Favole (La Fontaine)/Libro secondo/XVIII - La Gatta cambiata in Donna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro secondo

XVIII - La Gatta cambiata in Donna

../XVII - Il Pavone e Giunone ../XIX - Il Leone e l'Asino a caccia IncludiIntestazione 3 ottobre 2008 75% Da definire

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro secondo

XVIII - La Gatta cambiata in Donna
Libro secondo - XVII - Il Pavone e Giunone Libro secondo - XIX - Il Leone e l'Asino a caccia
Chauveau - Fables de La Fontaine - 02-18.png

 
C’era una volta un Uomo ed una Gatta,
una Gatta sì cara fra le care,
ch’ei ne provava una passione matta
a sentirla soltanto miagolare.

E pregò tanto il cielo, che il Destino
per contentare le sue strane voglie,
a forza d’incantesimo, un mattino
la fece donna e gliela diede in moglie.

Dir non vi posso in rima
i baci e le finezze e le carezze,
che fa questa sposina al malinconico
suo marito, più pazzo ancor di prima.
Essa lo bacia ed ei muore distrutto
nel ben della sua Gatta,
che crede donna in tutto e dappertutto.

Un giorno, sul più bello, ecco le pare
d’udire un topolino a rosicchiare...
Alzasi, guarda, ascolta,
le pare e non le par; ma un’altra volta
che il topo venne, e sotto la sembianza
di donna non conobbe ancor la Gatta,
questa, dall’indol tratta,
ad inseguirlo prese per la stanza.

Tale e tanta è la forza di natura,
che a un certo punto più non si ripiega:
invano poi di toglier si procura
la fragranza che il vaso abbia assorbita,
o alla stoffa di togliere la piega.
Càcciala fuori a colpi di bastone,
a colpi di staffile pur la caccia,
àrmati pur di forca e di balestra,
l’indole torna... e se le chiudi in faccia
la porta, tornerà dalla finestra.