E na nana nana nana te canto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
E

canti cantastoria E na nana nana nana te canto Intestazione 11 settembre 2008 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

 
E na nanà nanà nanà te canto
e sèra i oci e lassa star el pianto,
e sèra i oci e lassela con Dio
e vedi la Madona de San Lio.

Dimi per chi le fai le pasegiate
e se le fai per me le fai felice.

Nana bobò,
tete cocò,
e tuti i putèi fa nana,
la Maria Teresa no,
nanà,
nanà,
nanà.


Traduzione

 
E una ninna nanna ti canto
e chiudi gli occhi e lascia stare il pianto
1
e chiudi gli occhi e lasciala con Dio
e vedi la Madonna di S. Lio

Dimmi per chi cammini2
e se le fai per me le fai felice3

Nanna bobò
tete cocò4
e tutti i bambini dormono
la Maria Teresa invece no5
ninna nanna, ninna nanna 6

Note

  1. O "finiscila di piangere" ma detto in modo affettuoso.
  2. Nel dialetto veneto le doppie sono spesso poco pronunciate o spesso assenti.
  3. Perchè sei felice di farle per me. Potrebbe anche essere il dirsi, da parte della mamma, "per chi sto facendo le passeggiate, sottinteso, con te in braccio e se le faccio per te, sono felice".
  4. Sono parole che non hanno un significato compiuto a parte tete che può voler dire anche seno ma sembra in che questo caso aiutino a tenere il ritmo del canto per avere poi la rima con no.
  5. Al nome Maria Teresa si può sostituire il nome del bambino o della bambina oppure, se non si riesce a tenere il ritmo del canto per un nome difficile, si sostituisce con "el me puteo oppure putea no" dove puteo e putea vogliono dire bambino/a
  6. la ripetizione è formula tipica del passaggio del bambino dalla veglia al sonno.