Eterno Sol, che luminoso, e vago

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco De Lemene

E Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Eterno Sol, che luminoso, e vago Intestazione 26 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco da Lemene


[p. 231 modifica]

X


Eterno Sol, che luminoso, e vago,
     Sei troppo fosco all’intelletto mio,
     Dì, come sei di Te medesmo pago,
     E tre Persone una gran mente unìo?
5In Te specchi Te stesso, e d’arder vago
     Dell’immago, che formi, è il Tuo desìo;
     Ma non men di Te stesso è Dio l’immago,
     Nè men l’ardore, onde Tu l’ami, è Dio.
Così Tu fatto Trino egual Ti miri,
     10E quella immago, e quel beato ardore,
     Che generi mirando, amando spiri.
In tre lumi distinto è il Tuo splendore,
     Come distinta in tre colori è un’Iri,
     E sei Tu solo Amante, Amato, Amore.