Favole di Esopo/Di un Cane Vecchio sprezzato dal Padrone

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Cane Vecchio sprezzato dal Padrone

../Del parto del Monte ../Delle Lepri che temevano senza causa IncludiIntestazione 14 maggio 2016 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Cane Vecchio sprezzato dal Padrone
Del parto del Monte Delle Lepri che temevano senza causa
[p. 171 modifica]

Di un Cane Vecchio sprezzato dal Padrone. 127.


Un Cane invecchiato indarno al Padrone era stimato alla Caccia, perchè per la Vecchiezza ei non poteva più correre. Aveva egli presa una Fiera: e quella gli scappò dai denti: riprendendolo il Padrone con parole, e con il bastone minacciandolo; il Cane rispose: Mi dovresti perdonare, perchè io son invecchiato; e ti dovresti ricordare, che io son stato giovane, e gagliardo, ma per quel, che io veggio niuna cosa piace senza frutto. Mi hai amato giovane, e mi hai in odio ora, che son vecchio.

Sentenza della favola.

La favola dimostra, che sempre è amata la presente utilità.