Favole di Esopo/Del Leone, e della Volpe

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Leone, e della Volpe

../Del Cervo, e delli Buoi ../Della Volpe, e la Donnola IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Leone, e della Volpe
Del Cervo, e delli Buoi Della Volpe, e la Donnola
[p. 186 modifica]

Del Leone, e della Volpe. 147.

Il Leone era ammalato, e tutti gli animali andarono a vederlo, eccetto la Volpe, ed egli le mandò un’Ambasciatore con lettere pregandola, che andasse a vederlo, che gli farìa piacere, e che non dubitasse di niente, perchè era suo amico, e desiderava molto di parlar seco. La Volpe gli rispose, ch’ella desiderava grandemente ch’egli guarisse, e che di continuo pregava i Dei per lui, ma che non voleva venire a vederlo, perchè le pedate degli animali gli facevan paura, tutte vedendole verso la sua spelonca, nè alcuna tornata indietro. Perchè questo era segno, che molti animali eran entrati, ma niuno era uscito.

Sentenza della favola.

Moralità. Non ti fidar di parole, ma guarda i fatti di quello, che ti dà parola.