Esilio/Compagni di strada/Plenilunio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Plenilunio

../La falce ../La madre IncludiIntestazione 14 aprile 2018 100% Da definire

Compagni di strada - La falce Compagni di strada - La madre
[p. 157 modifica]

PLENILUNIO.


Vecchio capoccia, ormai dentro la casa
dorme la tua tribù, queta e serena.
La casa è bianca nella luna piena
4dalla soglia di pietra alla cimasa.


Anche l’aia ha un immobile pallore
estatico, un candor di nevicata.
Lasciami presso il cane, accovacciata
8col viso a terra. Ho stanco il corpo e il cuore.

[p. 158 modifica]



Lasciami presso il cane, sulla soglia
di pietra. Non cacciò dal suo felice
campo Boòz la pia spigolatrice
12che venne a lui così sperduta e spoglia.


Io sono Ruth dai morbidi capelli
color di notte, che d’un manto regio
superbamente coprono lo sfregio
16brutale della tunica a brandelli.


Ma Ruth rimase. Io partirò coll’alba.
Io sempre vado e vado, e mai non resto.
Sol mi trattien, rete di perle, questo
20plenilunio che magico s’inalba.


Voglio dormire in un lenzuol di luna
come una principessa di leggenda;
e della Lattea Via farmi una benda
24maravigliosa alla gran chioma bruna.

[p. 159 modifica]



.... Trame d argento. Ragnatele d’astri.
Silenzio. E tutto bianco, tutto bianco....
.... Ma poi la luna piegherà su un fianco,
28gonfia, inferma, grottesca, fra giallastri


vapori. — E mentre la sua faccia tragica
d’assassinata affonderà nel nulla,
io pur riprenderò, verso il mio nulla
32che salvezza non ha, la fuga tragica.