Favole di Esopo/Del Leone, dell'Asino, e della Volpe

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Leone, dell'Asino, e della Volpe

../Della Formica (2) ../Dell'Agnello, e del Lupo (2) IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Leone, dell'Asino, e della Volpe
Della Formica (2) Dell'Agnello, e del Lupo (2)
[p. 194 modifica]

Del Leone, dell’Asino, e della Volpe. 164.


Il Leone, l’Asino, e la Volpe andarono alla Caccia, pigliarono una gran preda: la quale volendo il Leone, che si spartisse, l’Asino ugualmente la spartì. Il Leone sdegnato, pigliò l’Asino, e l’ammazzò, da poi commise alla Volpe che la dividesse. La Volpe astuta, diedene una gran parte al Leone, ed una picciolina servì per se: Il che vedendo il Leone, le disse: Chi t’ha insegnato spartirla sì bene? e la Volpe mostrandogli l’Asino morto, disse: La miseria di questo povero Asino.

Sentenza della favola.

Moralità. Felice è quel, che all’altrui spese impara.