Favole di Esopo/Della Zucca

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Della Zucca

../Della Civetta, e degli altri Ucelli ../Del Corvo, dei Lupi IncludiIntestazione 6 agosto 2016 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Della Zucca
Della Civetta, e degli altri Ucelli Del Corvo, dei Lupi
[p. 228 modifica]

Della Zucca. 235.


La Zucca fu piantata appresso un gran Pino, ed essendo cresciuta in alto per molta pioggia, spandeva i suoi rami per tutto il Pino, con molte frondi, e fiori, per il che venne in tanta superbia, che si voleva agguagliare al Pino, dicendo: Guarda come t’avanzo; rispose il Pino: Io ho patito molti freddi e caldi, ed ancor son sano, e salvo, e tu al primo freddo, che verrà perderai le forze, e le foglie, e tornerai a nulla.

Sentenza della favola.

La favola significa, che nelle prosperità l’uomo non si deve confidare molto, nè anco nelle avversità attristarsi.