Dizionario - Vocabolario del dialetto triestino/R

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
R

../Q ../S IncludiIntestazione 17 novembre 2012 25% Da definire

Q S

[p. 348 modifica]
R
Rabia
Rabiada
Rabiado
Rabiar
Rabin
Rabiosa
Rabiosazo
Rabiosezo
Rabioso
Rabrividir
Racapezar [p. 349 modifica]
Racapriziar
Racaprizio
Racheta
Racolier
Racolimento
Racolta
Racomandar
Racomandazion
Racomodada
Radada
Radar
Radaza
Radicai
Radiceto
Radicio
Radigar
Radigo
Radisa
Radison
Radolzir
RadOpiar
Rata
Rafeto
Rafinada
Rafinadura
Rafinaria
Ratinar
Rafiol
Rafredar
Rafredor
Ragio
Ragion
Ragionar
Ragionier [p. 350 modifica]
Ragirator
Ragiro
Ragiunger
Ragnantela
Ragnanteleta
Ragnazo
Ragneto
Ragno
Ragnola
Raguardevole
Ralegrada
Ralegrar
Ralentar
Rama
Ramada
Ramaricar
Ramaza
Rambada
Rambagio
Rambar
Rame
Ramentar
Rameta
Ramificar
Ramingar
Ramo
Rampigada
Rampigamuri
Rampigar
Rampighin
Rampin [p. 351 modifica]
Rampinada
Rana
Rancurada
Rancurar
Randa
Rangiada
Rangiar
Rango
Rantolar
Ranzidir
Ranzido
Ranzidume
Ranzignada
Ranzigtrar
Rapatumar
Rapazificar
Rapezada
Rapezador
Rapezadura
Rapezar
Rapir
Rapo
Rapresentar
Rapresentazion
Raro
Rasa
Raèador
Rasadorazo
Rasadoreto
Rasar
Rasca
Rascela
Rasceladura
Rascelar
Rasceleta
Rasceta
Rasciabile
Rasciada
Rasciadina
Rasciador
Rasciadura [p. 352 modifica]
Rasciar
Rasentar
Rasente
Raso
Raspa
Raspadura
Raspamento
Raspar
Raspeto
Raspo
Rassada
Rassar
Rassegnarse
Rassegnaziòn
Rasserenar
Rassicurar
Rassin
Rassomilianza
Rassomiliar
Rastel
Rastelar
Ràsteleto
Rasteliera
Rastelon
Rato
Ratristar
Rauchedine
Rauchir
Rauco
Rava
Ravanel
Ravano
Ravisar
Ravivar
Ravizon
Ravuza
Raza [p. 353 modifica]
Razìa
Razion
Re
Reagir
Reai
Realeto
Realizar
Reazion
Rebel
Recapitar
Recia
Reclamar
Reclusion
Reclutar
Recurin
Redada
Redarguir
Redarguizion
Redator
Redazion
Rede
Redentor
Redimer
Rèdine
Redisela
Refada
Rèfar
Refolada
Refudar
Refudo
Regalar
Regaleto
Regalo [p. 354 modifica]
Regazo
Reger
Regina
Region
Registradura
Registrar
Registro
Regnar
Regola
Regolado
Regolar
Regolator
Regolaziòn
Reiator
Relazion
Religion
Remada
Remador
Remar
Remenada
Remenar
Remenati
Remengo
Remengon
Remision
Remitur
Remo
Rempinpin
Render
Rengà [p. 355 modifica]
Rente
Reobarbaro
Repentalio
Repetizion
Repezar
Replicar
Reprimer
Republican
Requaia
Requie
Resa
Reèentadura
Resentar
Resister
Respinger
Respirada
Respirar
Respiro
Resta
Restar
Restel
Restituir
Restituzion
Resto
Restringer
Retificar
Retificazion
Retorica
Retribuir
Retribuzion
Revision
Revisor
Revocar
Rezente
Rezentemente
Rezentin
Rezinto [p. 356 modifica]
Rezipiente
Reziprocamente
Reziproco
Rezita
Rezitabile
Rezitar
Riabilitar
Riabilitazion
Riameter
Riasumer
Ribalta
Ribaltada
Ribaltaomini
Ribaltar
Ribalton
Ribasar
Ribater
Ribatin
Ribelion
Ribis
Ribombar
Ribon
Ribota
Ribrezo
Ributar
Rica
Ricader
Ricaduda
Ricamadora
Ricamadura
Ricamar
Ricapitolazion
Ricavar
Riciamo
Ricioto
Rico
Ricompensar
Ricon
Riconfermar
Riconosente
Riconosenza
Riconoser
Riconosibile
Rioonosimento
Ricordar [p. 357 modifica]
Ricordo
Ricorer
Ricoverar
Ricrear
Ricreazion
Ricuperar
Ricusar
Ricusidura
Ridaciar
Ridacion
Ridada
Rider
Ridicolo
Ridir
Ridur
Riduzar
Riduzion
Riepilogar
Rifa
Riferir
Rifilada
Rifilado
Rifilar
Riflesion
Rifleso
Rifleter
Rifonder
Riformar
Rifredor
Rifudar [p. 358 modifica]
Rifugiar
Riga
Rigà
Rigada
Rigadin
Rigadura
Rigar
Rigetar
Rigola
Rigor
Riguardo
Rilevar
Rima
Rimbambir
Rimediàda
Rimediar
Rimedio
Rimendadura
Rimessada
Rimessar
Rimesso
Rimeter
Riminisenza
Rimodernada
Rimodernar
Rimonta
Rimontada
Rimontar
Rimorso
Rimpianzer
Rimproverar
Rimprovero [p. 359 modifica]
Rimunerazion
Rimurciada
Rimurciador
Rimurciar
Rimurcio
Rinaser
Rincela
Rincreser
Rincresimento
Rinegar
Rinfazada
Rinfazar
Rinforzada
Rinforzante
Rinforzar
Rinfrancar
Rinfrescada
Rinfrescador
Rinfrescar
Rinfusa
Ringiovanir
Ringraziar
Rinovar
Rinovazion
Rinozeronte
Rintanar
Rinunzia
Rinunziar
Rinvignir
Rioda
Riondolada
Riondolar
Riparador
Riparadura
Riparar
Ripasada
Ripasadina
Ripasar
Ripetizion [p. 360 modifica]
Ripiegadura
Ripiego
Ripijio
Riportar
Riposada
Riposar
Riprodur
Riprodutor
Riproduzion
Ripugnanza
Ripugnar
Riputazion
Riquadradura
Riquadrar
Risanar
Risarcir
Riscaldada
Riscaldadura
Riscaldante
Riscaldar
Riscaldo
Risciar
Riscio
Riscioso
Riscontrar
Risera
Riservar
Riseto
Risguardar
Risipola
RÌSO
Risoluzion
Risolver
Risorsa
Risoto
Rispetar
Rispeto
Rispetor
Risponder [p. 361 modifica]
Risposta
Rispostaza
Rissolo
Rissurezion
Rissusitar
Ristabilir
Ristampar
Ristaurar
Ristorada
Ristorar
Risultar
Ritaiar
Ritaieto
Ritaio
Ritardar
Ritardo
Ritenudo
Ritenzion
Ritignir
Ritirada
Ritirado
Ritiramento
Ritocada
Ritocadina
Ritocar
Ritornada
Ritornar
Ritornei
Ritratar
Ritratazo
Ritratin
Ritrato
Ritrosia
Riunion
Riusibile
Riusir
Riusida
Riva
Rivai
Rivar
Rivèder
Riveduda
Rivender
Rivenditor [p. 362 modifica]
Riverberar
Riverbero
Riversa
Riverso
Rivinzer
Rivinzita
Rivolger
Rivoltada
Rivoltadina
Rivoltar
Rivoluzion
Rizada
Rizar
Rizerca
Rizercado
Rizercar
Rizercateza
Rizeta
Rizetacolo
Rizetario
Rizever
Rizevimento
Rizevitor
Rizevuda
Rizino
Rizo
Rizonzer
Roba [p. 363 modifica]
Robada
Robar
Robata
Robaza
Robeta
Robusto
Roca
Rocada
Rocar
Rochel
Rocheta
Roda
Rodela
Rodolada
Rodolar
Rodolo
Rodolon
Rodomontada
Rogazion
Rogna
Rognaza
Rogneta
Rognoladasf.rognonata.Rognon
Roia
Rolada
Rolar
Rolo
Roma
Romanzeto
Romanzier
Romanzina
Rombo
Romper [p. 364 modifica]
Ronchizada
Ronchizar
Roncola
Rondar
Rondinela
Rondolada
Rondolar
Rondolon
Rondon
Ronfar
Rosa
Rosada
Rosapila
Roser
Rosigada
Rosigadura
Rosigamento
Rosigar
Rosignol
Rosigon
Rosmarin
Rosolin
Rospazo
Ròspo [p. 365 modifica]
Rossicio
Rosso
Rossor
Roste
Rostì
Rostida
Rostidura
Rostir
Rostisin
Rosto
Rota
Rotarne
Roto
Rotondada
Rotondar
Rotura
Rovistar
Rovoro
Rubineto
Rucola
Ruda
Rudinazi
Ruta
Rufian
Ruga
Rugiada [p. 366 modifica]
Rugnar
Rugnon
Rugoso
Rum
Ruminar
Rusadura
Rusar
Ruseleto
Rusel
Ruso
Rusolon
Ruspido
Rustigo
Rutada
Ruvidir
Ruvinamestieri
Ruvinada
Ruvinar
Ruzarse
Ruzine
Ruzinida
Ruzinir

[p. 348 modifica]

R



R, diciassettesima lettera dell’alfabeto; pronunciasi erre e si fa tanto maschile quanto femminile. — R, in capo alle ricette significa: Recipe, voce latina che vale: prendi. — Raddoppiato: R. R. vale reverendi; RR. PP. Reverendi padri; R. I. P. Riposa in pace. — S. P. R. M. Sue proprie riverite mani; parlar col ere, rotacismo.

Rabia, sf. adiramento, collera, corruccio, cruccio, ira, izza, livore; ràbbia, rabidèzza, rovello, sdegno, stizza; arrabbiamento, arrabbiatura; con rabia, arrabbiatamente: — .Gettò lungi da sè arrabbiatamente il foglio;“ rabia dei cani, idrofobia; sciopar (sciopar) de la rabia, met. affogare di, o dalla rabbia, — arrovellarsi, — non veder dalla rabbia.

