Favole (Fedro)/Libro secondo/VII - I Muli, e i Ladroni

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo: VII - I Muli, e i Ladroni

../VI - L'Aquila, la Cornacchia, e la Testuggine ../VIII - Il Cervo, e i Buoi IncludiIntestazione 28 febbraio 2012 75% Favole

Fedro - Favole (I secolo)
Traduzione dal latino di Giovanni Grisostomo Trombelli (1797)
Libro secondo: VII - I Muli, e i Ladroni
Libro secondo - VI - L'Aquila, la Cornacchia, e la Testuggine Libro secondo - VIII - Il Cervo, e i Buoi
[p. 187 modifica]

FAVOLA VII.

I Muli, e i Ladroni.


GIvan due Muli di gran soma carchi
     Gravi di pubblico oro; ed ampie ceste
     Portava l’un; sacchi pien d’orzo l’altro.
     Superbo il primo per lo ricco peso
     5Scuotendo acuto campanel dal collo,
     Erta tien la cervice, ed orgogliosa;
     Dimesso l’altro, chetamente il segue.
     Quand’ecco i Ladri da gli agguati scagliansi
     Contro del Mulo altero, e ne la zuffa
     10In cui la ricca soma a lui s’invola,
     Soffrir più colpi a l’infelice è forza;
     Il vil peso de l’altro hanno in dispregio.
     Mentre il compagno de la sorte duolsi:
     A gran pro (dice l’altro) io fui negletto:
     15Nessun ferimmi, e intero l’orzo io serbo.
          * Sicure son le povere fortune,
     Son le opulente a gran perigli esposte.