sciarimento, sm. (sciarimento) schiarimento.

Sciarir, nò. e vn. (sciarir) diradare, chiarificare, chiarire; -verificare; schiarare, dichiarare, manifestare; illuminare; sciarir la vose, rischiarare la voce; — el tempo, allargarsi il tempo, rintempire, rasserenarsi il cielo: — „Pare voglia rintempire.“

Sciassar, va...(sctassar) ruzzare, .schiassare, — andare in striazzo (Bernij.

Sciatar, vn. (sciatar) crepare, morire, schiattare; met. schiattare: — „ Quello svagolato schiattava a dover lavorare.“

Sciatica, sf. sciatica, e con maggior proprietà: ischìade. ~ “

Sciatina, sf. (sciatma) setola.

Sciavaria, sf. (sciavaria) nome generico che’ comprende tutti i paesi ove si parla lo slavo.

Sciavina, sf (sciavina)- carpita, centone, liena, sargano, schiavina, stiavina.

Sciavitù, sf. (sciavitù) schiavaggio, schiavitù; met, disagio, noia, seccatura.

Sciavo, agg.e sm. (sciavo) schiavo; slavo: sciavo duro, met. battezzato con l’agresto; esser sciavo, met. non poter disporre; essere schiavo.

Sciavon, sm. (sciavon) greco scismatico; met. croio, incivile, rozzo, [p. 389 modifica] zottieone; mandar far benedir del prete dei sciavoni, met, mandare in quel paese — e simili, ma più c’altro è modo di amorevole rimprovero.

Sciavuncolo, agg. e sm. (sciavuncolo) slavo — la v. del dialetto racchiude in sè qualche cosa d’ironico e un tal po’ di disprezzo.

Scincador, sm. (seineador) t. degli uccellatori: spincione.

Scincar, va. (scincar) t. degli uccellatori: spincionare.

Scinca, sf. “ (seinca) marmora, marmorina.

Sciocada, sf. (sciocada) crepolìo, scoppiettìo, scoppio; chiocco, schioccata, schiocco; crepitìo.

Sciocar, va, (seiocar) chioccare; crepitare, scoppiettare; sciocarghela a qualchedun, met. chioccare uno, — snocciolargliela, spifferargliela.

Sciochetar, vn. (sciochetar) crepitare, scoppiettare: — „El fogo sciocheta. = Il fuoco scoppietta;“ sm, scoppiettìo: — „Senti che scoppiettìo brùcian certo legna umide “ Scioco, sm. (scioco) chiocco, detonazione; stianto; schianto: — ..Fiammiferi collo schianto;“ — che si fa piegando V ultima falange delle dita contro la palma: castagnetta; — che si fa colla bocca bevuto che si .ha qualche cosa di squisito: spracche; che si fa col pollice congiunto al medio schioccandoli assieme: frullo.

Sciopabile, agg. (sciopabile) scoppiatole.

Sciopada, sf. (sciopada) crepatura, scoppiata; scoppiamento, scoppiatura.

Sciopado, agg. (sciopado) crepato, crepolato, fesso, incrinato, pelato: — „Mi porta a casa una pentola pelata !“ screpolato; morto.

Sciopadureta, sf. (sciopadureta) crepacciolo, crepacciuolo.

Sciopadura, sf. (sciopadura) crepa, crepatura, fesso, fessura; incrinatura; sciopadura granda, crepaccio, crepatura; — de la pele, crepatura, rughettina; — de la calzina dei muri, pelo; — dei muri, cretto; — su la copa dei manzi, berlo; pien de sciopadura, rimoso.

Sciopar, vn. (sciopar) crepare, crepolare, crettare; inclinare, incrinare; scoppiare, e per metatesi: schioppare-, met. morire, schiattare; vnp. aprirsi, “spaccarsi; sciopar i lavri, o le man, ecc. per el fredo, crettare le labbra, crettare le mani, ecc.; — de rider, met. ridere a crepa corpo, o a crepa pelle. — scompisciarsi dal ridere, o dal riso, o dalie risa, — scoppiare dalle risa; — de fadiga — e simili: crepare di fatica, ecc.-; de la bile, met. rodere i chiavistelli, — scoppiare di rabbia; — el cor, met. andare il sangue a catinelle, — scoppiarsi il cuore; presto la sciopa, m. avv essere, o stare quella tal cosa sull’undici once; .che ti sciopasi, o che ti podesi sciopar — imprecazione plebea: che tu. scoppi, — che tu possa scoppiare.


Sclopetada, sf. (sciopefada) archibugiata, archibusata, schioppettata; andar contro le sciopetade, met. andar contro l’artiglieria; no valer una sciopetada, met non valere un baghero, o una buccia di porro, o un lupino, o una medaglia, o una patacca, o una stringa; drito come una sciopetada, met. diritto come un fuso: — „Ci andrò or ora diritto come un fuso “

Sciopeter, sm. (sciopeter) archibugiere, armaiuolo.

Sciopeto, sm. (sciopetd) schioppetto, schizzetto.

Sciopo, sm. (sciopó) archibugio, archibuso, arcobuso, fucile, moschetto, schioppo; sciopo de cazia, fucile da caccia; sciopo de soldai, fucile da milizia; — assai curto, fucile scavezzo; meter el sciopo a viso, spianare il fucile: — r Appena lo vide gli spianò contro il fucile;“ aver el sciopo a muso, met: stare coli’ arco teso: — „Volea accoccarmela, ma io stava coll’arco teso e fece una damigiana.“ — „A’ suoi lavoranti non resta il tempo di fiatare, che’ sta lor dietro coli’arco teso;“ star, o no star drio col sciopo, met. stare, o non stare colla pistola alla mano; carigar el sciopo senza balini, prov. andare a caccia col bue zoppo, — mettersi in mare senza biscotto. [p. 390 modifica] Sciopon, sm. archibusone; bot. specie di garofano.

Scipulada, sf. (scipuladu) piluccamento, piluccatura.

Scipular, va. (scipular) piluccare.

Scoconada, sf. mangiatacela, scorpacciata, strippata: — corpacciata degna de’ ciclopi;“ sturata: — Favorisca dare’ una sturata a quella botte.“

Scoconàr, va. strippare, — pi-. gliare una satolla; sturare.

Sclepia, sf. bot. asclepia.

Scodela, sf. scodella: — „Scodella di maiolica-;“ scodellata: — „Ha dato ab cane una scodellata di minestra.“

Scodeleta, sf. scodellino.

Scodelon, sm. scodellone.

Scodeloto, sm. bacioccolo, ciotola: — „ Ordinerò mi si comperi una ciotola;“ ciotolata: — „Incassan marmaglia a ciotolate;“ zi. patella; darghe una scopala al scodeloto, met. andare a cassetta, o scappare alla cassetta.

Scoder, va. riscuotere; chi che scodi- debiti per i altri, cavalocchio.

Scodidor, sm. esattore; riscuotitore; cavalòcchio.

Scòduda, sf. esazione, riscossione, riscuotimento.

Scoiada, sf. petrata, pietrata, sassata.

Scoiazo, sm. scogliaccio.

Scoiera, sf. scogliera.

Scoieto, sm. pietruzza, sassolino, scoglietto, scogliuzzo.

Scoio, sm. pietra, sasso; scoglio; masso; met. difficoltà, impedimento,-intoppo.,

Scoion, sm. balza, dirupo, greppo, masso, rupe

Scoioso, agg. scoglioso.

Scola, sf. iscuola, scuola; classe; di scuola, appartenente a scuola: scqlastico; a scola, m. avv. in iscuola: — “ „Ha lasciato i pennini in iscuola;“ dar scola, met. leggere in cattedra; aver bisogno de andar ancora a scola, met. volerci un altro po’ di sale.

Scolà, agg. fuso; sciolto; liquefatto, squagliato; scollato; scollacciato: — „.Abito scollato.“ — „Viene alle serate sbracciata e scollacciata.“


Scolabrodo, sm. colabrodo, colino.

Scoiada, sf. colamento

Scoladura, sf. colatura, scolatura; sgocciolatura; scoladura de puina,. siero; — de candele de zera, cerume.

Scolamento, sm. colamento; chir. blennorea.

Scólapiati, sm. piattaia

Scolar, va. e vn. colare, scolare: — „Mettete via quel cencio, è molle che cola; “ fondere, liquefare, sciogliere, squagliare: — „Son state,, fuse le campane per farne cannoni;“ — delle candele: ’ sgocciolare; colare per via di declinazione un liquido chiaro, da uno sottostante, torbido; decantare; met. bere; cioncare, tracannare; che si può fondere: fusibile, fù-sile.

Scolareto, sm. scolaretto, scolarino, scolaruccio, scolaruzzo; met. lattonzolo.

Scolaro, sm. scoiaio, scolare; far de scolaro, seolareggiare. Scoi in, sm. campana scolàstica.

Scolo, sm. colamento, scolo; mar. lumiera; agric. chiassaiuola, chias-.saiuolo;./. de’ mulinai: risciaquatoio; chir. lo stesso che scolamento.

Scolorida, sf. scoloramento.

Scolorido, agg. scolorato, scolorito.

Scolorir, vn. scolorare.

Scolpar, va. scolpare; difendere, scusare.

Scolpido, agg. scolpito, sculto.

Scolpir, va. scolpire; poet. sculpere; met. figere, figgere: — „Figgetevelo in mente: donna italiana non soffre dileggio.

Scottar, vn. ascoltare, — dare, o porgere ascolto; udire: — „Sono stato ad - udire, fine’ a lui è piaciuto di cinguettare;“ chi che scólta, ascoltante; ascoltatore; scollar con atenzion, e piazer, assaporare; — in scondon quél che i altri parla, usolare’; — per portar torno, raccòrrò i bioccoli; scoltime, o scoltime a mi — forinola esortativa: fà, o faccia a modo d’un pazzo: — [p. 391 modifica] „Faccia a modo d’un pazzo, non paghi niente.“

Slcoltrin, sm. scontrino.

Scombater, va. affannare, agitare, combattere, conturbare, inquietare, noiare, tempestare, travagliare: — „ Combattere colla servitù.“ — „Anco co’ bimbi c’è che tempestare “

Scombro, sm. zi. sgombero comune — scomber scomber.

Scombussolada, scombussolamento, sf. sm, disordine, scombuiamento, scombussolamento, scombussolio, sconcerto.

Scombussolar, va. scombuiare, scombussolare, scompigliare; sconcertare, — mettere sossopra.

Scometer, va. giocare, giuocare, scommettere, — metter pegno.

ScomiatO, scomio, sm. disdetta, escomio. .

Scominziada, sf. cominciamento, principiamento.

Scominziar, va. avviare; cominciare, iniziare, principiare; scominziar a dir, a far, pigliare a dire, pigliar a fare,- — accignersi a parlare, a operare, — mettersi a parlare, mettersi all’opera; .scominziar de la coda,’ met. mettere il carro innanzi i buoi, — mangiare il porro per la coda; tuto sta nel scominziar, prov. il peggiore passo è quello della soglia; chi ben scominzia xe a metà del opera, prov. è alla metà dell’opera chi la comincia bene. . ,

Scomodar, va. e vn. incomodare, scommodare, scomodare.

Scompagnada, sf. scompagnamento, scompagnatura.

Scompagnar, va. scompagnare.

Scomparir, vn. scomparire.

Scompiaser, vn. scompiacere.

Scompiazente, agg. scompiacente.

Scompiliada, scompiliamento, sf. sm. scompigliamento.

Scompiliar, va, confondere, disordinare, .perturbare.

ScompiNo, sm. confusione, perturbamento, scompiglio.

Scompletar, va. scompletare.

Scomponer, scompor, va. e vn. scomporre; no scomporse, met. non si scrollare: — „JSTon si scrolla neanche se gli si sprofonda il soffitto addosso. * Scompositor, sm. scompositore.


Scomposizion, sf. scomposizione.

Scomunica, sf. anatema, scomunica. scomunicazione-; met. disdetta, iattura.

Scomunicado, agg. scomunicato; met. iniquo, pessimo;. profano, sacrilego.

Scomunicar, va. scomunicare, — imporre scomunica.

Sconder, va, appiattare, ascondere, celare, nascondere, occultare; — ammantare, coprire; che scondi, che xe sconto, velame: — „Concetto espresso sotto il velame della metafora.“ — ,.11 velame del futuro;“ scondorse drio de qualche bestia per vignir a. tiro del salvadigo, accavallare; sconderse drio de’ qualcossa, alboro, ecc. addoparsi; zogar sconder, fare a capanniscondere, o a rimpiatterello, o a rimpiattino; no zogar sconder, met. non mondar pere; essere da bosco e da riviera; ’ poderse andar sconder, met, poter andare a rimpiattarsi, o poter andare a riporsi; esser un limone spremuto; tirar el sasso e sconder el brazo, v. brazo; gnente no resta sconto, v. gnente.

Scondon(de, o in), m. avv. a chetichella, a chetichelli, alla chetichella, ascostamente, di celato, di nascosto, di seppiato; di sotterfugio, nascostamente, e coi verbi guardare, vagheggiare — e simili: di sottecche, o di sottecchi: — „Sbirciavala di sottecche credendo di non esser vistò, l’ipocritone !“

Sconfiger, va. sconfìggere.

Sconfortar, va. sconfortare, — recare sconforto.

Scongiurada, sf. esorcismo, scongiuramento, scongiurazione, scongiuro.

Scongiurar, va. esorcizare, scongiurare.

Sconquassada, sf. conquasso, rovinio, sconquassamento.

Sconquassar, va. conquassare, sconquassare.

Sconsacrado, -agg. v. met. sconsacrato: — „E gli credete? a quella facciaccia sconsacrata !“ [p. 392 modifica] Scosiderateza, sf. avventataggine, inconsiderazione; avventatezza; con sconsiderateza, ~ m. avv. all’avventata, inconsideratamente.

Sconsiliar, va. sconsigliare, dissuadere, — trar dalla mente.

Scontar, va. scontare: — ^ambiale scontata; “ espiare: — „Espia la pena de’^suoi delitti.“

Scontentar, va. scontentare, — rendere scontento.

Sconto, agg. ascoso, celato, latente, nascoso, nascosto, occultato, occulto, recondito; sm. sconto; a sconto, tn. avv. a sconto, per isconto: — „Lavora per isconto della pigione per le sconte, per le celate:. — „Esce solo la sera e passeggia solingo per le celate.“

Scontrada, sf. incontro, scontrata, scontro.

Scontradura, sf. mar. nodo; temporale, turbine; met. contrattempo, inciampo, mal avventura, ostacolo.

Scontrar, va. abbattersi, incontrare, rincontrare, incontrare; riscontrare.

Scontrin, sm. scontrino.

Scontro, sm. scontro; t. de’ magnani: riscontro.

Sconvignir, vn. disdire, sconvenire, — essere sconveniente.

Sconvolger, va. sconvolgere, sconturbare, sconvolvere, travolgere; svolgere.

Sconzertada, sf. sconcertamento, sconcerto.

Sconzertar, va. sconcertare, sconciare; sconzertar tuto, avviluppare la Spagna.; Scopazon, sm. scapaccione, scapezzone.

Scopelotar, va, scapaccionare, scappellottare.

Scopeloto, sm. ciurlotto, scappellotto; met. discapito, perdita; a scopeloto, m. avv. a macca, — a scappellotto, — a bertolotto; dar un scopeloto al scodeloto, v. scodeloto,

Scopola, sf. pacchina; met. acciacco; danno, perdita; aver ciapà una scopola — nella salute: aver avuto una gran bacchiata, o una gran bacchiatacela; dar ima scopola, dar ceffoni: — „ Speculazioni arrischiate che fìniron col dargli ceffoni.“


Scoprir, va. scoprire, scovrire.

Scopritor, sm. scopritore.

Scoragiada, sf. costernazione, scoraggiamento, scoramento.

Scoragiar, va e vn. scoraggiare, scoraggire, scorare; sbigottire, sgomentare.

Scordar, vn. dimenticare; obliare; t, mus. scordare.

Scorer, va, “scorrere; trascorrere, — passar a occhi chiusi, o a chius’occhi; de’ cacciatori: andare di pedina: — „Pernici a bizzeffe, ma andavan di pedina e non s’è fatto nulla.“

Scoreza, sf. correggia, flato, peto, ventosità — quello eh’ esce dall’ano con istrepito; loffa, loffia, vescia — quella che esce senza far romore; no bisogna far la scoreza più granda del buso del culo, prov. bisogna fare il peto secondo il buco, — chi vuol fare lo stronzolo più grande del buco mette le lagrime agli occhi, — bisogna aprir la bocca secondo i bocconi, — bisogna fare i passi secondo le gambe, — bisogna tagliare secondo il panno.

Scorezar, va. correggiare, spetezzare; vesciare.

Scorezon, agg. e sm. correggiere, correggione, flautolento, petardo, spetezzatore.

Scoridor, sm. zi. piviere.

Scorlada, sf. crollata, scossa, scotimento, scrollata, scrollatura, scrollo, sussulto.

Scorladina, sf. scrollatina.

Scortar, va. e vn. scrollare: — „A furia di scrollare ha fatto morire l’albero;“ ~ scuotere, tentennare: — „Ve’ come si scuote quell’antenna;“ ingollare, trangugiare: — ^Ingolla due paia di pernici senza voltarsi indietro;“ tracannare, schiccherare: — „E s’io vi dicessi che si schicchera una bottiglia d’assenzio al giorno ?;“ ballare, crollare: — „ Fategli levar subito i denti che gli ballano.“

Scorion, sm. lo stesso che scorlada. [p. 393 modifica] Scornada, sf. scornatura; beffa, derisione, dileggio, scornaechiamento, scornacchiata.

Scornado, agg. scatellato, scorbacchiato, scornato.

Scornar, va. sbeffare, scatelìare, scorbacchiare, scornacchiare, scornare, svergognare.

Scornisada, sf. scorniciatura.

Scornisar, va. scorniciare.

Scorno, sto. ludibrio, scorno.

Scorporar, va. scorporare.

Scortar, va. scortare.

Scortigacristiani, sm. v. ginc. chirurgo, e per ingiuria a chirurgo da dozzina: castraporcelli. . Scortigada, sf. scorticamento, scorticatura, scorticazione.

Scortigador, sm. scorticatore.

Scortigadura, sf. scorticatura; escoriazione; scorticatura nella pelle cagionata dal camminare, o dal fregarsi l’un membro coll’àltro: intertrigine.

Scortigar, va. scoiare, scorticare; no voler ne tignir ne scortigar, prov. non voler nè dormire nè fare la guardia, — non voler nè tenere nè scorticare; scortigar el pedocio, v. pedocio; chi no sa scortigar sbrega la pele, v. pele.

Scorza, sf. corteccia, scorza; met. corteccione; divisa; carta scarta; che ga scorza, scorzoso, scorzuto; scorza de alboro, corteccia, còrtice; — de naranza, anguria, figo,, pomo, mélon — e simili: buccia; — de ovo e de nosa, guscio; — verde de la nosa, de la mandola, mallo; — de hiso — e simili: baccello; — spinosa de le castagne, cardo, riccio; — sotila, de drento de le castagne, peluia; — de uà, fiocine; — del pomo ingrana, malicorio; — che pica de un fruto — e simili: bucciacchera: — „ Guardate se mai vi son in mercato di quelle patate con la bucciacchera;“ de la tartaruga, cova; — de la cagoia, operculo (Targioni);— dei gamberi, dei granzi, coccio, coppa; — de la zigala, medrecicala; — che se lassa drio le bisse co le se muda, scoglia; de scorza dura — detto delle frutta, p. e. della noce, della mandorla — e simili: duricorio; aver la scorza dura, met. aver la buccia dura: — . Dategli pur del ladro; ha la buccia dura e non se ne offende.“ Scorzada, sf. bucciata: — Come appena lo videro lo salutarono a bucciate di cocomero;“ sbucciata: — „Dà un pò una sbucciata a queste pere;“ scortecciamento: — ,.Ho veduto degli scortecciamenti nell’intonaco.“ — „Causa quello scortecciamento perì l’albero.“


Scorzadura, sf. scortecciamento, scortecciatura; sbucciamento; sbucciatura.

Scorzar, va. mondare; sbaccellare; sgusciare; scortecciare; scorzare; sdiricciare.

Scorzarla, sf. conceria.

Scorzata, sf. cortecciaccia.

Scorzèr, sm. coiaio, conciaio, conciapelli.

Scòrzer, vn. discernere, scorgere.

Scorzeria, sf. lo stesso che scorzarla.

Scorzo, sm. t. degli uccellatori: paniaccio.

Scossar, va. scossare, scuotere, — fare scossa. Scosso, sm. scossa, scotimento, trabalzo; agitazione; met. acciacco, malore; danno, perdita, sventura; de scosso, m. avv. di schianto; di soprassalto; a scossi, m. avv. a balzi, a strappi; intermittentemente; tuto in Vun scosso, m. avv. di puntinbianco, improvvisamente, repentinamente.

Scosson, sm. scossone.

Scostar, va. discostare, scostare.

Scota, sf. mozzicone; mar. artimone, randa.

Scotada, sf. abbrostitura, abbruciatura, scottata, scottamento, scottatura.

Scotadeo(a), m. avv. a batti scarpa, — a desco molle, — a scappa e fuggi, — fuggi fuggi, — mangiare in pugno.

Scotadina, sf. scottaturina.

Scotante, scotente, agg. bollente; rovente; incandescente.

Scotar, va. e vn, bruciare, scottare; esser sta scotà, met. aver provato [p. 394 modifica] il morso del lupo, — esser rimasto scottato; esser, o parer scota, met. parere un cencio molle,- o parere un pulcin bagnato; esser in tre, o- in quatro scolai, met. essere tre, o quattro gatti, essere tre, o quattro tapini; esser in tre, o in quatro scotai e no andar d’acordo, essere la compagnia del ponte a Rifreddi, pochi e mal d’accordo; can scotà de l’aqua calda ga paura de la freda, v aqua.

Scova, sf. granata; scopa; manigo de la scova, manico della scopa; la scova senza ’l manigo, la chioma; chi che fa, o che vendi scove, granataio; ciapar, o cior la scova, met. pigliare la granata; manigo de -scova vestì, met. lucerniere vestito; scova nova scova hen, prov. granata nuova spazza ben tre giorni, — fattor nuovo tre dì di buono; esser de casa come la scova, v. casa; par ch’el gabi iniutì el manigo de la scova, esser un manigo de scova vestì e esser grasso come’l manigo de la scova, v. manigo.

Scovada, sf. scopatura, scovagione, spazzatura: — „Date una buona spazzatura alla scala; “ granatatà: — „Lo mise in fuga a furia di granatate;“ scovamento: — „Lo scovamento de’ capriuoli ha deciso dell’esito della caccia;“ dar una scovada, scopare. .

Scovadina, sf. scopatina.

Scovador, sm. scopatore; spazzaturaio, spazzino.

Scovadure, sfp. pattume, spazzatume, spazzature.

Scovamagazen, sm. scopamagazzini.

Scovamar, sm. t. mar. coltellaccio, scopamare.“

Scovar, va. scopare, spazzare; scovacciare, scovare.; — „Canaccio bastardo che scova tutta la selvaggina;“ scovar via — o da’ predoni, o dalla borea: fare lo spiano; met. dare il tabacco del nonno, — 'dar l’erba cassia',“ o dar le pere, — pigliar la granata.

Scovasachi, smf. met, scria.

Scovastrade, sm. spazzaturaio, spazzino.

Scovaze, sfp. scopatura, spazzatone, spazzatura; met. ciarpame, scavezzone, sferre vecchie; scovaza nei oci, bruscolo; scovaze de la salata — e simili: nettatura; — dei cavalieri, fogliazza; casseta de le scovaze, cassetta delle spazzature; no badar, o no badar nanca per una scovaza, calcolare quanto il due di briscola; calcolar, o tignir per una scovaza, stimare quanto, o meno di una ciabatta; contar una scovaza, met. contare quanto il papa sei nelle minchiate.


Scovazera, sf. pattumiera — vale tanto per quella di legno in forma di cassetta, con manico lungo, verticale, quanto per quella di latta.

Scovazon, sm. mondezzaio; met. merdaio, porcile: — „ Quartiere che sembra un merdaio.“ — „Abita in un porcile che non ci metterei il mio cane;“ no badar per un scovazon, lo stesso che no badar per una scovaza, ». scovaza.

Scoverta, sf. scoperta; a la scoverta, m. avv. alla scoperta, palesemente, scopertamete.

Scoverto, agg. scoperto, scoverto; restar scoverto, met. restare allo scoperto: — „Rimasi allo scoperto di una bella somma.“

Scoverzer, va. scoprire, scovrire; scoverzerse remenandose in leto, scompannarsi; svoverzer un altareto, met. scoprire un embrice; scoverzer un aitar per coverzerghene un altro, .prov. scoprire un altare per coprirne un altro.

Scoveta, sf. granatina, granutuzza, scopetta, spazzolino.

Scovetar, va. scopettare, setolare, setolinare, spazzolare: — „ Setolateci il mantello;“ aggheronare: — „ Vorrei che il mio abito fosse aggheronato;“ met. 'dar l’erba cassia', o dar le pere; imbottire il giubberèllo, — ritrovare, o spianare le costure.

Scoveto, sm. gherone.

Scovolin, sm. granatino; a le bele pute un bel bambin, a le brute vece un scovolin, ». puta.

Scovolo, sm. granatino, rasperella; met, mazzo di fiori; pendaglio: [p. 395 modifica] — „Ve’ quel ragazzone col pendaglio incacato.“

Screanzado, agg. e sm. croio, incivile, increante, malcreato, rozzo, screanzato, spiacevole, villano, zotticone.

Screditar, va. screditare.

Scribacin, sm. impiastratogli, scribacchino.

Scricada, sf. scricchiolamento, scricchiolata, scricchiolìo.

Scricar, va. schricchiare, scricchiolare; scricar magnando, scrogiolare; — del pan ben coto — e simili: cantare, scrosciare; — dei ossi, crepitare; — i denti, scricchiolare; — dei bastimenti, crocchiare; — disgustoso che se prova magnando salata — e simili — che ga ancora la tera, e scricar dei stimi, sgrigiolare

Scrico, sericolo, scricolada, sm. sf. scricchiolio; sgrigiolìo

Scricolada, e derivati lo stesso che scricada e derivati.

Scrita (dar una), m. avv. scrivere assai.

Scrito, sm. scritto; scritto originale: autografo; copia dell’originale: apografo; in scrito, m. avv. in iscritto, per iscritto, in scritto, per. scritto, in scrittura, in carta; meter qualcossa in scrito, fare un disteso: — „Se non è una calunnia fate un disteso di quello che m’avete riferito.“

Scritor, sm scrittore.

Scritorio, sm. scrittoio: — „Alle nove tutti devon’essere in scrittoio;“ scrivania: — „TJna scrivania sudicia e zoppi ccante.“

Scritura, sf. scrittura, carattere, mano di scritto; scritura con segni speziai, pasigrafia; — falsa, scrittura surrettizia; chi no sa leger la sua scritura xe un asino de natura,». asino.

Scritural, sm. “amanuense, copista, scritturale.

Scriturar, va. scritturare.

Scrituraza, sf. scrittaccia, scrit-. turaccia.

Scriturazion, sf. scrittura.

Scrivan, sm. diurnista, scrivano; . scrivan de la pena longa, met. spazzatu-: raio, spazzino.


Scrivanel, sm. scrivanello.

Scriver, va. scrivere; registrare; comporre, e per sim. ragionare con gì’ inchiostri; scrivere cose di poca importanza: scrivucchiare; scrivere malamente e inutilmente: scrivacchiare; .scrivere liberamente e senza riguardo: scrivere di buon inchiostro; l’arte di scrivere ascoso, coperto od in cifra: crittografia; l’arte di scrivere a lettere d’oro sui.codi ci o sulle pergamene: crisografia; scrivere ad uno che si ha ricevuto che si sia da lui mandato: accusare il ricevimento di quella tal cosa — scrivere di ricevuto; scriver a la bona, o a la mata via, o come che la vien, seri-’ vere come la penna getta, scrivere a. penna corrente, o scrivere alla corrente; un bel taser no xe sta mai scrito, prov. un bel tacer • non fu mai scritto.

Scriz, scrizeto (esser un), m. met. essere uno scricciolo: — „Quella signorina è uno scricciolo, è vero, ma senno ne ha vendere.“

Scrocada, scrocaria, sf. estorsione; mangeria; scrocchio.

Scrocar, va. espillare, estorcere, scroccare: — „Colle belle belline le ha espillato un bel gruzzolo;“ rugghiare: — - „ Farete venire il magnano perchè la serratura rugghia.“ .

Scroco (a), m. avv. a scrocchio, a scrocco, a squaeehera,,a spese altrui, a bertolotto, a ufo, — appoggiare la labarda.

Scrocon, sm. scroccatore, scroccone, unguento da cancheri, e con voce e modo scherzevole: scrocchino, — cavaliere del dente.

Scrodigada, sf. scotenamento.

Scrodigar, va. scotenare

Scrofola, sf. scrofola, scrofula, stuma — l’ultima voce si usa generalmente al plurale; de scrofole, che fa scrofole, scrofolare, scrofulare.

Scrolada, sf. scrollamene».

Scrolar, va. crollare, scrollare.

Scrostadura, sf. scrostatura, scrostamene.

Scrostar, va. scantucciare: — Favorisci scantucciare quel pane e [p. 396 modifica] dà la mollica al bimbo; “ scrostare: — „Hàn dovuto scrostare il muro perchè c’erari scritte su delle sconcezze;“ vn. scanicare, imporarsi: — ^Intonachi che si scanicano per vecchiaia.“ — „La malta fatta con calcina non bene spenta fa imporare l’intonaco.“

Scrupolegiar, vn. scrupoleggiare, scrupolizzare.

Scrupolo, sm. scrupolo; scrupolo irragionevole di niun momento: scrupolettucciaccio; met. bagatella, inezia, nonnulla; farse, o no farse scrupolo, farsi, o non farsi aggravio, — mettersi, o non mettersi a coscienza, o a scrupolo.

Scrutinar, va. caratare, cercare, indagare, investigare, scrutinare, scruttinare.

Scudaria, sf. scuderia.

Scudela, e derivati, lo stesso che scottela e derivati.

Scudier, sm. scudiere.

Scufia, sf. cuffia; met. perrucca: — „ Aveva una perrucca tale da non si reggere in piedi;“ ciapar la scufia, met. abbracciar l’orso, — pigliare la bertuccia, — prendere là stoppa, — perder Terre; piaser anca la gata se la ga la scufia, met. attaccare il maio ad ogni uscio, — innamorarsi sopra tutti i mercati.

Scufioto, sm. cuffiotto, scuffione, scuffìotto.

Sculazada, sf. sculacciata, sculacci one, spiazzata.

Sculazadina, sf. sculacciatina.

Sculazar, va. sculacciare.

Sculazon, sm. lo stesso che sculazada. - , Sculin, sm. lo stesso che scólin.

Scultor, sm. scultore; fem. scultrice.

Scultrinscuntrin, sm. scontrino.

Scultura, sf. scultura; attenente alla scultura, di scultura: scultorio: — „Rilievi scultori.“ — „ Genio scultorio.“ Scunido, agg. dimagrato, macilente, magro, scarno, — secco arrabbiato, o secco spento.

Scunir, va. immagrare.

Scureta, sf. asserella, assicella, assiema, panconcello.


Scureto, agg. oscuretto, oscuricelo, — poco intelligibile; scuriccio; scuretto..

Scureza, sf. oscurezza, oscurità, scurità.

Scuria, sf. fersa, ferza, flagra, frusta, scuriada, scuriata, sferza.; sferza di più striscie: staffile, e- se le striscie sono guarnite in cima con palle: mazzafrusto: — „Il mezzafrusto l’usano - i russi in ossequio alla civiltà sferza con cui uno si percuote per far penitenza: disciplina; a un bon cavai no ghe ocori scuria, v. cavai..

Scuriada, sf. frustata, sferzata; staffilata.

Scuriar, va. frustare, sferzare; .staffilare.

Scuribanda, sf. fortunale, tormenta;1 malore; perdita, scorribanda.

Scurida, hf, oscuramento, oscurazione; abbrunamento; abbuiamento; incupimento.

Scuriosar, va. e vn. iscuriosire, scuriosire: —!.. ,.Per iseuriosirlo gli fece vedere la casa dalla cantina alle soffitte.“ —“ ,Mi- volli scuriosire; ma la pagai cara,“ ’

Scurir, va. e vn. imbrunire; oscurare; scurir de la roba, abbrunare, annerire; —Riempo, rabbruscare, scurare; de le olive, vaiare; — de l’uà, invaiolare, saracinare.

Scurità, sf. lo stesso che scureza.

Scuro, agg. buio, lugubre, occulto, oscuro, nascoso; annerito, nero; tenebroso-; sin. buio, buiore, cimmerio, oscurità, oseuritade, oscuritate; art. e mest. imposta; met. difficile a intendersi, nascoso, occulto; bieco, fosco; indeterminato, indistinto;. el scuro de la note, poet. il nero ammanto; veder in scuro, essere nittalopi; chi che vedi in scuro, nittalope; el veder in scuro, nittalopia; farscuro, met. tirar a far buio: — vGhe xe tanto de far che ogni giorno se fa scuro e quaUhe volta se lavora anca co ’l lume. = C’è tanto dà fare che ogni giorno si tira a far buio, e talora si lavora anche col lume;* meter in [p. 397 modifica] scuro — tanto al proprio quanto al figurato: metter in chiusa: — .Metteremo i richiami in chiusa.“ — „L’han messo in chiusa per tre mesi;“ esser al scuro, mét. ignorare, — .esser al buio di che che si sia; esser scuro come in un forno, o esser scuro che no se vedi nanca hestemar, essere un buio d’inferno, o esser buio come in gola, o essere un buio pesto, o essere, un buio che s’affetta — e come intensivo: essere un- buio che s’affetta col filo; fra’ l duro e ’l scuro, v. ciaro.

Scuroto, agg. buiccio, oscuricelo, scuriccio.

Scurtabile, agg. accorcevole, accordabile.

Scurtada, sf. abbreviatura, accorciamento, accorciatura, raccorciamento, scorciamento.

Scurtar, va. abbreviare, accorciare, accorcire, raccorciare, scorciare; rientrare: — „Vestimenta fatte che rientrano alla prim’acqua;“ scurtar le ale, met. tarpare le ali, — rintuzzare Ja baldanza, l’orgoglio — e simili.

Scurtariola, sf. scorciatoia.

