Favole di Esopo/Di una Gatta, e Venere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di una Gatta, e Venere

../Della Volpe, e del Becco ../D'un Contadino, ed i suoi figliuoli IncludiIntestazione 27 febbraio 2016 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di una Gatta, e Venere
Della Volpe, e del Becco D'un Contadino, ed i suoi figliuoli
[p. 99 modifica]

Di una Gatta, e Venere. 3.


Una Gatta era molto amata da un bel giovane, il quale pregò Venere, che mutasse la Gatta in una donna: La Dea avendo compassione di quest’uomo, convertì la Gatta in bella Fanciulla, ed il giovane la tolse per moglie, ed avevala carissima. Venere volendo provare se costei aveva con il corpo insieme mutati i costumi mandò un sorcio fra loro. Questa scordandosi di esser donna, si levò, e seguitava il sorcio, e desiderava mangiarlo. Allora Venere sdegnata la fece tornar in una Gatta, come era prima.

Sentenza della favola.

Questa favola dimostra, che se gli uomini scelerati mutano stato, e condizione, non mutanto però i costumi.