Favole di Esopo/Di un fanciullo, ed un Ladro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Di un fanciullo, ed un Ladro

../Della Cornacchia assetata ../Di un Villano, e d'un Giovenco IncludiIntestazione 30 dicembre 2017 100% Da definire

Esopo - Favole di Esopo (Antichità)
Traduzione dal greco di Giulio Landi (1545)
Di un fanciullo, ed un Ladro
Della Cornacchia assetata Di un Villano, e d'un Giovenco
[p. 204 modifica]

Di un fanciullo, ed un Ladro. 184.


Stava un fanciullo piangendo appresso un pozzo, ed un ladro gli domandò, perchè piangeva; Egli rispose essersi rotta la fune, ed essergli caduto nell’acqua un Vaso di Oro. Il ladro lo credette, e spogliatosi, si gittò nel Pozzo, e non trovando Vaso alcuno, venneci sopra, e non ritrovò il fanciullo, nè la sua veste.

Sentenza della favola.

Moralità. Alle volte sono gabbati. quelli, che sogliono gabbar gli altri.