E vén quel més

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
milanese

E canti cantastoria E vén quel més Intestazione 11 settembre 2008 75% canti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Végna quel més
quel més di cavalé
e 'l pover paisàn
ne bev gnanca 'n bicér

I pover dunett
sü e giò per i 'sti tavul
e i omen in sül murún
che paren tucc di diavul

Végn al campé
su l'üss de la cà
cun sapa e la badila
e «'nduma a lavurà»

Végn San Martin
gh'è il ficc de pagà
pulaster e capún
lur devan andà a purtà

Lur van a Milàn
cun pulaster e capún
lur van in dal laté
e bé van in dal gran salún.


Traduzione


Venga quel mese
quel mese di cavalé 1
e il povero contadino
non beve neanche un bicchiere.

Le povere donnette
su e giù per questi tavoli 2
e gli uomini seduti sul moro 3
che sembran tutti dei diavoli.

Vieni alla guardia campestre,
sull'uscio di casa
con zappa e badile,
e "andiamo a lavorare".

Vieni San Martino
c'è l'affitto da pagare
polli e capponi 4
loro devono andare a portare.

Loro vanno a Milano
con polli e capponi,
loro vanno dal lattaio
e vanno a bere nel gran salone


Note

  1. cavalé: Periodo dei bozzi del baco da seta
  2. su e giù per questi tavoli:Probabilmente in attività da filanda
  3. moro: Pianta del gelso - Alimento del baco da seta
  4. polli e capponi: Tipico pagamento contadino