Favole (Fedro)/Libro primo/XXVIII - La Volpe e l'Aquila

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro primo: XXVIII - La Volpe e l'Aquila

../XXVII - Il Cane, il Tesoro e l'Avoltojo ../XXIX - L'Asino mottegiatore del Cignale IncludiIntestazione 27 febbraio 2012 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro primo: XXVIII - La Volpe e l'Aquila
Libro primo - XXVII - Il Cane, il Tesoro e l'Avoltojo Libro primo - XXIX - L'Asino mottegiatore del Cignale
[p. 176 modifica]

FAVOLA XXVIII.

La Volpe e l’Aquila.


NOn dispregi il possente un uom del volgo
Cui non previsto apre vendetta il varco
        * Ingegnoso pensier. L’Aquila i figli

[p. 177 modifica]

     Rapì a la Volpe, e a i figli suoi nel nido
     5Li diè in cibo: la prega l’altra indarno,
     Poichè l’augel, cui la sublime cima
     Rendea sicuro, i preghi altrui non cura.
     La Volpe, che sue preci ir vede a vuoto,
     Da l’altare una fiaccola rapita,
     10Tutto di fiamme l’albero circonda;
     E la morte de’ figli a lei minaccia.
     L’augel cui de la prole il rischio affanna,
     Supplice i Vulpicin’ salvi le rende.