Dizionario militare Francese Italiano/Appendice/Dizionario militare/B

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
B

../A ../C IncludiIntestazione 28 ottobre 2017 75% Da definire

Appendice - A Appendice - C

[p. 370 modifica] BABILLARD s. m. Taccola. Parte della tramoggia.

BAIE s. f. Vano. È un'apertura laterale in un edificio.

BADELAIRE s. f. Scimitarra. Voce araldica.

BAISER s. m. Massello. Quella parte che lasciasi giù alla lama della baionetta , perchè venga più facilmente saldata col gomito della canna o manico.

BANDELLES, BANDELETTES s. f. Stringhe, bandelline, lastrette. Servono ad inzoccolare o calzare i proietti. In alcuni inventari dell'artiglieria toscana ho trovato bandarette.

BANDOULIÈRE s. f. V.Valet de ville.

BASILIC , BASILICQUE s. m. Basilisco. Nome antico di un grosso cannone del secolo XV , il quale traeva da 48 a 100 1ibbre , ed era venti piedi lungo. La mole e in un la carica di questi pezzi crebbero talmente che nella battaglia navale data nel 1528 nel golfo di Napoli, un basilisco di Filippino Doria tirò un’ enorme palla , la quale trapasso di prora in poppa una galera cesarea , ammazzandovi meglio che trenta soldati.

BASTIDE s. f. Bastia, bastita, bastone, battifolle. Piccola fortezza quadrata , cinta d’ un fosso : se ne videro in Italia nel XIII secolo.

BASTILLON s. m. V.BASTION.

BASTION s. m. Bastione. Opera di fortificazione permanente: i bastioni insieme con le cortine formano il principal recinto delle fortezze , e successero alle torri verso la metà del secolo XV. Fu anche detto baluardo o belloardo secondo l'Alghisi il Marchi e molti altri. Anzi a me pare che gli autori di quel tempo dicevan bastione l'opera di terra e non di fabbrica, per esempio. il bastione della Gatta in Padova fatto da Zitolo da Perugia.

BASTOIR s. m. Passacorde. Coltello con un foro sulla lama. V.Passecordes, Sellier.

BATAILLE DE RENCONTRE. Battaglia di scontro.

BATELET s. m. Barchetta. Si adoperan [p. 371 modifica]questi perchè il cavo d’ancora in un ponte volante non vada in acqua.

BATON À FEU. Arcobugio. Quel nome davano i Francesi a quest’ arme dal nascer suo , siccome leggesi in Monstrelet ed in altri.

BATTERIE ENTERRÉE, ENFONCÉE. Batteria bassa. ovvero interrata.

BATTRE EN FICHANT. Ficcare , battere o permettere di ficco, e secondo il Maggi alla china. Così la pensa il Grassi ; ma io credo che avrebbesi ad usare batter ficcante , quanto a dire giugnendo allo scopo sotto un angolo; in guisa che anche i rimbalzi bene possono esser ficcanti, siccome lo son di vero soventi volte.

BEC À CORBIN s. m. Scalpello a becco di civetta, becco corvino, becco di corvo. Scalpello da calafati.

BÉDANE s. f. Scalpello a falcone , badile, ugnetto , becchetto. Alcuni lo dicono scalpello a tallone ed i Toscani scalpello ad incastri.

BERME s. f. Risalto, grado secondo il Maggi , rilascio , rilasciato, riposo, ed un pò francescamente berma.

BESOCHE s. f. Strumento da agricoltura, ed è una specie di marra, di cui un’ estremità è più slargata invece di essere a punta.

BICOQUE s. f. Bicocca , biccicocca. Piccola rocca in cima di un monte , o piazza mal fortificata. Anticamente la bicocca era in campagna ciò che la bertesca negli accampamenti ed in città, servendo ambedue ad uso di vedetta, composta di una torretta di legno, cinta talvolta di fosso , sulla quale stava una scolta a custodia ed a vedetta, chiamata perciò bicocchiere.

BIGARRÉ add. Screziato. Appartiensi all'araldica.

BILLE. Pedale s. f. È quel tronco di legname tagliato da piè dell'albero insino a quell'altezza che richiedono le costruzioni. Ne'vocabolari francesi manca questa voce, come che siavi , ma nel significato di verga di acciaio.