Scusa, sf. discolpa; giustificazione, scusa; met. colore; gherminella, pretesto, scusa, sopraffaccia; scusa magra, rappezzo (Gargiolli); co la scusa de, m. avv. sotto coperta di; ciapar la scusa de, pigliare scusa da: — vXe bel ciapar la scusa del iazo, — Sa di bèllo pigliar la scusa dal ghiaccio;“ ogni scusa stropa una busa, m. prov. a qualche cosa ogni scusa è buona, — ognuno dà colpa al cattivo tempo.

Scusado, agg. discolpato, giustificato; scusato; esser scusado, avere per iscusato, o avere per scusato.

Scusar, va. discolpare, giustificare; scusare.; che no se poi scusar, inescusabile: — „Il far la spia è un infamia inescusabile;“ scusime; la me scusi — m. spicciatevi: scusami; mi scusi; la seusi se xe poco, inter, met. scusate sè è poco. .

Sdamar, va. sdamare.

Sdebitar, va. sdebitare.

Sdentado, agg. sdentato.

Sdentar, va. sdentare.


Sdoganar, va. sdoganare.

Sdotorar, va. sdottorare.

Sdraiada, sf. sdraiata.

Sdraiar, va. sdraiare.

Sdrondonar, va. bighellonare; romoreggiare, soqquadrare

Se, pari, se, agg. mi; ci; si; — „>S’e bufo, se vesto. — Mi getto, mi vesto.“ — „Se vedaremo doman. = Gi vedremo domani.“ — .„ El xe fora de se. = E fuor di sè;“ el se e el ma le xe do fote de Adamo in qua, m. prov. il sè e il ma son due corbellerie da Adamo in qua, — il sè e il ma son due michioni da Adamo in qua, — il sè ed il ma sono il patrimonio dei minchioni; esser, o no esser in se, essere, o non essere in conoscimento; tornar in se, rientrare in sè; tornare in sè.

Sében, cong. sebbene, se bene.

Seca, sf. bassa marea, riflusso, zozana; basso,. fondo; restar in. seca, met. rimanere sulle secche, o rimanere sulle secche di Barberia; lassar in seca, met. lasciare in asso.

Secabisi, sm. frangicupola, rompitesta; t. de’ giuocatori di carte: briscolino.

Secada, secadura, sf. briga, fastidio, impiccio, importunità, noia, -seccaggine, seccata, seccatura, stuchevolezza, uggia: — „E’ ella una seccaggine questa pioggia continua?;“ met. importuno, mosca culaia, rompicapo, seccatore: — „Mi pareva che doveva entrarci quell’importuno.“

Secador, secator, sm. attaccapanni, disturbatore, importuno, noioso, seccatore.

Secante, sm. seccativo, — acetato di piombo;’ agg. lo stesso che secador.

Secar, va. e vn. annoiare, disturbare, infastidire, importunare, noiare:— -„Dio mio com’infastidisce co’ suoi versi;“ tormentare: — „Ha Una moglie che lo tormenta a morte aggottare, asciugare: — „Earete asciugare il battello;“ istigare, sobillare: — Sobilla sobilla vedi ora trista fine;“ appassire, avvizzire, imbozzacchirò, innaridire: — „Con quest’alidore innaridiscono anco gli [p. 398 modifica] alberi;“ secar le baie dei . . . oci, met. [[ rompere i corbelli, o rompere la fan- i tasia, — rompere ad uno quello che j non gli si ha fatto. j

Secatrize, sf. cicatrice, cicatri- j ce grande di ferita che uno abbia sul viso: catenaccio; che resta nel collo in seguito a glandolo andate a suppurazione: gonga, gongola.

Seceto, sm. secchiello, secchierella, secchiolina, secchiolino; secchiatina.

Secheza, sf. emaeiazione, magrezza; alidore, siccità.

Secia, secio, sf,. sm. secchia, secchio; secchiata: — Riversò sulle scala una secchiata d’acqua.“

Secion, sm. secchione.

Seco, agg. adusto, asciutto, secco, magro; arido; sm. alidore, aridità, siccità, secchitade, secco, seccore; poet. arente.; seco come un can, o seco come un ciodo, magro arrovellato, o magro strinato, — secco come un chiodo, o come un uscio, — secco allampanato, o secco arrabbiato, o secco spento.

Secodindio, sm. allampanato lanternuto, secco arrabbiato, secco spento, secco come un uscio.

Secolar, agg. e sm. secolare; mondano, profano.

Secolin, agg. magricciuolo, scriatello, segaglino.

Seconda, agg. seconda; in seconda, m. de’ cacciatori: a tutto punto: — ,.Badi che non succedan disgrazie, eli’ ha ancora il fucile a tutto punto.“

Secondar, va. assecondare.

Secondin, sm. secondino.

Secondina, sf. chir. placenta; placenta degli animali: cotiledone.

Secondo, agg.’ sècondo; avv. secóndariamente, secondo, secondochè; prep. -conforme, dipendentemente, secondo; sm, secondo; no aver el stòondo, non aver pari, o non . aver sfecondo:-— „Gane che non ha secondo.“

Secreto, sm, arcano, secreto, “segreto; agg, occultato, occulto, nascoso*,- nascosto.’ ’ - .:;:: Seetìlilt,-.»-. lo stesso eh e secolin.


Secura, sf alidore, aridità, asciugaggine, asciuttezza, secchezza, siccità.

Seda, sf. seta; de seda, o come la seda, serico, setaceo: — „ Veste serica.“ •— ..Setacei filamenti;“ seda flosa, seta floscia; seda de cuser, seta da cucire; esser una seda, met. esser una seta.’

Sede, sf. sete; che ga sede, assetato; che ga assai sede, sitibondo-; aver sede, sitire: — „Sitisco, dammi un pò d’acqua;“ far vignir ’ sede, assetare: — „Il prosciutto fa assetare;“ arder de sede, allampanare, — assaettare di sete; cavar la sede, dissetare, — spegnere la sete.

Sedise, -agg. sedici.

Sedizesimo, agg. decimosesto, sedeeimo, sedicesimo.

Sedur, va. sedurre.

Sedutor, sm. corruttore, depravatore, seduttore.

Seduzente,: agg. attraente, seducente, seduttorio. •

Seduzibile, agg. seducibile.

Seduzion, sf. seduzione.

Sega, sf. sega.; sega che in luogo di telaio ha due manichi di legno: segone; brazo de la sega, v. brazo.

Segada, sf. segamento.

Segador, sm. segantino, segarino, segatore; segador de fien, falciatore; — dei grani, mietitore.

Segadura, sf. segatura; mietitura; falciatura.

Segàla, sf. bot, segala, ségale, sègola — secale cereale.

Segar, va. art: e mest, segare; agric. falciare; mietere.

Segazo, sm. art,, e mest. saracca; segazo de ponta, gattuccio, saracca a costola.

Selier, va. scegliere, scerre,

Seita, sf. scelta., Segnada, sf. segnatura.

Segnador, sm. t, de’ cacciatori: badatore.

Segnai, sm. contrassegno, segnale, segno.

Segnalado, agg., egregio, illustre, .segnalato; notabile. [p. 399 modifica] Segnalar, va. distinguere, segnalare.

Segnalibri, sm. segnacolo.

Segnar, va. contrassegnare; segnare; notare; segnar linee sul muro con uno spago intriso di carbon pesto: battere il filo; de un segnò de Dio zento passi indrio, v. Dio.

Segnavento, sm. banderuola, girotta, pennello.

Segnazo, sm, segnacelo.

Segneto, sm. segnarello, segnerello. segnetto, segnolino, segnuccio, segnuzzo.

Segno, sm. contrasegno, impronta, segnale, segno, tessera; cenno; indizio; orma, vestigio; rotaia; pedata; cicatrice; livido mascherizzo, turgore; macchia; bruco; rispondere al segno, render cenno; che porta, o fa se,ni, semaforico; segno che lassa le variole, buttero; — nei messaì, nei brevari, bruco; — per riconoser creature esposte, crepunde; — de una ferida, cicatrice; — de un taio sul viso, catenaccio; — de becada, bezzicata — se d’uccello; morsicatura — se d’insetto; — de becada de musson, cocciuola; — de becada de pulise, bolla; — de sporchisia, — sul collo, ecc. gora; — per tirar al bersalio, imbercio; — che se lassa caminando, orma, vestigio, e Se la persona è scalza: pedata; — che fa in tera le rode, rotaia; — che lassa gualche volta su la ganassa un baso dado con forza, rosa; — che lassa i dedi o fracando, o perchè i xe poco neti, ditata; — che lassa su la pele le bachetade, o che resta per esserse ligà tropo strento o le mudande, o cossa che sia, cigrigna, scigrigna; — che se fa qualchedun, o sul peto, o su le man, co la ponta del ago e che no va più via, stissi: -— „Lo riconoscerete facilmente; ha sul petto una stissi: due iniziali: E. Z.;“ dar segni de sempio, o de mato, ecc. aver dato un tuffo nello scimunito, nel pazzo — e simili; no conosser nanca per segno, met. non conoscere nemmeno per ombra; meter la testa a segno, mettere il cervello, o mettere la testa a partito; lassar i segni su le spale, far le stringhe sulle spalle: — „Colse il ladroncello e gli lasciò le stringhe sulle spalle;“ far star a segno, met. costringere a ubbidire, — far stare a segno, o tenere a segno, — ridurre a segno; dar nel segno, met. apporsi, — dare, o trarre nel segno, — pigliare il nerbo di che si sia; per fil e per segno, m. avv. per filo e per segno, -— per l’appunto, puntualmente; segno che,, xe segno che — congiunzioni dichiarative: segno che, è segno che: — „E ritornato? segno che vi vuol bene.“ — „Se parla così è segno che si rode.“


Segon, segona, sm. sf. art. e mest. segone.

Segrégar, va. segregare, separare.

Segreto, sm. arcano, secreto, segreto; omo segreto, uomo abbottonato; no saver tignir un secreto, non saper tenere un cocomero all’erta, — sacco rotto non tien miglio.

Seguir, va. seguire, seguitare; perseguitare.

Sela, sf. sella; t. de’ legnaiuoli: ascialone; portasela, t. de’ sellai: reggisella; bater la selci perchè no se poi bater el cavai, v. cavai.

Selar, va. insellare, sellare.

Selaza, sf. sdiaccia. . Selegato, sm. passero; cavar i selegati, v. cavar

Selèr, sm. sellaio; valigiaio.

Seleratamente, avv. scelleratamente, sceleratamente.

Selerateza, sf. sceleraggine, scelleraggine, scellerataggine, scelleratezza.

Selerato, agg. scelerato, scelle lerato; infamissimo,. malaugurato.

Seteria, sf. selleria, valigeria.

Sèlier, va. scegliere, scerre; cernere, separare.

Selino, sm. bot. appio palustre, sallaro sedano — apium graveolens; met. allampanato, .mingherlino, tisicuccio; gambe de selino, v. gamba.

Selta, sf. sceglimento, scelta; elezione.

Selvadìgo, sm. lo stesso che salvadigo.

Semada, sf. ammandorlata,’ lat [p. 400 modifica] tata: — „Beve delle lattate per prescrizione medica; “diminuimento, scemamente, scemanza: — „ Causa il vento secco c’è egli un diminuimento di peso?“

Semar, vn. diminuire, scemare.

Semefrede, sf. semi freddi.

Semelza, sf. semel, semelle.

Semenada, sf. sementa, sementata, seminagione, seminatura, seminazione.

Semenador, sm. seminatore.

Semenar, va, sementare, sementare, “seminare, — far la sementa; sm. seminagione, seminazione; met. spargere, sperperare; marzo suto aprii bagnà beato el contadin che ga semina, prov. marzo asciutto, aprii bagnato, beato il villan c’ha seminato; bisogna seminar co la man e no col saco, prov. spendere ma non spandere; chi no semina no l’a coli, v, racolier.

Semenza, sf. seme, sementa, semente, semenza; sperma; met. ceppo, discendenza, lignaggio, progenie, prosapia, razza-, schiatta, stirpe; semenza de canovo, canapuccia; — de Un, linseme; — de rizino, cherva; — de peri, pomi — e simili frutti: granella; — che no riva madurirse, vanume; andar in semenza, semenzire, tallire, andar in semenza, far seme, produr seme; no esserghe più nanca la semenza, met. non esserci più respice di quella data cosa: — „Mi domandava vin bianco, come se non sapesse che non ce n’è più respice;“ restar per semenza, met. restar per endice.

Semenzata, sf. semaccio: — „Le ha dato certi semacci vecchi e ammuffiti.

Semenzina, sf. semolino: — „ Questi semolini son di tabacco e questi più grossetti di sedano;“ sfp. semini: — Desiderate vi faccia de’ *semini in brodo?“

Semestral, agg. semestrale.

Semicupo, sm. incesso, semicupio.

Seminar e derivati, lo stesso, che semenar, e derivati. >

Semiton, sm. semituono.

Semiza, lo stesso che semelza.


Semo, agg. e sm. minchione, scemo, sciocco; sm. scemamente, scemanza.

Semola, sf. crusca, semola; pien de semola, cruscoso; zogo de la semola, cruscherella, cruscherello; la farina del diavolo va tuta in semola, v. diavolo.

Semolin, sm. cruscello, semolello, tritellino, tritello; semolaio.

Sempiada, sempiagine, sempiezo, sf. sm. attonitaggine, balordaggine, bessaggine, melensaggine, pippionata, scempiaggine, scempiataggine, scempiatezza, scempiezza, scimunutaggine, scipitezza; far sempi’ade, fare a’ sassi pe’ forni: — ..Vorrebbe fare il ditattore e fa a’ sassi pe’ forni, quel bamboccione “

Sempio, agg. cretino, scemo; scipito; attonito; esser un sempio aver poca sessitura; far el sempio, met. fare il grasso legnaiuolo, — fare il minchione per non pagar gabella, — fare l’indiano, o fare il gnorri; guardar torno come un sempio, o parer un sempio, non dare nè in tinche nè in ceci; parer un gatto frugato.

Sempioldo, agg. acefalo, alloccaccio, allocco, alloccone, anitroccolo, avannotto, babbaccio, babbacione, babbaleo, babbano, babbeo, babbio, babbione, babbuasso, baccellaecio, baccello, baccellone, baccellone di piano, baccellone da sgranare con l’accetta, baochillone, bacchiocco, baciocco, bacocco, baggiano, balordaccio, balordo, bambo, bamboccio, bamboccione, barbagianni, barbacheppo, barbalacchio, barbandroco, barlacchio, barlocchio, barullo, baseo, basoso, beco, beccone, bedano, bernardone, bertoldo, besso, bietolone, bighellone, bigollone, bisragazzo, bizzocòne, bocca, bombero, bozzone, bretto, brogio, buonuomo, broccolo, buacciolo, bue, capacchiolo., capassone, capocchio, capo d’assiolo, capone, capozucca, carciofo, castroncello, castrone, cavolo, ceffautto, ceppo, cero, cervellino, chiurlo, cibeca, ciocco, ciofo, cionno, citriuolo, citrullo, ciucciolaceio, ciucco, ciuccolaccio, cocomero, coglione, corbello, corbellone, [p. 401 modifica] cordone, cordovano, corribo, coso, coticone, cruscone, cucciolotto, cucco, cuccobeone, eneo,- cuium pecus, cuiusso, decimo, decimone, dissipito, dolce di sale, dolce grappolo, dolcione, ebete, fagiano, fagiolaccio, fagiuolo, falananna, falaninna fannonnolo, fantoccio, fìnocchino ghiozzo, giraco, giucco, giuggiolone, gnocco gocciolone, gonzo, grosserello, grullo, idiota, imbecille, lasagna, lavaceci, lucerniere, mammalucco, margutto, marmocchio, marmotta, marzocco, melenso, mellone, merlingotto, merlotto, mestolone, midollonaccio, melenso, minchione, minestrone, moccione. moccolone, montone, mormega moveca. navone, nebbione, nebulone, nidiace, nuovo grappolo, nuovo paolino, oca, pacchiano, paolino, pappalardo, papavero, papero, pappacchione, pappalasagne, pascibietola, pascigreppi, pastaccio, pastricciano, pazzarino, pecora pecorino, pecorone, pentolone, petroniano, pillone, pincastrello, pinehellone, pmeone, pippionaccio, pippione, pisellaccio, pisello, pisellone, rapa, scemo, scimunito, semplicione, sempliciotto, serfedocco, sermangotto, sermantino, sermestola, stivalaccio, stivale, stolto, strullo, succianespole, tambellonaccio, tambellone, tarocco, tarullo, tempione, testone, tondo di pelo, tonto, tordo, trullo, uccellacelo, uccello, uccellone, zucca, zuccone, zugo. Mi son dato la briga di raccogliere tutti questi vocaboli che con piccole gradazioni vogliono significare tutti la cosa istessa, perchè questa è l’unica voce ohe ha sì gran numero di — ho accennato alle piccole gradazioni — omonimi.

Semplificar, va. facilitare, semplificare.

Semplificazion, sf. facilitazione, semplificazione.

Semplize, agg. semplice; mef. buonaccio, inesperto, ingenuo, soro.

Semplizeto, agg. e sm. sempli-- cello, semplicetto.

Semplizemente, avv. meramente, puramente, semplicemente.’ Semplizità, sf. semplicità, semplicita.de, semplicitate.

Sempre, avo sempre; sempre de Dio — intensivo di sempre: mai sempre, sempre mai, sempre sempre.


Sempreverde, sm. bot. mirtelltf, mirto — mirtina e mirtus minos vulgaris.

Semprevivi, smp. bot. sempreviva, semprevivo — pianta di varie specie, le principali fra cui i botanici distinguono co’ nomi di: gnophalium orientale e gomphrena globosa.

Semula, sf. e derivati, lo stesso che semola, e derivati.

Sen, sm. seno; senata: — ^Raccolse in pochi minuti una senata di fichi;’1 meterse la bissa in sen, v. bissa.

Sena, sf. bot. sena, siena — cassia orientalis; scena; proscenio; scenario; mef. aspetto, vista; chi che pitura sene, scenografo; arte de piturar le sene, scenografia; vignir in sena, comparire in scena; far una sena, o far sene, met. far scenate, — far delle scene. — far scene, far una scena o fare una scenata; cambiar la sena, m.et. mutarsi la scena. — mutarsi la faccia delle faccende, o degli avvenimenti.

Senape, sm. bot, senapa, senape — sinapis nigra.

Senario, sm. scenario.

Senato, sm. v. scherz. petto; deretano, podice, sedere.

Senaza, sf scenaccia.

Senegiamento, sm. sceneggiamene.

Senegiar, va. sceneggiare.

Senico, agg. scenico: — „Il palcoscenico fu la sua disgrazia.“

Seno(da), m. avv. da buon senno, da maledetto senno, da senno, di vero senno, — in sul sodo, per davvero.

Senografia, sf. scenografia.

Senografo, sm. scenografo.

Sensa, sf. festa dell’Ascensione; la sensa. l’Ascensione.

Sensal, sm, mediatore, mezzano, sensale;. sensal de cavai, scozzone; — de matrimoni — sensale di matrimoni, e detto scherzevolmente: affogaE. Kosovitz. — Dizionario ecc. 26 [p. 402 modifica] gliuomini, affogapersone, ammogliatore.

Sensalazo, sm. sensalaccio.

Sensaria, sf. mediazione, senseria.

Sensazion, sf. sensazione; colpo, impressione.

Sensibilità, sf. sensibilità, sensibilitade, sensibili tate; diminuzione, o perdita della sensibilità: anestesia.

Senso, sm. senso; che ha vari sensi — dicesi di -vocaboli, espressioni — e simili: polisenso; senso che si prova vedendo cose che ci destano o tenerezza, o schifo: àscaro; senso comun, senso comune; bon senso, buon senso, o senso retto; perder i sensi, perdere, o smarrire i sensi.

Sensual, agg. sensuale.

Senta, sf. calastra, castellata, sedile.

Sentada, sf. seduta, sentata; dar una sentada, sedersi.

Sentar, va. assidere, sedere; sm, sedere; sentarse de le bestie co le solegambe de drio, acculare; star sentai in tola, discombere; star sentai tignindo i pii sui traversi de le careghe — e simili: tenere i piedi al pollaio; star sentai su do careghe, v. carega; sentar de le caroze, v. caroza. Sentenza, sf. sentenza, sentenzia; sentenza memorabile di qualche illustre: apoftegma, apotegma; sentenza, o precetto utile a ben governarsi: adagio; dire molte sentenze, recare, scrivendo, molte sentenze: sentenzieggiare; spudar sentenze, met. sbolgettare, o sputar sentenze; xe meio un magro acordo che una grassa sentenza, v. acordo.

Sentenzeta, sf. sentenzinola; concettino, motto concettoso.

Sentenziar, va. giudicare, sentenziare, — dar sentenza; sentenzieggiare.

Sentida, sf. udita.

Sentimental, agg. sentimentale; met. lezioso, svenevole.

Sentimentin, sm. sentimentuzzo.

Sentimento, sm. sentimento; intelletto, senno; esser fora de sentimento, esser fuor del sentimento, — uscir dal sentimento; no aver el su bon sentimento, mancare a chi sia qualche venerdì, — non avere quel tale tutti i suoi mesi; far perder i sentimenti, met. levar di sentimento: — „TJno urla, uno batte, l’altro pesta levano proprio di sentimento. Sentinela, sf. ascolta, piantone, scolta, sentinella, vedetta; meterse, o star in sentinela, met. mettersi, o stare di piantone; casoto de sentinela,, v. casoto.


Sentir, vn. assitare, sentire: — „Mi sento un freddo addosso che gelo;“ udire: — „ Udiste? i ricchi soli sanno amare come si conviene;“ avvertire: — „Fu avvertita questa notte una scossa di’ terremoto;“ el sentir — coll’orecchie: l’udito; •— col naso: l’olfato; — col palato: il gusto, o il palato; — con tutto il corpo e più specialmente colle polpastrelle delle dita: il tatto; farse sentir, met. farsi intendere, farsi sentire: — „ Grida strepita, e quando è il momento di farsi intendere diventa un pulcin bagnato;“ sentir avanti, met. presentire, — sentire dinanzi; sentir ’l gusto, sentire: — .Fallo pure, lo. -sentirai; * sentirse ben, o mal, sentirsi bene o male; sentirse, o no ~ sentirse — di fare alcun che: sentirsi, o non sentirsi, sentirsela o non sentirsela: -— „Non me la sento oggi d’andare a teatro;“ sentirse boier, met. sentirsi rimescolare; per aver sentì dir, per sentita dire:— „Se è proprio una spia io non lo so, parlo per sentita dire: in ogni modo se qualche cosa non c’è la campana non suona;“ no sentirse — il naso, i piedi, eco. per freddo: essere perduto del naso, ecc.; no volergliene sentir nanca parlar, met. non voler sentir niente: — „Non rammentatemi quell’ingrato non ne vo’sentir niente;“ esser la prima che se senti, met. giugnere nuova: — „S’è maritata? questa mi ghigne nuova;“ sentimo anca questa, m. famigliare: all’altra bellissima ottava; roba che no se ga mai sentì, cosa inaudita; più se vivi e più se ghe ne senti, prov. più si vive e più se ne sente; quel che se senti creder gnente, quel che se [p. 403 modifica] vedi creder la metà, prov. quel che vedi, poco credi; quel che si sente non creder niente; sentir per aria, v. aria; bisogna sentir tute do campane, o. campana; no sentirghe de sta recia, v. oreeia.

Senton (in), m. avv seduto: — „ Melilo in senton. = Ponlo seduto.“

Sentor, sm. indizio, odore, sentore; aver sentor, aver sentore.

Senza, prep. senza; esser senza — che che si sia: esser perduto di quella tal cosa: — „Essere perduto d’un occhio.,,

Sepa, sf. zi. seppia — sepia of-;ficinalis; met. cacapensieri: — jjMe ne duole che c’entra quel cacapensieri;“ befana, camorro, caramogio, scarabocchio: — nDio mio è ella un caramogio quella fanciulla.“ Separada, sf. disgiungimene, separamento, separazione.

Separar, va. disgiugnere, disunire, disseparare, separare, e per sim. accappare le rose dalle spine.

Separazion, sf. separamento, separazione.

Sepelido, agg. interrato, sepolto, seppellito, sepulto, sotterrato; met. occulto, nascoso, perduto; no sepelido, insepolto: — I cadaveri rimasero insepolti per tre giorni.“

Sepelida, sepelimento, sf. sm. interramento, seppellimento, seppellizione, sotterramento.

Sepelir, va. interrare, inumare, seppellire, sotterrare, — comporre alcuno nel sepolcro, — dar sepolcro; annoccare: — „Annocca i tralci delle viti e ne fa barbatelle; nascondere, occultare: — „Dove domin s’è occultato quel furfantello;“ sepelir, o no sepelir in zimiterio, seppellire o non seppellire in sacrato: — „In ilio tempore un suicida non veniva sepolto in sacrato; averli sepelidi tuti, met. averli sotterrati tutti.

Sepolcral, agg. sepolcrale, sepulcrale.

Sepolina, sf. zi. seppiola, met. lo stesso che sepa nel secondo significato met.

Sepoltura, sf. sepoltura; met. catapecchia, stamberga; bugigattolo; vizio de natura se lo porta in sepoltura, v. natura.


Sequestrada, sf. sequestrazione; staggimento.

Sequestrar, va. pignorare, sequestrare, staggire.

Sequestro, sm. oppignoramento; esecuzione, sequestro; sequestrante — chi lo fa fare; sequestrato — quello a cui lo si fa; aggiudicatario — colui che diviene proprietario della còsa sequestrata e mandata all’incanto.

Sera, sf. sera; de la sera, vespertino: — „La squilla vespertina invita alla concentrazione ed alla preghiera; ’ aver una gran bruta sera, met. avere una serataccia: — „ Bisogna ch’io finisca di giuocare, ho una, serataccia oggi.“

Serada, sf. serramento.

Seradura, sf. serratura, toppa; seradura a scroco, serratura a colpo, o serratura a sdrucciolo.

Seradureta, sf toppina.

Seralio, sm. sexraglio.

Seramento, sm. intasamento, intasatura; chiusura; costipazione.

Serar, va. accollare; chiudere; serrare, turare; precludere; t. de’ giuocatori di dama: aver fatto il pieno; serarse un dedo fra una porta, ecc. -pigliare un granchio: — „ Voleva entrarci lui, e gli ha toccato un granchio a secco;’1 vn. de le feride, ammarginare, cicatrizzare, rammarginare, rimarginare; serar per de fora, met. aggratigliare, imprigionare, — mettere in chiusa: — „Eu messo in chiusa per essersi appropriato indebitamente de’ colombi;“ cortei che se poi serar, coltello a serramanico; chi ben sera ben verzi, m. prov. chi ben serra ben trova; — serar un ocio, v. ocio; serar la finestra, o serar la porta sul muso, lo stesso che sbater la finestra, o sbater la porta sul muso, v. sbater.

Seren, agg. e sm. chiaro, sereno; allegro, ilare, lieto, tranquillo.

Serenada, sf. cocchiata, serenata.

Serenar, va. e vn. serenare, — far sereno; divenir sereno. [p. 404 modifica] Sermon, sm, sermone; met. intemerata, rabbuffo; far- un sermon a qualchedun, risciaquare a quel tale un bucato, — cantargli il vespro e la compieta.

Seron, sm. finestrata; usciata.

Serpegiar, vn. serpare, serpeggiare.

Serpentazo, sm. serpentaccio.

Serpente, sm. serpe, serpente; met. dragonessa.

Serpentin, sm, serpentello serpicella, serpicina, serpicino.

Serva, sf. donna ’di casa, fante, fantesca, serva; servente, serviente; chi che se remena torno co le serve, fan taio; tignir, o tratar una persona pezo de la serva, tenere quella persona per strofinacciolo; serva tornado, e minestra riscaldada no vai gnente, v. minestra.

Servaza, sf. servaccia.

Serveta, s/. servetta, servicciuola, -servicella, servicina.

Servir, va. servire; met. e ironicamente: rovinare, sconciare; servir de comodin, servire per lucerniere; — in tavola, servire le tavole: — „Per le nozze si piglierà un domestico apposta per, servire le tavole;“ servirse de qualcossa, approfittarsi, o giovarsi di che si sia; cosso servi, modo rassegnativo: che vale; servir de barba e de paruca, v. barba; comandi chi poi e servi chi devi, v. comandar; do pavoni in una volta nò se poi servir, v. paron.

Servitor, sm, famigliare, famiglio, servidore, servitore, servo.

Servitorame, sm. servidorame, servitorame.

Servitorazo, sm. servitoraccio.

Servitoreto, sm. servicciuolo, servitorello, servitorino.

Servizieto, sm. servigetto, servigiuolo, servigiuzzo, serviziolo, serviziuccio, serviziuzzo

Servizio, sm. servigio, servizio; affare, faccenda, negozio; servizio de tavola, de bira, ecc. finimento da tavola, da birra, ecc.; dona de servizi, fasservigi, donna di servizio, mezzo servizio: — „Han licenziato la fantesca, che’ loro è sufficiente un mezzo servizio;“ far el servizio, met. fare il servizio: — „0 fammi il servizio finiscila colle tu’baggianate;“ far quel servizio, fare i propri agi, — sollevarsi, — deporre il soverchio peso del corpo; far un viagio e do servizi, m. prov. fare due bullette, o fare due chiodi a una calda, o a un caldo, — imbiancare due muri con un medesimo alberello, — fare un viaggio e due servizi, — dare a due tavole, o dare a due tavole a un tratto.


Servizion, sm. servizione

Servola, sf. Servola — v. con cui si son fatti i modi: mus de Servola, met. asinaccio, croio, villanaccio, zotticonaccio; se ga iazà un mus a Servola, met. casca la coda ai cani.

Session, sf. sessione.

Sessola, sf. votazza.

Sessolota, sf. donna del popolo che lavora ne’ magazzini, che monda gomma, ecc.

Sestin, sm. attuccio; bel sestin, met. aggraziato, ammanierato, disinvolto, garbato piacevole, leggiadro, vezzoso: — „E una servetta piacevole che si raccomanda;“ aver un bel sestin, aver un bel sennino.

Sesto, agg. sesto; sm. .atto, cenno, gesto; ..lazzo; vezzo; portamento; assesto, sesto; meter a sesto, mettere, o porre a sesto, o in sesto, — porre in buon assetto, — mettere, o porre in ordine; far sesti, far lazzi; che sesti — modo di amorevole riprensione: eli’ è col manico, o eli’ è marchiana, — eli’ è co’ fiocchi, o è da registrarsi — e altri siffatte; bon sesto, lo stesso che bel sestin, e aver un bel sesto, lo stesso che aver un bel sestin, v. sestin.

Setar, va. allacciare, combacciare congiungere; assettare.

Sete, agg. sette; rinforzato a sette doppi, che contiene come si sia, sette: settemplice: — „Come color settemplice raduna un raggio sol;“ che ha sette forme: settiforme: — „Settiforme Spirito Santo;“ divenir sette volte maggiore: settuplicarsi; sete volte de più, settuplo: — „Egli vinse il settuplo;“ sete nei vestiti, [p. 405 modifica] strappo; sete e mezo, specie di giuoco di carte: sette e mezzo; tre. sete — c. > s.: tressetti; bau bau sete v. bab>au.

Setembrina, voce con cui s’è formato il proverbio: — a la luna setembrina sete lune ghe se inchina, alla luna settembrina sette lune le se inchina

Setentrional, agg. iperboreo, settentrionale.

Setico, agg. e sm. scettico.

Setimanal, agg. ebdomadario, settimanale.

Setimin, sm. ettàmeno: •— „Ebbe un ettàmeno che le morì, e poi più nulla.“

Setizismo, sm. scetticismo.

Setro, sm. scettro scetro.

Severo, agg. austero, rigido, severo.

Sevo, sm. ségo, sevo; di sego, della natura del sego: sebaceo: — ^Candele sebacee.“ — „Sebacea consistenza; saver de sevo — dicesi •di quelle vivande molto condite che, quando si raffredano, prendono un odore come di sego: sapere di rassegato: — ...Cotoletta che sa di rassegato.“

Sezion, sf. sezione; anatomia, anotomia, autossia cadaverica, notomia. E meglio, quella dell’uomo: androtomia, e quella degli animali: zootomia.

Sezionar, va sezionare.

Sfachinada, sf. facchineria.

Sfachinar, va. sfacchinare.

Sfadigada, sf. affa icamento, fatica, travaglio-,

Sfadigar, va. e vn. affaticare, affatigare, — durare, o sostenere fatica, — faticare, stentare; sfadigarse per gnente, beccarsi i getti, — abbaiare alla luna, o al vento, — durar fatica per impoverire, — pescare pei rigagnoli; sfadigar assai, spuntarsi nelle dita, o nelle mani; sfadigar per i altri, fare come il tordaio, fare come il mulo del vinaio che - porta’ 1 vino e beve l’acqua.

Sfadigon, agg. affaticante, affaticatore, attivo, fuggiletti, laborioso, — uomo da bosco e da riviera. I

Sfalza, e derivati, lo stesso che falza e derivati.

Sfamada, sf. sfamatura.


Sfamar, va. disfamare, sfamare, satollare.

Sfarinada, sf. sfarinamento.

Sfarinar, va. e vn. sfarinacciare, sfarinare.

Sfaso, sm. zi. rombo liscio — rombus laevis.

Sfavorir, va. sfavorire.

Sfazadazo, agg. sfacciataccio.

Sfazado, agg impudente, sfacciato, sfrontato, temerario.

Sfazatagine, sf. impudenza, sfacciamelo sfacciataggine, sfacciatezza, sfrontatezza.

Sfazendado, agg. sfaccendato; panperduto, scioperato, scioperone

Sfera, sf. lancetta indice, saetta; sfera de l’orloio a sol, gnomone, sciatero, stile, stilo solare.

Stesa, sf. fenditura, fesso; in sfesa, m. avv. a fessolino: — „ Trovai la porta, a fessolino -,“ lassar, o meter in sfesa, socchiudere: — „Favorite socchiudere quell’imposta “

Sfeseta, sf. fessolino.

Sfiadada, sf. fiatata, - sfiatatura, sfiatàmento. sfiatazione.

Sfiadar, va. alitare, fiatare, sfiatare; sfiadar: difizilmente, anelare; senza sfiadar, met, senza alitare: — „Ac cettò le proposte senza alitare.“

Sfiancada, sf. sfiancata.

Sfibrada, sf. debilitazione, sfibramento, snervamento.

Sfibrar, va. sfibrare, snervare.

Sfidada, sf. sfidamento.

