Favole di Esopo/Del Lupo, e dell'Agnello (2)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Del Lupo, e dell'Agnello

../Della Leonessa, e della Volpe ../Di due Galli IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Del Lupo, e dell'Agnello
Della Leonessa, e della Volpe Di due Galli
[p. 221 modifica]

Del Lupo, e dell’Agnello. 220.


Il Lupo vedendo un’Agnello disse. Tu m’hai fatto tante ingiurie, che oggi è forza ch’io te ne paghi; e l’Agnello disse piangendo, come è possibile, che pochi giorni sono, ch’io nacqui? ed il Lupo gridando, diceva: Tu ti sei pasciuto nel mio campo. L’Agnello disse: questo non può esser, perchè non ho ancor denti. Il Lupo disse: Tu hai bevuto nel mio fonte, e l’Agnello si scusava con dire, ch’egli viveva del latte di sua Madre, nè ancora aveva gustato acqua. Il Lupo alla fine rispose; Poichè non posso sciogliere le tue risposte, voglio cenare, e voglio, che tu sia la mia cena, e così se ’l mangiò. [p. 222 modifica]

Sentenza della favola.

Moralità. Appresso gli uomini cattivi, non val ragione, nè verità.