Favole di Esopo/Della Rondinella, ed altri ucelli

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Della Rondinella, ed altri ucelli

../Del Nibbio ../Delle Rane, e loro Re IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Della Rondinella, ed altri ucelli
Del Nibbio Delle Rane, e loro Re
[p. 168 modifica]

Della Rondinella, ed altri ucelli. 121.


Quando s’incominciò a seminare il Lino, la Rondinella disse agli altri ucelli che mangiassero il seme, perchè indi se gli ordivano degl’inganni. Del che essi se ne risero, e pazza la chiamarono. Crescendo il Lino, di nuovo la Rondinella, consigliò gli ucelli, che lo guastassero; di nuovo essi lo dileggiarono. Il Lino si maturò, e lei di nuovo gli consultò, che il ruinassero; neppure la volsero intendere. Allora la Rondinella, lasciati tutti gli ucelli, s’accostò all’uomo, e fatta amicizia insieme, patteggiò di abitar solo, e darli piacere col cantare. Onde tutti gli Ucelli furono presi con rete, e lacci, e la Rondinella fu lasciata in libertà.

Sentenza della favola.

La favola dinota, che molti sono da poco, e non si fanno consigliare, nè attendono a chi gli consiglia bene; ma quando sono poi ne’ pericoli, cominciano a conoscere, e condannano la lor pazzia, ed allora dicono: Questa, quell’altra cosa bisognava fare.