Sfidar, va. disfidare, sfidare; t de’giuocatori di carte: invitare: — ..M’invita a mattoni e sa che ho tutte le fiori.“

Sfido, sm. t. de’ giuocatori di carte: invito.

Sfiduzia, sf. sfiducia.

Sfigurar, va. disfigurare, sfigurare • Sfilada, sf. sfilata: -- ^Sfilata di cavalieri;“ sfilatura: — „Causa quella sfilatura non tengono i punti..

Sfiladon, sm. art e mest. sciavero: —- . Recossi alle seghe per acquistare de’ sciaveri.“ [p. 406 modifica] Sfilar, va. scontorcere, sfilare, sfilacciare; sfilare.

Sfilazada, sfilazadura, sf. sfilacciatura, sfilaccicatura.

Sfilazar, va. sfaldellare, sfilacciare, sfilacciare’, vn. spicciare: — A quel panno converrà fargli un sopraggito, che non abbia a spicciare di più.“

Sfilazo, v. usata quasi sempre al pi. quindi: sfilasi, faldella, filaccia.

Sfiloso, agg. tiglioso — ed è aggiunto che si dà alla carne. — „Polastri sfilosi. — Lesso sfiloso. = Polli tigliosi. — Allesso tiglioso.“

Sfilza, sf. filza; sfilza de usei, mazzo d’uccelli; de esempi, de zitazioni — e simili: sfilata di citazioni, sfilata d’esempi, ecc.

Sfilzada, sf. infilzata.

Sfilzar, va. infilzare.

Sfilzeta, sf filza.

Sfinir, va. sfinire; consumare, sciupare.

Sfiocada, sf. fasto, pompa, sfoggio.

Sfiocar, vn. lussureggiare, pompeggiare, sfoggiare: — „Deve aver vinto al lotto, tanto pompeggia;“ sfiondare: — „Sfionda carote da far ridere le telline.“

Sfiorar, va. sfiorare.

Sfiorida, sf. sfiorimento, sfioritura.

Sfiorir, vn. sfiorire; va. t. mar. aghindare.

Sfiórizada, sf. spincionata. .

Sfiorizar, va, fare il sordino, sfringuellare, spincionare.

Sfodrar, va. sfoderare, sfodrare, sguainare.

Sfodrada, sf. sfoderamento.

Sfogada, sf. sfogamento, sfogo, esalazione.

Sfogador, sm. art. e mest, sfogatoio.

Sfogar, va, e vn. sfogare; sfogasse con qualchedun — ha due significati, uno cattivo, grossolano: dire a quel tale l’animo suo, — esalare con lui il malumore; l’altro pietoso: discredersi con quel tale: — „Ho sofferto a lungo in silenzio, mi sono discreduto finalmente con mia madre.“


Sfogiar, va. lo stesso che sfiocar.

Sfogo, sm. sfogatoio; sfogo; sfogo sora ’l telo, asolo.

Sfogonà, agg. sfoconato; fortunato; eccellente, pomposo, sfoggiato, straordinario.

Sfogonada, sf. fortuna, detta; sfoggiamento.

Sfogonar, va. sfoggiare; aver tre pani per coppia.

Sfoia, sf. zi. soglia, sogliola — solea,

Sfoiada, sf. pasta a sfoglia, o pasta sfoglia, o sfogliata: — „Scorpacciate di guazzetto colle sfogliate;“ sfogliata: — „Yuol giudicare le opere col dar loro una sfogliata.“

Sfoiadina, sf. sfogliatina.

Sfoiadura, sf. sfogliatura.

Sfoiar, va, sfaldare, sfogliare, sfrondare; sfogliettare; sfoiar le foie dei moreri, brucare i gelsi; — le panoce, scartocciare il gran turco; — i fiori, spicciolare i fiori: — „ V’ aspettava Amelia, spicciolando de’ fiori.... non i vostri sapete. Sfoiazo, sm, fogliaccio.

Sfoieta, sf. sogliolina.

Sfoieto, sm. fogliuccio.

Sfoio, sm. foglio; foglio, gazzetta, giornale; sfoio de pasta per le lasagne — e simili: sfoglia, spoglia; sfoi de le zivole, tuniche.

Sfolgorarvn. folgorare, sfolgorare, sfolgoreggiare.

Sfondada, sf. affondamento, sfondamento.

Sfondado, agg. sfondato; met. guasto, rovinato; insaziabile.

Sfondar, va. sfondare; affondare; atterrare; sfondar porte, muri — e simili: approfondare, profondire; sfondare.

Sfondolado, agg. sfondato: — „Biccone sfondato che non darebbe du’ monete gobbine per stampare il Dizionario.“

Sfondrada, sf. atterramento; sfondamento, sfondata.

Sfondrar, va. affondare, fondare, sfondare, sfondolare. [p. 407 modifica] Sfondro, sm. balza, dirupo, ripa, voragine, vorago.

Sformada, sf. sformazione.

Sformado, agg. sformato; deforme; eccedente, grande, smisurato, smoderato

Sformar, va. sformare; trasfigurare, trasformare.

Sfornida, sf. sfornimento.

Sfortunado, agg. e sm. sfortunato, sventurato; gramo, infelice.

Sfornir, va. sfornire; privare, spogliare.

Sforzada, sf. sforzamento, sforzo.

Sforzana, sf. zi. gallinella acquatica. voltolino — rallus aquaticus.

Sforzanon, sm. zi. pollo sultano — gallinula cloropus, e con Linneo, fulica cloropus.

Sforzar, va. costrignere, costringere, forzare; violare, violentare; scassinare; vnp. affaticarsi, ingegnarsi, — far diligenza . Sforzo, sm. conato, sforzo; chir. blennorea espurea; far un sforzo, met. fare un pianto, — fare un pianto e un lamento: — ^Faccia un pianto e venga questa sera senz’ altro; “ fare i sforzi, fare esercizi ginnastici; far tuti i sforzi, met. fare l’estremo di sua potenza; far i ultimi sforzi, met. giuocare alla mora; con ogni sforzo, m. avv. a tutta oltranza, o a tutta possa.

Sfracasada, sf. schiacciamento, sfracassamento sfracassatura.

Sfracasar, va. fracassare, infrangere, schiacciare, stiacciare, sfracassare; vnp. infrangersi, rompersi.

Sfracason, sm. fracassatore, sconquassatore.

Sfrantumada, sf. infrangimene, stritolamento, stritolatura.

Sfrantumar, va. infrangere sgretolare, stritolare.

Sfrantumi, smp. disfaciture, macerie, resti, sfasciume.

Sfranzadura, sf. sfrangiatura.

Sfranzar, va. frangiare, sfrangiare.

Sfrasel, v. con cui si son formati i modi, avverbiali: andar in sfrasel, scomporsi, sgretolarsi, e met. aver { dato del culo in sul petrone, — a- I vere consumato l’asta e il torchio; e butar in sfrasel, sbriciolare, sminuzzare, e met. dilapidare, fondere, scialacquare, sperperare.


Sfratar, va. sfrattare, — dare lo sfratto.

Sfrato, sm. sfratto; dar el sfrato, met. licenziare, — dar le pere, o dare il tabacco del nonno.

Sfredida, sf. raffreddamento,“ soffreddamene.

Sfredido, agg. raffreddato; disanimato, svogliato.

Sfredir, va. e vn. freddare, sfreddare sfreddire, soffreddare; sfredir del tempo, irrigidire; no lassar sfredir, met. non lasciar freddare: — rBatti e ribatti or che ’1 tempo: non bisogna lasciar freddare il negozio.“

Sfredoloso, agg. e sm. freddoloso, freddoso

Sfregada, sf. frega, fregagione, ’sfregamento, stropicciagione, stropicciatura; mar. fregata.

Sfregadina, sf. sfregacciolata.

Sfregar, va. confriccare, sfregare, sfregolare, strofinare, stropicciare; fregar legermente, sfregacciolare.

Sfregolada, sf. sbriciolamento: — „Forse eh’ era necessario dare quello sbriciolamento al pane?;“ sfregolacciata: — „Dà ti prego, una sfregolacciata a’ miei calzoni: ve’ quante pilacchere vi sono;“ stropicciatura: — „Datosi una stropicciatura di occhi cominciò a leggere il decreto.“

Sfregoladura, sf. sbriciolatura; sgretolamento.

Sfregolamento, sm. sbriciolamento, sfregolacciata.

Sfregolar, va. acciare, amminutare, attritare, contritare, sbriciolare, sfregacciolare, sfregolare, sminuzzare, stritolare, tritare, sfregolacciare; sfregolar le man per lavarle, strebbiare le mani; sfregolarse i oci, stropicciarsi gli occhi; sfregolarse, vnp. sfriccicarsi: — „Si sfriccica alla suocera? ha bisogno di denaro!l’

Sfregoloso, agg. friabile, sgretoloso.

Sfrenada, sf. sfrenamento, sfrenatezza. [p. 408 modifica] Sfrenado, agg. dissoluto, licenzioso, sbrigliato, sfrenato; intemperante.

Sfrenar, va. sfrenare; mei. eccedere..

Sfrenateza, sf. dissolutezza, sfrenamento, sfrenataggine, sfrenatezza, sfrenazione.

Sfrisada, sf. intaccatura, scalfittura; -escoriazione.

Sfrisar, va. frisare, intaccare, scalfire, sfiorare.

Sfriseto, sm. frisetto, scalfitturina; art. e mest frisetto; mar. trincarino.

Sfriso,sm. fregio, frego, scalfittura, sfregatura.

Sfrisolo, sm. zi. colimbo fiumatico —• colymbus fluviatili*.

Sfrisoto, sm. zi. beccofrosone, frisone, frosone, . frusone: — fringilln coccothraustes.

Sfrizer, va. e vn sfriggere; soffriggere; sfrizer del grasso messo al fogo, m teeia, in fersora — e simili: grillare; 1—. del pesse in fersora, sfriggolare, sfrigolare; — dei ovi co. i se f rizi — e simili: grillettare; de metal de boio messi nel aqua, frizzare.

Sfrizigada, s/. fritto; frittura; sfrigolamento, sfrigolio.

Sfrontado, agg. sfacciato, sfrontato, — faccia incallita, 0 faccia invetriata.

Sfrontateza, sf. sfacciataggine, sfrontataggine, sfrontatezza

Sfugir, va. scansare, schifare, sfuggire

Sfumada, sf. sfornamento, stimazione.

Sfumadura, sf. sfumatura.

Sfumar, va. e vn. sfamare, sfummare; fai- sfumar, met. sventare; mandare all’aria.

Sfuriada, sf. sfuriata.

Sfrutada, sf. sfruttamento.

Sfrutar, va. sfruttare.

Sgabazada, sf. scarabocchio, sgorbio, cancellazione.

Sgabazar, va. cancellare, impiastrare, sbagazzare; scarabocchiare.

Sgabazon, sm. lo stesso che sgabazada nel primo significato.


Sgaìo, agg. ardito, baldo, coraggioso, destro, intrepido; robusto; audace, temerario.

Sgambeta(far), m. avv dare il gambetto, — far gambetta.

Sgambetada, sf. scarpinata, sgambata, sgambettata.

Sgambetar, va. scarpinare, sgambare, sgambettare.

Sganasada, sf. croscio,, o scroscio di risa, risata, sgangasciamento.

Sganasar, va. sbellicare, sganasciare; sganasarse de rider, sganasciarsi dalle risa, 0 per risa, — ridere a crepa pelle.

Sgarada, sf. errore sbaglio, sgarramelo, sgarrone; degeneramelo, tralignamento, stralignamento.

Sgarar, va. fallare, sgarrare, — mancare di abilità, di forza, di sapere, 0 di valore, ecc. chi 0 che si sia: — „Il vino quest’anno ha sgarrato;“ degenerare, imbastardire, tralignare: — „E de’ Lapi, e non traligna.“

Sgarbelà, agg. e sm. scerpellato,. scerpellino: — „ Quando quello, scerpellato fa l’occhio pio, vien da ridere.“ — „Sposa ’1 scerpellino ? gua’ l mondo buffone.“

Sgarbeiada, sf. scerpellatura.

Sgarbelar, vn. scerpellare. -Sgardufada, sf. arruffamento, scapigliatura, scarmigliatura.

Sgardufar, 10, abbatuffolare, accatricchiare, arraffare, avviluppare, rabbatuffolare, scapigliare, scompigliare, sgarduffare (Giusti), scarmigliare: — „A quei mo’ scarmigliata non pare;“ scarruffare; vnp azzuffarsi, rabbaruffarsi: — ..Ed’ficànte esempio di signorine che si rabbaruffano in mezzo la via per questioni erotiche.“

Sgargarizada, sf. gargarizzamento sgargarizzamento.

Sgargarizar, va. gargarizzare,, sgargarizzare.

Sgargarizo, sm. gargarismo,, sgargarizzo.

Sghignazada, sf. ghignata, sghignazzamento, sghignazzata, sghignazzici, sghignazzo.

Sghignazar, va. sghignazzare. [p. 409 modifica] Sghiribizada, schiccherata.

Sghiribizar, va, sghiribizzare.

Sgionfada, sf. (sgionfada) gonfiatura; impinzatura, mangiataccia, scorpacciata, strippata.

Sgionfeto, sm. zi. (sgionfeto) tamburello comune — auxis Eochei.

Sgiorifar, va. e vn. (sgionfar) enfiare, gonfiare; intimpanire, tumefare; sgionfarse dei fruii siiti messi a boier, rinvenire; magnar che sgionfa, cibo enfìativo.

Sgionfeza, sf. (sgionfeza) enfiagione gonfiezza, gonfiore, turgidezza; chir. fìsema, tumefazione, turgore.

Sgionfimento, sm. (sgionfimentó) enfiatura, gonfiamento.

Sgionfir, va. e vn. (sgionfir) lo stesso che sgtonfar

Sgionfo, agg. (sgionfo) enfiato, gonfiato, gonfio, inturgidito, sgonfio, tumefatto, tumido, turgido; tumefatto; poet. enfio; met. anche in forza di sostantivo: corpacciuto, corpulento; sgionfo per aver magnà assai, rimpinzato.

Sgionfon, sm. (sgionfon) corpacciuto, gonfione.

Sgnacada, sf. gittata, scagliamento.

Sgnacar, va. gettare, gittare; sgnacarghela, met. appettargliela a chi si sia, — cantargli il vespro, o cantargli il vespro e la compieta, — fare una finestra sul tetto a quel tale. vSgnanfo, agg. nasino, roco; sm. nasino: — ,.La trippaiuola sposa il nasino.“

Sgnape (far), m. avo. lo stesso che far scapola, v. scapola.

Sgnaulada, sf. gnaulata, gnaulìo, miagolio, sgnaulìo; met. vagito.

Sgnaular, va. gnaulare, miagolare; mef. begolare: — - „Che begola ora quell’imbecille; ’ vagire: — ,,Corri corri il bimbo vagisce sm. miagolio: — „No posso sentir sto sgnaular. = Questo miagolio io non ’ lo posso udire.“ Sgnesola, sgnesula, agg. e sf. bagatella nonnulla, poco, pocolino; met. cazzabubbolo, cazzatello, cosettino, scriatello, — tappo da botte: — „Yoleva fare il gradasso, quel cosettino, e n’ha toccate; inter. bagatelle, giuggiuole, nespole; cospettonaccio, perdxncibacco, potenzinterra.


Sgnocolada, sf. mangiataccia, satolla, scorpacciata.

Sgnocolar, va. mangiare morfire — v. antica la seconda, ma che corrisponde pienamente al nostro sgnocolar.

Sgoba, sf. v. met. schiena; spalla.

Sgobada, sf. fatica, lavoro, stento, travaglio.

Sgobar, va. affacchinare, affaticare, aggobbire, sgobbare, stentare, straccarsi; aver, o esser de sgobar, andare, o stare al sizio: — „ Guadagna benone, ma c’è da stare al sizio.“

Sgobador, sm. affaticatore, fuggiletti, laborioso.

Sgolarse, vnp. sgolarsi.

Sgombrada, sf. sgomberamene, sgomberatura

Sgombrar,»», sgomberare, sgombrare.

Sgomentar, va. e vn. sbigottire, sgomentare.

Sgosada, sf, stridìo, urlamento, urlata.

Sgosarse, vnp. sbraitare, sfiatarsi, spolmonarsi.

Sgozada, sf. scannamene, sgozzata, uccisione.

Sgozar, va. scannare, sgozzare; uccidere.

Sgradevole, agg. malgradito, misgradito, sgradevole.

Sgradir, vn. dispiacere, rincrescere, sgradire.

Sgrafada, sf. graffiamento, sgraffio; nel senso di ferita leggiera: sbucciatura: - „Ha messo il campo a romore per una sbucciatura che appena si vede;“ rubamento.

Sgrafadura, sf. graffiatura; met. sbucciatura: — „ Parlavan i giornali d’una ferita mortale - e i’ la vidi: una sbucciatura, e in una natica;“ sgrafadura de galine, v. galina.

Sgrafamerda, sf. v. scherz. passero.

Sgrafar, va. graffiare, sgraffiare; met. aggrancire, rubare. [p. 410 modifica] Sgrafignada, sf. furto, ladroneccio, ladroneggio, ruberia

Sgrafignar, va. aggraffare, aggraffignare, aggrancire, arraffare, carpire, ranfignare, rubare, sgraffignare.

Sgrafo, sgrafon, sm. graffio, sgraffione.

Sgramaticada, sf. sgramaticamento, sgrammaticatura,

Sgramaticar, vn. sgramaticare, sgrammaticare.

Sgranada, sgranadura, sf. sgranatura, sgranamento.

Pgranàr, va. e vn.. digranare, sgranare; sgranar l’ua, spicciolare le uve.

Sgranelada, sf. sgranellamelo.

Sgraneladura, sf. sgranellatila.

Sgranelar, va. sgranellare.

Sgranfada, sf. arraffamento.

Sgranfar, va. arraffare, scarraffare, rapire a raffa rafia.

Sgranfignar, e derivati, lo stesso che sgrafignar e derivati

Sgravada, sf. sgravamento, sgravidanza; alleggerimento, sgravio, sollievo.

Sgravar, va. alleggerire, alleviare, sgravare; disgravidare, sgravidare, spregnare, — sgravarsi del parto.

Sgrezada, sf. arricciato; digrossamento; dirozzamento.

Sgrezar, va. e vn. digrossare; dirozzare; sgrezar un muro, arricciare un muro.

Sgrif, sm. bargia, giogiaia, pagliolaia; uncino, ronciglio.

Sgrinfa, sf. branca, granfia grinfa, zampa; met. mano, ugna, unghia; aver ne le sgrinfie, met. avere nell’unghie; capitar ne le sgrinfe., dar nel guanto: — rM’ha truffato a dovere, ma se mi dà nel guanto te l’accomodo io;“ liberarse de le sgrinfe, met. uscir dell’unghie.

Sgrisolo, sm. brivido, gricciolo, tremore.

Sgrossili, sm.. t. de’ legnaiuoli: pialletto.

Sguaiado, agg. sguaiato; met. impertinente, licenzioso.

Sguainada, sf. sfoderamento.

Sguainar, va. sguainare.


Sguaita (far la), m. avv. appostare l’allodola, o la starna, — - guaitare, — tener d’occhio, — star dietro a chi, o che che si sia.

Sguarnir, va. sfornire, sguarnire, sguermire, sguernire.

Sguatara, sf. guattera, sguattera, lavascodelle.

Sguazada, sf. diguazzamento; dissipamento, scialacquo.

Sguazador, sm. dissipatore, prodigo, sguazzatore.

Sguazar, va. dilapidare, dissipare, scialacquare, sperperare, far tempone, sguazzare; dilavare, guazzare.

Sguazo, sm. dilapidamento, dissipamento:. profusione, scialacquamento, sperperamento.

Sgubia, sf. art. e mest. scorbia, sgorbia; badile; becchetto.; ferro da allargare.

Sgubieta, sf. sgorbiolina.

Si, avv. inaisi, si; poet, ita . Del no per li denar vi si fa ita: Dante Inf. XXI; parer de sì, credere, parere, sembrare; o ben si o ben no, o guasto o fatto,, o dentro o fuori; esser fra ’l si e ’l no, v. no.

Sia, sf. mar. scia

Siada, sf. mar. sciata.

Siagura, sf. disavventura, disgrazia, isciagura, malavventura, sciagura, sciaura.

Siaguratamente, avv. disavventuratamente, malavventuratamente, sciaguratamente, sciauratamente, sgraziatamente.

Sial, sm. scialle.

Sialaquada, .sf. scialacquamento, scialacquatura, scialacquo.

Sialaquar, va. dissipare, prodigalizzare, scialacquare.

Sialaquador, sm. dissipatore prò-, digo, scialacquatore.

Sialupa, sf. mar. palischermo, scialuppa. * Siar, va. mar, assiare, sciare.

Siarada, sf. sciarrada.

Siarpa, sf. ciarpa; sciarpa; cravatte, cravatta, fazzoletto da collo; siarpa de le caroze, cassetto, serpe.

Siben, avv. abbenchè, benchè, sebbene, se bene. [p. 411 modifica] Sicurar, va. assicurare, secura- ! re, sieurare.

Sicurazion, sf. assicurazione.

Sicuro, agg.-avv. e sm. certo, sicuro; andar al sicuro, m. avv. andare sul sicuro; esser al sicuro, stare al sicuro, o stare nel sicuro; meterse al sicuro, m. avv. attenersi al colombaio: — ^Aizzano i minchioni, sbraveggiano in piazza, e quando veggono la mala parata s’attengon bravamente al colombaio;“ de sicuro, alla sicura, al sicuro, certamente, senza dubbio.

Sicutera, storpiatura del modo latino sietti erat; tornar al sicutera, m, avv. tornare a’ santi vecchi.

Sie, agg. sei; butar zinque e tirar sie, met, far ceffoni, — porre cinque e levar sei.

Sielta, sf. sceglimento scelta.

Sielzer, va. brisciare (Pegolotti), cernere, cernire, scegliere, scerre; sielzer i fruti per salvarli, sfiorire le frutta.

Sientificamenie, avv. scientificamente; scriver, o parlar sientificamente, scientificare.

Sientifico, agg. scientifico.

Sienza, sf. scienza;. che apartien a la sienza, scienziale; esser un arca de sienza, met. essere un’arca di scienza;, in sienza e cosienza, v. cosienza.

Sienziato, sm. scienziato; met. dottorino, saccentino, saputello, sciolo.

Sifon, sm. sifone,

Sifonzin, sm. sifoncino

Sigil, sm. sigillo, suggello.

Sigilada, sf. sigillata, suggellamene.

Sigiladura, sf. sigillatura, suggellatila.

Sigilar, va. sigillare, suggellare; met. confermare. j ’ Significar, va, esprimere, inferire, significare.

Signor, sm. donno, padrone; signore; portar el signor, munire dei SS. Sacramenti; el signor ene ene, o el signor ene ene che tempera le pene, m. scherz. il signor enne enne o il signor enne enne che tempera le penne: signor che ghe vanza i pie fora 11 del leto, met. signore con la paglia nelle scarpe.


Signorazo, sm. riccone, ricco sfondolato, signorazzaccio. signor accio, uomo che può misurare le doppie con lo staio, e per sim. Creso; Sardanapàlo.

Signoregiar, va. e più spesso vn. grandeggiare, signoreggiare; dominare; estollersi.

Signori], -agg. signorile.

Signorin, sm, v. met. signorino: — „Il signorino non si degna di venire in casa nostra.“ Silabar, va. sillabare, sillabicare.

Silabazion, sf, sillabazione.

Simbolegiar, va. e vn. simboleggiare, simbolizzare.

Simia, sf. scimia, scimio; che ga de la simia, scimiatico; 'a ogni simia ghe par bei i su simioti', m. prov. all’orsa sembran belli i suoi orsacchi; bru-, to come una simia, v. bruto.

Simile, agg. cotale, sì fatto, simile; qualcossa de simile, un quid simile, o un quissimile: — „Non può dirglisi spia, ma un quid simile;“ ogni simile ama ’l suo simile, prov. ogni simile ama, o appetisce il suo simile, — chi si somiglia, si piglia, — tal guaina tal coltello-, — simile con simile e gente di su’ pari, — simili con simili e gir co’ suoi, o simili con simili e impacciati co’ tuoi. Il Fanfani di cara ed illustre memoria aggiunge un esempio di Dante: Inf. IX. ^Simile qui con simile è sepolto;“ ciò però eh’ esso esempio abbia a fare col prefato proverbio lo lascio giudicare a chi s’occupa del Poeta e della sua Commedia.

Simiotada, sf. contraffazione, imitazione, scimieria, scimmiottata, scimmiottatura

Simiotar, va. scimmieggiare, scimmiottare; imitare.

Simioto, sm. scimiolo, seimiotto, scimmiuolo; far el simioto, “met. contraffare, imitare, — fare lo scimmiotto; 'a ogni simia ghe par bei i su simioti', v. simia.

Simon, nome proprio di persona: Simone. [p. 412 modifica] Simpatico, agg. affabile, manieroso, simpatico; meio simpatico che bel, v. bel.

Simular, va. e vn. dissimulare, fingere, — far finta, far mostra, far vista, — simulare.

Simulator, sm. formicone, gattono, simulardo, simulatore, volpone.

Simulazion, sf. simulazione; doppiezza, finzione.

Simunito, agg. babbeo, scimunito, stordito.

Sin, sina, avv. fino, fino a, insino, insino a, sino, sino a, sino a tanto; sin che, sina che, fin che, sin che, sino a che, sin tanto che, sino a- tanto che.

Sincero, agg. puro, schietto, sincero; verace, veridico, veritiero.

Sindacar, va. sindacare, sindicare; indagare.

Singoiar, agg. eccentrico, originale, particolare, singolare, singulare; sm. singolare.

Sinilia, sf. ciniglia.

Siniozar, va. disghiottire, singhiozzare, singhizzire, singozzare.

Siniozo, sm. singhiozzo, singozzo, singulto.

Sinistramento, sm. accavallatura, distrazione.

Sinistrar, va. e vn. lussare; slogare; vnp. accavallarsi, distrarsi.

Sinque, agg. cinque.

Sintilada, sf. scintillamento, scintillazione.

Sintila, sf. scintilla.

Sintilante, agg. fulgido; scintillante; terso.

Sintiiar, va. lucere, risplendere, sfavillare, risplendere.

Sintir, vn. lo stesso che sentir..

Sinzier, agg. lo stesso che sincero.

Sinzierità, sf. sincerità; benedeta la sinzierità — frase usata per lo più ironicamente: evviva la sinsincerità.

Sinzieron, agg. sincerone.

Siocagine, siocheza, sf. scioccaggine, scioccheria, sciocchezza; far siocheze, scioccheggiare.


Sioco, agg. citrullo, goffo, gonzo, minchione, sciocco, stolido, zuccone, zugo.

Siola, sf. suolo — pi. le suola: — „Deve gettar via gli stivali perchè ha un paolo in un suolo.“ — «Mostratemi le suòla;“ esser una siola, met. essere tiglioso.

Sioladura, sf. solatura, solettatura.

Siolar, va. solettare.

Siolier, vn. liquefare; va. appianare, definire.

Siolimento, sm. scioglimento, soluzione; distemperamento, liquefazione.

Siolteza, sf. agilità, destrezza, scioltezza; disinvoltura, franchezza.

Siolto, agg. sciolto; liquefatto; agile, destro.

Sion, sm. sifone, tromba da vino; met. beone, bevitore, tracannatore, ubbriacone; bever come un sion, v. bever.

Sionera, sf. mar. remolino, scionata, scione.

Siopero, sm. sciopero, sciopro; far siopero, scioperare, scioprare.

Sior, sm. padrone; signóre;sor: — „Il sor Pietro.“ — ,,Sor Gaspare è uscito;“ esser, o far el sior, m. de’ giuocatori: essere il signore; sior che ghe vanza i pie fora del leto, met. signore colla paglia nelle scarpe; sior pazifco, v. pazifico.

Siorazo, sm. lo stesso che signorazo.

Siordidio, sm. zi. rigogolo.

Sipario, sm. comodino, sipario, telone.

Siringada, sf. sciringata

Siringar, va. sciringare, siringare.

Sirocal, siroco, sm euro, scilocco, scirocco, sirocco, — vento di sudest; siroco levante, scirocco levante — vento di estsudest; siroco marzo, austro, vento di sudestsud.

Siropar, va. sciloppare. sciroppare, siropare.

Siropo, sm. sciroppo meno comune che ^ siroppo.

Sisola, sf. hot. giuggiola, zizziba, zizzifa, zizzola. [p. 413 modifica] Sisoler, sm. bot. giuggiolo, zizzibo, zizzifo, zizzolo.

Sistemar, va. accomodare, acconciare, coordinare, riordinare.

Sistemazion, sf. ordine, riordinamento, riordinazione.

Situar, va. accomodare, collocare, situare.

Situazion, sf. positura, sito, s’ituagione, situamento, situazione: esser in bona, o in cativa situazion, essere in buona o in mala fortuna, — in buono o in cattivo stato; agric. essere in buona, o essere in cattiva plaga.

Sizilian, agg. e sm. sicano, siciliano, siculo.

Sizità, sf. aridità secchezza, siccità, secco

Slambrada, slambriciada, sf. sgualcito, sgualcimento.

Slambrar, slambriciar, va. dissestare, malmenare, sgualcire.

Slambricio, sm. brandello brincello, sbrendolo.

Slanzada, sf. lancio, slanciamento, slancio.

Sianzar, va, avventare, lanciare scagliare, slanciare; met sfoderare: — „Anche l’amico l’si sfodera oggi: dev’essere capitato bene.“ Sianzo, sm. guizzo, lancio, sbalzo, slancio: stretta: — „Dette una stretta e si svincolò dalle braccia delle guardie;“ t. mar. lanciamento: — „ Misurate il lanciamento della ruota di prua;“ aver slamo, met. essere destro, intraprendente. — conoscere l’acquerello dal mosto, o il mosto dall’acquerello, — sapere a quanti dì è S. Biagio; ciapar slamo, prendere la rincorsa, e. met. addestrarsi, affrancarsi, sfangarsela.

Slaparo, agg. disadatto, fastellaccio; sciamannato.

Slargada, sf. allargata, allargamento, dilatamento, dilatazione, slargamento.

Slargadina, sf. allargatina, dilatazioncella.

Slargadura, sf. slargatura.

Slargar, va. allargare, ampliare, dilatare, distendere, estendere, ingrandire, slargare, slargheggiare; slargar la man, met. largheggiare; slargarse el cor, met. allargarsi il cuore, — respirare. Slatada, sf. divezzamento, slattamento, slattatura.


Slatar, va. divezzare, slattare, — torre dal latte. Slavarocio, sm. acqua pazza, broscia, sbroscia; acquata, acquazzone, j scataroscio. i Slavazada, sf. acquazzone scataroscio: — , Acquazzone che ha durato pochi minuti;“ infradiciata: — „Se tolto su un’infradiciata che pareva un annegato;“ risciacquata: — «Farete dare una risciacquata al laj brace prima di cuocerlo;“ dilavamenI to, dilavazione: — „Piogge dirotte? j dilavamento de’terreni.“ I Slavazadina, sf. infradiciatina; dilavazioncella; risciacquatina.

Slavazado, agg deluso; risciacquato; slavato; molle.

Siavazar, va. e vn. dilavare, di luviare, — cader l’acqua a ciel roI vescio, piovere a mezza stanga; borj dare, sciaguattare; infradiciarsi -, slava- zar una persona, risciacquare il buca- to a chi si sia. — , lavarsi la bocca di quel tale: — „E andato a lavari si la bocca di me nella speranza di supplantarmi; “ slavazarse de una per-\ sona, venire a noia chi si sia, — riI stuccarsi di questo o quello

Slavazon, sm. acquazzone, an- nacquata, scataroscio. j Sleal, agg. disleale, sleale; fal saccio, ipocrita.

Slechslech (far), m. avv. far: lima lima. Slechignada, sf. mangiucchiata.

Slechignar, va. dentecchiare, i denticchiare, mangiacchiare, mangiucchiare, masticacchiare.

Slechignon, agg. schifiltoso, schi-; fo, schizzinoso. i Slegerida, sf. alleggerimento.

Slegerir, va. alleggerire.

Slep, sm. strascico

Slepa, sf. pezzo tanto fat-’ to; ceffata, ceffone, marrovescio; mu- . so de siepe, met. luna in quintadecii ma. [p. 414 modifica] Slichignada, e derivati lo stesso che slechignada e derivati.

Slimigar, va. dentecchiare, mangiacchiare, mangiucchiareSlimigoso, ayg. molle, mollicchioso, molliccio; schifo, schizzinoso.

Stinga, sf. cinghia, cintura; ciappa

Slofada, sf. impinzamento, satolla, scorpacciata.

Slofarse, vnp. impinzarsi, — pigliare una satolla.

Slofona, sf. carnacciuta, fonfone, polpacciuta.

Slogada, sf. dinoccamento, slogamento, slogatura.

Slogar, va. dinoccare; lussare, schiovolare, slogare.

Slogiar, va. diloggiare, sloggiare; met. scovare, stanare.

Slondron(a), m. avv. a giostroni. a girone, a gironi, a randagine, a sparabicco, a zonzo

Slondronar, va. sparabicchiare, — andare a sparabicco.

Slongada, sf. allungamento, allungatura

Slongar, va. evn, allungare, dilungare, prolungare, slungàre; differire, procrastinare; protendere: — „Come vide il babbo protese le manine; * slongar una bibita, annacquare quella bibita; slongar le rece, met. ha due significati: orecchiare, appuntare o tendere gli orecchi: — “E villania tendere gli orecchi quando altri parlano in secreto;“ e tirare gli orecchi: -— „Tirogli gli orecchi e per companatico diegli un calcio nel sedere.“

Slontanada, sf. allontanamento, slontanamento.

Slontanar, va. allontanare, slontanare; met. sfreddire.

Smacada, sf. gettata, gittata, scagliamento.

Smacar, va. abbacchiare, gettare, gittare, scagliare; schiaffare: — „Ha schiaffato que’ polli che uno n’ è rimasto morto.“

Smafarada, sf. baratteria, gabbamento truffa; rubamento.

Smafarar, va. gabbare, giuntare, truffare; rubare.


Smafaro, smafaron, sm. briccone, gabbamondo, gaglioffo; ladro; truffatore.

Smagnà, smagnado, agg. consumato, corroso, smangiato: — „Ringhiera corrosa dalla ruggine:“ incotto: — „Mettetegli polvere di licopodio a quel bimbo, là V è incotto.“

Smagnada, sf. corrosione, mangiatura; incotto.

