E lûs une mari divine

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
E

Canti cantastoria E lûs une mari divine Intestazione 17 febbraio 2008 50% Canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

E lûs une mari divine
sul mâr su lis monts dal Friûl;
te albe e te sere cidine
i tôrs a spalanchin i cûrs.

2Mari divine ven ju
ven ju cul frut cul to cîl;
vaî tu sâs ancje tu
tal mont che il fi ti à tradît
poiti sul cûr dal Friûl
giolt pal amôr che ti vûl.

3Te glesie tal vert de culine
e spiete une mari i frutins
al è l'abandon la sô spine
ju clame da ducj i cunfins .

4Mari divine ven ju
ven ju cul frut cul to cîl
Vaî tu sâs ancje tu
tal mont che il fi ti à tradît
poiti sul cûr dal Friùl
giolt pal amôr che ti vûl.


Traduzione

Brilla una madre divina
sul mare e sui monti del Friuli
Nell'alba e nella sera silenziosa
i campanili spalancano i cuori

2Madre divina vieni giù
vieni giù col tuo bambino dal cielo
piangere sai anche tu
nel mondo che ha tradito tuo figlio
posati sul cuore del Friuli
godi per l'amore che ti vuole

3Nella chiesa nel verde della collina
una madre aspetta i bambini
è l'abbandono la sua spina
li chiama da tutti i confini

4Madre divina vieni giù
vieni giù col tuo bambino dal cielo
piangere sai anche tu
nel mondo che ha tradito tuo figlio
posati sul cuore del Friuli
godi per l'amore che ti vuole