Favole (Leonardo da Vinci)/XXVII - I tordi e la civetta

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
XXVII
I tordi e la civetta

../XXVI - Il fico e l'olmo ../XXVIII - La pulce IncludiIntestazione 2 ottobre 2008 75% fiabe

XXVII
I tordi e la civetta
XXVI - Il fico e l'olmo XXVIII - La pulce


Uno poco di foco, che in un piccolo carbone infra la tiepida cenere remaso era, del poco omore, che in esso restava, carestiosa e poveramente sé medesimo notrìa, quando la ministra della cucina, per usare con quello l’ordinario suo cibario offizio, quivi apparve, e, poste le legne nel focolare, e col solfanello, già resucitato d’esso, già quasi morto, una piccola fiammella, e infra le ordinate legne quella appresa, e posta di sopra la caldara, sanz’altro sospetto, di lì sicuramente si parte.

Allora, rallegratosi il fo[co] delle sopra sé poste secche legne, comincia a elevarsi, [c]acciando l’aria delli intervalli d’esse legne, infra quelle con ischerzevole e giocoso transito, se stessi tesseva.

Cominciato a spirare fori dell’ intervalli delle legne, di quelli a se stessi dilettevoli finestre fatto avea; e cacciato fori di lucenti e rutilanti fiammelle, subito discaccia le oscure tenebre della serrata cucina; e col galdio le fiamme già cresciute scherzavano coll’aria d’esse circundatrice e con dolce mormorio cantando creava[n] suave sonito.

Vedutosi già fortemente essere sopra delle legne cresciuto e fatto assai grande, cominciò a levare il mansueto e tranquillo animo in gonfiata e incomportabile superbia, facendo quasi a sé credere tirare tutto el superiore elemento sopra le poche legne.

E cominciato a sbuffare, e empiendo di scoppi e scintillanti sfavillamenti tutto il circunstante focolare, già le fiamme fatte grosse, unitamente si dirizzavano inverso l’aria, quando le fiamme piùaltiere percosse[r] nel fondo della superiore caldara.