Rabiada, sf. arrabbiamento; ciapar una rabiada, arrabbiarsi, arrovellarsi, incollerirsi.

Rabiado, agg. arrabbiato, corruccioso, incollerito, iracondo, irato, sdegnoso stizzito; idrofobo; un poco rabiado, arrabbiateli; far finta de esser rabiado, pigliare il bufonchiello.


Rabiar, vi. e vn. adirare, arrabbiare sdegnare, — muovere ad ira; poet. irascere (Sannazzaro); vnp. adirarsi arrabbiarsi, — alzare i mazzi, — salire in ira, o in bizza.

Rabin, sm. rabbino; agg. iracondo, litigioso, rabbioso, rabino, stizzoso.

Rabiosa, sf. v. met. acquarzente, acquavite.

Rabiosazo, sm. rabiosaceio.

Rabiosezo, sm. ira, iritabilità, livore, rabbia, rovello, stizza.

Rabioso, agg. adiroso, arrovellato, .collerico, iroso, stizzoso; idròfobo; deghe zo che ’l xe rabioso, loc. prov. agli zoppi grucciate, — al mal fagli male, — essere piovuto sul bagnato.

Rabrividir, vm abbrividare, abbrividire, rabbrividare, rabbrividire; raccapricciare.

Racapezar, vn. raccapezzare. [p. 349 modifica] Racapriziar, vn. raccapricciare, raccapriccire.

Racaprizio, sm, raccapriccio.

Racheta,- sf. razzo;, chi che fa rar chete, razzaio.

Racolier, va. assembrare; raccogliere, raccorre; adunare, ragunare, raunare, unire; racolier i grani, mietere i grani; chi no semina no racoli, prov. chi non semina non raccoglie.

Racolimento, sm. raccoglimento.

Racolta, sf. raccolta, raccolto, ricolta, ricolto; racolta de quadri, pinacoteca; — de libri, biblioteca; — de medaie,, de monede antiche, de robe . preziose, cimelioteca; — de arme e azesori, armeria; — de canzoni, innario; — de farfale, farfalliera; — dei grani, messe.

Racomandar, va. raccomandare, racconciare.

Racomandazion, tf. raccomandazione, raccomandainento, raccomandazione, raccomandigia, raccomando.

Racomodada, sf. raccomodatura, racconciamento, racconciatura.

Radada, sf. raditura.

Radar, va raschiare.

Radaza, sf. fruciandolo.

Radicai, agg. radicale; radichevole.

Radiceto, sm. radicchino: — „Du’ forchettate di. radicchino con de’ tuorli d’uovo dentro.“

Radicio, sm. bot. cicoria, radicchio — chicorium intibus; radicio co le radise, radicchio scoltellato; radicio salvadigo, radicchiella silvestre.

Radigar, va. altercare, contendere; litigare.

Radigo, sm, alterco contesa, litigio, questione; discordia, disunione, Scissura: — „ Vergognatevi è ella una continua scissura.“ Radigon, agg. e sm. cavillatore, litigioso, rissoso.

Radisa, radise, sf. ràdica, radice;. che ga forma de radise, radiciforme; el grosso de la radise — delle piante in generale: barba maestra, — fittone; radise che qualche albero fa in mucio a fior de tera, barbicala; ciapar radise, abbarbare, radicare: — „Alcune ta- I lee abbarbicano in cortissimo tempo.“ Radiseta, sf. radicella radicetta, radicina.


Radison, radisona, sm. sf. radici ona, radicione, radicona.

Radolzir, va. e vn: addolcire dolcificare; met. allenire, mitigare, raddolcire.

RadOpiar, va. addoppiare, raddioppare.

Rata, v. usata nel modo o de rifa o de rafa, o di ruffì o di raffi.

Rafeto, . sm. art, e mest. graffietto.

Rafinada, sf. perfezionamento; raffinamento.

Rafinadura, sf. raffinatura.

Rafinaria, sf. affinatolo, raffineria raffinatolo.

Ratinar, va. affinire, raffinare, raffinire; migliorare, perfezionare.

Rafiol, sm. raviuolo — il dolce; agnellotto — quello per brodo.

Rafredar, vn. raffredare; met, minuire, rallentare, — scemare il fervore.

Rafredor, sm. infreddazione infreddamento, infreddatura, raffredore; rafredor fisso, o stagno, marmotta.

Ragio, sm. radio, raggio — pi. i raggi, e poet. i rai; ragio de le rode, raggio, razzo.

Ragion, sf. ragione; cagione; dar ragion — nel senso di fìngere di secondare altrui per .fargli svelar tutto .l’animo suo: dar spago; dar ragion a un che parla senza nanca capirlo, accordarsi alle bàttute; no capir ragion, met. non conoscere ragione: — „Zotticoni che non conoscono ragione;“ no senza ragion, non senza ragione., e latinamente: non sine quare; de santa ragion, m. avv. di santa ragione, — come la ragione comanda; chi più ziga ga ragion, m. prov. chi più urla ha ragione; la fame no conossi ragion, v. fame; la forza ghe caga a la ragion, v. forza; no aver lume de ragion, v. lume.

Ragionar, va. argomentare, discorrere, favellare, ragionare.

Ragionier, sm. ragioniere. * Ragirar, va. abbindolare, aggi- rare, rigirare.. [p. 350 modifica] Ragirator, sm. bindolo, ingannatore, raggiratore.

Ragiro, sm. abbindolamento, imbroglio, raggiro, rigiro.

Ragiunger, va. raggiugnere, raggiungere

Ragnantela, sf. ragnatelo meglio che ragnatéla, e più comunemente: tela di ragno; — nel senso di vestito di velo, o di tela radissima: fiammata: — „Non muor di freddo con quel po’ di fiammata che ha indosso?“ esser una ragnantela — un panno, un vestito, ecc.: essere liso, o ragnato; netar le ragnantele, disragnare: — „Disragna un po’ quel quadro, pare festonato.“

Ragnanteleta, sf. ragnateluccia, ragnateluzza.

Ragnazo, sm. ragnaccio.

Ragneto, sm. ragnolo, ragnuolo.

Ragno, sm. zi. aragna, aragne, aragno, ragno, — ragno comune — tegenaria domestica; ragno co la erose, epeira diadema — epeira diadema. Generalmente vien chiamato ragno anche l’opilionide „falangio opilio“— phalangium opilio, ch’è un aragnide, ma che non appartiene all’ordine dei ragni; specie di trachino — trachinus, il pesce che si pesca nei nostri mari; e quello simile al merluzzo: bertagnino: — „Andate dalla baccalaria e ditele che vi dia bertagnino e non baccalà;“ specie di legno leggiero a quattro ruote: bagatello, bagher, bàghero; met. brutto; deforme; fuseragnolo, mingherlino; no cavar un ragno de un buso, met. non levare un ragno da Un buco, — essere pannicelli •caldi.

Ragnola, sf. zi. trachino vipera — trachinus vipera.

Raguardevole, agg. illustre, preclaro,, ragguardevole.

Ralegrada, sf. rallegramento, esultanza.

Ralegrar, va. render ilare, rallegrare; mp. esilerarsi, esultare, rallegrarsi, — fare i mirallegro.

Ralentar, va. allentare, rallentare; met. diminuire, rilassare, scemare.

Rama, sf. ramo.

Ramada, sf. art. e mesi, coletto; graticciata.


Ramaricar, va. rammaricare; sm rammarichìo

Ramaza, sf. ramaccio.

Rambada, sf. ruberia.

Rambagio (far), m. avv. predare, rubare, — spazzare il pollaio. •

Rambar, va. aggraffare, arraffare, rubare.

Rame, sm. rame; che partecipa del rame, che è del color del rame: cupreo, ramigno; chi che fa e che vendi roba de rame, ramaio, ramario, ramiere; spuzar, o no spuzar de rame, met. sapere, o non sapere di rame.

Ramentar, va. rammentare, — far menzione.

Rameta, rameto, ramisel, sf. sm. fronduccia, rametto, ramicella, ramicello, ramiscello; ramicelli secchi che si trovano su per gli alberi: fruschi, fruscoli.

Ramificar, vn. diramare, ramificare., Ramificazion, sf. ramificazione.

Ramingar, va. ramingare, — andar ramingo.

Ramo, sm. fronda, ramo; i più grossi rami degli alberi: bracchie; rami delle corna -de’ cervi, de’ capriuoli, e simili: palchi; aver un ramo de mato, v. mato.

Rampigada, sf. arrampicamento.

Rampigamuri, sm. v. scherz. acquarzente, acquavite.

Rampigar, va. arrampicare, erpicare, inerpicare, rampicare, salire aggrappandosi; t. d’agricoltura: abbricare: — „ Viti abbricate sugli olmi;“ rampigarse sui alberi, aderpicare, erpicare; rampigarse per i speci, met. attaccarsi alle funi del cielo, — attaccarsi agli specchi; reggersi sulle cannuccie; pigliare l’occasione del petrosemolo; rampigarse come un gato, v. gato.

Rampighin (aver un) in gola: avere un ciabattino giù per la gola.

Rampin, sm. gancio, rampino, ronciglio, uncino; met. abbricagnolo, appiccagnolo, appicco, appiglio, attaccagnolo, cavillo, pretesto; rampin per [p. 351 modifica] pescar i seci cascai nei pozi, raffio; ciapar col rampin, arroncigliare, uncinare.

Rampinada, sf. roncigliata, uncinata.

Rana, sf. zi. rana comune — rana esculenta’, rana che se tien nei vasi, per segnar el tempo, (i disi), raganella — hyla viridis; rana di legno a cui è adattato un piccolo congegno che le fa spiccar salti: saltamartino.

Rancurada, sf. raccattatura, raccolta.

Rancurar, va. raccattare, raccogliere; abbatuffolare.

Randa, sf. t. mar. artimone, randa.

Rangiada, sf. bastonatura; lavata, risciacquata; riparatura; ripulita.

