Favole di Esopo/Dell'Asino, e del Vitello

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dell'Asino, e del Vitello

../Del Cuculo, e dello Sparviero ../Della Volpe, e di alcune Donne, che mangiavano le Galline IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Dell'Asino, e del Vitello
Del Cuculo, e dello Sparviero Della Volpe, e di alcune Donne, che mangiavano le Galline
[p. 233 modifica]

Dell’Asino, e del Vitello. 246.


Pascendo l’Asino, ed il Vitello in un prato, vedendo essi, che al suono della Campana venivano i Soldati, disse il Vitello all’Asino: fuggiamo di qui acciocchè non siamo presi da nimici. Rispose l’Asino: Fuggi tu, che temi la morte, che a me non bisogna, perchè in mano di chi io stò, sempre ho da portar la soma.

Sentenza della favola.

La favola dinota, che non doverne temere di mutar Padroni, purchè non siano peggiori dei primi.