Smagnar, vn. incuopere: — ^Quella bimba va lavata spesso; il piscio la incuoce facilmente;“ corrodere, smangiare: — „La ruggine smangia i metalli.“

Smagnazada, sf. mangiatacela, strippata; dar una smagnazada, pigliare una satolla, — prendere una secchiata.

Smagnazar, va. ingoiare, sbasoffiare, strippare.

Smagnazon, sm. divoratore, ingluviatore, mangiatore.

Smagrida, sf. emaciazione, dimagrimento.

Smagrir, vn. assecchire, dimagrare, dimorfìre, emaciare, estenuare, immagrare, smacrare, smacrire, smagrare: — «Vello come s’ è estenuato;“ sfruttare:. — „ Concime ci vuole cava, cava, le terre si sfruttano;“ va. sgrassare.

Smaltada, sf. incalcinatura, smaltamento.

Smaltadura, sf smaltatura

Smaltar, va. ammaltare, smaltare; intonacare.

Smaltir, vn. consumare, digerire, smaltire.

Smania, sm. bruciore; desiderio; prurito; smania.

Smaniar, va. e vn. smaniare; infuriare, pazzeggiare.

Smanigar, va, smanicare: — „E la seconda volta che mi si smanica il martello

Smara, sf. collera, corruccio, rabbia, rancore, rovello, stizza; desiderio

Smargiasada, sf. bravata, millanteria, smargiassata, smargiasseria, spacconata

Smargiasar, va. bravare, braveggiare, millantare. [p. 415 modifica] Smargiason, sm. bravaccio, millantatore , spezzacatenacci.

Smarida, sf. scoloramento, scolorimento, sbiadimento.

Smarir, vn. scolorare, scolorire, sbiadire: — „Ha du’ giorni quell’abito ed è già sbiadito;“ smortire: — „Dite che smortirà questa macchia?“

Smarzir, e derivati, lo stesso che marzir e derivati.

Smascherada, sf. smascheramento.

Smascherar, va. smascherare.

Smaselar, va. sganasciare, smascellare; smaselarse de rider, sganasciarsi, o smascellarsi dal ridere.

Smedoiar, va. smidollare; met. debilitare, snervare.

Smeiaza, sf.. meta.

Smemorado, agg. dimenticone, immemore, smemorato.

Smentida, sf. smentita

Smentir, va. sbugiardare, smentire.

Smerciar, va. esitare, smerciare, vendere.

Smerdada, sf. smerdamene; met. insozzamento, insudiciamento

Smerdar, va. incacare, smerdare: — „ Trapuntini tutti incacati;“ met. insudiciare, sudiciare: — „M’ha fatto un bel servizio andarmi a insudiciare press’a superiori.“

Smerdon, a.gg. smerdellone, sconcacadore, sconcacatore.

Smergo, sm. zi. mergo, tuffoIo — colymbus glacialis.

Smeriliar, va. smerigliare.

Smerilio, srft. smeriglio

Smeter, va. dimettere, smettere, tralasciare.

Smezada, sf. smezzamene, dimezzamento; met.. spartimento, divisione, separazione.

Smezar, va. dimezzare, smezzare; met. falcidiare: — „Paguccie falcidiate dagli, strozzini.“

Smilza, sf milza, splene; infiamazion de la smilza, splenite, spleni ti -de; chi chega mal de smilza, splenetico.

Sminuzada, sf. sminuzzamento, sminuzzolamento.

Sminuzar, va. e vn. minuzzare, sminuzzare, sminuzzolare, — andare, o fare in minuzzoli.


Smisurado, agg. eccessivo, smisurato, sterminato; intemperante.

Smiz, sm. codetta, frustino, mozzone, sverzino.

Smobiliar, va. smobiliare.

Smocolada, sf. smoccicamene, smoccolamento.

Smocoladura, sf. smoccolatura.

Smocolar, va. mocciare, smoccicare: — „Badate, quel sudicione vi ha smoccicato i calzoni; “ smocolar el lume, scarbonchiare, — smoccare, o smoccolare il lume.

Smocolon, smocoloso, .agg. moccicone, moccicoso, moccioso.

Smoiada, sf. dimenamento; met. infradiciata, lavata.

Smoiar, va. e vn ammollare, ammollire; intingere, inzuppare; infradiciare; smoiar la biancaria— e simili: dimoiare la biancheria, ecc.

Smoio, agg. ammollato, immollato, inzuppato; meter m smoio, ammollare, — mettere a molle, o mettere in molle.

Smola, sf. colla da calzolai; esser .come la smola, met. appiccarsi come la gramigna.

Smolaciado, agg. malassetto, sciato, sciamannato.

Smolaciar, va. allentare; scignere, scingere.

Smolta, sf. munta; espilazione, estorsione.

Smolzer, va. mugnere, mungere, smungere; met. espilare, estorcere, estorre.

Smonarse, vnp. v. bassa: sdarsi.

Smontada, sf. smontamene; sbarcamene; scesa.

Smontar, va. scendere, smontare; sbarcare.

Smorfia, sf. invenia, lezio, leziosaggine, sceda, smorfia, svenevolezza: — „Quante de quele smorfie = Quante svenevolezze ;“ lezioso, smorfioso, svenevole: — „ Basta che no vegni quela smorfia. = Purché non ci venga quello svenevole;“ far smorfie, ammoinare; volerghe mile smorfie, met. volerci mille stoggi. [p. 416 modifica] Smorfiezi, smorfiosezi, smv. lo stesso che il pi, di smorfia, nel primo significato.

Smorzada, sf. smorzamento; estinzione, spegnimento.

Smorzador, sm. ammorzatolo, smorzo, sordina; smorzatore.

Smorzar, va. ammorzare, smorzare, spegnere.

Smover, va. muovere, smuovere; scommuovere.

Smovidura, sf. smovitura.

Smù (far), m. de’ sarti: far la bandiera, o fare una bandiera.

Smufarada, sf. furamento; rubacchiamento.

Smufarar, va. furare; rubacchiare,

Smusada, sf. smussamente.

Smusar, va. smussare. Snervada, sf. snervamento; debilitamene.), disnervazione, indebolimento sfibramento.

Snervado, agg. atonico, fievole, flacido floscio, indebolito, infiacchito, snerbato, snervato.

Snervar, va. snerbare, snervare; vn. debilitare, spossare. .

Snidar, va. snidare, snidiare.

Snodada, sf. snodamento; lussazione, slogatura.

Snodar, va. snodare; vn. lussare, tracollare.

Snombolada, sf. dilombamento; affaticamento, travaglio

Snombolar, va. dilombare, slombare; vnp. straccanarsi: — «Per guadagnarsi un fiorino poccioso ha dovuto straccanarsi tutt’il dì;“ scosciarsi: — „Bisogna scosciarsi per salir lassù in cima.“

Sobilada, sf. sobillamento, s,oducimento; aizzamento

Sobilador, sm. sobillatore; attizzino, istigatore.

Sobilar, va. sobillare, subillare

Socomber, vn. morire, soccombere, soggiacere; restar perdente.

Socorer, va. soccorrere; aiutare, giovare, — porgere aiuto.

Socorso, sm. aiuto, soccorso; domandar soccorso per mezzo di grida, di segnali: ammattare


Sodisfado, agg. appagato, pago, sodisfatto.

Sodisfar, va. adempiere, adempire, compiere, sodisfare; vnp. sbizzarrirsi, scapricciarsi.

Sodisfazente, agg. soddisfacente, sodisfacente.

Sodisfazentemente, avv. sodisfacentemente.

Sodisfazion, sf. sodisfacimento; sodisfazione.

Sofà, sm. canapè, divano, sofà.

Sofigada, sf. soffocamento, soffogamelo, soffocazione, soffogazione.

Sofigamento, sm. lo stesso che sofigada.

Sofigar, va. affogare; soffocare, soffogare; met. coprire, nascondere, occultare.

Sofigazo, sofigo, sm afa; alidore, ardore.

Sofigon, sm. soffocamento, soffocazione, soffogamento, soffogazione; a sofiyon, tri. avv. a battiscarpa, — a scappa e fuggi, — a desco molle, — in pugno.

Sofisticar, va. cavillare, sofisticare, sofistizzare, sottilizzare, e per sim. cercar cinque piedi al montone, o cercare il nodo nel giunco.

Sofisticarla, sf. soffisticheria, sofisticheria

Sofistico, agg. e sm. fisicoso, scrupoloso, soffistico, sofista sofistico.

Sofita, sf. caqueario (S. Bernardo), soffitta; sofita senza finestre, soffitta cieca; roba de meter in sofita, mei. cosa barbata, o rancida, o ricantata; tirar zo de sofita, met, attaccarla al ciel del forno, tirar sagrati.

Sofitar, va. soffittare.

Sofrida, sf. patimento, sofferenza, sofferimento.

Sofrir, vn. sofferare, sofferire, soffrire tribolare; comportare, patire; sopportare: — „Non sopporta simili inciviltà in casa sua;’ no poder sofrir uno, non poter patire quel tale.

Sogetazo, sw. soggettacelo, — cattivo soggetto.

Sogetar, va. assoggettare, soggettare, suggettare

Sogiogada, sf. soggiogamento. [p. 417 modifica] Sogiogar, va. soggiogare.

Sogiornar, vn. dimorare, intertenersi, soggiornare.

Sogiunger, va, aggiungere, soggiugnere, soggiungere.

Sogno, sm. sogno; sonno; sogno pauroso o stravagante; sognacelo; nanca per sogno, neanche per ombra, neppur per sogno, che dicesi pure con modo latino: ne per somnium quidem; come un sogno, met. come per un sogno: — .11 su’ amore m’ è stato come per* un sogno;“ arte de spiegar i sogni, oniro critica.

Sol, sm. sole; poet. Apollo, o Febo, — astro diurno luminarlo diurno (Ariosto), pianeta che distingue le ore; t. mus. sol; vampa del sol, sferza del sole; ciaro come ’l sol, o come la luse del sol, met. chiaro, o più chiaro della luce del giorno, o della luce meridiana; al sol, alla solina: — „Lo trovò tranquillamente sdraiato alla solina;“ meter al sol, assolare, o assolinare che che si sia: — „Assolinate quella tela se volete candifìcarla presto. “ — „’Se non assolinate quelle frutta andranno a- male;“ esser brusà del sol, met. essere abbronzato, o essere abbronzito; dove che no bati sol, met. dove non batte sole: — „Se non ti muovi presto t’appiccico una pedata dove non batte sole;u no xe saio senza sol no xe dona senza amor, e piova e sol el diavolo va in amor, v. amor; orloio de sol, v. orloio; el sol su la neve ghe ne dama altra, v. neve.

Solada, sf. insolazione, solata, — colpo di sole.

Soldà, sm. armato, milite, soldato — uomo d’arme; soldatino: — „Ecco il regalo della nonna: una scatola di soldatini di piombo; “ soldà semplize, soldato comune, o soldato semplice, — gregario; de soldà, soldatesco: — „Burbanza soldatesca.“ — ^Maniere soldatesche;“ tuti i soldai assieme, la soldatesca: — „La soldatesca francese.“ — „La soldatesca prima causa dello sbilancio finanziario europeo;“ soldà che se rendi al nemico, soldato deditizio (Mohtecuccoli); zogar i soldai, fare a’ soldatini; esser un vero soldà, met. essere un vero soldataccio: — „Pigliatevi la Maria, colei è un vero soldataccio; fatica per sei;“ pan de soldà, v. pan.


Soldatazo, sm. soldataccio: — „Soldataccio rozzo e brutale;;“ pi. soldataglia: — «C’è stato della soldataglia a rubare il pollame.“Soldeto, sm. soldino, solduccio; met. soldarello: — „S’è fatto qualche soldarello col fare lo strozzino.“

Soldo, sm. soldo; pi. danaro, denaro, numerario, pecunia, quattrini; soldi; de pochi soldi, met. da pochi soldi: — „E un avvocatuccio da pochi soldi; ’• no aver nanca un soldo, non aver uno che dica due, — non avere il becco d’un quattrino, — essere riarso di danaro; no aver un soldo per far cantar l’orbo, non n’aver uno da segnare il tempo, o non n’aver uno che dica due, o non n’avere uno da ’far cantare un cieco; aver qualche soldo, aver fato qualche soldo, aver qualche soldarello, aver fatto gruzzolo: — „Ha qualche soldarello, ma è poca cosa.“ — «S’è messo alla grande ora c’ha fatto gruzzolo; “ questa vai due soldi, o tre soldi, met. questa vale un paolo: — «Io corteggio la Clelia ? questa vale un paolo;“ no dar, o no valer mezzo soldo sbuso, met. non dare, o non valere un baghero, o una buccia di porro, o un ghiabaldano, o un cola, o un lupino, o una medaglia, o un quattrin bacato, o una patacca — e simili; esser conosudo come ’l soldo, met. esser più famoso, o più noto della bettonica, — essere conosciuto più della mal’erba, o più dell’ortica; mandar a remengo come ’l soldo, modo trivialissimo: mandare a casa bollita; de pochi soldi, m. avv. da pochi soldi: — nPer spenderli corti scelsero un tenore da pochi soldi;“ falso pezo che ’l soldo, v. falso; esser sempre col soldo in man, v. man; pupa de do soldi, v. pupaSoldoni (butarla in), m. avv. spiegarla in volgare, . — dare il pan bollito smaltito.

Solenizar, va. solenneggiare, solennizzare. E. Kosovitz — Dizionario ecc. 27 [p. 418 modifica] Solevada, sf. alleviamento, confòrto, refrigerio, sollevamento, sollievo; sollevatezza.

Solevado, agg. riconfortato, ristorato, sollevato; ammutinato, ribellato.

Solevar, va. sollevare; ricreare, spassare, svagare; ammutinare, ribellare.

Solezitamente, avv. sollecitamente.

Solezitar, va, sollecitare, sollicitare, spingere; affrettare, importunare, stimolare.

Solezitazion, sf. sollecitatura, sollecitamento, sollecitazione, sollicitatura, sollicitazione.

Solezito, agg. destro, intraprendente, sollecito.

Solezitudine, sf. celerità, prestezza; assiduità, cura.

Solfa, sf. lungaggine, lungagnata; piagnisteo; la stessa solfa, met. la favola dell’uccellino.

Solfarada, sf. zolfata.

Solfarar, solforar, va, insolfare, inzolfare, solferare, solforare, zolfare; solfarar de novo, rinzolfare: — „inzolfate prontamente l’uva altrimenti va certo a male; non ci vedete la crittogama ?“

Solfegiar, va. solfeggiare.

Solfere, sm. solfo, zolfo; di zolfo, che ha qualità di zolfo: sulfureo: — „Preparati medicinali sulfurei.“ — „Emanazione sulfurea.“

Solforadura, sf. solfatura, zolforatura.

Solitamente, avv. ordinariamente, per l’ordinario, per solito; accostumatamente.

Solito, agg. abituato, assuefatto, avvezzo, consueto, ordinario, solito, .usitato; al solito, o per el solito, al solito, per il solito, per suo solito, secondo il solito; semo a le solite, siamo alle solite; una de le su solite, met. una delle sue solite;lno esser solito de, m. avv. non usare di.

Solitario, agg. deserto, diserto, eremo, solitario; sm. solitario: — ..Ricevette in dono un magnifico solitario;“ vermo solitario, tenia — taena solium.


Solo, agg. solo; avv. solamente, solo; spontaneamente; solo come un can, 'o solo solo', solo nato,, 'o solo solo', o tutto solo, o solo come un cane, o solo soletto; esser solo — al giuoco della calabresella, de’ quadrigliati — e simili: far giuoco: — „Io fo giuoco, ma la mano l’ha lui;“ no solo, non solo: — „Non solo dissegli villania, ma picchiollo per giunta;“ un solo no poi far tuto, prov. una noce sola non fa romore in un sacco, — un busto non s’adatta ad’ogni dosso; meio soli che mal acompagnai, v. acompagnar.

Solupro, sm. saetta.

Soluzion, sf. scioglimento, soluzione, solvimento

Soma, sf. addizione, somma; conclusione, sunto; sommato; in soma m. avv. in conclusione, in somma; in soma de le some, m. avv. in somma delle somme.

Somaco, sm. bot. sommacco. scotano.

Somada, sf. somma.

Somar, va. sommare, farla somma; tuto somado, m. avv. computato tutto, tutto sommato: — „ Computato tutto si può sposarla.“

Somear, vn. assomigliare, simigliare, somigliare, render aria; somear al papà, padreggiare, padrizzare; somear un poco, arieggiare: — „Il mulo arieggia “l’onagro. “

Somiliante, agg. si migli ante, simiglievole, somigliante.

Somilianza, sf. assimigliagione, assimigliazione, assimiglianza. assomigliazione, assomiglianza, simiglianza, somiglianza; analogia; aver qualche somilianza con qualchidun, 0 con qualcossa, arieggiare una persona, o una cosa.

Soministrator, sm. provveditore, somministratore.

Soministrar, va. dare, porgere, somministrare.

Soministrazion, sf. somministrazione.

Somision, sf. obbedienza, rispetto, riverenza, sommessione, sommissione. [p. 419 modifica] Son, sm. suono,; poet, sono; son de l’orloio, scocco; — de le campane, rintocco; — de le pignate, o tede sciopade co se le iati, croccolio; de cativo son, cacofonico; a son, m. avv. a suon: — „Lo caociaron dalla festa a suon di bastonate. “ Sonada, sf. sonamento, sonata, sonazione, suonata; met. picchiata; dar una, sonada, met. imbottire il giubberello, — ritrovare, o spianare le costure.

Sonadina, sf. sonatina.

Sonado, agg. sonato, e s’usa unicamente parlandosi d’età p. e.nEl ga setanta ani sonai. = Ha settant’anni sonati.“

Sonador, sm. sonatore, suonatore; sonador de pianoforte, cembolante; de flauto, vin.lin, zitera, ecc. flautista, violinista, ceterista, ecc.; bona note sonadori, met. buona notte pagliericcio, — son sonate le ventiquattro. Sonadoron, sm. sonatorone.

Sonaliera, sf. sonagliera.

Sonalio, sm. sonaglio, sonaglielo

Sonar, va. suonare; risonare; met. bastonare, percuotere, sonare; sonagliare: — ,.Sento sonagliare, la. gregge non è lontana;“ sm. sonìo; sonar de ’te- ore, scoccare; — de le campane, rintoccare, — suonare a distesa; — la messa, la predica, suonare a messa, suonare a predica; — a morto, suonare a morto; — a campana martél, martellare, stormeggiare, suonare a stormo; sonar le campane co voi far temporal, sonare a mal tempo; no sonar ben, met. non andare a genio, non garbare, non poter ingoiarla, non quadrare: — „ Visite che non mi garbano.“ — Elleno son proposte che non quadrano a nessuno;“ sonar la tromba, met. giuocare a soffino, — soffiare nel pan bollito; sonar la trombeta, met. spetezzare; bisogna sentir sonar tute do campane, v. campana.

Sonetazo, sm. sonetaccio.

Sonato, sm. sonnellino, sonnerello: — „Ha schiacciato un sonnellino ed ora si trova bene;“ sonetto: — «Crede di scrivere de’sonetti e compone degli, strafalcioni;“ sonetto in fin del quale seguono una, due o più strofe di due versi endecasillabi e di un settenario, con rime incatenate: sonetto con la coda; sonetto con lunghissima coda: sonettessa.


Sonetuzo, sm. sonettellucciaccio, sonetterello, sonettucciaccio, sonettuccio, sonettuzzo.

Sono, sm. sonno; mancanza di sonno o voglia eccessiva di dormire: insonnia, insonnio; sonno che si dorme in sull’aurora: sonnellino d’oro; sono leger, sonno sveglievole: „ —Zitto veh è in convalescenza ed ha il sonno sveglievole;“ sono duro, sonno sodo: — , E’ inutile che tu lo chiami: ha bevuto un bicchiere di più ed ha il sonno sodo oggi;“ far sono, indur sonno: — ^Bevande alcooliche? non ne voglio: inducono sonno;“ e met. far afa, — far cadere il pan di mano: — „ Tiene certe letture che fan cadere il pan di mano;“ far un sono, dormire, o fare, o schiacciare un sonno; tra. la tea e el sono, sonnacchione, sonnovegliando: — „Sonnovegliando disse non so quali sconcezze;“ esser tra la vea e el sono, sonnovegliare; stato intermedio fra il sonno e la veglia: sopore. Nello stato normale della vita è il primo grado del sonno; nello stato anormale-è un sintomo di affezione che affligge il cervello, esso è allora il primo grado del sonno morboso, la sonnolenza; sonno morboso nel quale l’infermo è affatto insensibile: caro; continua propensione al sonno: marasmo; — ìe cui passano alcuni animali l’inverno: letargo, e letargo, o letargia, chiamano pure i- medici quel sonno che per qualsiasi causa si prolunga molto più in là dell’ordinario; ciapar sono, attaccare il sonno, — prender sonno; aver ciapà un sono numero un, aver attaccato l’asino a buona caviglia; esser ciapà del sono, essere gabbato dal sonno: — ,.Rimase gabbato dal sonno al concerto, quello sfacciato;“ imbriago de sono, ebro di sonno; cascar, o morir de sono, met. cadere, o morire di sonno, — tracollare: — „Povero [p. 420 modifica] bimbo, conducetelo a nannina, non vedete che tracolla ?“; dormir pacifico i sui soni, met. dormire tutti i suoi sonni: — „Dorme tutti i suoi sonni “ora c’ha raggiunto il suo scopo;“ oci de sono, v. ocio.

Sonolenza, sf. assopimento, sonnolenza; sopore.

Sopa, sf. suppa, zuppa; met. danno; intoppo; seccatura, suzzacchera: — .E’ ella una suzzacchera che m’ha toccato’ per avermi semplicemente fatto vedere da colei; “ se no xe sopa xe pan smoià v. pan.

Soperir, vn. sopperire supplire.

Soportar, va. comportare, sofferire, sopportare; reggere, sostenere.

Soprafazion, sf. angheria, soperchiamento, sopruso, vessazione.

Soprafin, agg. finissimo, sopraffine, sopraffino.

Sopragiunger, vn. sopraggiugnere, sopraggiungere.

Sopresa, sf. strettoio:.

Sopresada, sf. stirata; — faccia dare una stirata a’,suoi fazzoletti;“ sopressata: — „Tra’salumi mi è appetitosa la sopressata.“

Sopresadora, sf. stiratora, stiratrice.

Sopresar, va. stirare, spianare: --- „ Stiratemi, vi prego un par di mutande;“ — „I sarti spianano le costure;“ tola de sopresar, asse.

Sora, prep. sopra, sovra; de sora, tn avv. di sopra; al di sopra; soprano: — vDenti soprani;“ per sora, m. avv. a galla; per arrota, per giunta; per de sora, m. avv. in groppa, — di soprammercato, — per soprappiù, o per soprassello; de sora più, di sopra più, inoltre, per“giunta; per sor.a per sora, m. avv. sopra sopra; pelle pelle: — Fecegli una fèritina pelle pelle e . mena uno scalpore come se l’avesser scorticato;“’ andar per sora — il brodo, il latte, ecc.: traboccare il brodo, traboccare il latte, ecc.; esser tuto soto sora, m. avv. essere tutto all’aria: — „La signora Emilia ? Dio mio. come si fa riceverla che il quartiere è tutt’all’aria; “ passarghe sora, met.. passar a chius’occhi che che sia; andar sora de tute, met colmare lo staio: — Se fosse vera davvero che colmerebbe lo staio; “ averghene fin sora la testa, met. averne fino a’ capelli; esser sora, met. giacere a cavaliere: — ..Il castello di S. Servolo giace a cavaliere del villaggio omonimo;“ bever sora, soprabbere, soprabbevere: — «Prende il decotto e gli soprabbeve un sorso di marsala;“ magnar sora, soprammangiare:— levette du’litri e soprammangiò ad essi una frittata piramidale;“ sora pensier, sopra pensieri, — inconsideratamente, sbadatamente.


Sorabondante, agg. soprabbondante.; eccessivo.

Sorabondantemente, avv. soprabbondantemente.

Soracalza, sf. sopraccalza.

Soracamisa, sf. sopraccamicia.

Soracarigar, va, sopraccaricare.

Soracarigo, sm. t. di marineria: sopraccarico.

Soracassa, sf. t. degli orologiai: sopraccassa.

Soracogo, sm. sopraecuoco.

Soracotola, sf, soprassottana

Soradente, sm, . sopraddente, sopraddenti: — „EEa un sopraddenti che le sconcia la faccia.“

Soracoverta, sf. sopraccoperta, sopraccarta, busta, busta da lettere; t. de’ macellai: soccoscio.,

Soraleto, sm. sopralletto.

Soraintendente, sm. soprantendente, soprintendente.

Soraintendenza, sf. s’oprantendenza, soprintendenza.

Soralogo, sm. in sul luogo, — accesso al luogo.

Soraman, sm, t. de’ legnaiuoli: barlotta

Soramaniga, sf. soprammanica.

Soramanigo, sm. v. scherz. braccio, mano — nel senso di capacità in che si sia

Sorameter, va. soprammettere, sopr apporr e.

Soramisura, avv. oltremisura, soprammisura, smisuratainente.

Soramodo, avv. eccessivamente, soprammodo. [p. 421 modifica] Soranatural, agg. maraviglioso, soprannaturale, stupendo. . Soranome, sm. soprannome, e se è offensivo: nomignolo; soprannome ottenuto per conquiste, p e. l’Africano, il Macedone, ecc.: agnome.

Soranominar, va. soprannomare, so rannominare.

Soraosso, sm. soprosso.

Sorapiù, sm. soprappiù, soverchio; soprammercato; de sorapiù, m. avv. di soprappiù da vantaggio, di sopraccollo, di soprassello, in oltre, per giunta, per soprappiù.

Sorapunto, sm. sopraggitto.

Sorasalto, sm. sobbalzo; de sorasalto, in. avv. di sobbalzo.

Sorascarpa, sf. caloscia, soprascarpa.

Soraschena, sm. t. dei sellai: sopraschiena

Sorastalìa, sf. t. mar. soprastallìa

Sorastante, sm-. soprastante; custode; guardiano.

Sorataco, sm. soprattacco.

Soratera, avv. sopratterra.

Soratuto, sm. soprabito; .avv. sopratutto, sopra, tutto.

Sorauman, agg. sopraumano, soprumano, e più comunemente: sovraumano.

Soravento, sm. mar. sopravvento; esser soravento, mar, essere, o stare sopravvento, — avere il sopravvento: — „Vinser la regata in grazia al . sopravvento;“ ciapar el soravento, met. • prendere il sopravvento.

Soraveste, sf sopravvesta, sopravveste.

Sorbada, sf. accecamento.

Sorbar, va. accecare, acciecare; orbare; rn. met. abbacinare, abbagliare: •— „ Chiudete, vi prego, l’imposte, c’ è un sole che abbaglia;“ che Santa Luzia me sorbi — modo basso di affermare imprecando: eh’ i’ arrazzi,. — ch’io arrabbi, e per maggior enfasi: ch’io arrabbi come un cane, — eh’ io diventi un frate.

Sorbetier, sm. diacciatore, sorbettiere.

Sorbeto, sm. gelato, sorbetto; gelato misto, arlecchino; far. sorbeto, “ sorbettare; met.- acciacco; danno; malore; lavata, rabbuffo, risciacquata..


Sorbida, sf. sorbizione.

Sorbir, va. assorbire, ingoiare, sorbecehiare, sorbire.

Sorboler, sm. bot, sorbo — sorbus domestica; sorboler salvadigo, bacoarello —pyrus, o sorbus aucuparia.

Sorbolo, sm. sorba; sorbolo de mar. zi. — specie di mollusco-: lima infiala; far un viso come de aver iniutì sorboli garbi, fare il viso come di biasciar i3orbe acerbe: — „Quando intese la proposta fece il viso come di biasciar sorbe acerbe.“

Sordazo, agg. e sm. sordacchione, aordaccio; sordastro.

Sordità, sf. sordità; sordità completa: còfosi.

Sordo, agg. e sm. sordo; sordo come una campana, sordacchione;• esser un poco sordo, aver le campane grosse; far el sordo, met.. fare il sordo; esser sordo, met. avere il cotone negli orecchi: — „Bastiàno ? Bastiano ? o che hai il cotone negli orecchi ?“ no dir a un sordo, met. non intendere a sordo; no parlar a un sordo, met. non dire a sordo, o non parlare a un sordo; no xe pezo sordo de quel che no voi sentir, m. prov. egli è il mal sordo quello che non vuol udire, - non è peggior sordo di quello che non vuol capire.

Sorela, sf. sirocchia, sorella; sorela del nono, o de la nona, zia grande; tute le boche xe. sorele, v. boca.

Sorelastra, sf. sorella uterina.

Sorgheto, sm. bot. sagginella.

Sorian, agg. soriano.

Sorider, va. sorridere.

Sormontar, va. e vn. sormontare; straripare, traboccare; superare; vincere: — „Abbiamo superato anche quella difficoltà.“

Sorpasar, va. sorpassare, trascorrere, — lasciar correre.

Sorprender, vn. sorprendere.

Sorsada, ’ sf. beuta, sorsata, sorso. Sorsar, va. centellare, centellinare, sorsare, sorseggiare, - — bere a centellini, o a zinzini. [p. 422 modifica] Sorso, sm. sorsata, sorso: — „Se l’ è bevuto in un sorso; centellino: — , Lasciane un centellino al bimbo “

Sorte, sf. avventura, caso, destino, fortuna, sorte, ventura; sorta, sorte, qualità, specie forma guisa, modo; condizione, essere, stato; sortilegio; a sorte, m. avv. al bacchio, alla cieca, alla ventura, a sorte; dir la sorte, met. far la “ ventura; farghene de tute le sorte, met. farne di quelle coli’ ulivo, — farne di quelle di pelle di becco; far d’ogni erba un fascio, — far d’ogni lana un peso; tirar a sorte — che si fa con pigliare tanti fuscelli di differente lunghezza, quanti sono que’ della brigata, accomodati nella mano d’uno de’ concorrenti in modo che non si veda se non una delle due testate, dalla qual parte ognuno cava fuori il suo, e vince chi toglie il fuscello maggiore, o minore, secondo che da prima si è stabilito: fare alle bruschette; fin a la morte no se sa la su sorte, m. prov. fin che s’ha denti in bocca non si sa quello che tocca.

Sortir, va. uscire.

Sortita, sf. escita, uscita; t. di giuoco: buttata: — „La sortida iera bona ma po el ga ruvinà H zogo. = La buttata era buona ma poi ha sciupato il giuoco.“

Sorvelianza, sf. sorveglianza, vigilanza.

Sorveliar, va. invigilare, sorvegliare, vigilare.

Sorzeto, sm. soricciuolo, topino, topolino; met. cosettuccio, mingherlino, scriatello.

Sorzo, sm. zi. sorce, sorcio, sorco, topolino — mus museulus; sorzo de campagna, topo campagnuolo — hipudaeus arvalis; mesa sorzo e meso usel — nome generico di varie specie di volitanti (cheir opterà); pesse sorzo, motella comune — motella trìcirata; nido de sorzi, sorciaia; che baia i sorzi, met. — di stanza, o quartiere disabitato: che vi ballano i topi; aver dove che ’l sorzo porta la spada, met avere in tasca; calcolare quanto il due di briscola. o quanto il papa sei nella minchiate; bagnado come un sorzo, met, bagnato fradicio, — bagnato come un pesce, — bagnato molle; el sorzo xe andà in trapola, met. il topo è restato in trappola; scominziar de la trapola dei sorzi, met. cominciare dal mestolino: — , Quand’han messo su casa han dovuto cominciare dal mestolino; ’ quando no xe ’l gato i sorzi bagola, v. gato.


Sospender, va. sospendere; sospendere. sospendere a divinis; differ rire, prolungare.

Sospension, sf. sospensione; dilazione, indugio.

Sospetar, va. sospettare, — avere sospetto;. avere opinione, credere, supporre.

Sospetin, sm. sospettuccio.

Sospeto, sm. sospetto; aver sospeto de un, avere a sospetto quel tale; chi xe in sospeto xe in difeto, v. difeto.

Sospirada, sf. sospiro.

Sospirar, va. sospirare; met, storiare; agognare, desiderare; aver ancora cossa sospirar, met. essere più lontano che gennaio dalle more, — dover mangiare un altro po’ di sale; chi prima no pensa in ultimo sospira, v. pensar.

Sospiron, sm. sospirone.

Sostignir, va. e vn. sostenere; reggere, tenere sopra di sè.

Sostignudo, agg. sostenuto; contegnoso, grave; far el sostignudo, fare il sostenuto; star sostignudo, stare sul sostenuto.

Sostituir, va. sostituire, sustituire.

Sostituzion, sf. sostituzione, sustituzione; cambio.

Sotaereo, sm. marangone, palombaro.

Soterada, sf. sotterramento.

Soterar, va. seppellire, sotterrare.

Soto, prep. e avv. abbasso sotto; lungo: — „Caminè soto ’l muro. = Camminate lung’il muro;“ inter. animo coraggio, sotto; esser soto, essere alle dipendenze, o al servizio di [p. 423 modifica] che si sia, e nel seno di essere suddito di questa o quella potenza: essere sotto il dominio; andar de soto, andar di sotto, evacuare il ventre; butar soto — con ruotabili: investire; andar, o esser al de soto, andare, o essere al disotto; andare, o rimanere al di sotto, scapitare: star sot<>, stare sotto, o stare sottoposto; tignir soto, mét. tener corto; abbassare, deprimere, tener sotto, —1 tenere soggetto; esser soto man, m. de’ giuocatori: essere sotto; farse soto, scompisciarsi; sconcaccarsi; meter soto, sottoporre, e nel senso di ficcare i lembi delle lenzuola e de’ copertoi, ecc. sotto alla materassa: rincalzare il letto: — Rincalzate il letto se volete che il bimbo non si scopra;“ tacar soto, dare avviamento, cominciare, principiare; de soto, m. avv. a piè, a piedi, appiè, appiede, di sotto; sottano: — „Molari e canini sottani;“ de soto in su, di sotto in su; de soto man via, celatamente, di nascosto, sotto sotto; per de soto, per di sotto; el de soto, il di sotto, o il sotto: — ..Prescelse il sotto, e mi fece un piacere;“ qualcossa ghe xe soto, met. gatta ci cova; esser tuto soto sora, v. sora.

Sotocanzelier, sm. sottocancelliere.

Sofocoda, sf. groppiera, posolino, socoodagnolo, sottocoda.

Sotocogo, sm. sottocuoco.