Rangiar, va. bastonare, castigare, gastigare, percuotere, picchiare, zombare; ripulire, rubare; governare, riparare: aggeggiare: — „Il quartiere era un vero porcile; ma ora l’ha aggeggiato che pare un gioiello;“ rintuzzare la baldanza, o rintuzzare l’albagia, l’orgoglio — e simili.

Rango, sm. ceto; rango.

Rantolar, va. rantolare; sm. rantolìo.

Ranzidir, vn. rancidire; met. lasciar candire.

Ranzido, agg. rancico, rancido, rancioso, vieto; sm. rancidezza, rancidità.

Ranzidume, sm, rancidezza rancidità, rancidume,

Ranzignada, sf. aggrinzamelo, arricciamento.

Ranzigtrar, va. e vn. aggrinzare; contrarre; imbozzacchire; ranzignar el naso,- arricciare il naso, — far ceffo, — torcere il naso.

Rapatumar, m. rappacificare, rappatumare, riconciliare.

Rapazificar, va. rappacciare. rappacificare, rappattumare.

Rapezada, sf. rappezzamento, ripezzamento.

Rapezador, sm. rappezzatore.

Rapezadura, sf. rappezzatura, ripezzatura.

Rapezar, va. rabberciare, racconciare, rappezzare, rattoppare; mettere delle toppe: — „ Potrà mettergli delle toppe, ma guarirlo mai più.“


Rapir, va. rapire.

Rapo, sm. grappolo, graspo, raspollo; rapo che no riva madunrse, agrestino.

Rapresentar, va. rappresentare.

Rapresentazion, sf. rappresentazione; rappresentazione allegorica: mito.

Raro, agg. rado, raro; de raro, m. avv. radamente, di rado, di raro; petostò raro, raruccio: — „I caprioli nella vostra caccia sono rarucci;“ raro come le mosche bianche, v. mosca.

Rasa, sf. zi. specie di razza — raja. Rasada, sf. raschiata.

Raèador, sm. rasoio; ciaparse per i rasadori, met. appiccarsi, o attaccarsi a’ rasoi; taiar come un rasador, tagliare un capello in aria; aver la lingua come un msadòr, met. aver la lingua che taglia e cuce; no meter el rasador in man de un mato, v. man.

Rasadorazo, sm. rasoiaccio.

Rasadoreto, sm. rasoino, rasoiuccio.

Rasar, va. radere.

Rasca, sf. berretto a gronda; tettino.

Rascela, sf. (rascela) racimolo, raspollo.

Rasceladura, sf. (rasceladura) racimolatura, raspollatora.

Rascelar, va. (rascelar) racimolare, raspollare.

Rasceleta, sf. (rasceleta) racimoletto, racimolino.

Rasceta, sf. (rasceta) raschietta.

Rasciabile, agg. (rasciabile) raschiatole.

Rasciada, sf. (rasciada) raschiamento, raschiata.

Rasciadina, sf. (rasciadina) raschiatina.

Rasciador, sm. (rascìador) raschiatoio; raschiatore: — ^Porrete attenzione a che ogni raschiatore sia fornito di vari raschiatoi.“

Rasciadura, sf. (rasciadura) raschiatura. [p. 352 modifica] Rasciar, va. (rasciar) raschiare; raschiarsi per rendere avvertito altrui di .qualche errore che dice, o fa: fare il raschio: -— „Gli fece il raschio in buon punto, se no, la spifferava.“

Rasentar, va. rasentare.

Rasente, raso, avv. presso, radente, rasente.

Raso, agg. abboccato: — „ Quel barile è abboccato;“ sm. raso: — „Un vestitino di trine e raso.“

Raspa, sf. raspa; raspa grossa, ingórdina; — de ossi, brusco.

Raspadura, sf. raschiatura; raspatura; raspadura de galina, met. raspaticelo, — raspatura di galina: „ Questo raspaticelo lo legga chi vuole, io non me ne raccapezzo.“

Raspamento, sm. raschiamento.

Raspar, va. arraspare, raspare, raschiare, rastiare; raspar de le galine — e simili: razzolare, sparnazzare.

Raspeto, sm. grappoletto, grappolino, raspoluzzo.

Raspo, sm. lo stesso che rapo.

Rassada, sf. raschiata.

Rassar, va. raschiare, rastiare; rassar le bote, asciare le“botti; — i muri, grattuggiarè, o rastiare i muri.

Rassegnarse, vnp. rassegnarsi, acconciarsi a checchessia — conformarsi alla volontà di Dio.

Rassegnaziòn, sf. rassegnazione.

Rasserenar, va. rasserenare; met. riconfortare, ricreare.

Rassicurar, va. rassecurare rassicurare; vnp. incoraggirsi, — prendere animo, rassicurarsi.

Rassin, sm, art. e mest. grattino, raschiatoio, raschino, rasco.

Rassomilianza, sf. assomiglianza, rassomigliamento, rassomiglianza,

Rassomiliar, vn. rassimigliare, rassomigliare, aver somiglianza» esser simile .; met. imitare; paragonare.

Rastel, sm. cancellata, cancellato, cancello — quello che serve per chiuder passaggi, per recingere, aiuole, ecc.; rastello, rastro — lo strumento rusticalè; t. de’ cacciatori; catena; chi che cazia in rastel, filante: — „S’era formata una catena di circa venti filanti.“ Rastelada, sf. cancellata, cancellato, cancello; rastrellata:


Rastelar, va. rastrellare.

Ràsteleto, sm. cancellino; rastrellino, rastrelluccio.

Rasteliera, sf.-rastrelliera.

Rastelon, sm. cancellone; rastrellone.

Rato, sm. bot, ramolaccio, o ramolaccio infernale — - raphanus sativus. “

Ratristar, va. attristare, contristare, rattristare.

Rauchedine, raucheza, sf. affiocatura, arrocatura, raucedine.

Rauchir, vn. affiochire, arrochire, arrocare.

Rauco, agg. affiocato, chioccio, fioco, rauco, roco; diventar rauco, arrocare.

Rava, sf. bot. rapa — brassica rapa; campo de rave, rapuglio; met. citrullo, minchione, zugo; capaccione, ignorante, rapa, rapone.

Ravanel, sm.- bot. ravanello — specie di raphanus sativus; met. citrullo, semplicione.

Ravano, sm. bot. rafano; cior un c... per un ravano, met. pigliare una papera, — prendere un sonaglio per una anguinaia.

Ravisar, vn. riconoscere, ravvisare.

Ravivar, va. avvivare, ravvivare.

Ravizon, sm. rapaccione, rapo selvatico, ravizzone — brassica napus; oio de ravizon, olio di ravizzone.

Ravuza, sf. varietà della brassica rapa.

Raza, sf. ceppo, discendenza, generazione, lignaggio, prosapia, -schiatta, stirpe; qualità, specie; zi. anatra, anitra — anas bpschas,, varietas domesticaesser de raza., essere oriundo: .— „E nato a. Trieste ma è oriundo svizzero;“ esser de bonaraza — detto di donna che faccia molti figliuoli: essere una gallina agostina: — „Le galline agostine erano la passione .del Gran Corsa.;“ esser tuto una raza, met. essere d’un medesimo pellame, — essere d’una buccia, — essere [p. 353 modifica] della medesima pannina; raza de un can — bassa imprecazione: nato di un cane.

Razìa, sf. ghiacciata, razzìa, retata

Razion, sf. razione; profenda.

Re, sm, re, rege; uccisore di re: regicida; il delitto di chi ha ucciso il re: regicidio; star de re, met. stare bene al pollaio, — stare poccioso, — stare come un canonico; quando ’l re parti la zita sta mal, v. mal.

Reagir, va. reagire.

Reai, agg. reale, regale, regio; appartenente a palazzo reale, e. palazo.

Realeto, sm. zi. gallinella palustre piccola — rallus pusillis.

Realizar, va. realizzare; vn. effettuare: — „Veggo effettuato al fine il sogno della mia vita.“

Reazion, sf. reazione.

Rebel, sm. fellone, ribelle, sedizioso.

Recapitar, va. recapitare, ricapitare.

Recia, e derivati, lo stesso che orecia e derivati

Reclamar, va. reclamare.

Reclusion, sf. reclusione.

Reclutar, va. reclutare.

Recurin, sm. recurone.

Redada, sf. retata.

Redarguir, va. redarguire.

Redarguizion, sf. redarguizione.

Redator, sm. redatore

Redazion, sf. redazione.

Rede, sf. rete; intrecciato a guisa di rete: reticolare, reticolato, reticulato; rede dei budei, chir. peritonèo; infiamazion de la rede dei budei, med. chir. peritonite, peritonitide; rede de le done per i cavei, reticella; — de le quaiere, erpicatoio; — per ciapar rane, cerchiala; — per rader el fondo del mar, draia; legno che se dopra per far le rede, modano; ciapar co la rede — al proprio, e ciapar in rede — al figurato: arretare, arretrare, irretire: — „Gli uccelli arreticati vivono più facilmente in gabbia di quelli presi colla pania.“ — „Rimase irretito e non seppe più che dire;“ andar ne la rede, met. andar nell’orcio, — giugnere, o rimanere alla schiaccia.


Redentor, sm. redentore.

Redimer, va. redimere, ricomprare, riscattare.

Rèdine, sfp. guide, redini.

Redisela, sf. reticella, reticello, reticola.

Refada, sf. riscatto; racconciatura, raccomodamento.

Rèfar, va. e vn. emendare, indenizzare, racconciare, rifare; vendicare; refarse — al giuoco: riscattarsi; — in salute: rinviolirsi; — di qualche perdita: rimettersi; — dallo stato misero: rimpannucciarsi, — rimettersi in sella; nel senso di ripigliare animo dopo una paura avuta: pisciar la paura; — nel senso di riacquistare le forze fisiche o morali: riavere il peto, o riprender peto; refar el tempo perso, rimettere le dotte.

Refolada, refolo, sf. sm. raffica, rifòlo; met. ticchio, folata.

Refudar, va. ricusare, rifiutare, rigettare.

Refudo, sm. rifiuto.

Regalar, va. donare, regalare, — picchiar l’uscio co’ piedi; colui che regala: donante; chi riceve il dono: donutario; no voler una roba nanca se i la regala, non pigliare, o non volere, che che sia, ne men per cacio bacato.

Regaleto, sm. regaietto, regalino, regaluccio.

