Favole (Fedro)/Libro primo/XXVII - Il Cane, il Tesoro e l'Avoltojo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro primo: XXVII - Il Cane, il Tesoro e l'Avoltojo

../XXVI - La Volpe, e la Cicogna ../XXVIII - La Volpe e l'Aquila IncludiIntestazione 27 febbraio 2012 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro primo: XXVII - Il Cane, il Tesoro e l'Avoltojo
Libro primo - XXVI - La Volpe, e la Cicogna Libro primo - XXVIII - La Volpe e l'Aquila
[p. 176 modifica]

FAVOLA XXVII.

Il Cane, il Tesoro e l’Avoltojo.


ADattata a gli avari è la novella,
     E ad un, che nato in umil fortuna,
     A la fama di ricco avido aspira.
          * L’ossa d’un uom dissotterrando un Cane
     5Trovò un tesor. Gli Dei d’Averno in pena
     Del sacrilego ardir, la copidigia
     Gl’inspirar di ricchezze. Tal desio
     L’ingombra sì, che cibo alcun non cura,
     Onde da dura fame è alfin consunto.
     10Sul cui cadaver sceso l’Avoltojo,
     Ben giusto è, dice, che tu giaccia estinto;
     Poichè vilmente in strada conceputo,
     E cresciuto al letame, in un istante
     Di regali ricchezze t’invaghisti.