Donna, s'avvien giammai, che rime io scriva

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Apostolo Zeno

D Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Donna, s’avvien giammai, che rime io scriva Intestazione 23 settembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Apostolo Zeno


[p. 432 modifica]

I


Donna, s’avvien giammai, che rime io scriva
     Non indegne del vostro almo sembiante,
     In me da quelle luci oneste e sante,
     Fonti d’amore, il gran poter deriva.
5S’alza il basso mio stile u’ non ardiva
     Senza il vostro favor salire avante:
     Tal di Febo in virtù vil nebbia errante.
     Talor lassuso a farsi stella arriva:
Leggo in voi ciò che penso; e quasi fiume,
     10Che dalla fonte abbia dolci acque, e chiare,
     Le mie rime han da voi dolcezza, e lume.
E se impura amarezza entro vi appare
     Dal mio cuor, non da voi, pendon costume,
     Che in voi son dolci, ed in me fansi amare.