Regalo, sm. carisma, dono, presente, regalo; doni che lo sposo fa alla sposa in occasione delle nozze, leg. antifèrna; un regalo de gnente, il regalo delle fate, tre castagne e una nocciuola, — il regalo che fece Marzio alla nuora La cronaca dice che quel cotal Marzio abbia regalato alla nuora, dopo tre anni, una nocciuola; tornar i regali, fare a ripiglino: — „Il matrimonio è andato definitivamente all’aria; ieri han fatto a ripiglino;“ far, o rizever sto bel regalo, met. fare, o ricevere un bel regalo; esser proprio un regalo, met. essere un regalo.; un regalo ghe ne dama un alia. Kosovitz. — Dizionario ecc. 23 [p. 354 modifica] tro, m. prov. ogni dato vuole il suo mandato; i regali costa cari, o costa salai, -prov. come l’anguilla ha preso l’amo bisogna che vada dov’è tirata.

Regazo, sm. apprendista, garzoncello.

Reger, va. reggere, sostenere; comportare, soffrire, tollerare.

Regina, sf. regina, reina; vesti una fassina la par una regina, v. fassina.

Region, sf. ragione; no conosser region, met, non“ capire, o non conoscere ragione.

Registradura, sf. registratura, registrazione.

Registrar, va. registrare; notare, scrivere.

Registro, sm. registro; registro dei beni stabili: catasto; in cui si annota ciò che accade giorno per giorno: diario; registro del tempo, t. degli orologiai: mostrino; registro del teler, t. degli stampatori: squadro; cambiar registro, met. mutar registro, — variare la danza.

Regnar, va, governare, reggere, regnare; allignare, crescere, vegetare.

Regola, sf. regola; modo, norma; regola del tre, regola del tre, o regola aurea; per regola — giudicando dal corso naturale della vita: per ragion di mondo; per ogni bona regola, ad ogni buon conto, o ad ogni buon riguardo; con tute le regole, met. in tutte le regole,, o nelle regole: — „M’ha buscherato in tutte le regole;“ esser de regola, - met. essere di regola, o essère di rubrica; ogni regola ga la su ezezion, v. ezezion.

Regolado, agg. regolato; persona regolada, persona assegnata, o persona aggiustata.

Regolar,,?;«. regolare, ordinare; agg. regolare. .-.

Regolator, sm. regolatore.

Regolaziòn, sf. regolazione.

Reiator, sm. relatore.

Relazion, sf. relazione; convenienza, — rapporto fra due o più cose; amicizia, ripesco: — „Avea un ripesco colla figlia del portiere.“


Religion, sf. religione; rinunciare pubblicamente la propria religione: apostatare; chi rinuncia pubblicamente la propria religione: apostata; chi che osserva la religion, religioso; chi che no la osserva, irreligioso .

Remada, sf. remata, remigata, vogata.

Remador, sm. rematore, remigatore; poet. remige.

Remar, va, remare, remigare, vogare.

Remenada, sf. rimenlo; sciupamelo; met, lavata, schernimento.

Remenar, va. remenare; beffare; lavarsi la bocca, malmenare, sparlare; schernire; accincignare, sgualcire; - stazzonare: — ..Non stazzonar così quel po’ di vestitino;“ svoltolare: — „Tutta la notte s’è svoltolato, ed appena all’alba gli venne fatto di prender sonno;“ chi va in leto senza zena tuta la note se remena, v. leto.

Remenati, sm. t, d’arckit. centina.

Remengo, (andar o esser a), m. avv. andare, o essere in miseria, o in rovina

Remengon, (a) m. avv, errante, vagabondo.

Remision, sf. perdonanza, remissione; no esserghe remision, met. non esserci remissione.

Remitur, sm. confusione, tafferuglio, romore, rumore, scompiglio, strepito, subbuglio.

Remo, sm. remo; chi che fa remi, remalo,; tondo del remo, girone; pala del remo, pala, palmula; remo de galera, v. galera.

Rempinpin, sm. zi. regolo col ciuffo, fiorrancino, fiorrancio — regulus cristatus, e con Linneo: motacilla regulus.

Render, va. e vn. arrendere; rendere, restituire, ritornare; recere, vomitare; più che la pendi più la rendi, v. pender.

Rengà, sf. zi. aringa — clupea harengus; met. oinquadea, draghinassa, lingua tagliente, striscia; suto co [p. 355 modifica] me una renga, allampanato, rimprosciuttito — se di persona; arso, secco — se di cosa; renga de late, v. late; renga de ovi, v. ovo.

Rente, avv. accanto, appresso, presso, vicino; lungo: — „ Camminava lungo il muro;“ meter rente, accostare; aggiungere

Reobarbaro, sm. rabarbaro, rabarbero, reobarbaro, reubarbaro, riobarbaro

Repentalio, sm. repentaglio, rischio; meter a repentalio, mettere, o porre a repentaglio, o a rischio, — mettere a zara.

Repetizion, ripetizion, sf. repetizione, ripetizione.

Repezar, e derivati lo stesso che rapezar, e derivati.

Replicar, va replicare; iterare, reiterare.

Reprimer, va. raffrenare, reprimere, rintuzzare.

Republican, agg. repubblicano; sm. repubblicano, repubblichista, repubblicista.

Requaia, sm. zi: re di quaglie, scappaiuola — rallus crex.

Requie, sfp. requie; no aver, o no trovar requie, met. non trovar luogo.

Resa, sf. rendimento: — „Verremo al rendimento de’ conti, sta buono;“ far la resa dei conti, met. fare i maialini; — „Bei bei chiusa? ha fatto i maialini.“ Resentada, sf, risciacquata.

Reèentadura, sf. risciacquatura; met. sbroscia.

Resentar, va. risciacquare; sciaguattare.

Resister, vn. resistere; continuare, perseverare, star sodo; reggere, soffrire.

Respinger, va. respignere, respingere, sospignere, spignere.

Respirada, sf. respiramento, respiro; respirone; rifiatata; dar una respirada, met. respirare: — „ Quando lo vidi salvo, respirai.“

Respirar, va. alitare, fiatare, respirare; respirar ansando, anelare.; no ver nanca tempo de respirar, met. non aver tempo di respirare.

Respiro, sm. alito, asolo, fiato, respirazione, respiro, soffio; sfiatatoio, sfogatoio; respiro difzile, ambascia, stertore; sospension del respiro, apnèa: dar a respiro, vendere a crai, o vendere pe’ tempi


Resta, sf resca, resta, rezza; resta picola, aristula; — voda, fune di resta.

Restar, va. e vn. restare, rimanere; allegare; meravigliarsi, sospendersi, — rimaner colpito; restar de stuco, restare, o rimaner pergola; dove son resta ? — che si usa essendo stati interrotti .in un racconto, per riprenderlo: dov’ero ? o dov’eravamo ?

Restel, e derivati, lo stesso che rastel, e derivati.

Restituir, va. restituire

Restituzion, sf. restituzione.

Resto, sm. avanzo, civanzo, rimanente, rimanenza; resticciuolo; rimasuglio; i resti — di una chiesa, di un palazzo, ecc: i ruderi di una chiesa, d’un palazzo, ecc.; dar el resto, met. dare il resto del carlino; deghe ’l resto indrio, inter. rifategli il resto, — rifategli un tanto; chi voi sto resto — bocciano certi venditori quando lor rimane da vendere tanto o quanto di che si sia: al mi’ resto.

Restringer, va. restrignere, restringere, ristrignere, ristringere.

Retificar, va. rettificare; migliorare, purgare, purificare.

Retificazion, sf. rettificazione.

Retorica, sf. eloquenza; loquacità.

Retribuir, va. retribuire, ricompensare, rimeritare.

Retribuzion, sf retribuzione, retribuimento, ricompensa.

Revision, sf. disamina, revisione, rivedimento.

Revisor, sm. revisore.

Revocar, va. annullare, revocare, rivocare, stornare.

Rezente, agg. nuovo, recente.

Rezentemente, avv. recentemente.

Rezentin, sm. frizzantino.

Rezinto, sm. cerchia, circuito, giro, recinto, ricinto. , [p. 356 modifica] Rezipiente, sm. recipiente.

Reziprocamente, avo. reciprocamente, vicendevolmente.

Reziproco, agg. avvicendevole, reciproco, scambievole, vicendevole.

Rezita, sf. recita.

Rezitabile, agg. recitabile.

Rezitar, va. recitare; el rezita, — par che ’£ reziti, met. recita, — par che reciti.

Riabilitar, va. riabilitare.

Riabilitazion, sf. riabilitazione.

Riameter, va. riammettere.

Riasumer, va. reassumere, riassumere.

Ribalta, sf. art. e mest. lunetta; t. teatrale: ribalta.

Ribaltada, sf. ribaltatura.

Ribaltaomini, sm. v. scherz. acquarzente, acquavite.

Ribaltar, va. e vn. arrovesciare, capivolgere, capovolgere, capivoltare, capovoltare, ribaltare, rovesciare.

Ribalton, sm. ribaltone, rivoltolone: — „A quella notizia il cuore mi ha fatto un rivoltolone.“

Ribasar, va. ribassare, scemare.

Ribater, va. art. e mest. ribadire: — ^Direte al fabbro che ribadisca quest’aste;“ ribattere: — „Ribatteva gli- appunti ad uno ad uno.“ — „ Anche i sarti ribattono ove bisogna.“ Ribatidura, sf. art e mest. ribattimento, ribadimento, ribaditura, ribattitura.

Ribatin, sm. ribattino; t. de’ giuocatori di bigliardo: rimpello: — -Punti di scazzata, causa un rimpello.“ Ribelar, va, ribellare.

Ribelion, sf. ribellione, sedizione, sommossa; met, baruffa, scompiglio, trambusto; provocare a ribellione: ammotinare, ammutinare.

Ribis, sm. bot. ribes — ribes rubrum.

Ribombar, vn. ribombare.

Ribon, sm. zi. pagello bagolino — pagellus chrythrinus. Riborir, va. ribattere: — „Questa è la quinta volta che quello stormo di pernici viene ribattuto.“


Ribota, sf. fiasco; far ribota, fare una damigiana, o fare un fiasco, — fare come i pifferi di montagna, — pescare pe’ rigagnoli. Riboto, sm. t. de calzolai: cappelletto

Ribrezo, sm. ribrezzo, ripugnanza; ritrosia.