BLEIMES s. f. Ammaccature. V.Tares et déféctuosités.

BLETTE s. f. Bietola nel senso proprio, ma gli scrittori francesi l‘ usano per certi ferracci di piccole dimensioni più accomodati al secondo getto . comunque ei dicano esser vocabolo tolto dalle fonderie del Belgio. Potrebbesi italianamente dire lastretta , avendo piccolissima grossezza.

BLOCUL, BLOCUS s. m. Belfredo. E un nome francese del secolo XV , siccome una variante del nome bastille, e deriva probabilmente dalla parola Blockhaus , avvegnachè non abbia valore affatto identico.

BOIS EN PLATEAUX. Legname in tavoloni.

BOIS EN PLANCHES. Legname in tavole, ovvero assi.

-Chataignier s. m. Castagno. Buon legname, ma assai facile a fendersi, i cui rami sono accomodati a costruir fascine.

-Bourdaine, Aulne Noir s. m. Frangola, ontano nero. Buon carbone per polvere, e buoni rami si hanno da quest'albero per farne fascine.

-Coudrier, Noisetier s. m. Nocciuolo, avellano. Il suo carbone l’ adopriamo nella polvere, ed i suoi virgulti per la costruzione delle fascine.

-Saule s. m. Salcio. Non è legname di artiglieria. Pure fassene uso per la fabbricazione della polvere e per costruirne fascine.

BOMBARDE PORTATIVE. V.Baton à feu.

BOMBARDELLE s. f. Bombardella. E nel codice della Riccardiana segnato 2525 , ove ho tratto diverse voci delle artiglierie, le bombardelle appellansi anche code. .

BOITE DE ROUES. Buccola, boccola , bossolo, bronzina: samboia dicono malamente i più puliti tra noi, sommoia poi gli artefici. Ed i Toscani dicon boccole di ferro e bossoli di bronzo.

BONDIEU s. m. Bietta. V.Scieur.

BONDON s. m. Zaffo, cocchiume, cui la nastra plebe da il nome di mafaro. Il Biringuccio usa manfano.

BOUCHON s. m. Boccone, stoppaccio , stoppaccialo. Il Tartaglia lo chiama stoppaiolo. ed il Biringuccio stroppaccio. Fieno creta o altro che mettesi nelle bocche da fuoco di costa per calcare la munizione. Fra' nostri artiglieri dicesi tappo.

BOUCHON s. m. Tortoro. Paglia, o fieno ritorto insieme per asciugare un cavallo sudato. I nostri soldati lo chiamano strofone, biscione.

BOUGON s. m. Bolcione , bolzone. Grossa trave armata di ferro in punta , detta per lettera montone, la quale ponevasi sotto il gatto. V.Machines anciennes.

BOUILLONNEMENT s. m. Ribollimento , gorgozzo. È un difetto delle fusioni, il quale, se accade altrove che nella materozza, pone al rifiuto la bocca da fuoco. .

BOULETS À DEUX TETES. Angeli, angelotti , palle a due teste. Son due emisferi congiunti con una spranga. V.Anges.

BOULON À CLAVETTE. Chiavarda a chiavetta. La quale è ritenuta mercè una chiavetta.

-À écrou. Chiavarda a chiocciola.

BOURSE s. f. Scroto. Borsa del cavallo. V.Cheval. [p. 372 modifica] BOUVIER s. m. Bovaro. Facevan parte una volta delle artiglierie. ,

BROCHE DE RAIS. Ugna di razzo. È la parte che entra ne' quarti : in Toscana scufolo o scrufolo, ed in Roma fetta.

BROUETTE s. f. Carriuola , veicolo. Carretta ad una rotina sola e due stanghe , menate da un uomo. Ed in Toscana ho sentito aggiungervi a tramoggia.

BRULE-QUEUE s. m. Bruciacoda, abbruciacoda. Strumento da maniscalco. In Napoli lo chiamano troppo generalmente ferro da fuocare.

BRULOT s. m. Caracca (secondo la lettera sulla grecità del frullone), barca incendiaria, o da fuoco, ed anche burchio infiammativo, ovvero incendiativo, secondo lo Zambelli. Una barca carica di materie combustibili.