Favole di Esopo/Della Nottola, lo Spino, ed il Mergo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Della Nottola, lo Spino, ed il Mergo

../Del Pavone, e la Gaza ../Di uno Schirato, ed una Volpe IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Della Nottola, lo Spino, ed il Mergo
Del Pavone, e la Gaza Di uno Schirato, ed una Volpe
[p. 120 modifica]

Della Nottola, lo Spino, ed il Mergo. 38.


La Nottola, lo Spino, ed il Mergo di compagnia deliberarono fare una mercanzia. [p. 121 modifica]La Nottola tolse in prestito argento, lo Spino prese molte vesti, ed il Mergo pigliò moneta, e navigarono. Venne una gran tempesta nel Mare, che la Nave sommerse, e tutte le mercanzie si perderono, e loro scamparono. Quindi avviene, che sempre il Mergo è appresso al lido del Mare per vedere se trovasse alcuna sua moneta. La Nottola per aver paura de’ suoi creditori mai non si vede di giorno, e lo Spino sempre s’attacca a qualche veste per vedere se conoscesse le sue.

Sentenza della favola.

Questa favola significa, che sempre noi dobbiamo ricadere in quelle cose, alle quali abbiamo atteso.