Ributar, vn. ributtare,

Rica, nome proprio di persona: Ulderica; Ulrica

Ricader, vn. ricadere, ricascare.

Ricaduda, sf. recrudescenza, ricaduta; xe pezo una ricaduda che una malatia, le ricadute son peggiori delle cadute; famea ricaduda, famiglia ricaduta al basso.

Ricamadora, sf. ricamatrice.

Ricamadura, sf. ricamatura.

Ricamar, oa. ricamare

Ricapitolazion, sf. recapitolazione, ricapitolazione.

Ricavar, va. cavare, ricavare, trarre.

Riciamo, sm. richiamo; riciamo de vista, richiamo alluminato; riciamo sorbado, richiamo cieco; meter in scuro i ridami, mettere i richiami in chiusa

Ricioto, sm. avvilimento; bastonatura; lavata, risciacquata, sgridata; acciacco, malattia; perdita

Rico, nome proprio di persona: Enrico; agg. e sm. dovizioso, facoltoso, ricco, signore; chino ga debito xe bastanza rico, v. debito.

Ricompensar, va. guiderdonare, ricompensare.

Ricon, sm. riccaccio, riccone.

Riconfermar, va. riconfermare.

Riconosente, agg. riconoscente.

Riconosenza, sf. riconoscenza.

Riconoser, vn. ravvisare, riconoscere; conoscere, distinguere, raffigurare.

Riconosibile, agg. riconoscibile.

Rioonosimento, sm. riconoscimento.

Ricordar, vn. ricordare, risovvenire; rammentare; che se ricorda, memore: — „Mi permetto d’offrirle il mio Dizionario, memore delle gentilezze da lei usatemi;“ xe un bel ricordane quei che se ga patì, v. patir. [p. 357 modifica] Ricordo, sm. ricordo; a ricordo, a ricordanza: — „Cose non successe a ricordanza d’uomo.“

Ricorer, va. ricorrere, — indirizzarsi, o rifuggire ad uno.

Ricoverar, va. ricoverare, ricovrare; vnp. ricoverarsi, rifuggire, ripararsi.

Ricrear, va. ricreare, ricriare.

Ricreazion, sf. passatempo, recreazione, ricreazione, ricriazione, svago

Ricuperar, va. e vn. recuperare, riacquistare, ricuperare.

Ricusar, va. ricusare, rifiutare.

Ricusidura, sf. ricucitura.

Ridaciar, va, ridacchiare

Ridacion, agg. riditore ridone, risanciano, risancione.

Ridada, sf. ridata, risata; petar la ridada, ridere; petar ima de gitele ridade, ridere sgangheratamente.

Rider, va. arridere; ridere; beffare, burlare, schernire; sm. riso — pi. i risi e il. riso; riso smoderatoe beffardo: cacchino; rider fintamente e a cuor contrario, non passar dal gozzo in giù; — con gran sussuro, o con sconceza, ridere squaccheratamente; — come mati, o sciopar de rider, met. sbracarsi dalle risa, — ridere sbracatamele, — ridere a crepapelle, o a più non posso, o smascellarsi dal ridere, — ridere smoderatamente; — senza saver perchè, ridere agli angeli; — perchè i altri ridi, ridere a credenza: — soto i bafi, met. ridere sotto i baffi, o ridere sotto le basette; — farse rider, met. dar da ridere, — farsi mettere in beffa, — farsi scorgere; bufarla in rider, met. mandarla in canzonella; ti voi rider ? met. vuo’ sentirne una bella? o ne vuoi sentire una marchiana ?; scarpe o stivai che ridi, met. scarpe, o stivali che fanno le boccaccie; el rider fa bon sangue, prov. il riso fa buon sangue, — il riso fa cuore, — ogni volta che uno ride leva un chiodo alla bara; ridi ben chi ridi l’ultimo, prov. ride bene chi l’ide l’ultimo; el tropo rider vien fora de la boca dei mati, v. boca; la molie del ladro no ridi sempre, v. ladro; chi ridi de venerdi pianzi de domenica, e dopo el rider vien el pianzer, v. pianzer.


Ridicolo, agg. ridicolo; esser ridicolo, parere una bertuccia in zoccoli; meter in ridicolo, m. avv. mettere in canzone, o mettere in canzonella.

Ridir, va. ridire; raccontare, riferire, rapportare; replicare, ripetere; trovar de ridir su tufo, apporre alle Pandette, — trovar da ridire sul padrenostro.“

Ridur, va. ridurre.

Riduzar, va. sorridere; sogghignare.

Riduzion, sf. riducimento, riduzione-; diminuzione, scemamento.

Riepilogar, va. repilogare, riepilogare.

Rifa, sf. picca, puntiglio, riffa; de rifa, m. avv. a gara; di riffa; o de rifa o de rafa, o a dritto o a traverso, — o di ruffi o di raffi.

Riferir, va. rapportare, ridire, riferire.

Rifilada, sf. raffilatura.

Rifilado, agg. affilato, raffilato; naso rifilado, viso rifilado, ecc. naso affilato, ecc.

Rifilar, va. raffilare; rifilar un pugno, una sberla, ecc. abbriccare, appiccare, appioppare, appoggiare, appostare, assestare, inzeppare, piantare un pugno,- ecc

Riflesion, sf. reflessione, riflessione.

Rifleso, sm, riflesso; riflesso degli specchi, dei metalli tersi — e simili: baleno.

Rifleter, vn. considerare, ponderare, riflettere: — ^Ponderate, vi dico, ponderate bene;“ ribattere, riflettere, rimandare, ripercuotere; — „ Quello specchio ripercuote i raggi del sole.“

Rifonder, va. rifondere, rimborsare.

Riformar, va. riformare, riordinare; emendare, correggere.

Rifredor, sm. lo stesso che rafredor.

Rifudar, va. ricusare, rifiutare, rigettare; deporre, lasciare, rinunziare; rifudar un eredità, un legato, rifiu- [p. 358 modifica] tare, o ripudiare uri’ eredità, ecc.

Rifugiar, va. rifugiare: vnp. ricoverarsi, ripararsi.

Riga, sf. linea, riga, striscia; riga - dei cavei, addirizzatura, divisa, discriminatura; tignir in riga, met. tenere in fila.

Rigà, agg. rigato, vergato.

Rigada, sf. rigata.

Rigadin, sm. rigatino, vergatino

Rigadura, sf. rigatura.

Rigar, va. lineare, rigare; vergare; rigar drito, met. operar bene, — rigare diritto.

Rigetar, va. recere, rigettare, vomitare, — buttar fuori, — fare i maialini.

Rigola, sf. mar. agghiaccio.

Rigor, sm. rigore; asprezza, severità; a tuto rigor, m. avv. a tutto rigore; a rigor de termine, a rigore di termine.

Riguardo, sm. riguardo; parlar propor — e simili — senza riguardo. parlare, proporre, ecc. alla dichiarata, 0 senza barbazzale; darse al alegria, la dolor — e simili — senza riguardo, darsi, o abbandonarsi alla gioia, al dolore, ecc: — „Saputala salva si abbandonò alla gioia.

Rilevar, va. e vn. rilevare.

Rima, sf. rima; rima non propria, ma che solo ha colla voce corrispondente una certa somiglianza di suono: rima assonante, p e. Val più avere amici in piazza che danari nella cassa. — Mercante e porco non si pesa che dopo morto — e simili; risponder per le rime, met rispondere alle rime, o per le rime, — rispondere per le consonanze; far la rima, dare 1 monnini. Rimbambìda, sf. imbarbogimento.

Rimbambir, vn. imbarbogire.

Rimediàda, sf. rimedio.

Rimediar, va. rimediare; provvedere, riparare; guardar, o zercar de rimediar, metterci una toppa: — „Non ve ne affanate: oramai il vino è andato; cercheremo di metterci una toppa, e buona notte.“


Rimedio, sm. rimedio; no ghe xe . più, rimedio, m. avv. non lo camperebbe l’uovo dell’ascensione: — „Il medico l’ha sfidato, è finita, non lo camperebbe più l’uovo dell’ascensione.“

Rimendadura, sf. rammendatura.

Rimessada, sf. impiallacciamento.

Rimessar, va. art. e mest. impiallacciare, piallaceiare.

Rimesso, agg. rimesso; sm. impiallacciatura: — Mobili cui la impiallacciatura comincia a guastarsi;“ piallaccio: — „Piallacci mezzo maceri che non si possono più mettere in opera.“

Rimeter, va. inviare, mandare, spedire, rimettere; vn. scapitare: — „Ci ha rimesso meglio che mille fiorini;“ rinverzicolare, rinvilire: — „Per tant’acciacco- può dirsi rinverzicolato per benino;“ rimeter la salute, soldi, ecc. andarne la salute, denaro, ecc.; averghe rimesso del suo, met. tornar — da un’impresa, ecc condannato nelle spese: — „Dopo aver lavorato per più d’nn anno tornai dal lavoro condannato nelle spese;“ rimeter tuto — in un affare, ecc.: andarne il mosto e l’.acquerello; rimeterse, in qualchidun, gettarsi, o mettersi nelle braccia d’alcuno, — mettergli il capo in grembo.

Riminisenza, sf. reminiscenza, riminiscenza.

Rimodernada, sf. rimodernatura.

Rimodernar, va. rimodernare.

Rimonta, sf. t. de’ calzolai: rescappino.

Rimontada, sf. rescappinatura, riscappinatura.

Rimontar, va. rescappinare, “riscappinare.

Rimorso, sm. rimordimento, rimorso, sinderesi, — verme della coscienza.

Rimpianzer, va. rimpiagnere,rimpianger e.

Rimproverar, va. imbrattare, rimproverare, rinfacciare,.

Rimprovero, sm. imbrotto, rimbrotto, rimprovero; rimprovero con insulti e villanie: improperio. [p. 359 modifica] Rimunerazion, sf, rimunerazione; guiderdone,, premio.

Rimurciada, sf. rimorchio, riunir chi o,

Rimurciador, sm. rimorchiatore, rimurchiatore.

Rimurciar, va. imburchiare, rimburchiare, rimorchiare, rimurchiare.

Rimurcio, sm. rimorchio, — rimurchio.

