Favole di Esopo/Di un fanciullo, e di alcuni Villani

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un fanciullo, e di alcuni Villani

../Del Cane, e del Bue ../Della Cornacchia, e della Pecora IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un fanciullo, e di alcuni Villani
Del Cane, e del Bue Della Cornacchia, e della Pecora
[p. 191 modifica]

Di un fanciullo, e di alcuni Villani. 157.

Un fanciullo pascendo le pecore in un Prato, per ciancia più volte gridò: Al Lupo, al Lupo, alla qual voce correndo i Villani trovarono esser beffeggiati. Quando venne il Lupo, che tutte le pecore ammazzò, il fanciullo gridava, ma non volle alcuno correre.

Sentenza della favola.

Moralità. Quando uno ha in uso dir bugie quando dice il vero, egli non è creduto.