Favole di Esopo/Di un Montone, ed un Toro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un Montone, ed un Toro

../Di un Pastore, ed un Cane ../Di una Vedova, ed un'Asino verde IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un Montone, ed un Toro
Di un Pastore, ed un Cane Di una Vedova, ed un'Asino verde
[p. 257 modifica]

Di un Montone, ed un Toro. 309.


Essendo un Montone di buona statura fra le Pecore, come è suo costume combatteva con gli altri Montoni, ed era sempre vittotioso, di modo che venne tanto superbo, che volle combattere col Toro, ed affrontandosi con esso, il Toro gli diede con le corna tanto forte, che lo gittò in terra, e gli ruppè la fronte, e le corna, talmente, che ne morì, e spirando diceva: O povero me, io era tanto superbo, che volli affrontare il Toro, e la natura l’ha fatto tanto gagliardo, che non ha pari al Mondo.

Sentenza della favola.

Questa favola significa, che non dovemo combattere con quelli che sono più gagliardi di noi.