Dizionario militare Francese Italiano/Appendice/Dizionario militare/A

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A

../../Appendice/Dizionario militare ../B IncludiIntestazione 28 ottobre 2017 75% Da definire

Appendice - Dizionario militare Appendice - B

[p. 369 modifica] ABATIS s. m. Ceppata , broccata, abbattuta, rovinata. Trincieramento fatto di alberi gittati a terra, co' rami di faccia al nemico. L’ Algarotti adopra alberata.

ABATTRE LE CHEVAL. Uccidere il cavallo , e francescamente suol dirsi abbattere il cavallo nella cavalleria nostra. Un altro significato si ha pure la frase francese, cioè tirare a terra il cavallo , facendolo cadere da un lato, per ferrarlo o per altra operazione.

ABORDAGE s. m. Abbordaggio , arrembaggio. Assalto di nave a nave, le quali a vicenda si aggrappano mercè i ganci. L' Algarotti usa abbordo.

ACCOLÉ add. Accollato. Vocabolo araldico.

AFFUT DE PLAGE. Affusto da fortezza, da piazza, da muro, o da difesa. Il quale affusto fu invenzione del Castriotto , appunto per tirare in barba. ed egli nominò allora cavallo delle ruote una specie di sottaffusto.

AILE s. f. Bastone, pinna. Parte di un rocchetto, che ingrana co’ denti della ruota. Anzi il Venturoli distingue la pinna del rocchetta dal fuso della lanterna.

AJONC s. m. Giunco. È un alimento assai nutritivo ed acconcio a bene sostenere il vigore de’cavalli. Appartiensi alla famiglia delle piante leguminose.

ALERTE avv. Allerta. Grido di guerra o di sentinella per tenersi vigile. L’allerta differisce dall’allarme; perocchè questo vocabolo tira dietro di sè un’ idea di timore, e può ben esservi un’allerta senz’allarme.

ALEZÉ add. Scorciato. Voce dell’ araldica.

AMONT (En). Di sopra corrente, ed in Dante Popoleschi traduttore de’ Commentarii di Cesare trovasi anche a rincontro del corso dell’acqua. Dicesi ne’ ponti militari per indicare la parte del fiume verso il monte, cioè verso la sorgente. dal sito in cui si è piantato.

AMORÇOIR s. m. Innescatoio , civataio. È quello in cui si conservano le cive fulminanti per armi da fuoco portatili. V.Magasin d’amorce

AMORÇOIR s. m. Sgorbia da fori, succhiellino ed in Toscana sgorbietta. È una sgorbia di ferro, a taglio circolare, con che si cominciano i fori.

ARBALETE À TOUR. Balestra a tornio.

ARBRE DE FUTAYE. Albero d’ alto fasto. Quello che per dimensioni è accomodato alle costruzioni.

ARCHER s. m. Dardiere , arciero , arciere , saettatore , arcadore , lanciatore. E questi soldati eran chiamati ferenlari dagli antichi. In Francia nel 1481 vennero aboliti. Furonvi in Grecia degli arcieri a cavallo assai diversi da’ sagitari , i quali lanciavano a mano le saette e non per via dell’arco.

ARCHET s. m. Archetto. È quel congegno che fa gira re i trapani maneschi. V.Arçon.

ARÇON s. m. Arcione , o ritegno secondo Montecuccoli. La qual voce prendesi talune volte per .tutta la sella. V.Selle.

ARMÉE DE TERRE. Esercito di terra, terrestre o semplicemente esercito. Ed in Vegezio dicesi : l’oste che di pedoni e cavalieri è mescolata, per lettera si chiama esercito cioè a dire operamento.

ARMES DÉFENSIVES. Armi di difesa o difensive , ovvero armadure.

-Bouclier s. m. Brocchiero, brocchiere. [p. 370 modifica] Scudo de‘ternpi di mezzo con una punta al centro. chiamata onfalo o brocco.

-Brassard s. m. Bracciale, braccialetto, bracciuola , bracciaiuola. Parte dell’ arme di difesa , con che riparavasi il braccio. Fu anche usata la voce mignone ; ma per il bracciale che portavano gli uffiziali delle fanterie, il quale era vieppiù corto.

-Brigantine s. f. Brigantina, piastrino. Corsaletto di lastrette poste le une sulle altre, siccome squame di un pesce, e riunite su cuoio o altra materia solide , mercè piccoli chiodi ribaditi, e portata da’ pedoni francesi chiamati briganti (brigants).

-Buffle, Buffletin s. m. Pettabbotta, coreto, coietto. Giubba di ferro o di cuoio, usata da cavalieri . quando voievan far di manco della corazza , reggendo alla botta della pistola e finanche del moschetto.

-Camboron s. m. V.Gambeson.

-Cubitière s. f. Quella parte che difendeva il gomito.

-Éventail s. m. Ventiera. Parte della visiera per dove entrava l’ aria.

-Faucre s. m. Resta. Quel ferro su cui poggiavasi la lancia.

-Flamberge s. f. Spada lucente. Vi è la frase mettre flamberge au vent, cioè snudare la spada. .

-Garde-Bras s. m. Parabraccio. Era un pezzo che aggiungevasi alle armi di guerra alloraquando si adoperavano in campo chiuso.

-Garde-Reins s. m. V.Braconière.

-Gollet de maille. V.Cotte de maille.

-Heuses s. f. Uose. Scarpe di ferro alle gambiere. V.Pédieux.

-Jasseran s. m. V.Jaque.

-Jaque, Jouque s. f. V.Cotte de maille.

-Mamelière s. f. Mammelliera.

-Mantelet s. m. Scudo , mantelletto.

-Muselière s. f. Musoliera. Arme difensiva del cavallo.

-Ombelic s. f. Onfalo, brocco. Punta che ponevasi sopra alcuni scudi.

-Ombelic s. f. Guanciale. Parte dell’elmo che difendeva le guancie e le orecchie.

-Pédieux s. m. Uosa. In significato proprio dicesi pedidio , il quale è un muscolo del piede. V.Heuses.

ARMES DE JET. Armi da‘trarre o da tiro , ed anche da tratto. Tali sono lanciotti pili giavellotti dardi frecce saette ed altri dei tempi andati , siccome le armi da tiro dei nostri dì , cioè cannoni mortai obici fucili pistole. Le quali due specie potrebbero dirsi armi litobole e da fuoco coll'Algarotti.

ASSEMBLÉE s. f. Assemblea, raccolta, sembraglia, la quale è voce antiquata. V.Sonnerie.

ARMOIRIES s.f. Armi e latinamente tessere,

ART HÉRALDIQUE. Arte araldica.

ASSIÉGER v. a. Assediare o assedare, e secondo Bono Giamboni assiedere. Stringer d‘ assedio una fortezza, procurando co'magisteri dell'arte , e cautamente aprirne le brecce e farsene signore o con forza d’ armi ovvero per accordo solenne.

À TOUTE VOLÉE. V.Batterie, Portée, Volée, Tir.