Favole di Esopo/Di un Fanciullo, che non voleva imparare

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Fanciullo, che non voleva imparare

../Di un Padre vecchio, ed un Figliuolo ../Della Cornacchia, ed il Corvo IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Fanciullo, che non voleva imparare
Di un Padre vecchio, ed un Figliuolo Della Cornacchia, ed il Corvo
[p. 282 modifica]

Di un Fanciullo, che non voleva imparare. 366.


Un fanciullo non volendo imparare, mai volle dire A, disse il suo Maestro; E sì gran cosa a dire A: Quello tacendo sempre mai non la volle dire: poscia alcuni suoi uguali gli dicevano: Perchè non vuoi dire, A, che è così poca fatica? egli rispose: Credi tu che io non sappia dire A? ma come l’avrò detto A, bisognerà poi dire B C D è tutto lo Alfabeto, e così la cosa anderà in lungo.

Sentenza della favola.

La favola significa, che non bisogna [p. 283 modifica]obligarsi a picciola cosa, per non dover esser costretto a maggiore.