Favole di Esopo/Di un Lupo, ed un Riccio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Lupo, ed un Riccio

../Di un Asino ch'aveva Padrone ingrato ../De' Sorci, ed un Gatto (2) IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Lupo, ed un Riccio
Di un Asino ch'aveva Padrone ingrato De' Sorci, ed un Gatto (2)
[p. 253 modifica]

Di un Lupo, ed un Riccio 300.


Avendo il Lupo fame disegnò mangiare un Riccio, ma non ardiva per gli spini. Gli cominciò a persuadere che si levasse quel peso dalle spalle, egli rispose: Non voglio far questo, perciocchè sempre è tempo da combattere. [p. 254 modifica]

Sentenza della favola.

La favola dinota, che l’uomo non si deve considerare nell’aspetto, ma all’opere sue, perchè alle volte sotto la pelle di una pecora è ascoso un Lupo.