Egoismo e carità

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Zanella

1868 E Indice:Versi di Giacomo Zanella.djvu Poesie letteratura Egoismo e carità Intestazione 19 dicembre 2011 100% Poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Versi di Giacomo Zanella


[p. 94 modifica]

EGOISMO E CARITÀ.

___


     Odio l’allòr che, quando alla foresta
Le novissime fronde invola il verno,
Ravviluppato nell’intatta vesta
                             4Verdeggia eterno.

     Pompa de’ colli; ma la sua verzura
Gioia non reca all’augellin digiuno;
Chè la splendida bacca invan matura
                             8Non coglie alcuno.

     Te, poverella vite, amo, che quando
Fiedon le nevi i prossimi arboscelli,
Tenera, all’altrui duol commiserando,
                            12Sciogli i capelli.

     Tu piangi, derelitta, a capo chino,
Sulla ventosa balza. In chiuso loco
Gaio frattanto il vecchierel vicino
                            16Si asside al foco.

[p. 95 modifica]

      Tien colmo un nappo: il tuo licor gli cade
Nell’ondeggiar del cubito sul mento;
Poscia floridi paschi ed auree biade
                             20Sogna contento.