Favole di Esopo/Di un Lupo, e due Cani

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Lupo, e due Cani

../Della Volpe, ed una Gallina Chioccia ../Di un Pover'Uomo, ed un Asino IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Lupo, e due Cani
Della Volpe, ed una Gallina Chioccia Di un Pover'Uomo, ed un Asino
[p. 277 modifica]

Di un Lupo, e due Cani. 353.


Stando un Lupo sopra un Colle vide due Cani, che guardando una Gregge di Pecore combattevano insieme, e pensando, che all’ora fosse tempo d’assaltar le Pecore, subito corse al Gregge, e ne portò via una. Il che vedendo i Cani lasciarono subito il combattere, e corsero dietro al Lupo, e gli tolsero la Pecora, e gli diedero molti morsi, di modo che appena scampò la vita, e trovandolo un altro Lupo lo riprese, dicendo, che egli era stato matto ad assaltare il Gregge, dove eran due Cani così valenti; egli rispose: Io mi son gabbato, perchè combattevano insieme; e l’altro rispose: Quando due combattono insieme, e vedono un comun nimico, subito s’accordano tra loro.

Sentenza della favola.

La favola vuol dimostrare quanto commove l’inimicizia, che naturalmente alcuno ha con un altro.