Sotogola, sf. papagorgia; soggolo

Sotointender, vn. sottintendere, sottointendere, sottontendere; comprendere per aria, o comprendere di colta o comprendere a volo.

Sotolinear, va. sottolineare.

Sotomanvia, avv. di nascosto, di sottomano, — per iscarriera: — „ Vendono liquori e spiriti per iscarriera;“ alla sordina: — ,.Sulla faccia ti fan le belle belline, e alla sordina ti scavan la fossa.“

Sotometer, va. sottomettere, e quale sincopato: sommettere; e dicesi pure: tener soggetto.

Sotomission, sf. sottomessione.


Sotopanza, sm. t. de’ sellai: cinghiatura, sottopancia. s

Sotopor, va. soggiogare, sottomettere, sottoporre.

Sotoscagno, v. scherz. usata nel modo: parlar sotoscagno, parlar toscano.

Sotoscritor, sm. soscrittore, sottoscrittore.

Sotoscriver, va. soscrivere, sottoscrivere.

Sotoscrizion, sf. soscrizione, sottoscrizione.

Sotosora, avv. a rovescio, capopiè, sossopra, sottosopra; butar, o meter sotosora, abbatuffolare, mettere a conquasso, — gittare, mandare,, o mettere a soqquadro, — mettere, porre, ecc. in confusione, in iscompiglio; esser sotosora, essere sottosopra: — „Non molestatelo; è sottosopra oggi ed ha la paturne;“ essere all’aria: — „Conducete i signori in giardino, che la sala è tuttavia all’aria.“

Sotostar, vn. sottostare, — essere suggetto, star sotto.

Sotovose, aw. sottovoce.

Sotra, sf. sottrazione.

Sotrar, va. sottraggere, sottrare, cavare, tor via; vnp. liberarsi

Sotrativo, sm. clistere.

Sotrator, sm. sottraggitore, sottrattore.

Sotrazion, sf. sottraimento, suttraimento, sottrazione, suttrazione.

Sovenzion, sf. sovvenimento, sovvenzione, sussidio.

Sovignir, vn. ricordare, sovvenire; aiutare, giovare, soccorrere.

Sovrastar, vn. soprastare, sovrastare

Soziabilmente, -avv. sociabilmente

Sozialismo, sm. socialismo.

Sozialista, smf. socialista.

Sozialmente, avo. socialmente.

Sòzida, sf. soccida, soccio, soccita; dar, o tor in sozida, dare, o pigliare a soccio.

Sozietà, sf. compagnia, società, societade, societate.

Sozievole, agg. compagnevole, sociabile, sociale. [p. 424 modifica] Sozievoleza, sf. socievoleza.

Sozievolmente, avv. socievolmente.

Sozio, sm. compagno, socio, sozio; chi ga sozio ga paron, lo stesso che chi che ga compagno ga paron, v. compagno.

Spacada, sf. spaccatura; mét. iattanza, millanteria, sfiandronata, smargiassata, spacconata, spagnolata, specchiata: — ,,Fa certe spòcchiate che se non facesse ridere farebbe pietà.“

Spacadura, sf, apertura, crepaccio, crepatura, fendimento, fenditura, fessura, fratta, scoscendimento, spaccamento, spaccatura; forra; spacco; frattura longitudinale, ch.tr. dicesi quando l’osso si rompe per lo lungo; frattura traversale, quando si rompe per traverso; frattura comminuta, quando l’osso si rompe in più pezzi, o si stritola.

Spacamonti, sm. ammazzasette, . bravaccio, cospettone, divoramonti, smargiasso,, spaccamonti, spiantamonti, tagliamonti.

Spacar, va. e vn. fendère, spaccare; met. dilapidare, scialacquare, scialare; mettersi in punto, o in falda, o in ghingheri; lussureggiare, sfoggiare: spacar cole man — legna da ardere, ecc.: tribbiare; spacar el minuto, met. spaccare il sessanta: — „Cronometro che spacca ’ regolarmente ilsessanta;“ che se poi spacar, fùsile.

Spacazochi, spacazuch, sm. spaccalegna, spaccalegne, spezzazocchi, taglialegna.

Spacio, sm. mescita: — „Ha parecchie mescite di vino e se la campa da signore.“

Spacon, sm. cospettone, millantatore, smargiasso, spaccone.

Spada, sf. spada; che ga forma de spada, spadiforme; chi che fa spade, spadaio, spadaro; spada, hot. iride germanica, ghiacciolo, giacciolo; bona spada, met. buona spada, o prima spada: — „L’ Angelini è una prima spada;“ esser messo, o meter a fil de spada, andare a fil di spada, mandare, o mettere a fil di spada; spada de do tai, met. coltello, o lama a due tagli; esser una spada, met. essere, ardito; o attivo, o destro, intraprendente, laborioso; essere un anguilla; pero spada, pera spada, o pera spadona; pesse spada, e pesse spada rosso, v. pesse; aver dove che ’l sorzo porta la spada, v, sorzo.


Spadada, sf. spadacciata, spadata, — colpo di spada.

Spadin, sm. spadino.

Spadòn, sm. spadona, spadone.

Spaduza, sf spadina, spadino, spadetta.

Spagheto, sm. spaghetto; spagheto de la scuria, codetta, frustino, mozzone, sverzino; met. battisoffia, paura, spavento, tema timore.

Spagnol, agg. e sm. iberico, spagnuolo.

Spagnolèto, sm. spagnoletta.

Spago, sm. spago; spago’ sf or zin, merlino.

Spaiàda, sf. spagliamento.

Spaiar, va. spagliare.

Spala, sf. omero, spalla; met. dorso, schiena; aiuto, sostegno; aver bone spale, met. avere buone spalle: — Individuo c’ha buone spalle: si lascierebbe anco sputare in faccia;“ essere ferrato a ghiaccio: — „ Quel dispendio per lui è una pitoccheria, ferrato com’ è a ghiaccio;“ mostrar le spale, met. dare, mostrare, volgere, voltare le spalle, — darla pe’ chiassi, — affibbiarsi le scarpette, — giocare, o menare lo spadone a due gambe; butar drio le spale, met: buttare^ o gittare dietro alle spalle, — mandarsi dietro le spalle; dir drio le spale, met. cardare, dir dietro le spalle, sonar le tabelle; esser su le spale, o viver a le spale —-di chi si sia:’ met. essere a incarico di uno, — campare alle spalle di questo, o di quello, — campare alle spalle del Crocifisso; dar spala, met. fare spalla, spalleggiare: — — .Se non m’avesse fatto spalla lui l’impresa andava a rotoli; “ guardarse le spale, met. riguardarsi le spalle; meter- le spale al muro, met. mettersi alla dura; mettere le spalle al muro; meter le spale soto, met. dar di spalla, [p. 425 modifica] o far spalla; ripescare le secchie, — essere fra Fazio che rifaceva i danni s’renzer le spale, ristrignersi, o strignersi nelle spalle, — strigner le spalle; e per mostrare di non sapere alcuna cosa che ci vien chiesta o di cui si parla: far spallucce; alzar una spala — con is degno e stizza, per significare che non ci cale di cosa dettaci o fattaci, o per mostrarci renitente a un comando: fare una spallata, o fare una spallucciata; sa h spale, rn. avv. in spalla sulle spalle; de bone spale, m. avv. di buone spalle, robusto, tarchiato; lassar i segni su le spale, v. segno.

Spalada, agg. scollacciata: — „Tutte le signore si presentarono scollacciate;“ sf. spallata: — ,>Con una spallata sfondò la porta.“

Spalaza, sf spallacela.

Spalancada, sf. spalancata; iato.

Spalancar, va. spalancare; spalancar tanto de oci-, sbarrare, o sgranare gli occhi

Spalegiar, va. aiutare, spalleggiare, — fare altrui spalla.

Spaleta, agg. e smf. spallato, gobbiccio; spaleta de porco, de castradina — e simili: spalla di maiale, ecc.; art. e mest. sguancio, spalletta di porta, spalletta di finestra: — .. Grli sguancii li terrete più chiari.“ — „ Vorrei che le spallette delle porte venissero colorate ad olio.“

Spalin, sm. spallino.

Spalmada, -sf. spalmata.

Spalmadura, sf. spalmatura.

Spalmar, va. spalmare.

Spampanada, sf. bravata, millanteria, spagnolata, spampanata, smargiassata, vanto.

Spampanar, va. braveggiare, lussureggiare; spampanar qualcossa, divulgare, o propalare che che si sia; spampanar i propri afari, andar col cembalo in colombaia.

Spanacolona, o spanamuro, sm. specie di giuoco fanciullesco: ristornino.

Spander, va. e vn. spandere, spargere, riversare, versare; spanto morto, in. avo. imbertonato, — asso fisso; spender e spander, m. avv. spendere e spandere: — „Co’ figliuoli è giuocoforza spendere e spandere;“ serar la spina e spander per i cocon, prov. guardarla nel lucignolo e non nell’olio; chi sparagna per la spina spandi per ’l cocon, prov. quel che non va nelle maniche va nei gheroni; bisogna spender ma no spander, m. prov. bisogna seminare con la mano e non col sacco.


Spanzada, sf. corpacciata, satolla, spanciata, scorpacciata; dar una spanzada, dare, o prendere una satolla.

Spapolada, sf. spacchiata.

Spapolar, va. spacchiare.

Sparagnada, sf. risparmiamelo, risparmio.

Sparagnar, vn. perdonare; risparmiare, sparagnare; sparagnarsela, m. de’giuocatori: fare a salvo; sparagnarla — detto del tempo, o di qualche malanno: perdonarla: — «Per oggi il tempo ce l’ha perdonata.“ — „Il colera, grazie a Dio, anche quest’anno ci ha perdonato;“ chi sparagna vien la gata e ghe lo magna, v. gata.

Sparagneto, sm. risparmiuzzo.

Sparagnin, agg.. economo, frugale parco.

Sparagno, sm. risparmio, sparagno; el sparagno xe el primo guadagno, m. prov. lo sparagno è il primo guadagno.

Sparagnon, sm. economista, risparmiatore.

Sparavier, sm. sparviere — la femmina, e moscardo — il maschio; mef. demonio; dragonessa.

Spareciada, sf. sparecchiamene,

Spareciar, va. sparecchiare.

Spareto, sm. zi. sargo del Rondelezio — sargus Rondeletii.

Sparida, sf. dileguameto, sparimene.

Sparir, vn. dileguarsi, disparire, dissolversi, sparire, svanire; quasi sparir — nel senso di allontanarsi con gran prestezza: dileguare.

Sparisera, sf. agric. sparagiaia.

Spariso, sm. bot. asparago, sparagio — asparagus officinalis; spariso salvadigo, sparaghella. [p. 426 modifica] Sparizipn, sf. sparimento, sparizione.

Sparlar, spàrlazar, va. scorbacchiare, sparlare, — affibbiare bottoni senza occhielli, tagliare le legna addòsso a chicchesia, — menare, o portare per bocca chi che si sia; farse sparlar, farsi scorgere, ’ o farsi sculacciare: — „S’è fatta sculacciare per una bambinata inconcludente.“

Sparlazada,s/. scorbacchiamènto.

Sparmazeto, sm. spermaceti..

Sparnizada, sf, sparnieciamento, sparpagliamento, e sparnazzamentò — v. quest’ultima che significa propriamente lo spargere qua e là, che si sia, che fa co’piedi il volatile.

Sparnizar, sparpaiar, va. dispargere, spargere, sparnazzare, sparnicciare, sparpagliare.

Sparo, sm. zi. sargo -annidare — sargus annularis. Sparpagnada, sf. sparpagliamento.

Sparpagnar, va. e vn. sparpagliare, spargere.

Sparpaiar, e derivati, lo stesso che sparpagnar e derivati.

Spartida, sf, spartigione, spartimento, spartizione.

Spartidor, sm. distributore“; partitore; rioda spartidora, v. rioda.

Spartir, va. dipartire, distribuire, dividere, scompartire, spartire; spartir- con qualchidun roba robada insieme, abbottinare con chi si sia; no poderse spartir, met. non avere il dono dell’ubiquità.

Spartizion, sf. divisione, ripartizione, scompartimento, spartizione; riparto.

Sparvier, lo stesso eh e sparavier,

Spassada, sf. divertita, godimento, intertenimento, passatempo: piacere, sollazzamento, sollazzo, spacchiata, trastullo.

Spassar, va. spacchiare: — „Sono stato alle corse e mi ci sono spacchiato mezzo mondo “ ’

Spasseggiada, sf. passeggiata, spasseggiata.

Spassegiar, va. passeggiare, spasseggiare.


Spassegio, sm. passeggio, spasseggio.

Spasseti(andara), m. avv. an dare a’ bimbi, o andare a’ mimmi.

Spasso, sm. spasso;’ diporto, passatempo, trastullo; far per spasso, fare da burla, ’ o fare per chiasso, o far per scherzo; gogar per spasso,, fare a tu me li hai; mandar a spasso, met. dar le pere, o dar l’erba cassia, mandare a spasso; esser a spasso., met, essere a spasso, o essere fuori di padrone; menar a spasso, condurre, a passeggio, menare a spasso; 11 et. dar pan per cena, — mangiare la torta in capo: — „In fatto di filologia egli mangia la torta in capo a tutti voi condurre il can per l’aia: — „Colle sue promesse conduce il can per l’aiae vi fa perdere un tempo che potrebb’esservi prezioso;“ menar a spasso i putei, andare a bimbi o andare a’ mimmi.

Spauracio,, sm. spauracchio, spayentacohio.

Spaurida, sf\impaurimento, spaurimento.

Spaurir, va, e vn. accapricciare, atterrire, impaurire, intimorire, — mettere in allarme, o in apprensione, o in sospetto, — mettere paura, — raccapricciare, sbigottire, — fare spavento, — incutere terrore, spaurire, spaventare, spavere (Boccaccio), terrorizzare, — smagliare il cuore a chi si sia.

Spauroso, agg. pauroso, pavido, pusillanime, spaventoso, timido; esser un spauroso, aver i conigli in capo, — avere cuore di scricciolo.

Spavento, sm. paura, spavento, terrore; met. abbondanza coppia; dovizia, macco; far spavento, met. essere o parere uno spavento:— „Chi vuole lo pigli a servizio; non sembra neanche un uomo, è uno spavento.“

Spaventoso, agg. v. met. grandioso, magnifico, sublime.

Spazabiie, • agg. esitabile, spacciabile, vendibile.

Spazacamin, sm. spazzacammino,

Spazada, sf. spazzata: — „Dà un po’ una spazzata a quel corri- [p. 427 modifica] doio;“ spaceiamento, spaccio: — .,È stato uno spaccio e’ ha fatto del suo vino ? ’ ?pazadina, sf. spazzatina.

Spazador, sm. spazzatore.

Spazadura, sf. spacciatura; spazzatura.

Spazar, va. dispacciare, spazzare; spazzolare; esitare, vendere;. sbrigare, spedire; divulgare; spazarse, vnp. spacciarsi: -— ,,Vorrebbe spacciarsi per un signore ed ha i paoli alle scarpe “

Spazeta, sf. spazzola.

Spaziatura, sf. t. de’ tipografi: spazieggiatura. .

Spaziar, va. c. s. spazieggiare.

Spazo, sm. spaccio.

Speceto, sm. specchietto.

Speciada, sf. specchiamento, specchiatura.

Speciar, va affacciare, specchiare; speciarse in qualchedun, met. poter specchiarsi in quel tale, farsi specchio di colui.

Speciera, sf. specchio a bilico.

Specio, sm. ammiraglio, specchio, spera; poet. speglio; chi che fa, o che governa speci, specchiaio; specio de le porte, dei scuri — e simili: luce delle porte, dell’imposte, ecc.; neto come ’l specio, o neto come un. specio, met. netto, o pulito come uno specchio; vederse in specio, met. ogni pittore dipinge sè: „ Lui mi dà del briccone è ben vero che ogni pittore dipinge sè;“ rampigarse per i speci, met. pigliare l’occasione del petrosemolo; attaccarsi agli specchi; fin che se se guarda in specio no se lavora, m. prov. donna specchiante, poco filante.

Speculante, speculator, agg. e sm. calcolatore, economo, speculatore.

Specular, va. e vn. speculare; economizzare.

Speculazion, sf. speculazione; far una speculazion, far un riesci; far con speculazion, fare ad arte: — ,,S’ è posto malato ad arte far con speculazion — economizzando: fare a miseria; far senza speculazion — largheggiando splendidamente: fare senza miseria: — ,,Casa fabbricata a miseria.“ — ,,Ivluraglioni eretti senza miseria;“ viver con tuta speculazion,, vivere di limatura. Spedido, agg. spedito; sbrigato, spacciato; spedido dei dolori’, sfidato dai medici: — „E tisico spolpo: il consulto l’ha sfidato.“


Spedir, va. spedire; t, med. disfidare, o sfidare un malato.

Speditor, sm. spedizioniere.

Spedizioner, sm. lo stesso che speditor.

Spedo, sm schidione, schidone, spiede, spiedo; schidionata, stidionata: — ,.Mangiossi tutt’una schidionata. di viscarde; ’ met. draghinassa, durindana.

Spedociada, sf. spedocehiatura, spidocchiatura.

Spedociar, va. spedocehiare, — spidocchiare: — „ Vattene, e non farti vedere fino che non ti se’ spidocchiato; ’ spollinare: — „Ha trovato le penne delle pernici che si son spollinate.“

Spelabarbe, sm. v. scherz. barbiere, barbitonsore.

Spelaciado, agg. spelacchiato.

Spelaciar, va. spelacchiare.

Spelada, sf. spelamento, pelatura: — „Il pelamento del volatile mi portò via mezzo la mattina.“ — Manicotto sconciato causa una pelatura;’ scorticamento, scorticatura: — „Pagategli la scorticatura;“ sbucciamento, sbucciatura: — , Dà un po’ una sbucciatura a quelle mele;“ spelada superfizial de la pele, t. chir. escoriazione.

Spelado, agg. pelato; sbucciato; sgusciato; spiumato; scoiato, squoia- « to,; arrapato, calvo, pelato, rapato.

Speladura, sf. pelatura.

Spelar, va. pelare: — „Canaccio schifoso a vedersi così pelato. “ — „Gli pelò per rabbia mezzo la barba;“ sbarbare: — «Per spenderli corti va al ^Siloss a farsi sbarbare;“ rapare: — „È rapato ed ha la tigna;“ sbucciare: — „ Sbucciami ti prego una pera;“ scorticare: —- „L’ agnello lo scorticherete domani;“ sguscia- [p. 428 modifica] re: — „La fantesca è intenta a sgusciar le noci; pelare, piumare, spennare. spiumare: — ,.Le rondini si piumano. per render soffice il loro nido.“ — „Compera -polli spiumati e sventrati ,“ pelare, levar la lana: — „ Gonzi che si fan pelare da sudicione sfacciate.“ — „Leva la lana al gonzo a modo e a verso.

Spelonca, sf. caverna, spelonca; poet. speco, spilunca; met. antro, catapecchia, stamberga, topaia tugurio: — , Abita in una topaia e non giunge neppure a pagarvi la pigione;“ eremo: — »Un Villino isolato eh’è un eremo.“

Spellicili, smp. lanuggine, peluria.

Spenazada, sf. spennaccliiatura.

Spenazar, va. spennacchiare.

Spendaciar, va. frequentativo del verbo: spender.

Spendacion, spendazon, sm. spendereccio.

Spender, -va. spendere; spender a sbrega balon, o a rota de colo, spendere a borsa sciolta; destinar de spender., mettere a sovvallo, — stanziare di spendere: — ^Per queste vacanze ha messo a sovvallo tre cento fiorini.“ — «Per la nuova chiesa sono stati stanziati capitali favolosi;“ chi più spendi meno spendi, prò a chi più spende, meno spende; vai più un colpo di maestro che due di manovale; nn bel guadagnar fa vn bel spender, e el guadagnar insegna spender, v guadagnar; spender ma no spander, v. spander

Spensierado, agg spensierato, sventato, trascurato.

Spenta, ’sf. impulsione spinta; meza spenta, met. mingherlino, tisicuccio, — essere abbozzato, individuo abbozzato.

Spenton, sm. spinta, spintone. urto.,

Speranza, sf. speranza; poet. speme, spene; che ga speranza, speranzoso; tignir in speranza, lusingare, — dare erba trastulla; dar speranza, speranzare; aver perso ogni speranza — in una data cosa: come disse la tinca a’ tincolini: No’ siam fritti; de no poderghene aver speranza, di perduta speranza: — ^Pensava di farlo studiare, ma ho cambiato avviso; che volete è un fanciullo di perduta speranza;“ no esser de averghene speranza, scaldarsi a tal fascina: — »Grede che i parenti l’aiuteranno se si scalda a tal fascina può andare a letto al buio; ’ fin che glie xe fià ghe xe speranza, v.. fià.


Sperar, vn. sperare; chi vivi sperando mori cagando, m. prov. chi vive di speranza muore a stento, o muore cantando, o cacando.

Spergiurar, v. usato nel solo modo met. giurar e spergiurar, giurare: „ Go giurà e spergiurò de no andar più de Milia. Ho giurato di non andar più dall’Emilia.“

Sperimentà, agg. esperimentato; met, accorto, destro.

Sperimentar, va. cimentare, provare, sperimentare.

Spesa, sf. acquisto, compra; dispendio, spesa; le picole spese, le male spese; far le -spese,, met. astringere per via di corte, — dare spesa: — „Non voleva saperne di pagare ed io gli ho dato spesa; * dover pagar le spese, essere condannato nelle spese: — „E la finì vedete, che fu costretto a rimborsarmi, senza contare che fu condannato nelle spese;“ andar, o mandar far la spesa, andare, o mandare in mercato, o a spendere, e detto antonomasticamente: andare, o mandare far la spesa; profitarse co se va far la spesa, guadagnare, rubare — e simili — sulla sporta: — „Sarebbe un’ottima serva, ma che vuole, ruba troppo sulla sporta;“ esser una spesa continua, met. essere un censo: — „Ea a modo d’un pazzo, acquista una cosa nuova, sai - bene che le cose vecchie sono un censo;“ meritar la spesa, met, francare, portare, sopportare la spesa, — metter conto; no meritar la spesa, met. non metter conto: — , Non mette conto che tu t’immischi con quel cialtronaccio;“ non francare la spesa: -— „Non franca la spesa l’andarci;“ cavar le spe- [p. 429 modifica] •se, ricattare le spese: — .,Ier sera c’era a teatro poca gente, credo che non ricattarono le spese imparar a proprie spese, mei, chiarirsi, o impararealle proprie spese o alle sue spese; imparar a spese dei altri, met. imparare all’altrui spese; dar le spese, dar le spese, spesare: — „Le darem le spese e un fiorino al giorno;“ aradar tuia in spese, met. valer più il giunco della carne; far le spese drio de le entrade, v. entrada.

Spesona, sf. spesaccia; spesona.

Spessegiar, va, frequentare, replicare, spesseggiare, spéssicare.

Spesso, avv. frequente, sovente, spesso.

Speta(andarala), m. avv. andare a balzello, o andare alla posta, — andare all’aspetto; andar a la speta de roba de pasagio, andare alla caccia del passo.

Spetacolo, sm. rappresentazione, spettacolo; met. abbondanza, coppia, dovizia, profusione: — .,Funghi a profusione;“ — ,,C’ erano anno di là ostriche in coppia;“ bertuccione, mascherone, spettacolo: -— ,.S’è egli visto mai un mascherone tale di donna ?;“ massa, moltitudine, torma: — ,,C’ era al Politeama una moltitudine di maschere.“

Spetacoloso, agg. meraviglioso, sorprendente, spettacoloso, stupendo; met. stempiato: — .,Comperò dei tacchini stempiati.“ —r ,,Un figliolone stempiato che pare nn bove.“

Spetacùlo, sm. ». gioc. spettacolo, spettaculo.

Spetanza, sf. appartenenza, attenenza, competenza.

Spetar, vn. attendere, aspettare e a chi piacesse l’aferesi: spettare: — „Spetta la ganza: ’ spettare: — , Non spetta a lui il giudicare le mie azioni;’ el spetar, attesa, dimora, dimoro indugio: — „Il venirla a pigliare, sta bene; ma quest’attesa sì lunga è un supplizio;“ far spetar, mettere, porre, tenere a piuolo; xe, o iera de spelarsela, c’è, o c’era da aspettarsela; me la spetavo, o no me la spetavo, me l’aspettava, o non me l’aspettava; no spetarse tanto de qualchedun, riuscire quel tale meglio a pane che a. farina; speta un poco, m. prov. e’ non è ancoi’a andato al letto chi ha ad avere la mala notte; speta mus che l’erba eressi, v: erba.


Spetator, sm. spettatore.

Spetorada, sf espettorazione, escreato.

Spetorante, sm. espettorante.

Spetorar, va. espettorare; scaracchiare, spurgarsi.

Spezaria, spezeria, spezieria, sf. farmacia; praticante de spezaria, tirone; no esserghe in spezaria, met. non tutte le botteghe ’ ne vendono: — ,.Rimedi contro la paura non tutte le botteghe ne vendono.“

Speziai, agg. speciale, speziale.

Spezialità, sf. specialità, spezialità.

Spezialmente, avv. specialmente, spezialmente.

Spezificamente, avo. particolarmente, specificamente, specificatamente, specialmente, spezialmente.

Spezificamento, sm. particolareggiamento, specificamente, specificazione.

Spezie, sf. specie; far spezie, met. far specie; in spezie, in ispece, spece: — ,, Mi piaccion le frutta, specie le pesche;“ esser una spezie, essere una specie: — ,,Presume tanto di sè ed è una specie di servitore; ’ sfp. spezie: — ,,Mettete nel stracotto un zinzino di spezie

Spezier, sm. farmacista, farmacopula; met. alfatturatore.

Spezifica, sf. elenco, lista, nota, specifica, specificamente, specificazione.

Spezificada, sf. specificazione.

Spezificamento, sm. specificamente.

Spezificar, va. specificare.

Spezificatamente, avv. distintamente, particolarmente, specificatamente.

Spezion, sf. ispezione.

Spia, sf. delatore, marachella, soffione, spia, spione, — arnese di [p. 430 modifica] questura, — bracco, bracco del boia; vedetta; far la spia, soffiare nel pan bollito, — rifilare la parlantina, — giuocar di soffino, — campare sugli orecchi; chi sta zito in compagnia o el xe un ladro o el xe una spia, v. compania.

Spiada, sf. spiamento.

Spiana, sf. pialla; spiana senza ’l fero, ceppo.

Spianada, sf. piallata: — ,.,Fece dare una piallata a’ pavimenti; ’ spianamento, spianata, spianatura: — ,,Ordinò lo spianamento di tutti i fortilizi spianata: — „La spianata di Saint Ouen.“

Spianadina, ’ sf. piallatila.

Spianador, sm. piallatore.

Spianadura, sf. piallatura.

Spianar, va. appiallare, dolare, piallare; spianare.

Spiantada, sf. sbarbicamento; atterramento, eversione, ruma, spiantamento.

Spiantado, agg. miserabile, pezzente, sgangherato spiantato.

Spiantadon, agg. miserabilissimo. pezzente.

Spiantaduzo, agg. spiantatello: —- ,,Spiantateli che van a caccia di dote.“ Spiantar, va. spiantare, divellere; annientare,, distruggere; spiantare.

Spiar, va. appostare, spiare, e quale frequentativo: spieggiare; esplorare; spiar in zito quel che i altri parla, origliare.

Spiatelar, va. spiattellare; sciorinare, spifferare.

Spiaza, sf. spiaccia.

Spicada, sf. allardatura.

Spicar, va. spiccare, essere appariscente, — far bella comparsa, o bella vista: —• ..Vuole spiccare con quell’abito tanto bello;“ allardare, steccare: — - Lepre steccato, allo spiede.“

Spiciada,-sf. disbrigamene, sbrinamento, spacciamento.

Spiciar, va. sbrigare, spacciare, spedire. ’

Spìco, sm. belluria, risalto, spicco; far spico, far bella mostra, far belluria risaltare.


Spiculante, agg, calcolatóre, economo, speculatore.

Spicular, va. economizzare; speculare.

Spiculator, sm. specolatore, spiculatore.

Spiculazion, sf. specolazione, speculazione; far una spiculazion, fare un riesci.

Spidociar, e derivati, lo stesso che spedociar, e derivati.

Spiegada, sf. dilucidazione, interpretazione, spiegamento, spiegatura spiegazione.

Spiegador, sm. spiegatore.

Spiegar, va. chiarire, dilucidare, decifrare, esplicare, spiegare.

Spiegazar, va. gualcire, malmenare, sciupare.

Spiegazion, sf. dilucidzione, spiegatura, spiegazione; spiegagione d’un passo scuro d’autore: chiosa, glosa, glossa; far glóse: glosare; chi fa glose: glosatore; spiegazione dei sogni: onirocritica.

Spienza, sf. milza, splene; infiammazione della milza: splenite, spie?-nitide.

Spiferada, sf. spifferamene, spippolamene.

Spiferar, va. sciorinare, spiattellare, spifferare, spippolare,; gocciolar l’orciuolo, — cantar d’Aiolfo.

Spiga, sf. spiga; spiga vuota di grani: arista\ far’la spiga, mettere la spiga, spicare, spigare spighire: — „È tropp’umido e il frumento non può spighire.“ — „L’orzo ha spigato benone;“ che ga spighe,, spigoso.

Spigheta, sf. spinetta, spinetto; spighetw coi feri ne le ponte, aghetto..

Spigo, sm. spicchio; che ga spighi, che xe fato a spighi, spicchiuto.

Spigoladà, sf. spigolamene, spigolatura.

Spigolar, va. spigolare.

Spigolo, sm. angolo, canto.

Spiliatamente, avv. speditamente, spacciatamente, spigliatamente.

Spiliateza, sf. agilità, destrezza, spigliatezza. [p. 431 modifica] Spillato, agg. agile, destro, pronto, spedito, spigliato.

Spilorzaria, spilorceria, sf. grettezza, pidocchieria, spilorceria, tapinità.

Spilorzo, a’gg. e sm. avaro gretto, pelagrilli, spilorcio, taccagno.

Spilucar, va. spelluzzicare.

Spin, sm. spina, spino; dumo, gerba. pruno, rovaio roveto, sterpo; met. emaciato, gracile, mingherlino, sparuto, tisicucció; rosticcio; de spin, spinale; spin de ape — e simili: aculeo, pungiglione;;— de mezo dei pessi, resta; — nei oci, met. bruscolo negli occhi; cavarse un spin dei oci, met. levarsi un bruscolo dagli occhi, o -levarsi un bruscolo di su gli occhi; impirar, o sponzer coi spini, spinare; esser, o star sui spini, met. essere o stare sulle spine, — stare sulla fune, — stare sulla sveglia, — cuocer bue; tignir sui spini, met. dare angoscia; cavar i spini, disprunare: — „Faremo disprunare il bosco; “ cavar i spini ai pessi, dislicare i pesci: — „Giuseppina, favorisci dislicare questo ghiozzo per Gastone-;“ a spin de pesse, m. avv. a spina, a spinapesce; no ghe xe rosa senza spini, e ogni rosa ga el su spin, v. rosa.

Spina, sf. spina. — La spina è composta di due parti: canella — “il pezzo eh’ entra nel doccione della botte; zipolo — il pezzo che viene girato per travasare; spina de le fontane, cannella; chi sparagna per la spina spandi per el cocon, e serar la spina e spander per el cocon, v. cocon

Spinaze, sfp. spinacci; aver magnà spinaze, met. essere un santagio, o~ essere un tentennone.

Spinazo, sm. doccione. ’ - “ Spinel, sm. spillo; zipolo: — „Io vado a cercare il succhiello per fare lo spillo, tu intanto prepara uno zipolo piuttosto grosso; bada che sia di legno duro; ’ spinel de aqua, zampillo; — del violin, bischerello; — dei pianoforti, pirone; far un spinel — in una botte: bucare una botte.

Spinelada, sf. spillatura.

Spinelar, va. bucare: — „Ho voluto bucare quella botte per sincerarmi del suo contenuto.’1


Spiner, sm.. dumo, gerba, prunaio, pruno, roveto, rovo, sterpo.

Spineta, sf. t. mus. spinetto.

Spineto, sm. spinola, spinuzza, e quale voce metaforica lo stesso che spin. ~ ’

Spiombar, va. spiombare.

Spion, sm spione.

Spionar, va, lo stesso che spiar.

Spionazo, spionaccio.

Spiraieto, sm, spi’racoletto, spiracolo.

Spiralo, sm. spiraglio.

Spirai, agg. spirale, spirieo.

Spirar, va. e vn. esalare; spirare.

Spiritada, sf. spiritamento

Spiritado, agg. indemoniato, ossesso, spiritato; fanatico; impaurito, intimidito; un poco spiritado, spiritaticelo; de spiritado, spiritatamente.

Spiritar, vn. spiritare.

Spiritazo, sm. spiritaccio.

Spiritin, sm. spiritello spiritetto.

Spirito, sm. spirito spirto; fantasma, larva, mito, spettro, spirito, spirto, visione; coraggio, vivacità; spirito, de vin, alcool, spirito di vino; omo, o dona de spirito, bello spirito: — „Colei vi dà pan per cena .amico mio, è un bello spirito;“ meter in spirito — ciliegie, ecc.: mettere nell’alcool, o mettere sotto l’alcool ciligie, ecc., — mettere in guazzo, fare un vaso di guazzo; spìrito de sai, acido idroclorico; spirito de rave, met. cervellaggine, grulleria, scipitezza.

Spiritosità, sf. arguzia, facezia, spiritosità.

Spiritoso, agg. spiritoso: — fanciulla altrettanto gentile quanto spiritosa;“ alcoolico: — „Va pazzo per ’ le bevande alcooliche;“ far el spiritoso, fare lo spiritoso; spiritosa invenzion, v. invenzion.

Spiritual, agg. incorporeo, spirituale, — di spirito.

Spiro, nome proprio di persona: Spiridione.

Spiron, sm. sperone, sprone; rodela del spiron, spronella; piaga fata [p. 432 modifica] col spiron, spronaglia, spronaia; hot. cursoncello.

Spironada, sf. spronata: — „Cavallo che non tollera spronate;“ spronaglia, spronaia: — „Povera bestia ve’ come getta sangue, dalle spronaglie met. incitamento, sollecitamento, spinta.

Spironar, va. speronare, spronare; met. sollecitare, spingere.

Spironela, sf. hot. rigaligo speronella, sprone di cavaliere — delphinium aìacis.

Spironera, sf. mar. speronerà.