Rinaser, vn. v. met. rinascere, rivivere.

Rincela, sf. anello, campanella; fiocco, cappio.

Rincreser, vn. increscere, rincrescere, — aver compassione; rincreser nel anima, met. increscere in fin nel core.

Rincresimento, sm. dispiacere, rincrescimento.

Rinegar, va. rinégare rinnegare.

Rinfazada, sf. rinfacciamento.

Rinfazar, va. rinfacciare.

Rinforzada, sf. fortificamento; ingagliardimento.

Rinforzante, sm. rinforzante; tonico.

Rinforzar, va. communire, fortificare, ingagliardire, rinforzare; corroborare.

Rinfrancar, va. affrancare, rinfrancare.

Rinfrescada, sf. rinfrescata.

Rinfrescador, sm. refrigeratolo.

Rinfrescar, va. e vn. refocillare, ristorare; rinfrescare; refrigerare; rinvigorire-; affrescare; rinfondere, rinnovare, rinnovellàre; ristaurare; rinfrescar el cui, met. sculacciare; la prima piova de agosto rinfresca ’l bosco, v, bosco.

Rinfusa (a la), ni. avv. a catafascio, — affastellata mente, — alla rinfusa.

Ringiovanir, vn. ringiovanire, ringiovenire

Ringraziar, va. ringraziare, — saper grado, o saper buon grado; sia ringraziado barba Giove ringraziato il cielo, — grazie a Dio, — ringraziato il manico del mestolo.

Rinovar, va. rinnovare, rinovare; rifondere, rinnovellàre.

Rinovazion, sf. renovazione, rinnovazione.


Rinozeronte, sm. zi. rinoceronte, indiano — rhinocerus indicus; fem, abada

Rintanar, va. v. met. rintanare.

Rinunzia, sf. renunzia, rinunziamento, rifiuto.

Rinunziar, va. renunciare, renunziare, rinunciare, rinunziare,; rinunziar se stesso, abnegare sè medesimo; rinunziar volontariamente a una dignità, abdicare, addicare; rinunziar a la su religion, apostatare.

Rinvignir, vn. avvincidire, incrudire: — Polenda incrudita;“ rinvenire: — „Iìinvenero sulla deliberazione presa.“

Rioda, sf. ruota; pirot. girandola; ruote anteriori delle vetture: rotini; rialto, o orlo, sulla periferia delle ruote dalla banda di dentro che ne impedisce lo sviamento sulle strade ferrate: battente; roda partidora, t. degli orologiai: ruota partitora; far la roda, met. far la ruota: — «Ve’ il tacchino che fa la ruota!“ esser l’ultima roda del caro, contare quanto il due di briscola, o quanto il fante di picche; bisogna onzer le rode aziò che ’l caro camini, prov. unto alle ruote, — bisogna ugnere le ruote acciocché il carro non cigoli; la pezo roda xe quela che canta, prov. la più cattiva ruota del carro cigola più delle altre, o scricchiola più delle altre.

Riondolada, sf. zombatura; avvoltolamene.

Riondolar, va. avvoltolare; percuotere, picchiare, zombare.

Riparador, sm. riparatore.

Riparadura, sf. acconcime, restaurazione, riattamento, riparamento, riparatura, riparo.

Riparar, va: rimediare, riparare, — porre riparo; rifare, risarcire, impedire, vietare; difendere, — aver riparo.

Ripasada, sf ripassata.

Ripasadina, s/. ripassatina.

Ripasar, va. ripassare; riandare, ricorreggere, rileggere.

Ripetizion, sf. repetizione, ripe [p. 360 modifica] tizione; orloio a ripetizion, orologio a ripetizione.

Ripiegadura, sf. ripiegatura.

Ripiego, sm. appensamento; ripiego; aver pronto ’l ripiego, met. aver più ritortole che fastella, — aver cimiero ad ogni elmetto, — aver unguento ad ogni piaga.

Ripijio, sm. t. di giuoco: ripiglio, ripresa.

Riportar, va. rapportare, riferire, riportare; divulgare, propalare, pubblicare; ricondurre.

Riposada, sf. riposata, riposo; sollievo.

Riposar, va. cessare, fermare, restare, riposare, — prender riposo.

Riprodur, va. riprodurre; vnp. rigenerarsi, riprodursi.

Riprodutor, sm. riproduttore.

Riproduzion, sf. riproduzione.

Ripugnanza, sf. riluttanza, ripugnanza, ritrosia.

Ripugnar, vn. ripugnare.

Riputazion, sf. reputazione, riputanza, riputazione.

Riquadradura, sf. riquadratura.

Riquadrar, va. riquadrare.

Risanar, va. risanare, — ristabilirsi in salute.

Risarcir, va. rifare, risarcire, ristorare.

Riscaldada, sf. riscaldamento.

Riscaldadura, sf. riscaldatura.

Riscaldante, agg. riscaldativo.

Riscaldar, vn. riscaldare; vnp. corrompersi, guastarsi; inanimirsi, infervorarsi, invogliarsi; adirarsi, incollerirsi.

Riscaldo, sm. riscaldo.; picolo riscaldo interno, incalescenza.

Risciar, vn. (risciar) ardire, attentare, arrischiare, avventurare, azzardare, osare, rischiare, risicare; risciar qualcossa, metterla a zara — dall’omonimo giuoco di dadi.

Riscio, sm. (riscio) rischio, risico; a riscio, m. avv. a repentaglio, a ripentaglio, a rischio; —- arrischiatamente; far el riscio, fare la cascata: — „Faccia la cascata divenire a far penitenza con noi.“


Riscioso, agg. (riscioso) arrischiato; ardito, temerario.

Riscontrar, va. collazionare; riscontrare.

Risera, sf. risaia

Riservar, vn. riserbare, riservare.

Riseto, sin. risolino, sorriso; ghignettino, ghigno.

Risguardar, vn. riguardare: — „Chiacchere che non mi riguardano punto “

Risipola, sf. rosolia.

RÌSO, sm. bot. riso — orgza sativa — pi. risi, riso: — „ Un piato de -risi. = Un piatto di riso; “ riso vestì, riso loppato; naranza, o limon che no xe che risi, stoppone; i risi bisogna negarli nel vin. prov. il riso nasce nell’acqua ed ha da morire nel vino; piato dei risi, v. piato.

Risoluzion, sf. determinazione, risoluzione.

Risolver, va. risolvere; no saverse risolver, stare sui trampoli, pencolare.

Risorsa, sf. aiuto, compenso, vantaggio.

Risoto, sm. pilao.

Rispetar, vn. rispettare, — portar rispetto.

Rispeto, sm. rispetto; rispeti umani, met. rispetto umano; mancar de rispeto, mancar di rispetto; perder el rispeto, perdere il rispetto: no portar rispeto a nissun, met. non portare la livrea di nessuno; ne in tota ne in leto no se porta rispeto, m. prov. nè in tavola nè in letto non si porta rispetto; con rispeto parlando, con buon rispetto, con sopportazione, con rispetto parlando.

Rispetor, sm. ispettore.

Risponder, va. rispondere; e per opporsi colle parole: ripetere: — BDeve ripetere abbia pure tutti i torti del mondo;“ risponder brontolando, . rispondere per rintronico; — malamente, risponder male; — col moto, render cenno; — per le rime, rispondere per le consonanze, rendere i coltellini; domandar xe lezito risponder xe creanza, m. prov. domandare è senno, rispondere è cortesia; saludar xe crean- [p. 361 modifica] za risponder xe dover, m. prov. salutare è cortesia, rendere il saluto è obbligo.

Risposta, sf. risposta; lettera responsiva; responso di un oracolo, vaticinio; bota e risposta, m. avv. botta risposta, — botta e risposta; tute le parole no merita risposta, prov. un paio d’orecchie stancano mille lingue, — non tutte le parole meritano risposta.

Rispostaza, sf. rispostacela.

Rissolo, rissolon (dar de), m. avv. tirare una passatella.

Rissurezion, sf. resurrezione, risurrezione; esser la risurezion, met. essere il risorgimento: — „Quel prestito fu il suo risorgimento.“

Rissusitar, vn. resuscitare, risuscitare; met. riaversi, —pisciar la paura; far rissusitar — dicesi di conforto, farmaco, rimedio, ecc. che a un tratto riabbia la persona afflitta, o malata: essere come mettere l’olio nel lume; far rissusitar i morti, met, far riavere il morto: — „ Vinello frizzante che fa riavere il morto.“

Ristabilir, va. e vn. reintegrare, ristabilire.

Ristampar, va. ristampare.

Ristaurar, va. restaurare, ristaurare.

Ristorada, sf. refócillata; riposo, sollievo.

Ristorar, va. ristorare; ristorar el stomigo, abbracciare lo stomaco con alcun che, cibo o bevanda che sia.

Risultar, va. derivare; resultare, risultare.

Ritaiar, va. ritagliare; ritaiar i tacili, m. de’ calzolai: abbozzare i tacchi.

Ritaieto, sm. ritaglietto.

Ritaio, sm. coppone; ritaglio; sciavero

Ritardar, vn. ritardare, intertenere, — fare indugiare.

Ritardo, sm. indugio, ritardo, tardanza.

Ritenudo, agg. ritenuto; cauto, guardingo, schivo.

Ritenzion, sf. ritenzione; ritenzion de orina, iscuria, stranguria.

Ritignir, vn. ritenere, supporre.


Ritirada, sf. ritirata.

Ritirado, agg. appartato, ritirato, solingo; rattrappato, rattrappito.

Ritiramento, sm. contrazione, raggrinzamento; rattrappamento, rattrappatura, rattrappimento. 1 Ritirar, va. ritirare.

Ritocada, ritocadura, sf. ritoccami ento. ritoccatura, ritocco.

Ritocadina, sf. ritoccatimi.

Ritocar, va. ritoccare.

Ritornada, sf. ritornata; restituzione

Ritornar, va. restituire; ritornare, tornare.

Ritornei, sm. ritornello.

Ritratar, va. fotografare, ritrattare.

Ritratazo, sm. ritrattacelo.

Ritratin, sm. ritrattino, ritrattacelo.

Ritrato, sm. fotografia, ritratto; siluetta; effige; parer el ritrato de la salute, met. parere, o sembrare il ritratto della salute.

