Favole (La Fontaine)/Libro sesto/XVII - Il Cane, la sua Preda e l'Ombra

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro sesto

XVII - Il Cane, la sua Preda e l'Ombra

../XVI - Il Cavallo e l'Asino ../XVIII - Il Barocciaio IncludiIntestazione 16 ottobre 2009 50% raccolte di fiabe

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro sesto

XVII - Il Cane, la sua Preda e l'Ombra
Libro sesto - XVI - Il Cavallo e l'Asino Libro sesto - XVIII - Il Barocciaio

 
Ognun quaggiù s’inganna,
e in ogni tempo è il numero infinito
di chi corre e s’affanna
e crede l’ombre di toccar col dito.

Per questi vale di quel Can la favola,
che della preda nel ruscel l’imagine
vista riflessa, il pezzo abbandonò
ch’aveva in bocca, e in l’acqua si tuffò.
Ma invece di pigliarne
doppia porzione, quasi vi restò,
e perdette coll’ombra anche la carne.