Spisima, spisimeta, sf. emaciato, mingherlino, sparuto, tisicuccio; cazzabubbolo, cazzatello, cosettino.

Spiuma, sf. schiuma, spuma; spiuma de la carne, stummia; t. dei pasticcieri: spumino: — „Favoritemi alcuni gialletti, e de’ spumini per i bimbi;“ spiuma de mar, spuma: — „Boechino di spuma ed ambra.“

Spiumada, sf. schiumatura, spumatura; stummiatura; met. cerna, scelta.

Spiumadora, sf. schiumarola, sciumatoio, scumarola.

Spiumar, va. e vn. schiumare, spumare, spumeggiare: — „È intento a schiumare il siroppo.“ — „Sprizza spumeggiando la bionda cervogia;“ stummiare: — „Lo han messo a stummiare il brodo;“ met. cavar gli occhi della pentola.

Spiumariola, sf. lo stesso che spiumadora.

Spiumin, sm. sfumino.

Spiumoso, agg. schiumoso spumeggiante, spùmeo, spumifero, spumoso.

Spiz(averel), m. aoo. essere alticcio, e cotticcio, — aver bevuto alla borraccia.

Spiza, sf. friggìo, pizza, pizzicore, prudore, prurito; fuscello, stecco; med. prurigine; met. baionetta; frega: — , Ora gli vien la frega d’acquistar cavalli;“ spiza in testa, grattacapo; — per tuto el corpo, cociore; aver la spiza — di dire, o di fare, che che sia: aver struggimento di dire, di fare, ecc.; — di mangiare che che sia: avere, essere, toccare, venire la fregola di una cosa, — essere, o venire in fregola di che si sia; cavarse la spiza, met.. levarsi il prurito — cavarsi la gnagnera.


Spizada, sf. fuscellata; art. e mest. cieca.

Spizar, on. pizzare; prudere, prurire; art, e mest. acceccare, acciecare; accomignolare; spizar — nel senso di aspirare ad una cosa di desiderarla: avere la formica o il baco a quella tal cesa: — „Ha la formica, di do ventar cavaliere.“ — „Pover’a noi se gli viene il baco di volerci andare;“ spizar de far qualcossa, intraversartisi il brulichìo di che si sia; chi che ghe spiza che se grati, v. gratar.

Spizicomagnifico(a), m. avv. a miccino, a spilluzzico, — a spizzico a spizzicone, — a pezzi e bocconi

Spizo, sm. fuscello, stecco; sfrucone: — «Pigliate uno sfrucone e sfruconate l’acquaio;“ zi. carace acuto — carax puntaszo.

Spizolada, sf. spilluzzicamento.

Spizolar, va. sbriciolare; spicciare, spicciolare, spilluzzicare; spizolar l’ua, piluccare l’uva.

Splender, vn. rilucere, rispondere, splendere.

Splendor, sm. splendenza, splendore; wief.eccellenza, gloria, magnificenza.

Spoiada, sf. spogliagione, spogliamene.

Spoiado, agg. nudo, spogliato; met. privato, privo; mezo spoiado, spogliacciato: — „Le guardie lo costrinsero a seguirle così spogliazzato com’era. “

Spoiador, sm. spogliatore.

Spoiar, va. e vn. denudare; spogliare; drivare, tor via; prendere, rubare.

Spoiatoio, sm. spogliatoio; spogliatoio della ferme: apoditerio.

Spoio, sm. spoglio.

Spolmonar, vn. spolmonare; vnp. sfiatarsi, strepitare.

Spolpada, sf. spolpamento; debilitazione, sfibramene, snervamento.

Spolpar, va. e vn. disossare: — ,,11 vitello lo vuole disossato;“ spol- [p. 433 modifica] pare: — „Spolpa quella pera pel bimbo;“ sfruttare: — „Cava, cava ora i suoi campi sono sfruttati;“ debilitare, infiacchire, infievolire, sfibrare, spossare, snervare: — „Studi lunghi e tediosi che spossano.“ — „Abusava del sesso meraviglia se ora è debilitato.“ Spoltronarse, vnp. spoltrarsi, spoltrisi, spoltronirsi.

Spolverata, sf. spolverata, spolveratura.

Spolveradina, sf. spolveratina.

Spolverar, va. spolverare.

Spolverin, sm. lustrino.

Spolverina, sf. tiraculo: — ,.Esce con un certo tiraculo tribolato da far pietà.

Spolverizada, sf. spolveramento; sp ol verizzamento.

Spolverizar, va. impolverare, spolverare, spolverezzare, spolverizzare.

Spolvero, sm. lo stesso che spolverin.

Spolveroso, agg. polveroso.

Sponda, sf. sponda; sponda del biliardo, mattonella.

Spondariola, sf. art. e mest. spondarola.

Sponga, sf. zi. spugna — euspongia adriatica e officinalis; che ga qualcossa de la sponga, spugnitoso: — „I fornai vendon certo pane spugnitoso che è un delirio.“ — «Pani spugnitosi.“ — „Pietra spugnitosa;“ sponga, o sponga viva, mei. beone, bevitore, ubbriacone.

Spongada, sf. spugnata.

Spongheta, sf. spugnetta, spugnuzza.

Spongosità, sf. spugnosità.

Spongoso, agg. celluioso, spugnoso, e detto più specialmente delle ossa: spongioso: — „Un osso spongioso fa buono al brodo.“

Sponta, sf. appinzatura, appinzo, pontura, puntura, trafitta, trafittura; med. fitta; sponta che se ghe fa nel vivo a le bestie nel ferarle, chiovatura.

Spontado, agg. spuntato.

Spontada, sf. spuntatura.

Spontadura, sf. spuntatura.

E.Kosovitz.— Dizionarioecc.Spontaneamente, avv. di proprio motivo, — spontaneamente.


Spontier, sm. mar. spontiera.

Sponzariola, art. e mest. lo stesso che spondariola.

Sponzer, va. appinzare, pugnere, pungere, punzecchiare; onzer e sponzer, v. onzer.

Spopolado, agg. spopolato.

Spopolar, va. e vn. dipopolare, spopolare.

Sporcacion, agg. e sm. impudico, immorale, lascivo, libertino, libidinoso, licenzioso, osceno, schifoso, sordido, sozzo, turpe: — „È un lascivo che frequenta i lupanari;u sudicione: — „ Schifoso sudicione o non si netta i mocci col dorso della mano;“ poet. incasto — ma vale solo pel primo significato. Sporcada, sf. imbrattamento, insudiciamento.

Sporcar, va. assozzare, bruttare imbrattare, insafardare, insozzare, insucidare, insudiciare, insucidire, sozzare, sporcificare: — .Hanno insucidato tutta la scala;“ sporcarse, vnp. insudiciarsi, e così pure al figurato: — „S’insudicia a bello studio il vestito.“ — „ Frequentando certa canaglia uno s’insudicia senza neanche supporlo;“ met. infamare, appiccar sonagli: — „Causa l’esser stato infamato noi? ha ottenuto l’impiego.“

Sporcarla, sf. bruttura, fedela, illuvia, immondezza, immondità, immondizia, lordura, porcheria, schifezza, sordidezza, sozzura, sporcizia, sporcizio sporcheria, sporchezza; disonestà, laidezza lascivia, libidine; — sporcano che se trova nefando i risi — e simili: dibuccio, mondatura; — de le rece, cera gialla, cerume; — che qualchedun ga sui denti, roccia dei denti; — dei oci, cispa; — che el vento porta nei oci, brusolo; — soto le onge, nerume.

Sporcatele, sm. bracino: — „Ha faccia di esporre i suoi quadri, quel bracino!“

Sporchezo, sm. gualmo, lezzo, lordura, sozzura.

Sporchisia, sf. lercia, sozzura; sporcizia, 28 [p. 434 modifica] Sporco, agg. bruttato, brutto, fedo, guitto, imbrattato, immondo, insudiciato, laido, lercio, lordo, lordoso, lurido, osceno, priapèo, sconcio, sordido, sozzo, sporco, sucido, sudicio, — pulito come un baston da pollaio; un poco sporco, sudiciccio: — „Ha la cravatta sempre sudiciccia;“ sporco, met. e sporco ed zogo, sùdicio; esser sporco in piaza — de’ negozianti: balenare; meter in sporco, mettere in bucato, o porre in bucato; peso sporco, a lordo: — ^Spedisci quella cassa di settanta chilogrammi a lordo.“

Sporgenza, sf. sporgenza; arch. aggetto.

Sporger, vn, sporgere, sporr tare. Sportel, sm. portello; verzer el sportel, sportellare: — ^Madama ha il servo che le sportella;“ t. mar, cantare tta.

Sportela, sf. sporta, sportella; pi. met. barelle: — „Non ci ved’io senza le barelle.“

Sportisina, sf. sporticciuola/sporticella, sporticina.

Sporzela, sf. zi. storione giovane — acipenser sturio juvenis — acipenser Naccarii juvenis.

Sposada, sf. sposamento.

Sposalizio, sm. imeneo, nozze, sponsali, sponsalizie, sposalizio.

Sposar, va. accasare, ammogliare, collocare, maritare; vnp. ammogliarsi, pigliar moglie, accompagnarsi di donna; maritarsi, pigliar marito, accompagnarsi di uomo; — sposarsi.

Spossar, va. infiacchire, infievolire, spossare; debilitare, sfibrare, snervare.

Spostadura, sf. spostatura, — disordinamento, travolgimento.

Spostar, va, divertire, scostare, spostare.

Sprarigada, sf. sprangatura.

Sprangar, va. sprangare.

Sprecada, sf. sprecamento, sprecatura.

Sprecar, va. sprecare; dilapidare, scialacquare.

Sprecator, sm, sprecatore; scialacquatore, sperperatore.


Spregiado, agg. abbietto, spregiato, vile.

Spregiar, va. dispregiare, disprezzare, spregiare.

Spregiudicado, agg. spregiudicato; indifferente.

Spremer, va. spremere.

Spremidura, sf. spremitura.

Spretado, agg. spretato.

Spretar, vn. spretare — usasi però quasi esclusivamente riflessivo: - „X si spretò.“ — „ Voleva spretarsi a tutti i patti.“ Sprèzada, sf. sprezzarti ento, sprezzatura.

Sprezador, sm, sprezzatore.

Sprezar, va. dispregiare, disprezzare, spregiare sprezzare; no esser de sprezar, met. non essere dispregiabile: — „La Tonia è un bocconcino non dispregiatole;“ non essere roccia: — „Oggidl un impieguccio certo non è roccia.“ Sprezo, sm. dispregio, sprezzo; far un sprezo, fare un dispregio: — „In concambio delle mie amorose ammonizioni mi fece un dispregio.“

Sprofondada, sf. affondamento, sprofondamento. Sprofondar, sprofondir, va-;e on. affondare, approfondare, approfìndire, profondare.

Sprolungada, sf. prolungamento; dilazione.

Sprolungar, va. prolungare, slungare, sprolungare.

Spron, sm. v. met. sprone: — „Ghe sarà de spron mi digo quela lavada. = Gli sarà di sprone, suppongo, quella risciacquata;“ a spron batudo, m. avv. a spron battuti, o a spron battuto, — velocissimamente: — „Se ci vado a spron battuti.“ Spronada, sf. spronata; incitazione, sollecitamento, stimolazione, sobillamento, sodducimento.

Spronar, va. spronare; me’, sollecitare, stimolare.

Spropalada, sf. divulgamento, propalazione.

Spropalar, va. bucinare,propolare.

Spróporzion, sf. disuguaglianza, sproporzione. [p. 435 modifica] Sproporzionado, agg, sproporzionato; eccedente.

Sproporzionar, va. sproporzionare.

Spropositado, agg. grandioso, smisurato, spropositato.

Spropositar, va. spropositare, — dire, o fare spropositi, — operare fuor di proposito.

Spropositazo, sm. spropositacelo, — sproposito badiale, o sproposito da pigliarsi colle molle.

Sproposito, sm. scerpellone, sproposito, svarione: — ,,Dice degli svarioni da far spiritare i cani; “ abbondanza, coppia, dovizia, macco: — , Pernici in coppia oggi in sulla piazza.“ — „Vorrei ci fosse macco questo anno di funghi.

Spropositon, sm. spropositone.

Sproposituzo, sm. sproposituccio.

Spropriar, va. espropriare, spropiare, spropriare.

Sproveder, vn. sprovvedere, — lasciar sprovveduto.

Spruzada, sf. aspersione, spruzzamene, spruzzata, spruzzatura, spruzzo.

Spruzar, va. aspergere, spruzzare, spruzzolare.

Spudacerà, sf. sputacchiera.

Spudaceta, sf. sputetto: — „Fa uno sproloquio per un sputetto che appena si vede.“

Spudacia, sf. bava, saliva, scialiva, sciliva, sputo; tacà co la spudacia,, met. appiccato colla cera, o colla sciliva, — appiccicato collo sputo.

Spudaciada, spudada, spudacion, sf. sm. sornacchio, sputo, sputacchiato, sputacchio; t. med. escreato: — „Escreato catarroso.“ — Escreati sanguigni.“

Spudaciar, va. imbavare, sornacchiare, sputacchiare, sputacciare.

Spudacih, v. usata nel modo metaforico: unguento §pudacin, unguento bocchino.

Spudado, agg. imbavato, sputato; esser spudado, met. il padre, la madre, il fratello, ecc.: parere minia-.to, o parere nato e sputato, o parere pretto e sputato, o parere puro e pretto, e parere tutto sputato il padre, la madre, ecc. — e latinamente, col traslato medesimo: purus putus est ipsus.


Spudar, va. sputare; met. snocciolare: — „Fu costretto di snocciolare la somma;“ spiattellare, spifferare: — „ Raccomandazioni ? preghiere ? flato perso: l’ha spifferata;“ spudar su tuto, met. far afa i beccafichi; puzzare i fiori di melarancio; esser, o no esser de spudarghe su, met. essere, o non essere roccia; esser come spudar in iera, met. essere come cavare un pelo a un bove: — „Per lui un migliaio di fiorini è come cavare un pelo a un bove;“ spudime in viso, met. dimmi nino, mi si muti il nome: — „Ho detto di non venirci; se ci vengo dimmi nino.“ — „Mi si muti il nome se la cosa non sta così.;“ no se poi iniutir amaro e spudar dolze, v. amaro; no bisogna spudar nel piato che se ga de magnar, v. magnar; spudar sentenze, v. sentenza.

Spudariola, sf. lo stesso che spudacera.

Spudasentenze, smf. saputello, saputo, sputasentenze.

Spudorado, agg. impudente, spudorato, sfacciato.

Spulezar, spulisar, spulizar, và. spulciare; spollonare, starnazzare.

Spuntada, sf. spuntatura; levata — del sole, della luna, ecc.

Spuntado, agg. spuntato — in tutt’i suoi significati.

Spuntar, va. spuntare; vn. de le piante, germogliare; — dei denti, muovere.

Spuntelar, va. spuntellare.

Spurgada, sf. spurgamento, spurgazione.

Spurgar, vn. spurgare; scaracchiare, scatarrare.

Spurgo, sm, espurgazione, espurgo, spurgo.

Spuza, sf. fetore, fleto (Caporali), lezzo, puzza, puzzo, puzzore, puzzulenza, puzzura, — esalazione mefitica; spuza de fià, t. med. azostòma; spuza de pegora, de sorzi, ecc. lezzo di [p. 436 modifica] pecore, lezzo di sorci, ecc.; impinìr de spuza, scompuzzare: •— „C’ ora quel sudicione ed ha scompuzzato tutt’il quartiere.“

Spuzafadiga, smf. dormalfuoeo, fuggifatica, pigro, sbucciafatiche, sbuccione, scansafatiche, scioperone

Spuzar, vn. ammorbare, appuzzare, appuzzile, putire, puzzare, spuzzare; spuzar come un condoto, met. puzzare come un avello; spuzar el fià, esser fiatoso, e met. costare gli occhi e il cuore, — costare un occhio della testa; più che se la missia più la spuza, prov. fogna rimestata, raddoppia il profumo.

Spuzetà, sf. puzzerello: — „Sento un certo puzzerello, badate che non siasi sconcacato il bimbo;“ met. assettatuzzo, cacazibetto, cicisbeo, damerino; elegante, farfanicchio, frinfrino, ganimede, gerbola, imbusto, profumino, vanerello, zerbino, zerbinotto: — „Zerbinotti profumati e imbellettati;“ esser una sptizeta, met.. stare in sul mille: — „Sarebbe una simpaticona se non stasse in sul mille.“

Spuzolente, agg. fetente, fetido, putente, putido, puzzolente puzzoso; graveolente; spuzolente de loca, fiatoso; render spuzolente, appuzzolare.

Squadrada, sf. squadratura; occhiataccia, sbirciata.

Squadradura, sf, squadratura.

Squadrar, va. squadrare: — «Vorrebbe che il legname fosse squadrato.“ — „Squadra, squadra è finito che ’1 muro è fuor di piombo;“ sbirciare: — „ Sbirciavala da capo a piedi;“ vn, accomodare, garbare: — „ Proposte che non m’accomodano punto punto.“ — „A condizioni che non mi garbano.“

Squadron, sm. squadrone; dar un colpo de squadron, met, tagliare il nodo gordiano.

Squaena, sf. zi. squadrolino pellenera — rhina squatina.

Squaiada, sf. squagliamento; scoperta.

Squaiar, va. e vn. liquefare, sciogliere, squagliare, struggere: — „Il ghiaccio s’è liquefatto.“ — „“Fa sciogliere il burro;“ scoprire: — „A furia d’investigazioni hanno scoperto i ladri.“ Squalor, sm. squallidezza, squallore; met. maffia melanconia.


Squaquarar, va. divulgare, propalare, spiattellare.

Squaquaron, sm. chiacchierone, ciarliero, ghiandaione, gracchia.

Squara, sf. squadra; art. e mest, archipenzolo, squadra; squara zota, pifferello, — squadra zoppa: esser in squara, esser a squadra; esser fora de squara, esser fuor di squadra; andar, o esser fora de squara, met. uscir di squadra, esser fuori di squadra.

Squarar, va. squadrare.

Squartala, sf. squartamento, squartata, laceramento, lacerazione; squarciamento.

Squartado, agg. squartato.

Squartar, va. squartare; vate far squartar — imprecazione popolare: vatt’a far squartare.

Squasi, avv. quasi

Squero, sm, arzanà, cantiere, squero.

Squilibraci, sf. disequilibrio, squilibrio; danno, perdita.

Squilibrar, va e vn. disequilibrare; met. sbilanciare.

Squilibrio, sm. disequilibrio; me’. sbilancio.

Squinternada, sf. sconquassamento, sconquasso; dissipamento, scialacquo, sperperaménto.

Squinternar, va. disordinare, scombinare, scombussolare, sconcertare, squinternare. — mandar sossopra; dilapidare, fondere, sperperare.

Squinzia, sf. altera, pretensiosa, vana; affettata, delicata, smancerosa, svenevole; caramogio, scarabocchio.^

Sradicata, sf. estirpamento; sradicamento, sveltimento.4

Sradicar, va. diradicare, sbarbicare, sradicare, svellere; estirpare.

Sragionar, va. sragionare.

Sregolar, va. sregolare.

Sregolado, agg. sregolato

Sridaciar, e derivati, lo stesso che ridaciar e derivati.

Stabilir, va. deliberare, statuire; stabilire; intonacare, intonicare; sta- [p. 437 modifica] bilirse el tempo, racconciarsi il tempo; aver stabilì — di dire, di fare, ecc.: aver fermo, o aver fisso il chiodo: — „Ho fìsso il chiodo di andarci, e ci vado, costi quel che vuol costare.“

Stabiiida, sf. stabilimento; arricciato, arricciatura; intonacatura, intonaco.

Stacar, va. staccare; spiccare.

Stafa, sf. staffa; montatoio, predellina.

Stafier, sm. staffiere, staffiere, palafreniere

Stafil, sm. staffile.

Stafilada, sf. v. met. passata, risciacquata.

Stagion, sf. stagione; met. momento, ora: — „Non è ora adesso di ber vino;“ stagion calda, stagione adusta; stagion freda, stagione severa; cativa stagion, met. mesi de’cipolloni: — „ Grazie al cielo i mesi de’ cipolloni son passati e il lavoro rincomincia; ’ vestito de meza stagion, abito da mezzi tempi; fora de stagion, met. fuor di stagione, non opportunatamente; el diavolo no magna stagion, v. diavolo; esser un fruto fora de stagion, e ogni fruto voi la sua stagion, v. fruto.

Stagionada, stagionadura, sf. maturamente, maturazione; stagionamento, stagionatura

Stagionadina, agg. met. passatela: — , Che importa s’ è passatela s’ha una dote che convien farlesi di cappello.“

Stagionar, vn, stagionare.

Stagionaza, sf. stagionacela.

Stagnacada, sf. secchiata.

Stagnaco, sf. secchia^ secchio, bigonciuolo; secchiata: — „Possiede denari a secchiate e lesina sugli spiccioli.“

Stagnada, sf. stagnamento, stagnatura ristagno; t. di cucina: calderotto, stagnata; art: e mest. ristagnata, stagnata.

Stagnadela, sf. t. di giuoco: cauto, circospetto, riserbato, stangatore.

Stagnadina, sf. stagnatuzza.

Stagnadura, sf. stagnatura.

Stagnar, va. ristagnare, stagnare; stagnar una bota, v. bota; stagnar ,el sangue, v. sangue.


Stagnaro, stagner, sm. acconciastagni, stagnaio, stagnarino (Garzoni), stagnaruolo, stagnattaio.

Stagno, sm, stagno; de stagno, stagneo: — „Vasi stagnei.“ — ,.Stagneo sale;“ met. forte, gagliardo, robusto: — „Lavoratore robusto.“ — „Bestia gagliarda;“ valente: — ^Scrittrice valente e garbata.“ Stagnola, sf. stagnuolo.

Stala, sf. presepe, presepio, stalla: — „Stalla di cavalli.“ — „Dorme in stalla;“ stallata: — „ Vendette tutta la su’stallata di bovi;“ met. merdaio: — „Abitazioni che sembran tanti merdai;“ stala de manzi, bovile; — de porchi, porcile, stabbiuolo; — de legno per i porchi, arella; — de mussi, asinaia; — de pegore, ovile, pecorile; dormir in stala, stallare: — ,1 famigli sono obbligati a stallare;“ esser, o parer una stala, met, essere, o sembrare una stalla, — essere, o parere un merdaio; serar la stala dopo che xe scampai i manzi, v. manzo.

Stalagio, sm. stallaggio; stallatico.

Stalaza, sf. stallacela.

Staleta, sf. stalletta, stalluccia.

Staifa, sf. piedaccio: — „Ha certi piedacci da essergli invidiati dagli elefanti;“ ciotola: — ,Pensa s’ella vorrà calzare simili ciotole.“

Stalla, sf. mar. stallia; far stalìa, stallare: — „ Càusa il vento contrario dovettero stallare una settimana a Pirano.“

Stalier, sm. stalliere, — famiglio di stalla.

Stalon, sm. emissario, stallone: — „Emissario inglese, o russo.“ — . Stalloni arabi per migliorare le razze nostrali;“ stallone: — „Tiene uno stallone in cui abita lui, la famiglia e tutt’il bestiame.“

Stampa, sf. impressione, stampa; esser de nova stampa, o esser nova de stampa, met. essere col manico, essere di pezza.

Stampada, stampadura, sf. stampa, stampatura.

Stampado, agg. impresso, stampato; parlar come un libro stampado, v. libro. [p. 438 modifica] Stampador, sm. imprimitore, stampatore, tipografo.

Stampadoruzo, sm. stampatoruccio.

Stampanado, agg. sbilenco, strambo.

Stampanar, va. malmenare, sciamannare, sciupare, sgualcire, stazzonare.

Stampar, va. imprimere, stampare, --- andare alla stampa; met. procreare; effigiare, formare; stampar un libro senza meterghe la data, el Ixtgo dove che ’l xe stà stampà, ecc. stampare alla macchia.

Stamparla, sf. stamperia, tipografia.

Stampaza, sf. stampacela.

Stampela, sm. nachero, sbiobbo; sbilenco.

Stampelon, agg. e sm. barcullone, barellone, gamberone, nottolone.

Stampo, sm. modello, stampo; stampodei getadori, conio; no esserghe nanca ’l stampo, met. non essercene la stampa, o nemmeno la stampa: — „Di denari in tutti noi non ce n’è nemmeno la stampa; esser del stampo antico, met, esser dell’antica stampa, — essere integerrimo.

Stanar, va. stanare; scovare.

Stancada, sf. lassezza, stanchezza, stracchezza.

Stancar, vn. stancare, straccare; met. annoiare, infastidire, ristuccare, stuccare, tediare; angariare, - martoriare, vessare.

Stanga, sf pertica, sbarra, spranga; met. antenna, fuseragnolo pertica, sparagione, spilungone: — ..Sposa un’antenna cui arriva all’anche;“ stanga de zeralaca, cannello di ceralacca; stanga de zucaro de Gorizia, bacchetto di liquerizia.

Stangada, sf. perticata, stangata; met. angheria, soperchieria, superchieria, sopruso, vessazione; acciacco; perdita.

Stangar, va. e vn, angariare, angheriare, soperchiare, stangheggiare vessare; percuotere.

Stangheta, sf. stanguccia; stangheta de le stale, battifianco; — de le caroze, stanghino; l’intraversare una zampa del cavallo sopra uno degli stanghini: imbalzare.


Stangon, sm. stangone.

Stante, sm. staggio.

Stanzia, sf. podere.

Stapar, va. stappare.

Star, vn stare; sm. atteggiamento, attitudine, giacimento, giacitura, posatura; met. dipendere:— „Se dipendesse da me potresti esserne certo;“ star, o star de casa, abitare, star di casa; star de caia insieme, coabitare; — a costo, stare a dozzina; — in sentori, stare a bioscio; — de bando, ha due significati: mangiare a bertolotto, — poggiare la labarda: — „ Ora che ha poggiato la labarda in casa della suocera metterà su buzzo;“ star colle mani in mano: — Ragazzone tanto fatto che sta tutt’il dì colle mani in mano, fa vergogna; “ — tacà, aderire; — su le bronze, met. covare il fuoco; — sui babezi, o su le ciacole, met. star su tutte le brache, o star su tutte le chiacchiere; — ben una roba, calzare quella tal cosa: — „La proposta mi calza ed accetto;“ — ben, o mal, un vestito, tornar bene, o tornar male un vestito; starghe a qualcosa, starci a quella tal cosa, parteciparvi; poi star, ci può stare: — „Il lavoro non è perfetto, ma ci può stare, via;“ te sta ben, tn. antifrastico: ti sta meglio che il basto all’asino, — ti sta il dovere; star senta sun do careghe, met, cavalcare il fosso, — tenere il piede in due staffe; chi sta ben che no se movi, v. mover.

Staragolo, sm. morbillo.

Stari, v. usata nel modo avverbiale-: senza dir ne ari ne stari, senza .far nè motto nè totto, — senza dire nè ai nè bai.

Stato, sm. condizione, grado; patrimonio; stato; stato senza governo, anarchia; esser in bon. stato, met. essere arzillo, prospero, rubizzo, vigoroso; ridurse ,in cativo stato, accacchiarsi; aver perduto il barchetto ed essere rimasta la stanga; farse un stato, met. farsi uno stato; no esser de farse un stato, met. non esser terreno da por. [p. 439 modifica] vigna; farse in un stato — insudiciandosi: introiarsi; far stato de una roba, farvi assegnamento, — riposarvi sopra.

Statua, sf“. statua •, statua de persona a caval, statua equestre; — de persona a pie, statua pedestre; arte de far statue, o de piera, o fuse, statuaria; chi che fa statue, scultore, statuario; far statue, statuare; farghe la statua a qualchedun, innalzare la statua a quel tale; color negro che ciapa la statua al aria libera, gromma.

Statuaza, sf. statuaccia.

Staza, sf. bastone.

Stazion, sf. porto; stazione.

Steca, sf. stecca; steca de caligheri, liscetto; met. cotta ubbriacaggino, ubbriacatura.; esser una steca veda, met. aver cotto il cui nei ceci rossi, — essere un carbacchione di campanile, o un formicone di sorbo, — aver scopato più d’un cero. Stecada, sf. steccata, steccheg giata; dar stecade, steccheggiare.

Stecadenti, sm.- cura denti, dentelliere, steccadente, steccadenti, stecchino, stuzzicadenti.

Stecato, sm. assito, intavolato, palancato, stecconato.

Steco, sm. fuscello, stecco; met. allampanato, fuseragnolo macilente, mingherlino, spilungone; meter in stechi un brazo, o una gamba, incannucciare un braccio, una gamba; el meter in stechi, c s. incannucciata: — „ Causa l’incannucciata mal fatta cammina ora zoppicando;“ meterghe i stechi a le pele per distirarle ben, steccare le pelli.

Stela, sf. stella; asterisco; guida, scorta; destino; occhio; de stela, stellare; che ga stele, stellifero; stela de mar, zi- asteria; stela che qualche cavai ga in mezo de la fronte, che xe veramente una picola macia, fiore, stelletta; — del spiron, girella spronella; impinir de stele, coprirsi di stelle: — „La volta celeste si coperse di stelle;“ stelleggiare: — „Fecesi stelleggiare il costume di fata;“ esser una stela, met. essere un occhio di sole: — „La Cristina non è un occhio di sole, ma in compenso è colta e manierosa;“ andar a le stele, met. andare, o salire alle stelle; portar a le stele, me’, innalzare, levare, o portare alle stelle; far veder le stele, met. far veder le stelle, e come intensivo: far vedere le stelle a meriggio, o a mezzogiorno.


Stelar, vn. instellare, stellare.

Steleta, sf. stellina, stelluzza; pi. specie di pasta da minestra: stelline; zi. lo stesso che rempinpin.

Stema, smf. arme, insegna, stemma: — „Lo stemma di Trieste. — „Questo stemma i’ non lo conosco.“

Stemperada, sf. stemperamento, stemperatura.

Stemperar, va. sciogliere, stemperare.

Stendardo, sm. stendardo; chi che porta ’l stendardo, stendardiere; met. fuseragnolo, sparagione, spilungono: — „Han messo in prima fila que’ spilungoni che ci tolgono tutta la vista;“ antenna: — „Sull’antenna sventolavano gì’ insegne di tutte le nazioni.“

Stenografar, va. stenografare.

Stentar, vn. stentacchiare, stentare; patire, stentare, — fare stento; stentar de parlar, biascicare le parole; far stentar, angariare, soperchiare; tenere a stecchetto; dare, pagare, versare — e simili — a miccino, o a spilluzzico, — avere il granchio alla scarsella.

Stenterei, agg. scriato, stentino, stento

Ster, sm. staio.

Stereotipar, va. stereotipare.

Stereto, sm. staiuolo.

Sferica, agg. e. sm. stearica.

Sterminata, sf. guasto rovina, sterminament’o, sterminazione, sterminio.

Sterminado, agg.. grandissimo, smisurato, sterminato.

Sterminar, va. esterminare, sterminare; annientare, rovinare, sperdere; logorare, strusciare; dilapidare, fondere, sperperare.

Sterminator, sm. sterminatore, dilapidatore, sperperatore; logoratore, strusciatore. [p. 440 modifica] Sterminio, sm. distrazione, rovina, sterminamento, sterminio: — „Ve’ che rovina di fiori s’è fatta oggi.“ — ,,La distrazione delle blatte;“ carnifìcina, eccidio: — „L ’eccidio di Dogali.“ — „Spietata carnifìcina degli indiani d’America met. abbondanza, coppia, dovizia, macco: — „ Sgomberi in coppia. — ,,Abbondanza di funghi.“

Stesser, va. stessere.

Stesso, agg. stesso; lu stesso, quel stesso, egli stesso, quello stesso; esser sempre ’l stesso, essere sempre lo stesso: — „Il signor Luigi ha smesso uh poco la sua taccagneria ? — Baie, è -sempre lo stesso.“

Stil, sm. gladio, pugnale, stile, stilo; poet. acciaio, acciaro, ferro; che ga forma de stil, stiliforme: — ^Foglie stiliformi.“ — „Stiliforme spina.“

Stilazo, sm. stilaccio.

Stiletada, sf. pugnalata, stilettata: — „Lo uccisero a pugnalate met. puntura, trafitta: — „Qual trafìtta mi fu, Dio - mio, il vostro rifiuto.“

Stiietar, va. pugnalare, stilettare.

Stimada, sf. stimamento, stimazione.

Stimador, sm. ,apprezzatore, stimatore.

Stimar, va. apprezzare; estimare, pregiare, stimare, — avere, o tenere in stima, — far stima; met. maravigliarsi, stupire: —• ,frequenta quell’individuo? stupisco, dopo tutto quello eh’è successo;“ no stimar un cavolo, o un figo, non stimare un fico — e simili.

Stimolar, va. incitare, infestare, .spingere, stimolare.

Stiora, sf. stoia, stuoio, stuora (Sassetti).

Stiorin, sm. stoino.

Stipendiado, agg. e sm. provvisionato, salariato, stipendiato; sm. stipendiano.

Stipendiar, va. stipendiare, salariare, pagare.

Stipular, va. stipulare.

Stipulazion, sf. stipulazione.

Stiraciabile, agg. stiracchiabile.

Stiraciada, sf. stiracchiamento, stiracchiatezza, stiracchiatura; indugio, procrastinazione, temporeggiamento.


Stiraciadura, sf. stiracchiatura; cavillazone.

Stiraciar, va. e vn. stiracchiare, stare a tira tira; cavillare, sofisticare; procrastinare.

Stirada, sf. stiramento, stiratura; stiracchiamento.

Stirar, va. e vn. stirare

Stirpe, sf. discendenza, lignaggio, prosapia, schiatta, stirpe

Stitico, agg. stitico; far diventar stitico, stiticare: — „ Mangia pur tante carrube, ti stiticherai a dovere;“ esser stitico, mei. avere il granchio alla scarsella: — „Non gli si cava un soldo a colui, ha il granchio alla scarsella.“

Stiva, sf. fila, linea, stiva; suolo: — „I fichi si mettono ne’ panieri a suoli;“ butar in stiva, met. lo stesso che butar in scovazon, v. scovazon.

Stivada, sf. stivamento.

Stivador, sm. stivatore; stivador dei bastimenti, assestatore.

