Favole (La Fontaine)/Libro sesto/XVI - Il Cavallo e l'Asino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libro sesto

XVI - Il Cavallo e l'Asino

../XV - L'Uccellatore, il Falco e l'Allodola ../XVII - Il Cane, la sua Preda e l'Ombra IncludiIntestazione 16 ottobre 2009 50% raccolte di fiabe

Jean de La Fontaine - Favole (1669)
Traduzione dal francese di Emilio De Marchi (XIX secolo)
Libro sesto

XVI - Il Cavallo e l'Asino
Libro sesto - XV - L'Uccellatore, il Falco e l'Allodola Libro sesto - XVII - Il Cane, la sua Preda e l'Ombra

 
Il suo fardel di guai
lascia chi muore a quel che resta: ebbene
aiutarci l’un l’altro ci conviene.

Un Asino fea scorta ad un Cavallo,
ch’era alquanto egoista di natura,
e mentre l’un crepava sotto il peso
del suo grosso fardello,
non avea l’altro che la bardatura.

- Aiutami, fratello, -
disse l’Asino, - o qui casco disteso
prima ancora di giungere alla mèta.
La preghiera non è troppo indiscreta,
perché metà per uno
non fa mal a nessuno -.
Il Cavallo, del cul fatta trombetta,
che non vuole a rispondere si affretta.

E l’Asino morì, povera bestia!
Il Superbo comprese il suo gran torto,
quand’ebbe la molestia
di portare egli solo, insieme al carico,
la pelle anche del morto.