Ritrosia, sf. avversione, ritrosia, schifiltà.

Riunion, sf. ragunamento; riunione; riunion segreta, conventicola, conventicolo, conventigio.

Riusibile, agg. riuscibile.

Riusir, vn. riuscire; divenire; risultare; sortire, — aver effetto, — venire alla conclusione.

Riusida, sf. riuscita

Riva, sf. ascesa,, erta, salita; china, pendìo, scesa; spiaggia, sponda, riva, e ptìet. margo.

Rivai, sm. antagonista; avversario; combattente; emulo; rivale.

Rivar, va. approdare, arrivare, giugnere, giungere; vn. estendersi: — „La possissione s’estende fino al mare;“ no rivarghe, met. non arrivarci: — „ Son problemi troppo diffìcili, non ci arrivo;“ no rivar dir Gesù Maria, v. dir.

Rivèder, va. rivedere; a rivederse, a rivederci, arrivederci.

Riveduda, sf. riveduta.

Rivender, va. rivendere.

Rivenditor, sm. rivenditore. [p. 362 modifica] Riverberar, vn. rinverberare, riverberare.

Riverbero, sm. reverbero, riverbero; riverberazione.

Riversa, sf. rovescia, rovescio; far le ròbe a la riversa, met. mangiar l’arista lessa, o mangiare il porro dalla coda; ciapar a la riversa, met. pigliare le cose a rovescio; man riversa, v. manriversa.

Riverso, sm. rovescio; al riverso, ni. avv. a rovescio, dal rovescio; ogni drito ga ’l su riverso, v. drito; riverso de la medaia, v. medaia.

Rivinzer, vn. rivincere.

Rivinzita, sf. rivincita.

Rivolger, va. rivolgere.

Rivoltada, sf. rivolgimento, rivoltamento; sconvolgimento.

Rivoltadina, sf. rivoltatina

Rivoltar, va. avertere, rivolgere, volgere, voltare; zercar de rivoltarla, — intendasi di rimediare al mal detto: rimpolpettarla.

Rivoluzion, sf. rivoluzione.

Rizada, sf. arricciatura.

Rizar, va. e vn. arricciare, inanellare, ricciare; ergere, rizzare; accotonare; fero de rizar, calamistro; forfè de rizar, stiaccia.

Rizerca, sf. ricerca; ricerca accurata: disquisizione.

Rizercado, agg. ricercato scelto, squisito; affettato, smanceroso.

Rizercar, va. addomandare, ricercare, riclii edere.

Rizercateza, sf. ricercatezza.

Rizeta, sf. ricetta.

Rizetacolo, sm. recettacolo, ricettacolo

Rizetario, sm, ricettario.

Rizever, va. accogliere, raccettare, ricevere.

Rizevimento, sm. accoglienza, ricevimento.

Rizevitor, sm. ricevitore.

Rizevuda, sf. ricevuta.

Rizino, sm. bot. cacapuzza, catapuzia, ricino — ricinus. communis; semenza de rizino, clierva; oio de vizino, olio di ricino.

Rizo, agg. arricciato, crespo, ricciuto; sm. crespo, riccio; t. degli uccellatori: cartoccio; far i rizi, fare i ricci, e quale modo degli uccellatori: accartocciare: — „S’ accartocciano i cespugli, e ne’ cartocci si piantano i panioni,“


Rizonzer, va. abboccare, rifondere, rinfrescare: — „Son giunti due altri cacciatori, bisogna rinfrescare il brodo.“

Roba, sf. roba; cose, masserizie, suppellettili, utensili; biancheria; indumenti; roba de botega, affettato; — sforzada, vivanda agrodolce; roba de incanto, met. cose di fuoco; roba del altro mondo, met cose che non ne tengono neanche gli speziali; far mal volentieri una roba, andare a una cosa come la biscia all’incanto, o. andarci come il ladro alla forca; seminar la roba, met. lasciar dietro a sè lo strascico come le lumache: — „Il cappello l’ha nel salotto, i manichini in cucina, la sopraveste l’ha lasciata in giardino: è proprio come le lumache che si lascian dietro lo strascico;“ far la roba senza testa,, met. arare col bue e coli’ asino; esser una gran roba, met.. essere un gran destino; no esser roba robada, met. non esser roba di rubelio; farse generoso co la roba dei altri, far dell’altrui cuoio larghe corregge; la roba la xe per meterla, m. prov. la roba è fatta per i bisogni; la roba bona se loda sola, prov. il buon vino non ha bisogno di frasca; chi che maniza la roba dei altri qualcosa ghe resta tacà, prov. chi maneggia quel degli altri non va a letto senza cena; chi no roba no ga roba, prov. chi non ruba, non ha roba; chi tien la roba trovada xe un ladro, prov. roba trovata e non consegnata è mezzo rubata; chi da in credenza perdi la roba e V aventor, v. aventor; roba che se poi brusar, e roba che. no se poi brusar, v, brusar; roba: de farghe tanto de capei, v, capei; la roba sporca bisogna lavarla a casa, v. casa; roba de dodi, v. ciodo; roba senza esempio, v. esempio; ròba fata per forza no vai una scorza, v. forza; roba dei nostri noni, v. nono.; aver vudo una roba per un toco de pan, v. pan; petosto che roba vanza crepa panza, v. pan- [p. 363 modifica] za; chi ga roba ga parenti, v. parente; roba che no ga prezio, v. prezio; roba robada no fa bon prò, v. prò.

Robada, sf. rubata, ruberia.

Robar, va. involare, rubare, — bestemmiare colle mani; irresistibile inclinazione al rubare senz’ esserne costretti dal bisogno: cleptomania; robar soto i oci, met. rubare coli’ alito; chi che roba poco oce bon de robar assai, prov. chi ha rubato la vacca, può rubare il vitello, — chi fa una trappola ne sa tender cento, — il ladro dall’ago va all’uovo, dall’uovo al bue, dal bue alla forca; robar in casa de ladri, v. ladro.

Robata, sf. met. arnesaccio, incivile, malgarbo, rozzo, sgraziato, soggettacelo

Robaza, sf. robaccia; met. lo stesso che robata.

Robeta, sf. robetta, robiccia, robicciuola robuccia, e detto per lo più di donna: robettina: — ,La signora Emilia è una robettina che pare una bambola.“

Robusto, agg. aitante, gagliardo, robusto.

Roca, sf. canocchia, canocchio, rocca; lume de roca, min. allume.

Rocada, sf. roccata.

Rocar, va. t. del giuoco degli scacchi: arroccare.

Rochel, sm. rocchetto.

Rocheta, sf. lo stesso che racheta.

Roda, sf. lo stesso che rioda.

Rodela, sf. rotella; t. de’ pasticcieri: falcinella; t. de’ calzolai: rotellina; rodela del spiron, spronella; rodela de lata nei cantoni de le finestre per el giro del aria, molinello, mulinello.

Rodolada, sf. rotolamento.

Rodolar, va. e vn. arrocchiare, arrotolare, avvogolare; rotolare, ruzzolare; rodolar zo de le scale, misurare, o rotolare, o ruzzolare una scala.

Rodolo, sm. appianatoio; rotolo; rullo; rodolo de legno, curro; rodolo de fil de fero, v. fero.

Rodolon, sm. rotolone; a rodolon,. m, avv. a rotolone, a rotoloni; andar a rodoloni, met. andare a rotoli: — „L’ impresa del Politeama è andata a rotoli. “


Rodomontada, sf. rodomontata, spacconata, vanteria

Rogazion, sfp. rogazioni.

Rogna, sf. empetiggine, rogna, scabbia; rogna dei cani, raspo; met. ciarpame, sferre; cerboneca; chi che ga la. rogna che se la grati, prov. chi l’ha a mangiare la lavi, — non curarsi che abbronzi l’arrosto che non ha venire in tavola, — a chi doie il dente, se lo cavi, — chi si sente il prurito, si gratti.

Rognaza, sf. rognaccia.

Rogneta, sf. rognarella, rognetta, rognuzza.

Rognoladasf.rognonata.Rognon, sm. arnione, rognone, rene — pi. i reni

Roia, sf. ruscello, torrentello.

Rolada, sf. rollamento; barcollamento, traballamento.

Rolar, va. rollare, rullare; .met. barcollare, traballare.

Rolo, sm. ruolo.

Roma, sf. Eoma, e per antonomasia: la città eterna; tute le strade mena a Roma, met. tutte le strade conducono a Eoma; prometer Roma e toma, v. prometer.

Romanzeto, sm. romanzetto, romanzuccio.

Romanzier, sm. romanziere.

Romanzina, sf. rabbuffo, ramanzina, riprensione.

Rombo, sm. zi. rombo chiodato — rhombus maximus.

Romper, va. infrangere frangere, fratturare, rompere, spezzare; romper i ovi, scocciare le uova; romperse un brazo, o una gamba, fiaccarsi, fratturarsi, rompersi, sciuparsi un braccio ecc.; romper i orli dei piati, de le scodele, dei vasi, ecc. sbreccare un piatto, una scodella, ecc.; romper el buchin a qualche roba, sbeccucciare: —„Cadde coll’ampolla in mano e la sbeccucciò; • romper coi denti, dimorsare; romper i. corni, met. fiacQare le corna; romper teralie, fare dei pentolini: — „ Quale fracasso la serva ha fatto certo dei pentoli- [p. 364 modifica] ni;“ romperse la testa, met. arzigogolare, spezzarsi la testa, — stillarsi il cervello; romper el discorso, lasciare il discorso addentellato:. — „Lasciò il discorso addentellato;“ troncar la parola: — „Gli urlacci della plebaglia gli fecer troncare la parola;“ romper ei dizun, solvere il digiuno; romper el iazo, met, rompere la malia; rompere il guado; passare il Rubicone; il peggior passo è quello della soglia; romper la divozion, o le scatole, met. rompere i corbelli, o rompere la devozione, — rompere ad uno quello che non gli si ha fatto; chi rompi vedo paga novo, v. pagar.

Ronchizada, sf. roncheggiamento.

Ronchizar, va. ronfare, ronfiare, roncheggiare, russare..

Roncola, sf. falcastro.

Rondar, va. aliare; t. degli uccellatori: andare a ruota.

