Favole (Fedro)/Libro primo/XXVI - La Volpe, e la Cicogna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro primo: XXVI - La Volpe, e la Cicogna

../XXV - Il Cane e il Coccodrillo ../XXVII - Il Cane, il Tesoro e l'Avoltojo IncludiIntestazione 27 febbraio 2012 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro primo: XXVI - La Volpe, e la Cicogna
Libro primo - XXV - Il Cane e il Coccodrillo Libro primo - XXVII - Il Cane, il Tesoro e l'Avoltojo
[p. 175 modifica]

FAVOLA XXVI.

la Volpe, e la Cicogna.


NOn offendere alcun: ma chi n’offenda,
     A vendicar, la favoletta insegna.
          * Dicesi, che la Volpe invitò a cena
     Una Cicogna, ch’apprestar si vide
     5In largo piatto liquida vivanda:
     Talchè tutta lambir la può la volpe;
     Il famelico augel nulla n’assaggia.
     E questo pur a cena l’altro invita;
     E posto trito cibo in vaso angusto,
     10Tutto col becco agevolmente il prende,
     E si pasce a sua voglia. Indarno l’altra,
     Cui tormenta ria fame, il collo lambe.
     Sì allor parlò l’augello: invan ti lagni,
     Ch’altri il tuo esempio in danno tuo rivolga.