Favole di Esopo/Del Cavallo, e del Leone

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Cavallo, e del Leone

../Delle Rane, e del Bue ../Del Cavallo, e dell'Asino IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Cavallo, e del Leone
Delle Rane, e del Bue Del Cavallo, e dell'Asino
[p. 177 modifica]

Del Cavallo, e del Leone. 136.


Il Leone andò al Cavallo per divorarlo, e perchè era vecchio, e non lo poteva superare, che le forze gli erano mancate cominciò con astuzia a dire, che era Medico, ed il Cavallo conoscendo l’inganno del Leone, finse aver offeso un piede in un luogo spinoso, e pregollo che lo guardasse, e gli levasse la spina, e così fece il Leone; allora il Cavallo con quanta forza puotè gli diede un calcio, e poi si pose a fuggire ed il Leone tornato in se, perchè era mezzo morto per il dolore, disse: Mi sta il dovere, e per la mia pazzia io merito questo, ed egli si ha [p. 178 modifica]vendicato con quella frode, che io meritava.

Sentenza della favola.

Moralità. L’inimico è da esso temuto, ma molto più quello, che è inimico, e finge di esser amico.