Favole di Esopo/D'un Contadino, ed i suoi figliuoli

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
D'un Contadino, ed i suoi figliuoli

../Di una Gatta, e Venere ../Di una Donna, ed una Gallina IncludiIntestazione 30 maggio 2016 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
D'un Contadino, ed i suoi figliuoli
Di una Gatta, e Venere Di una Donna, ed una Gallina
[p. 99 modifica]

D’un Contadino, ed i suoi figliuoli. 4.


Vedendo un Contadino tutto il giorno i figliuoli combattere insieme, nè potendo far pace fra loro, comandò, che gli fosse portato un fascio di verghe (stando però tutti i suoi figliuoli presenti) le quali verghe, quando furono portate, legò tutte insieme, e comandò, che ciascuno di loro pigliasse quel fascio e rompesse quelle così legate. Nè potendole niun di loro rompere, sciogliendo egli il fascio, diede a ciascun di loro una verga, che la rompessero, e quelli subito la [p. 100 modifica]ruppero. Ed allora il Padre disse. Così voi miei figliuoli, se starete in pace, sarete inespugnabili, ed invitti a vostri nemici, altrimenti questa vostra alterazione, e sedizione vi darà in preda a quelli.

Sentenza della favola.

Questa favola significa, che le cose umane come dice Sallustio, ugualmente per la concordia crescono, e per la discordia rovinano.