Stivai, sm. stivale: stivai, e con enfasi maggiore: stivai de cicio, met. citrullo, stivalaccio, zuccone; tirar su i stivai, calzare gli stivali, stivalare: — „Yengo, tanto eh’ io mi stivali;“ aver soto i tacili dei stivai, met. avere in tasca, o avere nello zoccolo, — non far nè papa nè cardinale: — „Minacci pure a me non mi fa nè papa nè cardinale;“ restar come un stivai, rimanere interdetto, — restare, o rimanere brutto, o di sale, — restar pergola; parlar coi stivai, met. ragionare con le gomita; de quai stivai, chi è stato de’ consoli sa che cos’ è l’arte; sto co’ frati e zappo l’orto, — tagliaronsi di maggio; tela d’Olanda fina, Rosina, non me ne vendi; dotor, maestro, ecc. dei mii stivai, met, dottore, maestro, ecc de’ miei stivali; andar scarpa e tornar stirai, v. scarpa.

Stivalada, sf. stivalata.

Stivalazo, sm, stivalaccio.

Stivalon, sm. stivalone, stivalotto. [p. 441 modifica] Stivar, va. assolare: — „Lo trovai elie assolava un paniere di fichi;“ stivare: — „ Stiva que’panconcelli.“

Stiza, sf. bizza, collera, rabbia, rovella, rovello, stizza.

Stizada, sf. avviatura, sbraciata: — „Dà un po’ una sbraciata a quel caldano;“ arrovellamelo; stizza.

Stizado, agg. adirato, incollerito, stizzito; avviato.

Stizar, va. attizzare, avviare, sbraciare: — , Attizza un po’ il fuoco.“ — „Maria ? sbraciami il caldano;“ aizzare, arrangolare, stizzare stizzire, stuzzicare: — Ragionamenti che stizzano “ — „Cercava di stuzzicarlo per levarli di bocca qualche appiglio, il mestone;“ vnp. adirarsi, imbizzirsi, incollerirsi; eccitare, fomentare, — aggiugnere, o mettere legna al fuoco: — „Lo eccitava, lo eccitava, e la conclusione si fu che ne toccò alquante;“ stizarse rabiosamente, arrovellarsi; stizarse per qualcossa che se desidera assai, agazzare.

Stizeto, sm. tizzoncello, tizzoncino: — „Accogli de’ tizzoncelli che s’ha da far fuoco;“ fumaiuolo: — „ Suvvia, togli quel fumaiuolo ci affumica come tante arringhe.“ Stizo, sm. tizzw, tizzone, stizzo, stizzone; stizo che fa fumo, fumacchio, fumaiuolo.

Stizoso, agg. colleroso, cruccevole, stizzoso.

Sto, agg. cotesto, questo; e per aferesi: sto.

Stocada, sf. cenciata, frustata, — motto arguto, o pungente, stoccata; dar una stocada, che’ taluni dicono pure: dar una ficonada, m. de’ cacciatori: tirare in arcata: — „Go da una stocada. = Ho tirato in arcata. “

Stocadina, sf. stoccatella, stoccatina.

Stocar, va. t. delle sarte: increspare, pieghettare; t. de’ cacciatori: lo stesso che dar una stocada, v. stocada.

Stoco, sm. chiodo, debito, gricci a.

Stomacai, agg. stomacale, stomachico, stomatico.


Stomigada, sf. stomacaggine: — „Si fu in causa d’una stomacaggine che non volle mangiar ostriche.“

Stomigar, va. e vn. stomacare; met. infastidire, stuccare.

Stomigaria, stomighezo, sf. sm. indecenza, sporcizia: — „La sola presenza di quell’individuo è una sporcizia;“ bruttura, laidezza, nefandezza, oscenità: — Racconta nefandezze che farebber arrossire un lanzichinecco;“ baggianata, citrulleria, corbelleria: — „Commedie che son proprio baggianate;“ acqua pazza, broscia, sbroscia: — ,’Vollero cibarsi all’osteria, e ingoiarono una broscia che Dio ci difenda.’

Stomigheto, sm. stomacuzzo.

Stomighin, agg. e sm. v. met. boccuccia, schifiltoso, schifo: — -(Dopo il parto è diventata una boccuccia che non vi dico.“

Stomigo, sm. stomaco, ventricolo. Quello de’ ruminanti è formato di quattro cavità che vengono considerati come altrettanti stomachi: il primo di questi si chiama: digrumale o rumine; il secondo: cuffia o reticolo; il terzo: centopelle, o foglietto, o omaso; il quarto: abomaso, o quaglio; boca del stomigo, bocca dello stomaco; contro stomigo, contro stomaco, o sopra stomaco; cativo stomigo, met, stomacaggine: — „Mi sento una certa stomacaggine, favoriscimi un bicchierino d’assenzio; “ colpo in tal stomigo, stomacata: — „Oon una stomacata lo spianò al suolo;“ far stomigo, stomacare — se noi si stomaca chi si sia, e: commuovere, fare stomaco, venire a stomaco, — avere gli stomachini, o avere gli stomacuzzi — se ad altri viene da solo il turbamento di stomaco; aver sul stomigo, aver l’incendito, e aver sul stomigo, met. avere sulle braccia: — „Oon due famiglie sulle braccia e bravo a cavarsela come fa;“ aver sul groppone: — „Ha cinquant’anni sul groppone, lo sposino;“ cascar el stomigo, met. andar via lo stomaco; far [p. 442 modifica] voltar el stomigo, met. alterare lo stomaco, dare allo stomaco, o dare agitazione allo stomaco, — venire a stomaco: — „Ci offerse e ci fece mangiare un manicarétto da dare allo stomaco;“ far cadere il pan di mano: — „ Tiene certi ragionamenti da far cadere il pan di mano; “’ — rovinane el itomigo, met. guastarsi lo stomaco; restar sul stomigo, aggravare lo stomaco, aver stomacacelo, e restar sul stomigo, met. avere a ridosso, — rimanere a carico; impinir el stomigo, met. sfondare lo stomaco: — giorni di festa sfondano lo stomaco; poi corrono dallo speziale;“ averla, o ciaparla in stomigo, met. averla nelle ghette, — averla tra capo e collo, avere .una pallozzola di dietro; cosarla in stomigo, met, ficcare una pallozzola di dietro; lavar el stomigo, met. dilavare lo stomaco: — „ Quel sbrodaus no ga fato che lavarme el stomigo. = Quella sbroscia non ha fatt’altro che dilavarmi lo stomaco aver el stomigo soto sora, o aver el stomigo rivoltò, met. avere lo stomaco sdegnato; ciorse sul stomigo, met. togliere sopra di sè, — assumersi, sobbarcarsi; ghe voi ver stomigo, met. aver buono stomaco, — volerci stomaco: — . Per pigliar--si colei, dopo tante che n’ha fatte, ci vuole stomaco;“ aver el stomigo nei calcagni, met. sentirsi avvilire, o sentirsi avvilire lo stomaco; aver el stomigo de fero, met. aver lo stomaco di bronzo, o avere un ventriglio da struzzo; aver el stomigo de carta, met. aver lo stomaco di carta non nata, o aver -lo stomaco di carta pesta; conzarse el stomigo,- met. acconciarsi lo stomaco; che conza el stomigo — cibo, ecc. che acconsente; roba sul stomigo, med. crudezze; una volta ti fazevi panza e adesso ti fa stomigo, m. scherz. tu metti su buzzo.

Stomigon, sm. stomacone.

Stomigoso, agg. stomachevole, stomacoso; laido, lercio; lascivo.

Stonada, sf. stonata.

Stonado, agg. stonato.


Stonador, sm, stonatore.

Stonadura, sf. stonatura — e così pure al metaforico: — , Quello stemma è una stonatura sulla facciata. “

Stonar, va, stonare, e quale forma attenuativa e frequentativa: stonicchiare: — . Nelle basse stonicchia ogni tanto;“ sm. stonìo: — .Per tutta la sera ci fu orchestra uno stonìo incredibile;“ met. disconvenire, sconvenire, stonare.

Stopa, sf. lisca, stoppa; stopa per carigar el sciapo, stoppaccio, stoppacciolo, stoppaglio; esser una stopa, o esser come io stopa, essere stoppa: — „Portatemi un po’ di formaggio; questa bistecca è stoppa, non la posso mangiare;“ esser un pulise ne la stopa, v. pulise.

Stopada, sf. art. e mest. imbiodatura;. med. chiarata: — ,,Ponetegli delle chiarate sotto le piante.“

Stopar, va. stoppare; mar. calafatare, stoppare; stopar lebote, imbiodare le botti.

Stoposo, agg. legnoso, stopposo, tiglioso: — „Cavolo legnoso.“ — „Limone stopposo.“ — „Carni tigliose.“

Storagolo, sm. lo stesso che staragolo.

Stordecio, sm. zi. strillozzo.

Stordida, sf. stordizione, stordimento.

Stordir, va. stordire; sbalordire, trasecolare; de far stordir, storditoio, storditivo: — „Fracasso storditolo.“ — .,Secondo tutte le previsioni ha da essere un’opera storditi--va.“

Storia, sf. istoria, narrazione, storia; storia naturai, storia naturale; storia naturai de le bestie, zoologia; — de le piante, botanica; — dei minerai, mineralogia; storia universal, storia universale; chi che scrivi storie, storiografo; scriver storie, storiare, storieggiare; far tante storie, met. far un monte di storie, far mille storie: — ,,Per una mela fa tante storie come se gli avesse levato un occhio;“ finir ste storie, met. finire queste istorie.

Storiaza, sf. storiacela.

Storion, sm. zi. storione comune [p. 443 modifica] — ctcipenser sfurio; storione cobice — acipenser Naccarii.

Stornar, va. e vn. distornare, distorre, stornare, volgere.

Stornei, sm. zi. stornello, storno — sturnus vulgaris; met. capo sventato instabile, leggero, sbadato, volubile.

Stornimento, sm. accapacciamento, aceapacciatura, sbalordimento, stordimento; capogiro, giracapo, vertigine.

Stornir, va,, e vn. accapacciare, frastornare, stornare; sfornir le rece, met. toglier gli orecchi; sfornir tuti, met. assordare una pescaia.

Stórno, agg. accapacciato, intronato, sbalestrato.

Storta, sf. storcimento; storcitura; chini, storta.

Stortisina, sf. stortetta, stortina.

Storto, agg. bilenco, curvo, torte», traverso, sbilenco, storto; sm. cialdone: — „Bottega col gelato portate pure de’ cialdoni; storto in ponta, adunco: — {.Coltello adunco“ — ,,Grli artigli sono adunchi;“ fer storto, m. avv. a schimbesci, a schimbescio, a -sghembo, a traverso: — „Poni a schimbescio quella spranga;“ a sinistro, in sinistro malamente, sinistramente: — „È inutile ci si metta, così tutte gli vanno in sinistro;“ a squarciasacco: — „DavagIi certe occhiate a squarciasacco, ma egli se ne rideva;“ o per drito o fer storto, m. avv. o a dritto o a traverso.

Storzer, va. e vn. attortigliare, contorcere, scontorcere, storcere, torcere; storzer el muso,, o storzer el viso, met. far buzzo, — arricciare le labbra, o il muso, o il naso, — torcere il grifo; storzerse dal dolor, contorcersi dal dolore, — fignolare: — Rigiravano che toglievano il cuore;“ no storzer un cavel, met. non torcere un capello.

Storziménto, sm, storcimento, storcitura.


Strabastar, vn. soprabastare, più che bastare.

Straben, avv. ottimamente, strabene.

Strabenedir, va. ribenedire, soprabbenedire.

Strabever, va. strabere, strabever.e.

Strabiliar, vn. strabiliare, strabilire.

Strabon, agg. più che buono, soprabuono, strabuono.

Stracada, sf. stancamente; ciapar una stracada, pigliare una straccatola.

Stracaganase, sm. moscione, vecchione: — „ Volete vendere per castagne di prima qualità questi vecchioni degni appena d’essere gettati sul mondezzaio ?“

Stracanton, sm. art. e mest. diagonale.

Stracapir, vn. fraintendere. Stra che abondantemente, avv. soprabbondantemente.

Strachebel., agg. soprabello; Stra che bestiai, agg. bestialissimo, soprabbestiale.

Stracheboier, vn soprabbolire, — bollire di soverchio

Stracheciapar, va. soprappìgliare.

Stracheciaro, agg. chiarissimo, sopracchiaro.

Strachecoto, agg. tracotto. Stra che creder, va. arcicredere.

Strachedegno, agg. degnissimo, più che degno, sopraddegno.

Stracheesaltar, va. sopraesaltare.

StraOheflorido, agg. floridissimo, soprafflorido.

Strachefondo, agg. profondissimo, soprapprofondo.

Stracheglorioso, agg. gloriosissimo, sovraglorioso.

Strachelodar, va. soprallodare.

Strachenobile, agg. nobilissimo sopranobile.

Stracheperfeto, agg. perfettissimo, sopraperfetto. Stra che pien, agg. pienissimo, soprappieno

Stracheprezioso, agg. preziosissimo, soprapprezioso. [p. 444 modifica] Stra che radopiar, va. soprar addoppiar e.

Stra che ragionar, va. soprarragionare.

Stra che salar, va. soprassalare.

Stra che santo, agg. più che santo, soprasanto, soprassanto, santissimo.

Stra che savio, agg. più che savio, soprasavio, savissimo.

Stra che sazio, agg. soprasazio.

Stra che spender, va. sopraspe’ndere, spendere di soperchio.

Stra che spiumar, vn. sopraspumeggiare.

Stra che tornar, va, soprarrendere: — „Grli ha reso e soprarreso quel po’ di prestito.“

Stra che vilan, agg. sopravvillano. Stra che imenso, agg. soprimmenso.

Stra che onorà, agg. sopronorato.

Stra che zigar, va. sopraggridare.

Stracar, va. e vn. affaticare, stancare, straccare; infastidire, noiare; che fa straear, straccatolo: — „La strada di Oattinara è un cammino straccatolo.“

Stracarigo, agg. stracarico.

Stracaro, agg. carissimo.

Stracheto, agg. stanchetto, stracchicelo.

Straco, agg. affaticato, affievolito, affranto, defesso, fiacco, faticato, infranto, lasso, rifinito, spossato, stanco, stracco; met. stantìo: — Rimando la carne stantìa e in compenso mi manda pesce stantìo.“ — „Uova stantìe; “ che no se straca mai, met. indefesso: — «Lavoratore indefesso.“ — „Sta indefesso all’opera “

Stracolada, sf. lussazione, stracollatura.

Stracolar, vn. dinoccare, lussare, stracollare.

Stracolo, sm. contorcimento, tracollo, — dinoccamento

Stracomprar, va. sopraccomperare.

Straconsiliar, va. straconsigliare.

Stracontentar, va. stracontentare.


Straconvinzer, va. straconvincere.

Straculo, sm. t. de’ macellai: culaccioStrada, sf. camminata, cammino, strada, via; met. maniera mezzo, modo, via; chi fa il mestiere di lavorare attorno le strade: stradino; strada baluda, strada battuta, o strada camminata; — che, no se poi andar altro che a pie, strada pedonale (Manuzzi); — carozabile, strada careggiarle, o strada carrozzabile; strada scavada soto ’l leto de qualche, fiume — come quella p. e. di Londra, sotto il Tamigi: botte; strada de la sega, allicciatura; strada de mezo, met. via di mezzo; no aver strada de mezo, met. non avere mezzo, — eccedere in che si sia; trovar qualche strada, met. trovar qualche stillo: — „Ha trovato 10 stillo di farsi eleggere deputato;“ trovar, o no trovar la strada, met. trovare la gretola o trovare lo scappavia, — trovare, o non trovare l’inchiodatura, — trovare, o non trovare la stiva; trovar la strada in scuro, met. infilare l’ago al buio; lassar su una strada, met. lasciare per il mondo, e come intensivo: lassar in mezo de una strada, met. lasciare in mezzo di una strada; esser fora de strada, met. essere fuori del -battuto, o essere fuori di strada; esser, o meter su la bona strada, met. essere, o mettere — e simili — sulla retta via, — essere, o mettere per la strada, o per la buona strada, — ’ essere, o mettere sulla buona strada, o sul diritto sentiero; esser, o meter su una cativa strada, met, essere, o mettere sulla mala via; essere, uscire, menare, mettere, ecc. fuori della buona strada, o fuor di strada; farse strada, met. farsi strada; andar per la su strada, seguitare 11 suo cammino, e met, andare per il suo cammino, andare per la piana, o andare per la via distesa; falar la strada, met. essere fuori di strada: [p. 445 modifica] — ,Se è venuto da noi con tali intenzioni, amico mio, ella è fuori di strada;“ no trovar nanca la strada per andar a casa, met. non ritrovar la strada di ritornare a casa: — „Gli lavò siffattamente il capo che non trovava la strada di tornare a casa;“ trovar, o poder dir de aver trovado in strada, met. trovare, o poter dire di aver trovato nella cenere: — „Ti ha restituito l’importo? puoi dire d’-averlo trovato nella cenere;“ ciapar la strada più curia, andare alla ricisa, o andare alla stagliata: — Rer andare a Sessana chi sa andare alla stagliata vi giunge prima del treno;“ no trovar in strada, met. non. trovare ad ogni uscio: — „Una fantesca come quella tenetevela cara, che di persone oneste oggi non se ne trova ad ogni uscio;“ fermarle a meza strada, met. fiorire e non granire, — disegnare e non colorire; la xe la strada, met. quella è la strada: — „Chi non vuole cosi, è peggio per lui, se ne vada con Dio, quella è la strada; — de strada, m. avv. di quella via: — „ Andrò a pigliarlo di quella via che vado in biblioteca;“ strada fazendo, cammin facendo, — tra via: — „Me lo comunicò tra via.“ — „Cammin facendo le dissi dell’amor mio;“ longa xe la strada carta xe la via dixè la vostra che mi go dito la mia — strambotto ohe usano le donnine quando hanno finito di raccontare una novella a’ bimbi: stretta è la foglia, larga la via dite la vostra che ho detto la mia; tute le strade mena a Roma, m. prov. tutte le strade conducono a Eoma; no bisogna lassar la strada vecia per la nova, prov. non bisogna lasciar la strada vecchia per la nuova, — chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quel che lascia, non sa quel che trova; mulo de strada, v. mulo.

Stradaza, sf. stradacela: — „Una stradacela che vi s’arrischia l’osso del collo.“

Stradela, sf. semita, stradellaccio, stradello, stradetta stradicciuola, stradina, viottola; stradela in fin dei campi, semitiero; — fra le vanese, avagno.


Stradon, sm. stradale: — „Lo stradale di Zaule è secolare;“ strada, viale — nelle possessioni: — nPossessione tutt’a viali.“ — „Or che ci ga fatto la strada ci verrò co’ miei cavalli. “

Straduza, sf. straduccia.

Strafalì, agg. areifallito, strarifallito: — «Fallito e areifallito? allora può farglisi credito.“

Strafalzar, va, strafalciare.

Strafanici, smp. cenci, cianciafruscole, ciarpame, ninnoli, sferre: — „Casa piena zeppa di sferre;“ fronzoli: — „Levati que’ fronzoli: una fanciulla scapita ornata a quel modo.“

Strafar, vn. strafare: — „Le frutta van colte prima che sien strafatte.“

Strafin, agg. sopraffino; met. fino più che la seta: — „Fa il minchione ma è fino più che la seta.“

Strage, sf. carnificina danno, distruzione, eccidio, guasto, macello, rovina, scempio, strage, uccisione; met. coppia, fiacco, macco.

Stragiurar, va. sopraggiurare: — „ Giurava e sopraggiurava di essere innocente.“

Stragno, agg. estraneo, “estrano, istrano; parer de stragno, m. avv. parere, o sembrare distrano.

Stragoder, vn. stragodere.

Stragolo, sm. lo stesso che staragolo.

Stragrando, agg. sopraggrande, sovraggrande, tragrande.

Stragrasso, agg. grassissimo.

Stragrato, agg. gratissimo.

Straia, sf. impagliacciata, impatto, lettiera, paglione, strame.

Straintender, vn. frantendere, trantendere.

Stralasar, vn. cessare, desistere., tralasciare.

Stralio, sm. mar. straglio; strallo de fioco, straglietto di flocco; asóla de stralio, collare.

Stralocio, agg. e sm. cecoziente, guercio, losco, strabista. [p. 446 modifica] Stralongo, agg. stralungo.

Stralunado, agg. stralunato, torvo; adirato, collerico.

Stralunar, vn. stralunare; aver la luna a rovescio.

Stralusente, agg. stralucente.

Stramagfnar, va. strippare, e con voce bassa: sbasoffìare.

Stramato, agg. arcimatto, arcipazzo, pazzo a bandiera.

Stramaturo, agg. arcimaturo, maturissimo, più che maturo.

Stramazada, sf. materassata; stramazzata, stramazzo, stramazzone.

Stramazar, va. stramazzare, — spianare uno in terra; vn. stramazzare, cadere, gettarsi — e simili — a stramazzo

Stramazer, sm. materassaio.

Stramazeto, sm. materassina.

Stramazo, sm. materassa, materasso, materazzo; t, di giuoco: stramazzo; stramazi de scalo, mar. parati; sbater i stramazi, divettare le materasse; farghe i ponti ai stramazi, puntare le materasse; molarghe i ponti ai stramazi, spuntare le materasse — e vale cosi pure al neutro: — „A furia di strusciarsi sopra si è spuntata la materassa “ — „ Vorrebbe che le materasse non si spuntassero mai più.“

Strambalado, agg. strampalato (Gherardini), strampalato.

Strambarla, sf. citrulleria, minchioneria, stramberia: — „Dice certe citrulleria che fa pietà.“

Strambaleria, sf. strampalataggine, strampaleria.

Stramberà, smf. strambo, avventato, stravagante: — „È un tantino stravagante, ma in fondo è un uomo di cuore;’ discolo, prodigo sperperatore-, — „Nelle mani di quello sperperatore la facoltà può dirsi beli’e spacciata.’*

Strambezo, sm. arrosto, avventataggine, avventatezza, strambità: — „Va chiamata avventataggine e non ardire.“ — „Causa quell’arrosto la cosa finì in bene.“

Strambo, agg. avventato, disadatto, disavveduto, inconsiderato; muso strambo, met. faccia insolita; butarse strambo, met. uscir dal solco.


Stramboto, sm. goffaggine, sproposito, svarione

Stramezar, va. stramezzare, tramezzare: — . Faccia tramezzare questo locale, è troppo grande così;“ vnp. frammettersi, impacciarsi, ingerirsi, interporsi, int’ramettersi. intromettersi, tramezzarsi: — „Volle intromettersi e ci rimiàe la lana.“

Strampalàdo, agg. e sm. strampalato, strampalatore.

Stramortir, vn. ammortire, tramortire; smarrirsi.

Strampalada, sf. strampalateria, strampaleria.

Stranfada, sf. dilapidamento, spargimento, sperperamento, sperpero; sciupìo, strucinìo; — .Han fatto uno sciupìo di quelle salsiccie che non par vero.“

Stranfar, vn. strucinare: — „Hanno strucinato in due mesi una botte di vino.“ — „Strucina il patrimonio che è una consolazione.“

Stranfon, agg. dilapidatore, dissipatore, prodigo, scialacquatore, sperperatore; sciupone, strubbione strucinatore: — „TJho sciupone compagno i’ non l’ho ancor visto.“

Stranga, sf. barriera.

Strangolada, sf. strangolamento, strangolazione.

Strangolapreti, smp. t. de’ cucinieri: strozzapreti.

Strangolar, va. strangolare, strangulare, strozzare.

Strangulin, sm. art. e mest. agucchia.

Stranio, agg. estrano, istrano, strano; disdicevole, inusitato, stravagante,; parer de stranio, m. avv. pare-, re, o sembrare distrano.

Stranudada, sf. starnutamelo, starnutazione, starnuto.

Stranudar, va. starnutare, starnutire, stranutare, stranutire.

Stranudela, sf. condìsi, erba lunaria, starnutella, stranutiglia, zappariglia; t. med. enrino, errino, starnutiglia — è un medicamento cefalico fatto dalla radice dell’elleboro bianco. [p. 447 modifica] Stranudo, sm. starnuto.

Straobligar, vn. arciobbligare.

Straocupar, va., arciocoupare.

Strapada, sf. strappata, stratta; strappatura: — „Causa quella strappatura perdette un dente.“

Strapagar, va. strapagare, trapagare.

Strapar, va. accaffare, aggaffare, arraffare, strappare; spiccare.

Straparlar, va. straparlare; met. biasimare, sparlare.

Strapasar, va. e vn. inoltrarsi, oltrepassare, trapassare.

Strapaza, sf. t. d’agricoltura: gravina.

Strapazada, sf. intemerata, rabbuffo, strapazzamento, strapazzata, sgridata rimprovero, riprensione, spellicciatura.

Strapazado, agg. strapazzato; abborracciato, acciarpato, — tirato via e fatto alla peggio.

Strapazador, sm. strapazzatore.

Strapazar, va. rampognare, maltrattare, rimbrottare, sgridare, svillanneggiare; fare abborracciatamente, in fretta e furia, senza considerazione, a strappabecco; strapazar un tantin, strapazzucchiare; strapazar la roba, met. gualcire, malmenare, sciupare, sgualcire, strusciare, i panni, le vesti, ecc.

Strapazo, sm. strapazzo; roba de strapazo, cosa da strapazzo; vistilo de strapazo, abito usuale

Strapazon, sm. sciupatore: — ^Datelo in mano a quello sciupatore e ve lo sfulmina issofatto; ’ dissipatore, sperperatore: — , Batti e pesta, l’ha sposato: uno sperperatore che finirà mendico;“ affaticante, affaticatore, attivo, fuggiletti, laborioso, — uomo da bosco e da riviera.

Strapiantar, va. trapiantare, traspiantare.

Strapiover, vn. strapiovere.

Strapiaser, vn. strapiacere.

Straponto, agg. trapunto,

Strapon, sm. strappamento, strappata.

Straponzer, va. raffrignare, trapungere.


Straponzidura, sf. passatura, trapungitura; straponzidura mal fata, frinzello, raffrigno.

Straportar, va. trasferire, trasportare.

Straporto, sm. trasferimento, trasportazione trasporto.

Strapregar, va. strapregare.

Strarichir, va. e vn. straricchire.

Straripar, on. straripare; erompere.

Strasaver, vn. strasapere.

Strasentir, vn frantendere, traudire: — „Scusatemi, aveva franteso;“ strasentire: — „Yi si appalesa fredda la Cecilia, credetelo però a me, ella sente e strasente.“

Straservir, va. straservire.

Strasgionfir, va. stragonfìare.

Strasinada, sf. trascinatela.

Strasinamento, sf. strascicamento, strascinamento, strascinìo.

Strasinar, va. strascinare, trascinare: — .N’ è vero eh’erano in cinque a trascinare quel masso ?;“ trascicare: — „S’ è trascicato fino in chiesa nella superstizione di guarire;“ strasinar el vestito, strascicare, o trascicare le vesti; no poderse nanca strasinar, met. essere sulle cinghie, — seminare i frasconi, o aver seminato i frasconi.

Strasino, sm. codi calca, strascico: — „Beata la moda manco non ci son più strascichi.“ Strasintir, lo stessso che strasentir.

Strasordinar, va. e vn. disordinare; gozzovigliare.

Strasportar, e derivati, lo stesso ohe trasportar e derivati.

Strataiar, va. stratagliare

Stratempo, sm. bufera, burrasca, maltempo.

Strato, sm. strato; meter a strati, stratare, stratificare; che xe a strati, stratoso.

Stravacada, sf. sdraiata.

Stravacar, va. sdraiare, strattare.

Stravagante, agg. stravagante, — cervello eteroclito, o cervello balzano; esser, o far el stravagante, fare il beli’ umore. [p. 448 modifica] Stravanzar, vn. stravanzare.

Stravedo, agg. stravecchio.

Straveder, vn. travedere, averle traveggole; far un straveder, met.. fare uno sproloquio, mettere il campo a romore.

Stravestì, stravisti, sm poliziotto.

Straviada, sf distrazione, sviamento, traviamento.

Straviar, va. sviare, straviare, traviare: — „Le cattive compagnie traviano la gioventù;“ distrarsi: — „Tanto per distrarsi è andato a Venezia.“

Stravinzer, vn. stravincere.

Straviziar, vn. disordinare, straviziare, stravizzare.

Stravoler, vn. stravolere.

Straza, sf. cencio, straccio; toppone; ciarpa; sobbaggiolo; detto di libro tristo e lacero: acciugaio; pi. met. ciarpame, sferre; masserizie, suppellettili; vestimenta; agg. grande, grosso, voluminoso: — „Una straza de fetà. — Una straza de can. — Una straza de fagoto. = Una fetta tanto fatta. — Un grosso cane. — Un fardello voluminoso;“ — e così altre infinite, usandosi“ aggettivamente la voce straza quale superlativo di quasi tutti gli aggettivi; straza dei piati, ceneracciolo, e ceneracciolo chiamasi pure quella straza colla quale si copre la conca del bucato; — de forbir, strofinaccio, stofinacciolo; — dei barbieri — sulla quale puliscono i rasoi: barbino; — del fero de sopresar, presa, pugnetta; dar le straze, met. mettere in un calcetto, — dar pan per cena, — far la barba e il contrappelo: — „ Quanto a tresetti dà pan per cena a quanti siete;“ andar zo come una straza, cadere come un cencio; vignir zo come una straza, m. de’cacciatori: fare un ferraiuolo: — , Colpita a morte fece un ferraiuolo;“ cior su le su straze, met. pigliare il cencio, — pigliare le carabattole, o pigliare le sue carabattole: — „Se non ti piace così piglia le tue carabattole e vattene col nome del Signore;“ aver, o no aver una straza, met. avere, o non avere un cencio: — sNon ha un cencio di cappello.“ — „Anco quel cencio di vestituccio c’ha, l’ha di seconda mano;“ cavar, o cavarse fora de le straze, met. cavare, o levare uno di cenci, — uscir di cenci; far vignir una straza — un abito, ecc.: ridurre un cencio; diventar una straza, met. diventare un cencio: — „ Quell’abito è diventato un cencio;“ vignir come una straza, met. venir bianco come un panno lavato: — „Al veder investire quella donna è diventato bianco come un panno lavato;“ le straze svola sempre in aria, prov. i eenci volano all’aria, — i poveri s’ammazzano e i signori s’abbracciano, — i poveri sono i primi alle forche e gli ultimi a tavola; ogni straza xe bona per casa, prov. per la notte ogni cuffia è buona.


Strazabile, agg. spacciabile.

Strazacavei, sm. bot. lappola.

Strazacuor, sm. affanno, ambascia, angore, angoscia cordoglio, passione, struggicuore, travaglio.

Strazada, sf. cenciata: — „Lo scacciò di cucina a cenciate;“ laceramento; lacerazione, stracciamento: — «Ve’ qual lacerazione ha fatt’il cane del tu’ cappello; ’ dilapidamento, scialacquo, sciupìo: — B Fondi spreca di quello scialacquo se ne accorgerà sul tardi senz’ altro.“ Strazadura, sf. stracciamento, stracciatura.

Strazado, agg. cencioso.

Strazar, va. stracciare: — >,Vestiti stracciati.“ — Stracciò tutti gli atti;“ met. bacchettare; dilapidare, fondere, scialacquare, sperperare, — fare alla palla: — „In casa del sor Pompeo del vino ne fanno alla palla. “

Strazaria, -sf. bottega da rigattiere; pi. met. bazzeccole, cenciame ciarpame, sferre: — „Tiene tanto di quel cenciame nella su’ stanza che quasi non può’ passarvisi;“ gingilli, ninnoli: — „Non mi finiscono le fanciulle amanti de’gingilli.“

Strazariol, sm. cenciaio, ceneiaiuolo, ferravecchio/ rigattiere, stracciamolo; met. pezzente, povero, misero, gramo, tapino. [p. 449 modifica] Strazata, sf. cenciaccio.

Strazeta, sf. cenoieto, concino, cenciolino, cenciuccio, straociuolo, topponeello: —- „Straccinolo imbevuto di sangue;“ met. abitino strozzato, abituccio, brincello, cencerello, cenciuccio, vestituccio: — ^Poveretto ha un cenciuccio addosso, che, se non muore, è un prodigio.“

Straziar, vn. angosciare, straziare; vilipendere.

Strazo, sm. stracci afoglio; agg. lo stesso che straza quale aggettivo.

Strazon, agg. brontolone, cencioso, mendico, pezzente, straccione: — „Straccioni infingardi che vorrebbero scialarla da signori;“ strappato, strappone: — „E tu ti lasci far la corte da quello strappone?;“ — nel senso di. uomo di poco pregio, e di meschino aspetto: arrafatto.

Stremida, sf. battisoffia, spavento, terrore.

Stremir, vn. atterrire, sgomentare, sgominare, spaventare, spaurire, strementire, stremire.

Strenta, sf. stretta, stringimento; oppressione.

Strentina, sf. stretterella: — „Livia mi dette una stretterella di mano molto espressiva.“

Strento, agg. stretto; met. avaro, spilorcio, taccagno; esser assai strento, met. essere più arido della pomice, non dar da bere a secchia, — non dar un Cristo a baciare.

Strenzer, va. contrarre; strignere, stringere, accostare, unire; assediare, serrare; costringere, violentare; t. de’ cacciatori: sgrillettare: — „ Ghe go strento co ’l saltava el muro. - - Sgrillettai quando saltava il muro;“ strenzer un vistilo, strettire un abito;. strenzer le spale, far spalluccie; strenzer assai streto intorno intorno, avvinghiare; strenzer i denti, arrotare i denti: — ,, Arrotava i denti e faceva la spuma alla bocca come un cane arrabbiato;“ e mef. arrugginire i denti: — „Che cos’è questo cigolìo? mi s’arrugginiscono i denti;“ strenzer i oci per veder meio, aguzzare le ciglia, o aguzzar l’occhio; strenzer che fa i stivai, o le scarpe, forzare: — „Grli stivali che forzano sono una piaga per i piedi; “ strenzerse per fredo as^ai grando, aggricciarsi; strenzerse, met. ristrignersi, strignersi, — usar economia, parcità: — „Son anni tristi, e bisogna ristrignersi; “ strenzerse dei fruii quando che i patisi per la brina, o per el fredo, incatorzolire; chi tropo abraza no strenzi gnente, v. abrazar.


Strenzidor, sm. strignitore, stringi toro.

Strenzidura, sf. strignitura, stringimento, stringitura.

Strenzimento, sm. strignimento, stringimento.

Strenziteleri, sm. art. e mest. sergente.

Strepitada, sf. chiasso, diavolìo, strepito, susurro.

Strepitar, va. alterarsi, strepitare, — far strepito; per sim. fare uno sproloquio, levare il campo a romore, e quale frequentativo: strepiteggiare.