Rondinela, sf. zi. rondina, rondine, rondinella, rondinetta •— hirundo rustica; poet. progne; rondinela de mar, rondine di mare — sterna hirundo“, pesse rondinela, muggine alato — dactglopterus europaeas.

Rondolada, sf. rotolamento.

Rondolar, va. rotolare, voltolare.

Rondolon (a), m. avv, a rotolone, a rotoloni, ruzzolone; a sparabicco, a zonzo.

Rondon, sm. zi. rondone — cypselus apas o hirundo apns.

Ronfar, va. lo stesso che ronchizar.

Rosa, sf. bot. rosa — rosa centifoglia; agg. rosa, ròseo, rosìno; rosa salvadiga, rosa canina, rosa selvatica, rosellina di macchia; aqua de rose, acqua rosa; rosa del sbrufador, cipolla, fungo; esser rose e fiori, met. essere cent’ori, — essere zuccherini; esser una rosa, met. parere una rosa,’ o parere un mazzo di rose: — „Fanciulla che pare un mazzo di rose;“ no ghe xe rosa senza spini, o ogni rosa ga’l su spin, prov. chi vuole il pesce bisogna che s’immolli, — ogni pesce ha la sua lisca, — ogni rosa ha la sua spina, — non c’è rosa senza spine, — non si può avere il miele senza le mosche, — non si può avere la rosa senza le spine, — non si può avere le pere monde, — non si può avere la carne senz’osso, — non c’è gioia senza noia; veder tuto color de rosa,.v. color; se sarà rose le fiorirà, v. fiorir; tignir come la rosa al naso, v. naso; pasqua rosa, v. pasqua.


Rosada, sf. - rugiada; rosada assai forte, guazza; met, acquerugiola, annafìatina, passatina.

Rosapila, sf. rosolìa.

Roser, sm. bot. rosaio; roser selvadigo, rosellina di macchia, rosa di macchia, o rosa canina — rosa canina,

Rosigada, sf. rodimento, rosicchiata.

Rosigadura, sf. rosicatura; rosume, rosura.

Rosigamento, sm. rodimento.

Rosigar, fa. intonchiare; rodere, rosecchiare, rosicare, rosicchiare; vn. arrapinare, arrovellare, stizzire; sm. rosicchio: — ’Sento un rosicchio nel cassettone, ci saran certo de’ sorci;“ rosigar un osso duro, met. prendere, o togliere a rodere un osso duro; rosigarse, met. arrovellarsi, rodersi; rosigarse i dedi. le onge, met. mordere, o rodere il freno, — mordersi, o rodersi le dita; chi no risiga no rosiga, m. prov. a chi nulla tenta nulla riesce, — chi non risica non rosica, — chi non s’arrischia non acquista, — chi non arrischia il suo non acchiappa quel d’altri, — chi non s’avventura non ha ventura, — chi nulla ardisce nulla fa, — e quel di Eupilide appresso Suida: Timidi nunquam statuerunt tropoeum; rosigarghe le coste a uno, v. costa.

Rosignol, sm. zi. acredula, lusignuolo, luscignuolo, rosignolo, rosignuolo, usignolo, usignuolo — lusciola luscinia; poet. filomela, filomena.

Rosigon, sm. lo stesso che rosigada.

Rosmarin, sm. lo stesso che osmarin.

Rosolin, sm. algore, ghiado, sido, sizza, stridore, strizzone.

Rospazo, sm. rospaccio; met. caramogio, orrore.

Ròspo, sm. zi. rospo comune — bufo cinereus; pesse rospo, lofio pesca [p. 365 modifica] tore, o rana pescatrice — lophius pescatorius.

Rossicio, agg. fulvo, gridellino, rossaccio, rossiccio.

Rosso, agg. rosso; rovente: — „Il ferro rovente diventa molle; “ rosso del ovo, rosso dell’uovo, — rossume d’uovo (Oennini), — torlo, tuorlo; diventar, o vignir rosso — in faccia, per qualsiasi cagione: accendersi la faccia, o il viso, — arrossire, diventar rosso, imbraciare; far diventar rosso un fero nel fogo, arroventare, infocare; a taio le rosse, bocciano i nostri venditori di cocomeri, e i toscani: che colori, che sapori ; rosso de sera bon tempo se spera, prov. rosso di sera buon tempo rimena; rosso de matina la piova se avizina. prov. aria rossa, o pi-.scia, o soffia; bianco e rosso che fa la bona voia, v. bianco; rosso de mal pel zento diavoli per cavel, v. cavel.

Rossor, sm. rossore; rossore causato da vergogna: erubescenza.

Roste, sfp. bruciate, caldarroste.

Rostì, agg. arrostito; esser ben rostì, met. essere ben cucinato, — essere mal a partito; essere mal cubato.

Rostida, sf. arrostimento.

Rostidura, sf. arrostitura.

Rostir, va. arrostire; rostir la carne senza che de dentro la sia cola, allazzerire la carne.

Rostisin, sm, arrosticino: — „S’è mangiato un arrosticino da leccarsene le dita.“

Rosto, agg. e sm. arrosto: — Arrosto di vitello.“ — „A me i polli li preferisco arrosto;“ esser un altro rosto — ha due significati: il primo, per significare ’che un certo chi si sia ha de’ privilegi, e allora, in Toscana si dice che quel tale: ha il cintolino rosso; — l’altro per indicare che una cosa è in realtà diversa da quello che noi si supponeva, o che altri ci aveva fatto credere, che con frase toscana si dice: essere un altro par di maniche; bon rosto, met. buona droga, mala lanuzza; assai fumo e poco rosto, v. fumo; chi la voi lessa e chi la voi rosta, v. lesso.

Rota, sf. disfatta, rotta; esser in rota, met. essere alle rotte, o essere a rottura; far finta de esser in rota — per trarre altrui in inganno: essere come i ladri di Pisa, che di giorno liticano, e la notte vanno a rubare insieme; cambiar rota, mar. dirottare; cavai de prima rota, ecc. v. cavai; a rota de colo, v. colo.


Rotarne, sm. scavezzone; frammento; rotami de fabriche, calcinacci, macerie, sfasciume.

Roto, agg. infranto, rotto, spezzato; esser fra el roto e ’l strazà, met. essere tra ’1 rotto e lo stracciato; aver, o far el muso roto, v. muso.

Rotondada, sf. arrotondamento.

Rotondar, va. arrotondare, arrotondire.

Rotura, sf. frattura, infrangimene, rottura; chir. allentatura, crepatura, ernia; rotura dei ossi, abduzione, e qualora l’osso di un membro si rompe in più luoghi uno vicino all’altro: frattura comminuta.

Rovistar, va. rifrustare, rovistare, rovistiare, rovistolare, trambustare; sm. rovistìo.

Rovoro, sm. bot. querce ischia, o rovere — quercus sessifloraj — querce gentile, o querce farnia — quercus pedunculata; met. croio, grossolano, incivile, rozzo, rude, zotticone; un rovoro no ga fato mai naranze, v. naranza.

Rubineto, sm. chiavetta.

Rucola, rucula, sf. bot. eruca, racchetta, ruca — brassica eruca; met. mezzano, ruffiano; far de rucola, met. batter l’acciarino, — reggere la mula a chi si sia.

Ruda, sf. bot. ruta — ruta graveolens-, di ruta, appartenente alla ruta: rutaìe, rutato; ruda salvadiga, armel — peganum harmala.

Rudinazi, smp. calcinacci, disfacitura, macerie.

Ruta, sf grappariglia, ruffa.

Rufian, sm. lenone, mezzano, ruffiano.

Ruga, sf. aggrinzatura, crespa, grinza; zi. bruco.

Rugiada, sf. lo stesso che rosada. [p. 366 modifica] fiugnada, sf. borbottamento, brontolamento; grugnito; ruggito.

Rugnar, va. barbottare, brontolare; grugnire; ruggire.

Rugnon, sm. arnione, rene, rognone: met. borbottone, brontolone, susurratore; che ha relazione coi reni, che si usa nelle malattie de’ reni: nefritico; infiammazione dei reni: nefritide.

Rugoso, agg. arrugato, grinzoso.

Rum, sm. rum, e popolarmente: rumme; chimél e rum:, met. ubbriacone.

Ruminar, vn. v. met. rugumare, ruminare.

Rusadura, sf. intertrigine, scorticatura; fregatura; stropicciatura.

Rusar, va. fregare, stropicciare; scorticare; russare; vnp. fregarsi, strofinarsi.

Ruseleto, sm. ruscellettino-, ruscelletto, ruscellino.

Rusel, sm. ruscello.

Ruso, agg. e sm. moscovita, russo; far un bagno russo, r. bagno.

Rusolon, (de) m. avv. lo stesso che de risolon.

Ruspido, agg. ruvido, scabro.

Rustigo, rustigon, agg. e sm. angoloso, burbero, croio, intrattabile, rozzo, scontroso, rude, rustico, - - uomo fatto con l’accetta.


Rutada, ruto, sf. rutto — quello che con isconcio suono si manda dallo stomaco; flato — quello che si manda dalla bocca senza suono; fortore •— (rutada garba) — il rutto acre che si manda per bocca per mala digestione. Rutar, va. eruttare, ruttare; ruttare con violenza: arcoreggiare.

Ruvidir, e derivati, lo stesso che inruvidir e derivati.

Ruvinamestieri, smf. guastamestieri, imbrattamondo.

Ruvinada, sf. guasto, rovina, sciupìo.

Ruvinar, va. guastare, rovinare, rumare, sciupare; devastare; deteriorare; contaminare, corrompere; stuprare, violare, — abusare una donna; ruvinar de capoto, m. avv. rovinare di pianta, o rovinare di sana pianta; esser un volerse ruvinar, appiccare il sonaglio; rovinar se el pranzo, la zena — mangiando alcun che prima di porsi a tavola: guastare il desinare, ecc.

Ruzarse, vnp. seccarsi, tormentarsi, urtarsi l’uno l’altro — con parole.

Ruzine, smf. ruggine: — „La ruggine guasta il ferro;“ agg. arrugginito, raggine, rugginoso: — «Ferro rugginoso;“ pomo ruzine, mela roggia; la ruzine magna ’i fero, v. fero.

Ruzinida, sf. arrugginamento.

Ruzinir, vn. arrugginire, rugginire.