Favole di Esopo/Della Cornacchia, e della Pecora

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Della Cornacchia, e della Pecora

../Di un fanciullo, e di alcuni Villani ../Del Pavone, e del Rosignuolo IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Della Cornacchia, e della Pecora
Di un fanciullo, e di alcuni Villani Del Pavone, e del Rosignuolo
[p. 191 modifica]

Della Cornacchia, e della Pecora. 158.


La Cornacchia stava sul dorso della Pecora, e gridava forte, alla quale disse la Pecora: Se tu facessi al Cane quel che fai a me, mal per te. La Cornacchia rispose, [p. 192 modifica]So ben io quel che fo, sono amica a crudel, e a placidi son nimica.

Sentenza della favola.

Moralità. Ad un uomo, quieto, e benigno facilmente si fa ingiuria, ma ad un uomo feroce non così, perchè è sempre riguardato.