Streta, sf stretta, stringimento; affanno, oppressione; vignir a le strete, mef, venire al serrare del chiovo; essere alle strette; ciapar a le strete, met. strignere addosso ad uno; strignere i panni addosso, o strignere fra l’uscio e il muro; esser ciapà a le strete, met. essere stretto fra due assi; vedersi a le strete, met, vedersi alle strette, — avere la stretta.

Stretada, sf. ristrignimento, ristringimento.

Stretar, va. strettire.

Streteza, sf. angustia, strettezza; streteza de peto, stenocardia.

Streto, agg. angusto, piccolo, sm. geogr.stretto; met. chiuso, riserrato, serrato: — „Abitazione riserrata; ’ confidente, intrinseco; propinquo, prossimano: — «Parente prossimano;“ denso, spesso: — «Brodo spesso;“ avv. strettamente: — „Teneva strettamente il pugnale;“ streto ma comodo, v. comodo.

Stretolin, agg. strettuccio.

Strica, sf. brachetta, linea, lista, regolo, striscia, sverza; strica che fa l’aqua corendo dove che sia, e anca quela che fa chi che fisa, stroscia. E. Kosovitz. — Dizionario ecc. 29 [p. 450 modifica] Strico, sm. t. mar. paranchino di straglio.

Striga, sf. ammaliatrice, befana,, fascinatrice fata, fattucchiera, incantatrice, làmia, lammia, maga, maliarda, pitonessa, strega, stregona: — „In ilio tempore alle streghe facean gustare il rogo strega pettinata, o strega spettinata: •— „ Ove m’ha messo gli stivali quella strega spettinata;“ i racconti favolosi delle fate: fateria (Salvini); zi. specie di bavosa — blennius, il pesce; e saturnia del pero — saturnia pgri, il lepidottero notturno.

Strigamento, sm. stregamento, stregoneccio, stregoneria; fatatura, malìa; affascinamento, fascino.

Strigar,vn. stregare: — Sostiene che gli ha stregato la vacca.;“ affascinare, affatturare, ammaliare, stregonare: — Affascina i giovanotti co’ suoi vezzi e colle sue moine;“ abbindolare, affascinare, infinocchiare, sedurre: — „S’e lasciato sedurre a mettersi anche lui in quel riesci.“

Strigaria, sf. maleficio; sortilegio, stregoneccio, stregoneria; pi. met. fronzoli, ninnoli; no creder a le strigane — e simili: non credere dal tetto in su; romper la strigarla, met. rompere l’incantesimo, o rompere la malìa.

Strigaza, sf. stregaccia.

Strighezo, sm. affatturazione, fatatura, fattucchieria, incanto, malìa, sortilegio, stregamento, stregoneria; pi. met. fronzoli, gingilli, ninnoli; strighezi contro le. striglie, o contro el cativo ocio, amuleti.

Strigon, sm. affatturatore, ammaliatore, cabalista, fattucchiero, indovino, maliardo, presago, stregone.

Strilada, sf. strillo.

Strilar, va. stridere, strillare; che strila, strillante: — „Voci strillanti.“ — ,;Istrumento strillante.“

Strilia, sf. stregghia, streglia, striglia.

Striliada, sf. stregghiata, strigliata.

Striliador, sm. stregghiatore, strigliatore.


Striliadura, sf. stregghiatura.

Striliar, va. stregghiare, svegliare, strigliare.

Strimpelada, sf. strimpellamento, strimpellata, strimpello.

Strimpelador, sm. strimpellatore

Strimpelar, strimpellare, zappare: — ,,Zappa il pianoforte in un modo da far pietà;“ sm. strimpellamento; strimpellìo: — „Tutt’il giorno con cotesto strimpellìo.

Strozada, sf. strozzamento, strozzatura.

Strozador, sm, feneratore, strozzatore, strozzino, usuraio.

Strozar, va. e vn. strangolare, strozzare; met. abbacchiare, bacchettare: — „Ha bacchettato quel mobiglio che pur gli costava tanto denaro.“

Strozin, sm. strozzino.

Strozo, sm. staglio; a strozo, m. avv. per abbacchio, per stralcio; negligentemente, alla carlona, alla sbracata, a vanvera.

Strucada, sf. compressione.: — „ Causa quella compressione andarono a male le frutta;“ palpeggiamento, palpeggiata: -— Briccone o non ha dato una palpeggiata - alla serva; “ spremuta: — „Date ancora una spremuta alle vinacce.“ Strucadina, sf. palpeggiatala.

Strucalimoni, sm. matricina, pera, strizzalimoni.

Strucar, va. comprimere, pigiare, premere, pressare, spremere, strizzare, strucare; strucar per far i bisogni, ponzare; struca struca, met. in conclusione, in fine, in ultima analisi, tutto calcolato; strucar naranze nei oci, v. naranza.

Struco, sm, fine, morale, risultato, sunto; esser, o vignir al struco, essere, o venire al serrare del chiovo, — venire a’ ferri, — venire al fatto.

Strucolada, sf. abballottamento; abbracciucchiamento.

Strucolar, va. abballottare; abbracciucchiare: — ,rI bambini si abballottano e le amanti si abbracciucchiano.“ [p. 451 modifica] Strucolo, sm, specie di pasta ! dolce; met.. bofficione,, carnacciuto, fonfone, grassoccio, “ paffutello, poi-; pacciuto. |

Strucon, sm. lo stesso che stru- \ cada nei due primi significati. j

Strufal, agg. goffo, zotico; ci- trullo, minchione.; Strumentar, va. istrumentare, strumentare.

Strumento, sm. istrumento, stro- j mento, strumento. j

Strupiadura, sf. storpiamento,; storpiatura.

Strupiar, va. e vn. storpiare, stroppiare.

Strupiazo, sm. storpiatacelo.

Strupio, agg. deforme, mezzo abbozzato, storpiato, stroppiato, stor- pio, stroppio; met. anatraccolo, na- chero. ! Strusiada, sf. strusciata, strubbio.

Strusiar, va. faticare, lavorare: — „Bisogna faticare tutt’il dì per un poccioso fiorino;“ vn. penare, stentare: — „Ho penato un po’ per tro- j var fuori certe voci;“ logorare, stazzonare, strusciare: — „Stazzona le vestimenta che è una pietà; strusiar per i altri, fare come il tordaio, — fare come l’asino del vinaio, che porta ’1 vino e beve l’acqua.

Strusie, sfp. fatiche, stenti, travagli: — „ Vedersela rapire dopo tanti travagli !“; guadagni, risparmi: — Pretendeva gli prestassi i risparmi di tutta la mia vita.“ Strusion, agg. strubbione, struscione; attivo, fùggiletti, laborioso, j — uomo da bosco e da riviera. Struza, sf. coppia o filo di pane, — filone.

Struzeta, sf. filoncino: — r Per il calìe affettan de’ filoncini.“

Stua, sf. stufa; esser una stua, met. essere un forno: — „Stanza che è un forno.“

Stubie, sfp. biaduli, seccie, stop- i pia. Stucada, sf. stuccatura; increspatura, pieghettatura.

Stucadin, sm, gala: — „Una gala da ornare la camicia dell’erede.“


Stucador, sm. stuccatore: — „È uno degli stuccatori della Scala.“

Stucar, va. stuccare; dar la salda; increspare, pieghettare.

Stuco, sm. stucco; come i stuco, stuccoso: •— „Pane stuccoso.“ — „Certa polenda stuccosa che nauseava;“ restar de stuco, met. restare, o rimanere brutto, -—• restare, o rimanere di sale, o restar pergola, — rimanere colpito, o interdetto.

Studiada, sf. studio.

Studiar, va. studiare; studiare interrottamente e con poca attenzione: studiacchiare, studiazzare; mandar studiar, met. fare un gobbo — mandare a Gesù pietoso: — „Ha mandato l’orologio a Gesù pietoso;“ — modo originato da ciò che ne’ “Monti di pietà,, soleasi. dipingere l’immagine di G. C. in uno degli atti più pietosi della sua passione; studiar e sav&r sempre meno, v. saver.

Studieto, sm. studietto,“ studioletto, studiolino, studiolo.

Studio, sm. studio; met. cura, diligenza, industria, sapere; meter tuto ’l su studio, met. mettere studio, — mettere tutto il suo studio; con studio, m. avv. a bello studio, a sommo studio, a studio, con ricercato studio, in * vero studio, studiosamente: — „Disse male di lui con studio.“ — „La signora ci venne a bello studio.“

Stufada, sf. fastidio, fastidiosaggine, noia, stucchevolaggine, stucchevolezza.

Stufadizo, agg. banderuola, incostante, volubile: — „Non gli credere, è un incostante;“ stuccoso: — „Piace appena conosciuto, ma con un po’ di confidenza diventa stuccoso.“

Stufar, vn. annoiare, importunare, infastidire, noiare, seccare, stucchevolare, stufare, tediare: — „Noia colle sue scipitezze.“ — „Parla male di tutti, fino de’ suoi stufa davvero.“ — „Non infastidirmi, o ti appiccico una pedata;“ stufar co le ciacole, sordare una pescaia; stufarse dei boni magliari, far afa i beccafichi; [p. 452 modifica] ogni bel baio stufa, v. baio; stufar anca i san’i, v. santo.

Stufo, agg. annoiato, noiato, ristucco, stufato, stufo; stufo fin sora i oci, o stufo e strastufo, stanco ristucco: — „È una relazione di cui sono stanco ristucco;“ esser stufo de qualchedun, o de qualcossa, essere pieno di chi, o di che che si sia.

Stupidazo, agg. stolidaccio, stupidaccio, zugonaccio.

Stupideza, stupidezo, sf. sm babbuassaggine, baggianata, balordaggine, bessaggine, corbelleria, melensaggine, scempiaggine, scimunitaggine, scioccheria, scipitezza, stupidezza, stupidità; met. bagatella, frappola, futilità, inezia, nonnulla, nuga — pi. le nuge e le nughe; stupidezi, inter. giuggiole, frivolezze, nespole: — „Un milione? giuggiole!“ — , Frivolezze, non abbadategli.“

Stupido, agg. imbecille, scemo, sciocco, stolto, stupido, zuccone; esser stupido e cativo, essere come la tela del Nigetti, che è ordita di minchione e ripiena di baron cornuto; i stupidi xe sempre i primi a farse sentir, prov. chi poco sa presto parla.

Stupidón, agg. stolidaccio, stupidone, zugonaccio.

Stupin, sm. diavoletto, granchio -lino, tufazzolo, stiaccina,; stopaccio, stopacciolo, stopaglio; stoppino; meterghe ’l stupin ai foghi de artifizio — e simili: stoppinare.

Stupir, vn, stupefare, stupire, — empirsi di stupore.

Stupor, sm. stupore.

Stura, sf. zi. specie di mollusco — pinna rudis.

Sturar, va. sturare.

Stuzigadenti, sm. curadenti, dentelliere, stuzzicadenti.

Stuzigador, sm. stuzzicatele; aizzatore, .attizzino, mestatore, mestone, sobillatore.

Stuzigamento, sm. inizzamento, irritamento, spunzecchiata, stimolo, stuzzicamento.

Stuzigar, va. stuzzicare; aizzare, annizzare, indispettire; instigare, istigare, provocare: — „Aizza il cane e finirà coli’ esserne morso.“ — „ Provoca, l’attizzino, e quando vede la mala parata s’attiene al colombaio;“ sobillare, spronare, spunzecchiare, stimolare: — „È lui che m’ha sobillato a dirlo.“ — „Spunzecchia tutti e vuol essere un santo; ’ stuzzicare, tipizzare: — „Que’ du’-sciocchi bamboccioni si tipizzano tutt’il santo dì;- stuzigar l’apetito, aguzzare l’appetito; — ,,L’ aria de’ monti aguzza l’appetito che non par vero;“ stuzigar la tosse, provocare la tosse; stuzigarse le rece, o stuzigar nel buso de la scafa co la xe imbunida — e simili, sfruconare: — .,Non è decenza lo sfruconarsi gli orecchi in presenza delle persone.“ — , Pigliate alcun che e sfruconate l’acquaio;“ no bisogna stuzigar, m. prov. non svegliare il cane che dorme, — non aggiugner legna al fuoco.


Stuzighin, sm. rampichino: — .,Come mi dà noia questo rampichino in gola.“

Stuzigon, sm. lo stesso, ma più usato che stuzigador.

Su, agg. sua, suo; sue, suoi; avv. e prep. sopra, su, suso; andar su, ascendere, salire — e come modo de’ giuocatori: perder la posta; andar su — aiutandosi colle mani: ripìre; tornar andar su, risalire; dar su, tornare a gola. — rimproverare: — pancetta rancida che torna a gola.“ — „Fècemi mangiare del pesce che mi rimprovera;“ levare il capo il vino: — „Il vino ha levato il capo in venti quattr’ore;“ licenziare il quartiere — e simili: — „Badate di licenziare i vostri magazzini a tempo utile;“ vignir su, salire — e detto delle piante: venire innanzi — e detto de’ cibi, lo stesso che dar su; far su, aggomitolare; meter su, metter su: — „Mettete su prima eh’ io distribuisca le carte.;“ impostare: — „Giuocatore di dama che non sa neanche impostare le pedine !“ aprire, metter su, -rizzare: — „“Volea rizzar bottega in piazza “ — „Apre una mescita di vino;“ aprire, instituire: — ^Sciocchi o non vollero instituire un collegio [p. 453 modifica] cinese;“ met. insipillare, istigare, sobillare; vignir su, salire; venir su, crescere; tornare a gola; tirar su, allevare, e met. far ballare in campo azzurro, — far dar de’ calci al vento, o far dar de’ calci al rovaio: — „Han fatto dar de’ calci al rovaio a tutti e due gli assassini,“ andar su e zo, met, andare avanti e indietro, — fare come le secchie; poco su poco zo, m. avv. circa a, intorno di, suppergiù; un su e zo, un ondeggiamento, un’incertezza, una titubanza; su e su, m. avv. a un dipresso, in quel torno; far su e su, levarla del pari, stare in capitale; tignirse su, stare in sul quamquam: — „Sta in sul quamquam ora che spera un avanzamento;“ seminare i frasconi, averli seminati, — stare sulle cinghie: — Semina i frasconi il poveretto, è sfidato.“ — «Voi non lo credete, ma ve lo die’ io, la Maddalena sta sulle cinghie.“

Suasa, sf. cornice.

Suatara, sf. guattera.

Suazada, sf. diguazzamento, dissipamento, scialacquo

Suazar, va. diguazzare, guazzare; met. scialare; dilapidare, dissipare, fondere, scialacquare, sperperare; sprecare.

Suazeto, sm. guazzetto; magnar in suazeto, met. mangiare in insalata.

Subafitar, va. sottaffittare,, subaffittare.

Subafito, sm. sottaffitto, subaffitto.

Subafitual, sm. subinquillino.

Subentrar, vn. subentrare.

Subia, sf. art. e mest. lesina.

Subiada, sf. fischiata, fischiamento; zufolamento; lesinata: — Rimase morto a furia di lesinate.“

Subiar, va. fischiare, zufolare; far subiar, met. cavare il ruzzo dal capo, — far rigare diritto, — tener corto, — tenere in briglia; aver de subiar,— met, -aver -da— pettinare— lana sardesca, o semplicemente: aver da pettinare: — „Credea fosse un gioco, ma ha da pettinare;“ aver ancora cossa subiar, met. essere più lontano che gennaio dalle more, — volerci un altro po’ di sale: — „Ci vuole un altro po’ eli sale prima che diventi avvocato.“ — „La tua nomina è più lontana che gennaio dalle more;“ no se poi subiar e tosser, prov. non si può portar la croce e sonar le campane, — non si può strigliare e tenere il mulo, — non si può soffiare col boccone in bocca, — non si può tenere la farina in bocca e soffiare.


Subio, sm. fischio, zufolo; art. e mest. subbio; tromba.

Subioto, sm. fischio; zi. totano; pi. specie di pasta: cannelloni, cannoncini, cannonciotti.

Subir, vn. soffrire, sopportare.

Subisada, sf. inabissamento, subbissamene.

Subisar, va. inabissare, rovinare, sobbissare, sobissare, sprofondare, subbissare, subissare.

Subisso (un), m. avv. a earra, a cestoni, in abbondanza, in coppia, in ridondanza, — da dare e da serbare, — per il manico e per il mestolo.

Subito, avv. incontanente, — incontanenti, or ora, subito, tosto; subito che, sì tosto che, tosto che.

Subodorar, vn. subodorare, trapelare.

Subordinar, va. sottomettere, sottoporre, subordinare.

Subordinazion, sf. subordinazione.

Subuir, vn. sboglientare, sobbollire; riscaldare. >

Subuiio, sm, confusione, scompiglio, subbuglio.

Sucursal, sf. succursale.

Sudada, sf. sudamento, sudata; ciapar una sudada, fare una sudata: — „Ho fatto una sudata e ciò non ostante son giunto troppo tardi.“ Sudadina, sf. sudatina.

Sudado, agg. sudato; sudado oltra per oltra, sudato fradicio; un poco sudado, -sudatiscic,— — nollieciodisu— — dorè.

Sudar, vn. sudare, trafelare; tornar sudar, risudare; — „Se risuda può dirsi fuor di pericolo;“ met. fati [p. 454 modifica] SUGrcare, stentare; roba che. fa sudar, t. med. diaforetico, sudorifero, sudorifico; sudar un poco, sudacchiare; sudar fora per fora, o sudar anca la camisa, andare, o risolversi in sudore; esser de sudar, met, sudare i capelli: — „La compilazione di questo libro mi ha fatto sudare i capelli da maledetto senno;“ esser sta. de sudar, met. sudato: — „Son stati anni sudati quelli della rivoluzione;“ far sudar, met. far sudare chi si sia senza eh’ abbia caldo; poder pissar in leto e dir che se ga sudò, prov. poter pisciare in letto e dire che si è sudato, — fatti buon nome e piscia a letto e’ diranno che -tu hai sudato; xe meio sudar che tesser, m. prov. è meglio sudare che tremare.

Sudizion, sf. suggezione.

Sudor, sm. sudore; met. mercede, premio; esser un sudor, o esser in un lago de sudor, o esser tuto in un sudor, andare in sudore, — risolversi in sudore, — essere in un bagno di sudore, — essere fradicio mezzo di sudore: — „Se camino mesa ora son tuto in un sudor. - Se cammino mezza ora me ne vo in sudore;“ con assai sudori,’ met. a minuzzoli di pane: — „ Posto ottenuto a minuzzoli di pane;“ vignir i sudori fredi, o vignir i sudori de morte, met. venire il sudore, o venire i sudori della mòrte.

Suesa, sf. crepaccio, fessura; fenditura. èuf, sm. farinata; met. macco: — „E’ .ella polenda cotesta? tanto vale chiamarla macco.“ Sufiada, sf. soffiamento, soffiata, soffio; soffiatura; met. istigamento, sobillamento

Sufiar, va. buffettare, soffiare; sbuffare; met. suggerire; stentare; tribolare; far pippo: — „Uno de’ congiurati ha fatto pippo e la congiura fu sventata; 1 sufiar nel zogo de la dama, buffare; — col folo, affollare; — soto, o sufiar ne le rece, met. soffiare nel fuoco, — incitare, istigare; soffiar negli orecchi, o soffiare parole negli orecchi; — dei legni quando che i se brusa, cigolare.


Sufio, sm, soffio.

Sufion, sm, soffiata; soffione; met. delatore, marachella, spia.

Sufisticar, e derivati, lo stesso che sofisticar, e..derivati.

Sufita, sf. soffitta; tirar zo de sufita, met. tirar giù, — tirar sagrati, attaccarla al ciel del forno.

Sufitado, agg. soffittato.

Sufitar, va “soffittare.

Sufito, sm. soffitto.

Sufragar, va, giovare, soccorrere, suffragare.

Suga, agg. appassito; asciugato; secco; riarso.

Sugada, sf. asciugamento, rasciugamento, rasciugatura.

Sugaman, sm. asciugamani, asciugatoio, sciugamano.

Sugar, va. e vn. appassire; asciugare, asciuttare, rasciugare, rasciuttare, seccare; sugar un poco, prosciugare; sugar le lagrime, tergere le lagrime: — „ Tergi, o bella, la lacrima casta;“ sugar la scarsela, met. rasciugare le tasche; — le piaghe, met. essere fra Fazio che rifaceva i danni, asciugare le piaghe metterci le pezze e l’unguento; — le barche, co le ga aqua dentro, aggottare le barche; —-al sol, assolinare; — a poco a poco, suzzare; sugarla, met. camparla: — ,,0 non l’ha campata il briccone con un pò di paura;“ sugar, o -sugarse, t. de’ giuocatori di carte: assolare:. — „Com’hai fatto assolarti l’asso dacché sapevi che l’avversario teneva in mano il venticinque !“

Sugatoio, sm, asciugatoio, sciugatoio.

Sugerida, sf. suggerimento.

Sugeridor, sm. rammentatore, suggeritore.

Sugerimenfo, sm, suggerimento, suggestione; sugerimento cativo, immistione.

Sugerir, va. rammentare, suggerire, soffiare: — „Non so la lezione, soffiami se mai vengo chiamato;“ proporre, suggerire: — „Estremi suggeritigli dalla disperazione.“

Sugezion, sf. soggezione, suggezione. [p. 455 modifica] Sugo, sm. succo, succhio, suco, sugo; umore; compendio, morale, ristretto, sunto; sugo de limoni, agro, e chini, acido citrico; — de uà no fata, agresto; sughi del stomigo, succhi gastrici; no esserghe sugo, met. non esserci succo, — essere, che che sia, insulso, scipito.

Sugoso, agg. succolento, succoso sughifico, sugoso.

Suizidio, sm. suicidio.

Sul, prep. art. sul, sullo: — „Sul monte.“ — „ Arrestassi sullo zero;“ in sul in sullo: — „La vidi in sul far della sera.“ — „Barbugliava in sullo svegliarsi.“

Suo, agg. di lei, di lui, suo — pi. loro, suoi; el suo, il geo: — „Ho visto stamani l’Ersilia col- geo;“ ciapar, o dar le sue, met. pigliare o toccare. le sue, — - dar le sue; dir le sue, met. cantar d’Aiolfo, — scuotere il sacco pe’ pellicini; aver del suo, avere< al sole, aver del suo al sole; avere il gruzzolo, o avere il morto, — aver denari per ritto; meterghe del suo, met. fare la frangia: — „Ve l’ha raccontata senza farci la frangia ? non par vero;“ far, o aver fato le sue, met. correre, o scorrere, — aver corso, o aver scorso la cavallina; star su le sue, met. stare sulle sue: — „ Qualunque superiore deve stare sulle sue;“ rimeter del suo, esser condannato nelle spese; farse suo uno, gratificarsi quel tale; trovarghe la sua a tuto, opporre alle Pandette, ridire sul padrenostro; aver cimiero ad ogni elmetto, — aver unguento ad ogni piaga, — aver più ritortole che fastella; tuti voi dir la sua, m. prov. chi fa la casa in piazza o e’ la fa troppo alta o e’ la fa troppo bassa; ognidun poi far del suo quel che’ l voi, m. prov. ognuno può fare della sua pasta gnocchi.

Supela, sf. soffione.; met. strumento di legno a fiato, e più propriamente quello rusticano, senza chiavi.

Superada, sf. superamento, superazione.

Superar, va. e vn. eccedere, superare, trascendere: -— consigli di Dio trascendono l’umana ragione;“ rimanere superiore, sopravanzare, vincere; poet. soprare; cercar di superare, od almeno d’uguagliare uno in qualche cosa: emulare; t. de’ giuocatori di carte: ammazzare: — «Ammazza quella briscola.“ — „Se tu puoi ammazzare adesso la donna abbiamo vinto.“


Superbazo, agg e sm. ambiziosaccio, superbaccio, superbone

Superbia, sf. alterigia, ambizione, burbanza, fasto, orgoglio, presunzione.

Superbir, vn. inorgoglire, insuperbire, superbiare. superbire.

Superbo, agg. e sm altiero, ambizioso, gonfianugoli, superbilico, superbioso, superbo, vanaglorioso, vano; bello, eccellente, magnifico, sontuoso.

Superfizial, agg. superficiale.

Superfizialmente, avv. superficialmente; pelle pelle.

Superfizie, sf. superficie.

Superior, agg. superiore, che soprasta; sm. principale, superiore, — capo di un magistrato, di Un ufficio, ecc.

Superstizion, sf. superstizione,

Suplicar, va. supplicare; met. domandare, pregare; sm. supplicazione.

Suplir, supplire.

Supor, vn. presuppore, supponere, supporre.

Suposizion, sf. congettura, supposizione.

Supurazion, sf. suppuramento; andar in supurazion, suppurare; medizina che fa andar in supurazion, suppurante.

Suro, sm. zi. codaspro, sugarello, tracuro comune — - trachurus trachurus; bot. sughero, sovero — quercus suber.

Surogada, sf. surrogamento, surrogazione.

Surogar, va. e vn, surrogare; rimpiazzare.

Susetibile, agg. suscettibile.

Susetibilità, sf. suscettibilità.

Susidiar, va. sussidiare.

Susin, sm. prugna, susina; susin selvadigo, prtignola; met. pesca: — [p. 456 modifica] „Pugni poderosi che lasciali sulla faccia pesche incredibili;“ slavo, sloveno.

Susiner, sm, bot, prugno, susino — prunus domestica; susiner salvadigo, prugnolo.

Susister, vn. sussistere.

Susitar, va. suscitare; eccitare, promuovere.

Susta, sf. molla, susta (Segneri); caminar su le suste, met. andar balzellone

Suso, avv. sopra, su, suso.

Susultar, vn. sussultare.

Susurante, agg. e sm ciancione, susurratore sussurrone

Susurar, va. romoreggiare, strepitare; sussurrare.

Susuro, sm. clamore, fracasso, frastuono, fruscio, mormorio, schiamazzo, strepito, sussurro, susurro; poet. murmure; met. fama, grido; scalpore: — • „Mena uno- scalpore, indiavolato per aver franteso una parola;“ far susuro, met. far scoppio; susuro del diavolo, met. fracasso, frastuono; — che fa svolando le vespe, i musati — e simili: ronzio; — de gente che parla soto vose, bisbiglio; — de le frasche movude del vento, frascheggìo; — del aqua che casca, stroscio; far susuro del aqtia che casca, strosciare; susuro del aqua che boi, borbottìo, croscio, rigolìo, scroscio; — dei budei, gorgoglio; — de trombe, clangore; — del vento, dei toni, rugghio; — de le onde con mar grosso, mugghio; — de tiri de assai foghi artifizial, o de assai canoni in segno de piazer, gazzarra; — de gente imbriaga, baccanale; — de sai gente che lavora, brusìo; — che fa le pernise e i cotorni co i lem el volo, frullo; — confuso, mormorio, e in poesia: mormoro, mùrmore; — grando de cascar roba a rompicolo, rovinìo.

Susuron, sm. abbaione, baione, ciancione, sussurratore, sussurrone; litigone; mormoratore; rovinìo, strepitene.

Sutamente, avv. asciuttamente, brevemente, evasivamente, concisamente; freddamente.

Sutil, agg. esile, sottile; acuto; accorto, destro, sagace; guardar per sutil, met. guardare, nel sottile; no guardar per sutil, met. non la guardar in un filar d’embrici, o di case, — pesare alla stadera del mugnaio, e non alla bilancia dell’orafo.


Sutileto, agg, sottilino, sottilotto, sottiluzzo.

Sutileza, sf. sottigliezza, sottilezza, sottilità; aguzzamento; assottigliamento, assottigliatura.

Sutilmente, avv. sottilemente, sottilmente; attentamente, diligentemente, minutamente; meschinamente, parcamente, poveramente.

Suto, agg. appassito, passo: — „Delle susine passe.“ — „Da’ fichi passi;“ asciugato; asciutto; mei. bruciato di denaro; macilente, magro, stenuato; sm. aridità, asciugaggine, seccore, siccità; seccareccia, secchereccia, secchereccia, secchericcio; suto de gambe, suto de colo, met. scarico di gambe, scarico di collo: — Cavallo scarico di gambe.“ — ,Yende la giumenta scarica di collo;“ t. de’ giuocatori di carte: solo: — .Pretendeva di fare una data coli’ asso solo.“ — „Iio scartato il due perchè l’avea solo;“ suto suto, m. avv. asciuttamente, evasivamente, concisamente; freddar mente, spicciatamente.

Suzeder, vn. accadere, avvenire, seguire, succedere: — .»Accadde che gli sfuggì la fiera;“ succedere:— ,.Succedetegli al trono.“

Suzesion, sf. successione; figlio; erede.

Suzesivamente, avv. successivamente, successive.

Suzesivo, agg. successivo.

Suzeso, sm. succedimento, successo.

Suzintamente, avv. compendiosamente, succintamente.

Suzinto, agg. e avv. breve, compendioso, succinto.

Svagar, va. ricreare, svagare; distorre, divagare.

Svagada, sf. distrazione, svagamento, svago.

Svalisada, svalisamento, sf. sm. svaligiamento.

Svalisar, svalizar, va. derubare, svaligiare. [p. 457 modifica] Svampida, sf. svanimento.

Svampir, vn. svanire.

Svampido, agg. svanito; svampì de vin, de aquavita — e simili: vapido.

Svanimento, sm. bacinamento, deliquio, svenimento.

Svanir, vri. smortire: — .Nella seta tali macchie non smortiscono mai più.“

Svaporada, sf. evaporazione, svaporamento, svaporazione, svaporo.

Svaporar, vn. evaporare, svaporare. svaporire; asciugare; esalare, sfogare.

Svariado, agg. diverso, svariato, vario. Svasa, sf. lo - stesso che suasa.

Svatara, sf. lo stesso che snatura.

Svazar, e derivati, lo stesso che sguazar e derivati.

Svazeto, sm, lo stesso che suazeto.

Sveada, sf. svegghiamento, svegliamento.

Sveado, agg. svegliato; mei. destro, intraprendente, sveglio, accorto, sagace.

Svear, va. destare, svegghiare svegliare: — „Svegliatemi alla prim’alba;“ met. avvisare, scaltrire: — „Servaccia perfida ohe scaltrisce le bimbe.“

Svearin, sm. destatolo, sveglia, svegliarino, svegliatolo; met. mattiniero: — „Lo zio è mattiniero quanto altri mai.“

Svelar, va. dichiarare, palesare, svelare.

Svelteza, sf. celerità, lestezza, prestezza, sveltezza; met. accorgimento, avvedimento, sagacia, scaltrezza; svelteza de man, sottilità di mano; portar via con svelteza, alleppare.

Svelto, agg. alacre; astuto, scaltro; agile, celere, lesto, rapido, sollecito, snello, veloce; poet. impigro; esser svelto, met. essere accorto, — essere un corbacchione di campanile o un formicone di sorbo, — aver cotto il cui ne’ ceci rossi, — aver pisciato su più d’una neve; svelto come una tartaruga, met. destro quanto una cassapanca, — lesto come una gatta di piombo.

Svenada, sf. svenamento.


Svenar, va. e vn. svenare.

Svenir, vn. svenire — perdere il sentimento; — venirsi meno.

Sventado, sm. avventato, scapato, sventato.

Sventar, va. sventare, — render vano. Sventola, sf. ventaglio; sventola del fogoler, ventola

Sventolada, sf. ventolata; sventolamento, sventolìo.

Sventoladina, sf. sventolatina.

Sventolar, vn. soffiare, ventolare, spandorare, sventolare; sm. sventolìo.

Sventolin, agg. agile, disinvolto, scarzo

Sventrada, sf. sbudellamento, sventramento

Sventrar, va. disviscerare, sventrare, sviscerare.

Svergognada, sf. svergognamento.

Svergognar, va. svergognare, — far vergogna.

Svesa, sf. lo stesso che suesa.

Svestir, va, disvestire, spogliare, svestire.

Sviada, sf. sviamento.

Sviar, va. deviare, sviare; met. spassare, svagare.

Svignada, sf. svignamento.

Svignar, va. spulezzare, svignare; svignarsela, vnp. andarsene, — far tela, — pigliare il pendìo, — battersela. sbiettare, svignarsela.

Svilupada, sf. sviluppo.

Svilupar, va. sviluppare.

Svilupator, sm. sviluppatore.

Svincolada, sf. divincolamento, svincolamento.

Svincolar, va. divincolare, svincolare; vnp. liberarsi, sciogliersi, svincolarsi.

Sviserado, agg. affezionato, appassionato, sviscerato; cordiale; eccessivo, enorme.

Sviserar, va. sviscerare.

Sviseratamente, avv. svisceratamente, — con isvisceratezza.

Sviserateza, sf. svisceratezza.

Svizerò, agg. e sm. elvetico, elvezio, svizzero.

Sviziar, va. sviziare. [p. 458 modifica] Svodada, sf. votamento, votatazione

Svodadura, sf. votatura.

Svodar, va. votare, -vuotare; svodar la sentina, co le trombe, affrancare la sentina; svodar el saco, v. saco.

Svodc, agg. voto, vuoto; vin svodo, vino leno, o vino mollacelo: — „Yini mollacci che san d’acqua di fosso.“

Svoiada, svoiamento, sf. sm, svogli amento, svogliataggine, svogliatezza, svogliatura.

Svoiado, agg. afflitto, malinconico, svogliato; un poco svoiado, svogliateli.

Svoiar, va. e vn, svogliare, — tor la voglia, — perder la voglia.

Svoiateza, sf. svogliamento, svogliataggine, svogliatezza svogliatura; afflizione, malumore.

Svoiada, sf. volata; volo.

Svolar, va. volare, e per sim. batter l’ali: Dante Inf. XXII ....batterò sovra la pece l’ali:; volare movendo frequentemente le ali per reggersi in un punto: brillare; far svolar, met. dilapidare, fondere, scialacquare.


Svolatico, sm. t. de’ cacciatori: — selvaggina pennuta: — Quadrupede o. selvaggina penuta ?

Svolazada, sf. svolazzamento, svolazzìo, svolazzo.

Svolazar, va. svolacchiare, svolazzare; e nel senso di volare stentatamente, e a piccole volate: volicchiare: — „La pernice ferita ha volicchiato per più d’un chilometro di distanza.“

Svolger, va. svolgere.

Svolo, sm. volo; ala — del volatile.

Svoltada, sf. scantonata; svolta, svoltamento, svoltatura; serpeggiamento.

Svoltador, sm. arcolaio.

Svoltar, va. scantonare; svoltare, serpeggiare.

Svolzer, va. lo stesso che svolger.