Favole di Esopo/Della Mosca, e della Formica

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Della Mosca, e della Formica

../Della Volpe, e della Cicogna ../Delle Rane, e del Bue IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Della Mosca, e della Formica
Della Volpe, e della Cicogna Delle Rane, e del Bue
[p. 176 modifica]

Della Mosca, e della Formica. 134.


Combattevano la Mosca con la Formica; dicendo: Io son nobile, e tu sei ignorante, io volo, e tu vai carpone per terra, io converso con nobili, e tu stai ascosa nella caverna della terra, tu rodi le biade, e bevi l’acqua, ed io mangio splendidamente con ozio, e piacere. All’incontro la Formica rispose: Io sono ignobile, ma son contenta della mia progenie; tu sei vaga, ed io stabile, e miglior sono a me l’acqua, e il grano, che a te il vino, ed i cibi delicati; io vivo contenta, sicura, e grata ad ogni persona, e sono esempio di fatica, e tu sei sempre con paura, a tutti nimica, ed a tutti odiosa; io mi ricovro l’inverno per riporre il vitto, e tu vivi alla giornata; e nell’Inverno ti muori di fame.

Sentenza della favola.

Meglio è la vita oscura, e sicura, della splendida, nel qual si vive con pericolo.